La Tela di Carlotta

Adoro la colazione

feb 25, 2009

È ufficiale: adoro la colazione!

Da circa un mese, da quando abbiamo portato a casa il nostro piccolo orsetto polare, io e Alex abbiamo deciso che avremmo iniziato a seguire un consiglio di Leo Babauta sul quale avevamo da un po’ puntato gli occhi: sveglia presto al mattino – come dice il post I 10 benefici di svegliarsi presto al mattino e come riuscirci.

Certo, noi abbiamo deciso di farlo in maniera meno radicale (non come Leo Babauta che si sveglia ogni mattina alle 4.30) e l’avere una cucciolotta che appena apri gli occhi è pronta a ricoprirti di attenzioni ha sicuramente facilitato il processo.

La prima settimana – e a volte ancora adesso – non è stata proprio una passeggiata guardare l’orologio dopo 8 ore (una giornata lavorativa) e renderci conto che era solo l’ora di pranzo. Ci siamo sentiti stanchi, spossati, senza energia. Le borse sotto gli occhi erano all’ordine del giorno. Per non parlare dello stato in cui ci ritrovavamo alla sera: una coppia di 100 anni che desidera solo andare a dormire con le galline – cosa che ci siamo impediti di fare a suon di film.

Ma superata questa prima fase, in cui il corpo si abitua alle ore di sonno che vuoi concedergli, tutto sembra più semplice. Alex è perfino meravigliato dalla velocità con cui io – prima lunga come la quaresima – apro gli occhi, mi alzo e sono pronta ad iniziare la giornata. E cosa più importante, sempre con un sorriso, regalatomi da qualche faccia o atteggiamento buffo di Colbie, e da qualche dolcissima frase del mio dolcissimo fidanzato.

Grazie a Colbie, inoltre, abbiamo anche eliminato la noiosa sveglia che scommetto 3 dita della mano essere parte del motivo per cui le persone odiano svegliarsi la mattina. Svegliarsi perché obbligati da un oggetto che suona o vibra o suona e vibra contemporaneamente è frustrante e devastante. Svegliarsi con i due occhioni immensi di un cucciolo scodinzolante può essere addirittura piacevole – specialmente se prima di vedere gli occhioni non ti arriva una leccata gigante in faccia con un alito canino non sempre apprezzabile. ;-)

Il risultato? Alle 9 del mattino siamo pronti per uscire di casa, come è sempre stato, con la differenza che ora mi sento sveglia, ho tempo di pulire e lasciare la casa in ordine, non devo fare tutto di corsa per stare ai ritmi di Alex – prima quando lui aveva già fatto la doccia, io ero ancora nel letto a combattere con i miei occhi che non volevano iniziare la giornata – e finalmente, per la prima volta nella mia vita, faccio colazione.

E adoro fare colazione. Prima la colazione era un optional e quando capitava era sempre fuori casa al bar sotto l’ufficio. Ora che abbiamo più tempo prima di uscire di casa, ci prepariamo sempre la spremuta d’arancia – con le arance fresche che Matt ci porta dalle sue escursioni in montagna ogni week-end – ognuno si sceglie la colazione che preferisce e iniziamo la giornata raccontandoci cosa faremo durante il giorno o parlando del più e del meno. Bellissimo.

Ed è meraviglioso anche per Colbie perché prima di uscire di casa e lasciarla sola per 4 ore, lei sa che giocheremo con lei, rideremo, le insegneremo nuove cose e lei ne insegnerà a noi. E ora che ha il terzo vaccino – e che possiamo portarla fuori –, dedicheremo questo tempo ad una lunga e sana passeggiata mattutina con lei, buon esercizio per tutti e tre.

Ed è meraviglioso anche per la casa perché è sempre molto più ordinata e pulita e, come dice sempre la mia mamma, ordine fuori è ordine dentro. Insomma, due piccioni con una fava!

E, parlando di ordine, ho sviluppato una mia piccola abitudine legata alla colazione: preparo tutto alla sera. Preparare il tavolo della colazione la sera prima – con scodella, cereali, cucchiaio grande per Alex, piatto e tazza per cappuccino, brioche, miele e cucchiaino per me – e trovare tutto lì al mattino ad aspettarci mi piace da morire!

Insomma, svegliarmi presto al mattino finora non mi ha portato che benefici:

  • Le nostre mattinate sono tranquille e rilassanti; niente più corse all'ultimo minuto per riuscire ad uscire di casa ad un'ora accettabile.
  • Usciamo di casa svegli, attivi e positivi per un nuovo giorno.
  • Facciamo sempre una buona e completa colazione.
  • Facciamo colazione a casa e quindi non spendiamo soldi in giro.
  • Abbiamo un momento tutto nostro – e di Colbie – prima di iniziare a lavorare e concentrarci ognuno sulle proprie cose.
  • Abbiamo tempo per lìpulire, fare il bucato o riordinare prima di uscire di casa. È un piacere tornare la sera e trovare un appartamento pulito e ordinato: ripeto, ordine fuori è ordine dentro.

