Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

5 cose che rendono la mia vita di mamma più facile

10 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Questa mattina sono uscita di corsa e ho dimenticato la pinza per i capelli: soffiava un forte vento e ho dovuto farmi tutta la passeggiata con i capelli davanti agli occhi perché, con il passeggino in una mano e il guinzaglio nell’altra, non potevo spostarli facilmente. Questo mi ha ricordato quanto alcune cose facilitino la mia vita di mamma. Così oggi condivido con te la mia lista TOP 5!

Pinza per capelli

Hair clip

Non potrei vivere senza la mia pinza! Non sono la classica donna da trucco e pastrucco, ma prima di Oliver mi piaceva lasciare i capelli sciolti o a volte raccolti in una treccia, altre volte lisci a spaghetto. Avevo anche iniziato a provare diverse acconciature che la mia amica Marisa mi aveva pazientemente insegnato (sono un disastro!). Ma dopo Oliver, il mio stile di ogni giorno è capelli lontani dal viso, dal collo, dalla schiena, dalle spalle… insomma, ovunque possano essere tirati, sudati o mangiati. E quindi, pinza da capelli!

Questa pinza a clip allungata è di gran lunga il mio genere preferito di fermagli per capelli, elegante e pratico allo stesso tempo: si può indossare per raccogliere i capelli in uno chignon (1), in un mezzo chignon (2), in uno chignon laterale (3) o scegliere uno stile un po’ disordinato (4)! Come puoi vedere, ogni volta lo stile è leggermente diverso utilizzando un solo strumento che non richiede nessun tipo di abilità da pettinatrice provetta! L’adoro!

Specchio per il sedile posteriore

Britax Summer cover + Britax mirror

Te ne ho già parlato in questo post sul nostro fenomenale seggiolino DUALFIX, ma ci tengo a ripetere quanto questo specchio per il sedile posteriore mi abbia migliorato la vita in macchina. Mi piace e mi tranquillizza molto poter vedere cosa sta facendo Oliver, se si sta addormentando, se piange per una ragione reale o solo perché è annoiato, e mi piace che anche lui possa vedere me attraverso lo specchio.

L’auricolare Bluetooth

Headset

Ogni giorno faccio una lunga passeggiata e visto che Oliver non è ancora un interlocutore soddisfacente, questo è il momento perfetto per fare telefonate di lavoro, aggiornarsi con la famiglia o chiamare quell’amico che non ho mai tempo di chiamare. Prima usavo sempre gli auricolari, ma tra il passeggino e il guinzaglio, il cavo finiva sempre per essere fastidioso: questo auricolare bluetooth è la soluzione migliore in assoluto!

E, naturalmente, Alex ha fatto qualche ricerca per cercarmi il migliore senza spendere cifre esorbitanti. Alla fine abbiamo scelto l’Explorer 50 della Plantronics: è Bluetooth, può essere indossato a destra o a sinistra, è facilissimo da configurare con l’iPhone, interagisce con Siri quindi non devo nemmeno prendere in mano il telefono per fare una chiamata, rimane perfettamente sull’orecchio e la qualità audio è ottima in entrambe le direzioni.

Aggiornamento: da quando sono usciti gli AirPods della Apple, ovviamente ho cambiato e devo ammettere che sono molto più felice, l’integrazione con iPhone e Apple  Watch non ha prezzo!

La torre del cibo

Food tower

Questo è un magnifico “mamma hack” che ha inventato la mia amica Joanna. Quando abbiamo iniziato l’autosvezzamento, avevamo sempre bisogno di avere qualche spuntino a portata di mano per i bambini: frutta e verdura tagliata, biscotti fatti in casa, olive o prosciutto. Ci vorrebbe un sacco di contenitori!

Questa “torre del cibo” (così la chiamiamo noi) ha risolto il problema: si tratta di una comune torre il latte artificiale e si può acquistare in qualsiasi farmacia… noi l’abbiamo semplicemente adattata per trasportare i vari spuntini. Ed è perfetta!

Le tortine di riso/mais

corn cakes with olive pate

Proprio così! Le classiche tortine di riso/mais che si comprano al supermercato mi hanno salvata più di una volta: in coda in banca con un Oliver irritabile, al ristorante con un Oliver schizzinoso, o anche solo al parco giochi con un Oliver affamato. Sono facili da trovare e trasportare, relativamente sane (sicuramente più sane di biscotti e patatine) e incredibilmente versatili: si possono mangiare con Philadelphia, hummus, patè d’olive, guacamole… Quando le compro, mi assicuro solo che siano senza glutine, senza sale e con l’olio d’oliva extra vergine invece di quello vegetale. Et voilà!

Spero che il post ti sia piaciuto almeno tanto quanto è piaciuto a me scriverlo. Quali sono i tuoi “salvagenti” nella tua vita la mamma?


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Le gallette di riso hanno salvato anche noi più di una volta e le portiamo sempre dietro nei viaggi! Grazie per l’idea sul contenitore del latte artificiale che anche io avevo comprato e (per fortuna) mai utilizzato….il mio è meno capiente ( quello della Avent) ma diviso in 3 e quindi adattabile all’uso! Auricolare sono pigra…ne ho uno vecchio che dovevo risistemare ed è sempre stato lì sulla scrivania..mi devo attrezzare! Capelli corti quindi niente fermaglio…..lo specchietto ce l’ho anche se il mio seggiolino è fronte guida! Un abbraccio grazie per condividere il tuo tempo con le tue lettrici, sempre!

    • Ciao Giulia, grazie a te per trovare il tempo di scrivermi! Sono sicura che potrai adattare il contenitore della Avent… è una trovata geniale secondo me! Un abbraccio e spero di leggerti ancora 🌸

  2. Solo un pensiero: se l’uva e’ tagliata a meta’ per la sicurezza di Oliver, deve essere tagliata nell’altro senso. Se la tagli dal lato corto, potrebbe comunque ostruirgli la trachea!

    • Concordo sul taglio dell’uva, dei pomodorini, olive, ecc. Anzi, sarebbe meglio in 4 parti.
      Ho seguito un corso di disostruzione delle vie aeree e c’è l’hanno raccomandato più volte per prevenire il rischio di soffocamento.
      Grazie per i post interessanti che pubblichi!

      • Grazie anche a te per il tuo commento Samuela 🙂 È vero, bisogna fare moltissima attenzione in ogni momento. mi è già capitato un pio di volte che per delle patatine di verdure un po’ più croccanti Oliver mi è diventato rosso aragosta e grazie al corso di primo ausilio ho saputo gestire la situazione e aiutarlo immediatamente. Lo consiglierei a tutti!

    • Ahah V. grazie, ma in questo caso l’uva è tagliata per cercare di rallentare il mio piccolo mangiatore folle… anche io ho fatto un corso di distruzione delle vie aeree e mi hanno detto la stessa cosa che scrivi tu. Ma Oliver ha mille denti e mastica tutto molto bene, quindi da un po’ e con attenzione ho smesso di tagliare a metà uva e olive, anche se tengo sempre tre occhi aperti 😉

  3. Me encanta y lo utilizo a 4 de los 5 👍🏻😘

    • Gracias Nandi! A que sí que estas cosas simplifican mucho la vida? Gracias por dejarme tu comentario 😘

  4. Le gallette di riso sono super.. le mangio continuamente e non avevo mai pensato di proporle alla piccola come “riempitivo” in coda al supermercato.. un super “salvagente”!!!! Grazie!!

  5. alessandra - luglio 17, 2017

    Tortitas de maíz: davvero una salvezza!!!!!! 😀


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.