La Tela di Carlotta
it en es

E alla fine arriva papà — Capitolo 2

nov 22, 2016

Se ti sei persa/o il primo capitolo, lo puoi leggere qui.


Credo che un’affermazione simile—un ragazzo che dice ad una ragazza di uscire con lui—lascerebbe chiunque senza parole. Non me. Lo guardai dritto negli occhi e l’unica parola che mi uscì di bocca fu, . Non avevo nemmeno preso in considerazione la possibilità che qualcosa del genere potesse succedere—dopo tutto, tornavo in Italia tra meno di due settimane, senza considerare che avevo un fidanzato—ma niente mi era mai sembrato più chiaro e giusto, e non ero disposta ad ignorare quella sensazione.

Era Lunedi, Alex mi disse che sarebbe stato fuori città per un paio di giorni e di vederci venerdì alle 13:00 di fronte a La Pesquera, un ristorante del lungomare vicino a casa mia. Mi rendo conto ora che stavo dicendo di sì a tutto ciò che mi suggeriva; se mi avesse chiesto di trasferirmi da lui forse quella stessa notte avremmo vissuto insieme—non che ci sia voluto molto di più, ma questa è un’altra storia.

Piovve tutta la settimana—la solita e ora molto apprezzata settimana settembrina di pioggia torrenziale a Marbella—e venerdì il cielo era grigio e il paseo sembrava più un canyon di fango e pozzanghere. Allora non ero una grande ammiratrice di giornate scure e piovose, perché avevano la capacità di rendere scura e piovosa anche me, e così tutto l’entusiasmo che avevo provato lunedì era lentamente svanito, lasciando posto nella mia mente ad una miriade di dubbi, incertezze e domande sul giusto e sbagliato.

E, naturalmente, avevo dovuto mentire—o meglio omettere la verità—a Fidanzato, che inoltre sembrava chiamarmi mille più volte al giorno… annusava qualcosa o era solo il mio senso di colpa a parlare? E, ciliegina sulla torta, non avevo nemmeno vestiti o scarpe compatibili con la pioggia e io odio odio odio non essere vestita in maniera appropriata per le occasioni speciali.

Sarà l’universo che mi manda segnali? Starò sbagliando? Devo scappare? O devo seguire il mio primo istinto? Dopo tutto, questo non è forse un semplice pranzo innocente con un ragazzo che può essere solo un amico? Voglio dire, parto a brevissimo, questa “cosa” non può andare da nessuna parte. O sì? Forse non è così innocente? Mi importa? O seguo la pancia?

Discussi con il mio io interiore tutta la mattina, ma per un motivo o per l’altro riuscivo sempre a convincermi che questo pranzo era una buona idea: un segno che ero chiaramente disposta a lasciare che i miei sentimenti prendessero il sopravvento sul mio senso di giusto e sbagliato.

E così feci. Ingannai quella sinistra sensazione che tutto intorno a me diceva “non andare!” mettendomi dei vestiti colorati per compensare il grigiore della giornata, e indossando sandali comodi per saltare le pozzanghere. E uscii di casa per andare all’appuntamento.

Strano e imbarazzante. Quel momento in cui si vede l’altro—due sconosciuti che vanno a pranzo insieme—e si sa che ci si deve andare incontro e trovare qualcosa (meglio se intelligente) da dire. Le farfalle iniziano a volare freneticamente nel tuo stomaco e la bocca diventa improvvisamente asciutta come un miraggio nel deserto. Stranamente bello—probabilmente la parte che mi manca di più dei primi appuntamenti.

Ma ce la siamo cavati bene. Credo che borbottammo qualcosa sul tempo e poi lui prese le redini, dicendo che sperava avessi voglia di camminare perché mi avrebbe portata da Terra Sana, un ristorante a 15 minuti da lì, nel porto di Marbella (grazie, sandali comodi!). Ci trovammo subito. Improvvisamente, non mi importava più di non essere vestita adeguatamente, se fosse di giusto o sbagliato, se l’universo stesse cercando di rovinare la festa… non mi importava nemmeno che il mio inglese non fosse perfetto, cosa che normalmente mi avrebbe messa a disagio.

Mi sentivo rilassata e spensierata, e provai qualcosa che non provavo da tanto tempo: guance calde (e sicuramente rosse) quando mi guardava.

Pranzammo, parlammo e parlammo e parlammo di tutto e niente, mi mostrò il suo nuovo iPhone di prima generazione (che era semplicemente bellissimo, mi sentii come una bambina con un giocattolo nuovo), e poi mi accompagnò al ristorante dove dovevo iniziare il turno serale. Ci scambiammo i numeri di telefono e decidemmo di rivederci presto.

