La Tela di Carlotta
it en es

7 frasi chiave che usano gli insegnanti Montessori e il perché dovresti usarle anche tu

ott 23, 2017

NB. Questa è la traduzione di un articolo scritto da Christina Clemer: 7 key phrases Montessori teachers use and why we should use them, too e credo sia uno dei migliori articoli per spiegare la filosofia Montessori in termini semplici che chiunque—insegnanti e genitori—può capire.


Montessori può essere difficile da riassumere in poche parole: è una filosofia sull’educazione e sullo sviluppo dei bambini che è dentro di noi. È un modo di vedere il mondo. Penso che uno dei modi più semplici per avere un’idea di ciò che significa Montessori sia ascoltare come parlano le insegnanti Montessori.

Le guide Montessori usano una lingua che rispetta il bambino e fornisce aspettative coerenti. Le parole vengono scelte con cura per incoraggiare i bambini a essere indipendenti, pensatori critici intrinsecamente motivati.

Qui vi lascio sette frasi comuni che sentiresti in qualsiasi aula Montessori e un’idea su come incorporarle nella tua vita quotidiana.

1. “Ho visto che hai lavorato sodo".

Concentrarsi sul processo invece che sul risultato è un principio fondamentale nella filosofia Montessori. Evitiamo di dire ai bambini “ottimo lavoro” o “che bello!” e invece parliamo di come si sono concentrati a lungo, o di come hanno scritto con attenzione e il loro lavoro possa essere facilmente letto da chiunque.

Elogiare il duro lavoro di tuo figlio, piuttosto che i suoi risultati, aiuta a instillare una mentalità di crescita in cui lui stesso crede di poter migliorare attraverso i propri sforzi.

Invece di dire a tuo figlio, “Sei un bravo bambino”, digli: “Ho notato che sei stato molto gentile ieri con tuo fratello quando hai condiviso il tuo camion.” Questo gli dimostra che vedi il suo buon comportamento, ma senza giudizi. Invece di dire: “Sei un artista nato,” prova: “Ho notato che hai continuato a lavorare sul tuo disegno finché non ti è venuto proprio come lo volevi.”

2. "Cosa ne pensi?”

Nella filosofia Montessori, il bambino è insegnante di se stesso. Le maestre sono lì come guide per insegnargli e aiutarlo, ma lui scopre le cose da solo, attraverso l’ambiente e i materiali accuratamente preparati.

L’autoanalisi fa una grande differenza in quella scoperta.

Quando il tuo bambino ti chiede, “ti piace il mio disegno?” prova a rigirargli la domanda invece di dire semplicemente che ti piace. Chiedigli cosa ne pensa, come ha deciso quali colori usare e quale sia la sua parte preferita. Aiutalo a iniziare a valutare il suo lavoro da solo piuttosto che cercare la tua approvazione.

3. "Dove potresti cercarlo?”

L’indipendenza è un altro valore chiave in qualsiasi aula o casa Montessori. Il nostro obiettivo come insegnanti è aiutare i bambini a fare le cose da soli. Così, anche se a volte è più facile rispondere semplicemente alla domanda quando un bambino ci chiede dov’è qualcosa o come fare qualcosa, spesso rispondiamo alle sue domande con altre domande come” “dove potresti cercarlo?” o “a quale amico potresti chiedere aiuto?”.

Se tuo figlio perde le scarpe e tu le vedi spuntare da sotto il letto, prova a fargli domande piuttosto che dargliele immediatamente.

“Dov’eri quando ti sei tolto le scarpe? Hai controllato in camera tua?”. Questo potrebbe richiedere più tempo, ma ne vale la pena quando inizia a prendere più iniziativa e cercare meno il tuo aiuto.

4. “Per quale parte vorresti il mio aiuto?"

In una scuola Montessori, i bambini sono responsabili di molte cose, tra cui la cura del loro ambiente. I bambini spesso sono molti orgogliosi di questa responsabilità, trascorrono molto tempo organizzando i fiori da mettere sul tavolo, innaffiando il giardino e lavando felicemente finestre e tavoli.

A volte, tuttavia, un lavoro è troppo impegnativo o troppo difficile. In questi casi, chiediamo al bambino come possiamo aiutare. Non vogliamo arrivare e “salvarlo”, dandogli il messaggio che non è in grado, ma non vogliamo nemmeno lasciare che si senta sopraffatto.

Per esempio: se il tuo bambino è stanco, ma ha bisogno di mettere via i Lego prima di andare a letto, vedere tutti quei pezzi può sembrare troppo difficile. Non deve essere tutto o nulla. Prova “quale colore vorresti mettere via?” o “io metto via i pezzi gialli e tu metti via quelli azzurri“ per mostrargli che sei lì per lui.

5. "Nella nostra aula, noi..." (O in casa: "In casa nostra, noi...")

Questa piccola frase è usata per ricordare ai bambini ogni regola e comportamento desiderato in aula. Se glielo ricordiamo con frasi oggettive su come funziona la comunità—piuttosto che dare ordini—è molto più probabile che riusciamo a suscitare la cooperazione da parte del bambino.