Commenti

Erika • feb 25, 2009

Ma che meraviglia!!!Quindi per riuscire a diventare una persona normale devo comprarmi un cane?O forse smettere di fare le 5 del mattino..??Ufa sono molto invidiosa di questa tua vita zen!Ma sono contenta che alla veneranda età di 23 anni tu abbia imparato a fare colazione!!Sai cosa?Lungi da me obiettare alla saggezza materna,ma secondo me funziona al contrario,ORDINE DENTRO e ORDINE FUORI!Essi xche se sono stroppicciate le mie idee è automaticamente stropicciato ciò che mi circonda!Comunque sia,è il solito gatto che si morde la coda.Dai magari con l'arrivo della primavera resetterò le mie impostazioni di giornata e diventerò una donna mattutina invece che un animale notturno.Si sa,la speranza è l'ultima a morire!

Francesca • mar 2, 2009

Cara Carlotta,
in primis complimenti per come apparecchi la tavola per la colazione. Già questo ti fa iniziare bene la giornata direi! ;)
Molti sottovalutano l'importanza della colazione. Dovrebbe essere il pasto più importante della giornata. Quando andavo ancora a scuola saltavo la colazione e infatti affrontavo la mattinata con fatica. Successivamente ho notato la sua importanza, i suoi benefici e come riesce a darmi la forza per affrontare la mattinata non sfasandomi l'intera giornata.
La colazione che adoro di più è quella con latte e cereali con scaglie di cioccolato fondente. Non disdegno di sicuro anche fette biscottate e marmellata. Di sicuro nei week end la colazione me la godo di più perchè ho più tempo. Se ti può servire da consiglio ti dirò per una corretta alimentazione oltre a non saltare la colazione cerca di fare pure merenda a metà mattina e a metà pomeriggio. Da quando ho preso l'abitudine di farla mi sento meglio. Non arrivo affamatissima a pranzo e a cena. Qualche esempio?Un pacchetto di crackers, un frutto, un succo di frutta, una barretta di cioccolata. :)


Un bacione

Carlotta • mar 3, 2009

@Erika: hahahahahaha! Che scema, come sempre! Dunque... credo di essere giunta alla conclusione che non so se per diventare una persona normale devi semplicemente avere casa tua... il primo giorno vivi nel caos (eh qui ancora non mi è chiaro se sia quello esteriore ad influenzare quello interiore o viceversa... accolta la teoria del gatto che si morde la coda), il secondo giorno vivi nel caos, il primo mese vivi nel caos... poi gradualmente del caos ti stufi e inizi a regredire lentamente ad uno stato di decenza, finché un giorno ti alzi e sei una persona normale! :-D That's it, my friend! E il cane... mmm... direi che aiuta sia a svegliarsi presto al mattino ("o faccio pipì e cacca fuori o te la faccio proprio qui nell'entrata") sia a tenere casa pulita (per noi le pulizie di Pasqua cadono ogni settimana ora)... quindi forse sì, possiamo dire che se vivere da sola non basta, il passo successivo prima della disperazione è comprarsi un cane! Hehe! Altro che psicologia qui, se mi sente Chiara mi uccide! :-P
@Francesca: quello è esattamente il mio piano! Mi sono resa conto che sono letteralmente un bufalo (la mia amica Erika qui sopra può confermare!)... mangerei a qualsiasi ora del giorno e della notte e meglio se schifezze di varia natura! Ma mi sono accorta che questo capita più spesso quando faccio solo due pasti al giorno: ora che faccio colazione è già più semplice arrivare a pranzo, ma così facendo a pranzo mi mangerei un elefante. Quindi il piano è proprio quello che mi hai suggerito: farò le mie merendine inter-pasti (meglio cioccolata che frutta, però.. per non smentirmi!) e pranzo e cena più leggeri. Evvai! Sounds like a great deal!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 22, 2021 • 24m
La pazienza va coltivata senza scorciatoie
In questo episodio di Educare con Calma parliamo della pazienza dei bambini e di come coltivarla (la pazienza non è innata, nemmeno per Oliver ed Emily che vi sembrano tanto pazienti!). E visto che non ho trucchi o metodi specifici (o magari giusto un paio 😉), vi racconto tanti aneddoti e situazioni in cui noi abbiamo dato l’opportunità ai nostri figli di coltivare la pazienza. Spero che possano ispirarvi e motivarvi a ricercare opportunità anche con i vostri figli. Vi lascio anche un articol...
27
gen 20, 2021 • 06m
Montessori in 5': domanda invece di correggere
In questo episodio di Montessori in 5' ti invito a smettere di correggere i tuoi figli in continuazione e ti suggerisco una semplice domanda che ti aiuterà a farlo. È un minuscolo cambiamento che può aiutarti a ridurre l'attrito e le lotte di potere con i tuoi figli. A casa nostra funziona come per magia, sono sicura che aiuterà anche te! -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblici...
26
gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!