Mi sentii di nuovo quindicenne e questo sconosciuto era tutto ciò a cui riuscivo a pensare giorno e notte. Solo che questa volta non ero libera, Fidanzato mi aspettava in Italia, e non solo era pazzo di me, ma avevamo addirittura deciso di condividere un appartamento con alcuni amici per il prossimo anno accademico. Che è quasi come andare a vivere insieme, mannaggia a me!

Iniziai a far caso alla fievole voce razionale nella mia testa che negli ultimi giorni avevo completamente ignorato. E mannaggia a lei, non aveva del tutto torto: stavo ancora cercando di riprendermi dalla mia lunga relazione, non potevo deludere i miei amici che avevano cercato casa tutta l’estate, dovevo concentrarmi sui miei studi, e in più Alex sarebbe stata una di quelle relazioni a distanza in cui non ho mai creduto. Forse era più facile lasciare le cose com’erano. Dovevo finirla ancora prima che iniziasse.

Domenica mattina mandai un messaggio ad Alex, qualcosa del tipo “Mi piacerebbe davvero vederti di nuovo, ma non credo che sia giusto né per me né per te. È probabilmente più facile per tutti e due se lasciamo le cose così come sono”, solo più confuso e meno ben articolato—chiaro riflesso dei miei sentimenti. E in tutta risposta, “Vediamoci al Guadalpin, sono già per strada”. Questo non me lo aspettavo affatto—come non mi aspettavo essere pronta e fuori dalla porta di casa dieci minuti più tardi. E invece eccomi lì, a piedi verso l’hotel Guadalpin nel mio bel vestito a rose rosa e nero. In fondo ci stava, chiuderla di persona era sicuramente la cosa giusta da fare dopo quel bell’appuntamento, lo avrei reso breve e indolore, gli avrei stretto la mano e detto addio.

E poi lo vidi.

Arrivò volando sui suoi pattini in linea, così alto e affascinante, i capelli biondi mossi dal vento. Si fermò a un millimetro da me, con quella tecnica di traverso che avevo visto fare dai pattinatori sul ghiaccio in TV. “Mi dispiace, sono uscito di fretta e non ho le scarpe”… Mica scemo, pensai, è così dannatamente sexy sui rollerblades!

Iniziammo a camminare (e pattinare) intorno al quartiere, e io iniziai a spiegarmi in maniera ancora più confusa di quanto non lo fossero stati i miei precedenti messaggi. I miei occhi erano incollati alla strada e non potevo fare a meno di sentire che le parole che uscivano dalla mia bocca non rispecchiavano affatto i miei sentimenti, che tutte quelle spiegazioni razionali per allontanarlo da me erano solo bugie.

E poi per un solo secondo—un brevissimo secondo—lo guardai negli occhi, quegli occhi azzurri e sognanti, il mio volto si infiammò, le farfalle iniziarono a volare, le mie mani a tremare e le ginocchia a farsi acqua, quasi come se il cuore volesse uscirmi dal petto e gridare a squarciagola. E così per un altro secondo—un altro brevissimo secondo—lo ascoltai: mi alzai in punta di piedi, gli misi le braccia intorno alle spalle e lo baciai appassionatamente.

Pochi giorni dopo vivevamo insieme, ma come ho detto prima, questa è un’altra storia.

Commenti

Psrva • nov 23, 2016

Wooowwww!

🌸 Carlotta • nov 28, 2016

❤

Virginia • nov 23, 2016

Ciao Carlotta! Spero tu stia bene e abbia passato un buon compleanno :)
Finalmente la seconda parte della vostra storia! Quanto l'ho attesa!
È proprio la pancia che si deve ascoltare in questi casi, non mentire a se stessi :) l'ho capito di recente...
Un abbraccio e buon mercoledì

🌸 Carlotta • nov 28, 2016

Ciao Virginia! Non è sempre facile ascoltarla e devo ammettere che varie volte fare appello alla razionalità mi ha portata su una via migliore, ma questa non è certamente una di quelle volte ;-) Un abbraccio anche a te!

Sara • apr 19, 2017

Ho i PENÓTI!!! 💞 terzoepisodioterzoepisodioterzoepisodioooo!!!!

Anonimo • lug 13, 2020

che meraviglia! viva l amore!!

🌸 Carlotta • lug 16, 2020

💕

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 27, 2020 • 33m
La bugia del Natale: perché abbiamo scelto di non raccontarla
In questo episodio racconto come viviamo noi il Natale da famiglia non credente e che applica i principi Montessori e rispondo alle domande più frequenti che mi sono state fatte in queste settimane che ci avvicinano alle vacanze natalizie: "Parli di Babbo Natale con i bambini? Come vivete il Natale in casa? Fate regali? Non ti manca la magia del Natale?" …  Nell'episodio menziono questi articoli che vi invito a leggere:  Natale e Montessori: incompatibili? Natale e Montessori: incompatibili? ...
17
nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!