La Tela di Carlotta

8 essenziali strategie per imparare a dire "no"

gen 27, 2009

Traduzione del post di Leo Babauta: 8 Essential Strategies to Saying "No"


Una delle capacità indispensabili per un freelance è saper dire “no”.

Senza questa capacità, sarete sovraccaricati di richieste e compiti, lavorerete sempre troppo e nonostante tutto non riuscirete a rispettare le scadenze, la qualità del vostro lavoro si abbasserà e accetterete compiti che non vi piacciono e sarete pagati troppo poco in relazione al tempo speso per portarli a termine.

Quando dite “no”, anche se potreste offendere o ferire qualcuno, state anche dicendo che date valore al vostro tempo, che avete priorità e che rispettate la persona a cui state dicendo “no” – perché non volete prendervi un impegno e poi portarlo a termine alla buona o non portarlo a termine affatto.

Dovete dire “no” a tutto ciò che incrocia la vostra strada? Assolutamente no – un freelance deve accettare abbastanza lavoro per poter pagare le bollette e a volte dovrà dire “sì” a compiti che non svolgerà in modo perfetto. Ma è anche importante che sappiate cosa potete gestire, su cosa volete davvero lavorare e se la proposta che state considerando è in accordo con le vostre priorità. Ed è molto importante che se non volete/potete davvero accettare un lavoro, siate in grado di dire “no”.

Non è sempre così semplice. Per quelli che hanno problemi a dire “no, ecco alcune strategie.

1. Prima provate a dire “sì”. Può sembrare un controsenso, ma io lo considero una forma di judo mentale. Dite subito “sì” (assumendo che volete il lavoro, ma ora non avete tempo) e poi scegliete una di queste due strategie: 1) dite “D’accordo, ma ora sono sommerso di lavoro – potete ricontattarmi tra un mese? Non voglio prendermi l’impegno se poi non posso portarlo a termine al meglio”. 2) dite “Certo, ma potete fare prima x, y e z così vediamo se funziona prima di metterci al lavoro?”. In entrambi i casi, non state rifiutando immediatamente, ma state passando la palla nuovamente a loro. Penso che queste siano le uniche cose che potete dire se avete intenzione di accettare il lavoro, ma non avete tempo nell’immediato.

2. Siate consapevoli dei vostri impegni. Per sapere quando dire “no”, dovete sapere cosa avete in ballo. Dovreste avere una lista di tutti gli impegni correnti, e una di azioni che mostri non solo gli impegni, ma anche le tappe concrete che dovete portare a termine nella settimana corrente. Una volta che avete queste liste sottomano, potete decidere se avete spazio per altri impegni. Aggiungete ulteriori impegni alla lista solo se li ritenete essenziali.

3. Date valore al vostro tempo. Una delle ragioni per cui molti non sanno dire “no” è perché credono (inconsciamente, magari) che il loro tempo abbia meno valore di quello altrui. Per esempio, se gli altri vi chiedono di fare qualcosa che possono facilmente fare loro, e voi dite “sì”, in realtà state dicendo che il vostro tempo ha meno valore del loro – se no perché lo fareste voi al posto loro? Imparate a dare valore al vostro tempo – non è infinito ed è forse il bene più prezioso che avete – e imparate a mostrare agli altri che date valore al vostro tempo non assumendovi impegni che non richiedono per forza il vostro intervento.

4. Rinviate. Simili alla strategia n.1, questa insegna a non rispondere subito “sì” o “no”, ma rimandare la risposta. Potreste dire “La mia agenda è davvero piena in questo momento. Potete richiamarmi tra due settimane?”. Ovviamente può anche capitare che se ne dimentichino, specialmente se rimandate due volte di fila. Inoltre, non è mai positivo per voi rimandare più volte la stessa richiesta: dopo il secondo rinvio, sarebbe opportuno che diate una risposta.

5. Siate educati, ma risoluti. Uno dei più comuni errori è essere troppo disponibili e troppo “molli”. Magari dite “no”, ma non siete risoluti. Così una persona forte vi presserà fino a che diciate “sì”, perché penserà ci sia una possibilità che cambiate idea. Dovete essere chiari, se dite “no”, e fare capire che non cambierete idea. Ma senza essere maleducati. Un semplice “No, in questo momento non posso” sarà sufficiente.

6. Prevenite. Se pensate che ci sia una richiesta nell’aria, è più facile dire a tutti che siete impegnati prima ancora di essere interpellati. Se avete un appuntamento con qualcuno, potreste dire qualcosa tipo “Prima di iniziare devi sapere che la mia agenda è piena per il prossimo mese, quindi non accetterò altri impegni per i prossimi 30 giorni”. Questo suonerà come un avvertimento e nessuno potrà incolparvi se direte “no”.

7. “Vorrei, ma”. Questo è come dire che sembra un bellissimo progetto e non potete accettare solo perché la vostra agenda è completamente piena. Se il progetto mi sembra interessante, io dico spesso “Mi sembra un bel progetto e mi piacerebbe farne parte”. E, se posso, suggerisco delle alternative, dando nuove idee o nomi di altre persone. Le persone apprezzeranno un tipo di rifiuto come questo che, comunque, li aiuta.

8. Mai dire “mi dispiace”. Lo ripeto, dovete rispettare il vostro tempo. Se dite che vi dispiace, trasmettete il messaggio che dire “no” è per voi la cosa sbagliata o che comunque non avete un forte motivo per dire “no”. È allettante dire “mi dispiace”, lo so. Diciamo spesso “Mi dispiace, ma…” o “Vorrei poterlo fare, mi dispiace” perché ci sentiamo a disagio a dire un “no” risoluto. Ma ripeto, state trasmettendo il messaggio sbagliando.

Commenti

Lollete • gen 16, 2012

Scusate ma secondo voi era rigore pea riomma?? regà x fvr rspndttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttt

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 22, 2021 • 24m
La pazienza va coltivata senza scorciatoie
In questo episodio di Educare con Calma parliamo della pazienza dei bambini e di come coltivarla (la pazienza non è innata, nemmeno per Oliver ed Emily che vi sembrano tanto pazienti!). E visto che non ho trucchi o metodi specifici (o magari giusto un paio 😉), vi racconto tanti aneddoti e situazioni in cui noi abbiamo dato l’opportunità ai nostri figli di coltivare la pazienza. Spero che possano ispirarvi e motivarvi a ricercare opportunità anche con i vostri figli. Vi lascio anche un articol...
27
gen 20, 2021 • 06m
Montessori in 5': domanda invece di correggere
In questo episodio di Montessori in 5' ti invito a smettere di correggere i tuoi figli in continuazione e ti suggerisco una semplice domanda che ti aiuterà a farlo. È un minuscolo cambiamento che può aiutarti a ridurre l'attrito e le lotte di potere con i tuoi figli. A casa nostra funziona come per magia, sono sicura che aiuterà anche te! -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblici...
26
gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!