Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

5 cose che vorrei che ogni donna incinta sapesse

2 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol
- 15! (Foto: Materniland)

– 15! (Foto: Materniland)

Oggi alcune foto del mio pancione (che puoi vedere qui su La Tela) mi hanno fatta ripensare alla mia gravidanza. Ripensavo a quante cose ho imparato e quante ho già dimenticato e dovrò imparare di nuovo per scimmietta #2.

Ma ci sono 5 cose che mai scorderò e oggi voglio condividerle con tutte le donne che ci sono passate o ci stanno passando.

1. Non tutti i parti sono terribili e spaventosi. Non ascoltare la gente.

Una donna incinta è una calamita per storie di parto orribili. A me non dispiaceva, perché per natura mi piace prepararmi al peggior scenario possibile. Diciamola tutta, nessun parto è idilliaco come alcune mamme hippy vogliono farci credere, ma non tutti sono materiale per storie dell’orrore. Il mio è stato quasi da film. Te lo racconto qui.

Ma prima ti dico: se non vuoi, non ascoltare la gente. La gente parla troppo. Ha opinioni. Ti racconta storie, quasi sempre orribili. E se non hai un mente forte, ti demoralizza e ti fa credere che non puoi avere il parto che vuoi. Che mi porta al punto 2.  

2. Partorire naturalmente, senza epidurale, è possibile.

Qui in Spagna sembrano essersi dimenticati che le donne hanno partorito senza epidurale per secoli e chiamano “naturale” il parto con epidurale. Quando dicevo ad un’altra mamma che non volevo l’epidurale, tutte mi ridevano in faccia. Certo, dipende dal parto (14 ore di travaglio magari mi farebbero cambiare idea), ma la mente è tutto e sentire le contrazioni è fondamentale: ad ogni contrazione, mi ripetevo che stavo soffrendo io per aiutare mio figlio in questo suo viaggio traumatico.

Inoltre, partorire sdraiata è per il grande schermo. Al bando le gambe all’aria! In piedi, accovacciate, sdraiate su un lato, sono tutte posizioni più naturali e se lo dite (o lo urlate) in ospedale, una buona ostetrica non ve lo impedirà.

3. La paura ferma il travaglio.

La paura rilascia adrenalina, che è il nemico numero uno dell’ossitocina, che è un ormone che favorisce le contrazioni e aiuta il bimbo ad uscire. Come evitare la paura? Non lo so, perché io non ho mai avuto paura del parto, anzi, lo aspettavo con ansia! Per me, la paura è un sentimento totalmente irrazionale, che credo si possa combattere con la conoscenza: più ci si informa sul parto, sulle sue fasi, e ci si prepara mentalmente (io l’ho fatto meditando, usando Headspace), meno paura si sente. E questo mi porta al punto 4.

4. Il corso pre-parto è fondamentale.

La conoscenza è potere, per 1. combattere la paura; 2. mettere in dubbio le autorità (solo perché un’ostetrica o un ginecologo ci dicono che dobbiamo sdraiarci o mettere l’epidurale, non significa che dobbiamo ascoltarli. Possiamo prima chiedere il perché e poi declinare se non lo consideriamo necessario); 3. convertire tuo marito nella tua mente pensante (Alex era preparatissimo e sapeva esattamente cosa volevo e cosa no. Sapevo di poter contare su di lui al 100% nel momento in cui io perdessi la lucidità).

Un buon corso pre-parto ti dà questo tipo di conoscenza. E scegliete il corso in base a quanto vi piace l’ostetrica: Graciela del centro Asunción y Pilar mi ha dato sicurezza in me stessa e mi ha fatto credere che potevo avere il parto naturale che volevo. E così è stato.      

5. Dai regole precise alla famiglia e fatti rispettare.

Qui in Spagna, un parto sembra un matrimonio: tutta la famiglia (e parliamo di decine di persone) si riunisce in sala d’attesa con banchetti e giochi da tavola (non proprio, ma quasi). Era il mio peggior incubo.

Per me, un figlio è un’esperienza intima della coppia. Certo, non avrei mai negato ai nonni l’esperienza di un nipote appena nato, ma ho dato regole ben precise (nel mio caso, non ho voluto nessuno in casa al ritorno dall’ospedale, le notti e al mattino, momenti dedicati alla coppia). E ovviamente loro mi hanno rispettata e sono stati, ad essere onesta, un grande aiuto (il frigo era sempre magicamente pieno e pranzo e cena pronti a tavola).   

La tua attitudine cambia tutto

Certo, può succedere di tutto e molte cose non dipendono da noi, da quanto siamo preparate, da quanta poca paura sentiamo. Ma penso che per me pensare positivo e credere di poter avere il parto che volevo ha fatto un’enorme differenza. Nella mia testa, non poteva che andare bene.      

Che cosa hai imparato dalla gravidanza che non dimenticherai mai? Raccontamelo in un commento qui 🙂 


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. I really enjoyed your post and agree on everything! I’d maybe add on thing that one very important to me, if you have time (which didn’t seem to be your case 😉 you should eat and drink during labor! Keeping up my energy really helped me during my long (long!) labor!

    • Thanks for your comment, Sharon! No, I didn’t have much time at all (and what I had time to eat came straight up a couple of hours later!), but I can totally see how important that is when labor goes on for hours and hours 🙂


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.