Una frase come “Nella nostra aula, ci sediamo quando mangiamo”—invece di “stai seduto”—è meno probabile che susciti una lotta di potere.

Come tutti noi, i bambini vogliono essere parte della comunità, e noi semplicemente ricordiamo loro come funziona la comunità.

Se hai una regola che in casa tua si cammina, invece di dire “smettila di correre/non correre“, prova a dire “in casa nostra, camminiamo” e vedi se magari ci sono meno discussioni.

6. "Non disturbarlo, è concentrato”.

Proteggere la concentrazione dei bambini è una parte fondamentale della filosofia Montessori. Le aule Montessori danno ai bambini lunghi blocchi di lavoro ininterrotto, di solito di tre ore. Questo permette ai bambini di sviluppare una concentrazione profonda, senza essere disturbati perché l’orario dice che è il momento di passare a studiare qualcos’altro.

È allettante complimentare un bambino che sta lavorando bene, ma a volte persino un semplice contatto visivo è sufficiente per interrompere la sua concentrazione.

La prossima volta che vedi tuo figlio concentrato a fare un disegno o a costruire una torre, prova semplicemente a passare senza dirgli come lo sta facendo bene. Dopo, se ti ricordi, puoi dirgli che hai notato quanto fosse concentrato nel suo lavoro.

7. "Segui il bambino".

Quest’ultimo punto è importantissimo. È qualcosa che gli insegnanti Montessori si dicono a vicenda e dicono ai genitori—non al bambino. Spesso ci ricordiamo a vicenda di “seguire il bimbo”, di avere fiducia che ogni bambino sta seguendo la propria linea di sviluppo interna, che c’è una ragione per cui sta facendo qualcosa.

Ciò ci ricorda di cercare la ragione dietro il comportamento. Ci ricorda che non tutti i bambini cammineranno all’anno o leggeranno ai quattro anni—loro non hanno letto i manuali e non gliene può importare di meno delle tappe che “dovrebbero“ raggiungere.

Seguire il bambino significa ricordare che ogni bambino è unico e che ha sue proprie esigenze, passioni e talenti, in base alle quali lo si deve guidare.

Se non riesci a convincere il tuo bambino a leggere, prova a guardare ciò che gli piace—se gli piace essere buffo, è possibile che gli interessi un libro di barzellette, non il classico libro per bambini che avevi in ​​mente. Ricordarsi di “seguire il bambino” può aiutarti a vederlo in modo diverso e lavorare con lui, anziché contro di lui.

Una delle cose belle della filosofia Montessori è che è molto più di un tipo di educazione: è un modo di vedere e vivere i bambini. Anche se il tuo bambino non va ad una scuola Montessori, puoi facilmente portarne le idee a casa tua e guardare l’indipendenza e la concentrazione del bambino crescere a vista d’occhio.

Commenti

Parva • ott 23, 2017

Molto interessante!!!! Ci proverò! 😄

ely • ott 24, 2017

Grazie per questi punti, molto interessante davvero. Il mio bimbo frequenta il nido dove seguono il metodo Montessori e questa cosa della concentrazione l'ho sentita dire dalle dade più volte.

Pelusi • dic 1, 2020

Mia figlia due anni e mezzo non va all asilo, io e mio marito siamo oss in una casa di riposo e siamo a rischio covid, gestiamo da soli nostra figlia in questo periodo non frequentiamo nessuno cerchiamo di dare tutta la calma e l amore ma non è facile quando vede un bambino lei vuole abbracciarlo giocarci ma non è possibile hai sempre le parole giuste carlotta invece io faccio fatica perché vengo da un educazione autoritaria e a 14 anni ho iniziato a lavorare, ho acquistato il tuo corso pian piano ci riuscirò, grazie 🙏

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 22, 2021 • 24m
La pazienza va coltivata senza scorciatoie
In questo episodio di Educare con Calma parliamo della pazienza dei bambini e di come coltivarla (la pazienza non è innata, nemmeno per Oliver ed Emily che vi sembrano tanto pazienti!). E visto che non ho trucchi o metodi specifici (o magari giusto un paio 😉), vi racconto tanti aneddoti e situazioni in cui noi abbiamo dato l’opportunità ai nostri figli di coltivare la pazienza. Spero che possano ispirarvi e motivarvi a ricercare opportunità anche con i vostri figli. Vi lascio anche un articol...
27
gen 20, 2021 • 06m
Montessori in 5': domanda invece di correggere
In questo episodio di Montessori in 5' ti invito a smettere di correggere i tuoi figli in continuazione e ti suggerisco una semplice domanda che ti aiuterà a farlo. È un minuscolo cambiamento che può aiutarti a ridurre l'attrito e le lotte di potere con i tuoi figli. A casa nostra funziona come per magia, sono sicura che aiuterà anche te! -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblici...
26
gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!