La Tela di Carlotta
it en es

E alla fine arriva papà - Capitolo 3

nov 21, 2017

Recap:

Dopo tre mesi passati a fissarmi aspettando la sua pizza, Alex trova il coraggio di chiedermi come mi chiamo e “dirmi” di uscire insieme—”dovremmo pranzare insieme”, dice. Il 21 settembre 2007 ci vediamo per il nostro primo appuntamento. Due giorni dopo gli scrivo un messaggio: “lasciamo stare, sarebbe troppo difficile, la lunga distanza e tutto il resto”, a cui lui risponde volando sui suoi rollerblades fino all’altro lato della città per vedermi. È deciso a non lasciarmi andare. Quel giorno è la data del nostro primo bacio.

Puoi leggere il primo capitolo e il secondo capitolo.

Capitolo 3

Ci siamo salutati quella domenica pomeriggio e camminando verso casa tra me e me pensavo che in qualche modo quel bacio aveva reso le cose chiarissime nella mia mente. Non vado da nessuna parte, questo ragazzo me lo tengo stretto.

Una settimana dopo, ho intenzionalmente perso il mio volo di ritorno e optato per una mossa poco ortodossa: mi sono trasferita a casa sua—”ovvia” soluzione di Alex al piccolo problema che il mio contratto d’affitto scadeva e noi volevamo trascorrere ancora un po’ di tempo insieme prima che tornassi in Italia. A posteriori, andare a vivere con un ragazzo che avevo conosciuto una settimana prima può sembrare un po’ ingenuo, forse anche un po’ rischioso, ma in mia difesa posso dire solo: quando lo sai, lo sai.

Tutto del vivere insieme era facile e spontaneo, tanto che ancora oggi incoraggio sempre i giovani innamorati ad andare a vivere insieme il prima possibile. Perché aspettare? Soprattutto se non vivi più con i tuoi o sei pronto per andartene, e incontri qualcuno da farfalle nello stomaco e cavallo bianco, vivete insieme, passate ogni secondo del vostro tempo libero insieme, mangiate insieme, guardate un sacco di film insieme, viaggiate insieme, comprate mobili insieme, condividete condividete condividete. La vita è breve.

Il mio contratto estivo in pizzeria era finito e io facevo la dolce vita scrivendo, prendendo il sole e aspettando che Alex tornasse a casa dal lavoro. La mia mente potrebbe giocarmi brutti scherzi dopo 10 anni, ma tutto ciò che ricordo è arcobaleni e unicorni e perfezione—il calore di svegliarsi uno accanto all’altra ogni mattina, l’intimità di coccolarsi a letto per ore prima dell’alba, la bellezza di iniziare il giorno insieme con una colazione fatta in casa (Alex continuerà a prepararmi la colazione ogni mattina per molti anni), e l’attesa di incontrarci di nuovo alla fine della sua giornata lavorativa.

Non riesco a ricordare un solo momento triste, una discussione, una lotta, una giornata no—tranne quando ho dovuto chiamare Fidanzato e dargli la brutta notizia, naturalmente; odio le rotture, anche quando sono meglio per te, c’è sempre pianto, rabbia, risentimento, senso di colpa e di solito l’ossessione di uno dei due, quel “come posso riconquistarti?” senza speranza. Sì, chiudere con Fidanzato—che era veramente, follemente e profondamente innamorato di me—è stato terrible.

Ma vivere con Alex era magico, qualcosa che non avevo mai sentito prima. Sembrava quasi surreale, come uno di quei troppo-bello-per-essere-vero che è destinato a finire.

E infatti, finì.

Presto sono dovuta tornare in Italia per laurearmi. Ritorno a Torino, alle lezioni, alla vita da studente. Non ne avevo affatto voglia—le uniche due cose che mi facevano andare avanti e pensare positivo erano le mie compagne di corso Erika e Ludovica (ciao, ragazze!), e la prospettiva di fare quasi due anni in uno, finire tutti i miei esami a luglio e tornare a Marbella per scrivere la tesi finale.

Nei 10 mesi successivi, io e Alex abbiamo vissuto in due Paesi diversi, ma non abbiamo trascorso molto tempo lontani.

Alla fine di ottobre è venuto a Torino per aiutarmi a cercare un appartamento tutto mio, un bel cambiamento rispetto al precedente, dove condividevo una piccola stanza con altre tre ragazze in due letti a castello.

Alla fine di novembre Alex ha fatto avverare uno dei miei sogni da adolescente: probabilmente pensava ancora di dovermi sorprendere perché fossi sua, e così mi ha portata a New York per il mio 22° compleanno, ancora oggi uno dei miei ricordi preferiti e più mozzafiato di tutti i tempi.

Alla fine di dicembre, abbiamo trascorso il nostro primo Natale insieme… e insieme alla mia famiglia. All’epoca, l’idea mi piaceva un sacco, ma a posteriori forse è stato un colpo basso per lui: questo povero ragazzo finlandese di 22 anni che non parlava ancora italiano, dopo solo tre mesi insieme, ha dovuto conoscere tutta la mia famiglia in un colpo solo e sopportare un tradizionale Natale italiano da mia nonna, dove l’80% delle persone non parlava inglese, siamo stati seduti a tavola per circa 6 ore e mia nonna continuava a chiedergli di matrimonio e figli (!). Se non è amore quello…

I 7 mesi successivi fino a luglio sono stati un non finire di avanti e indietro—solo fisici, perché i nostri cuori avevano già messo radici—di Colbie Caillat, James Blunt e Jason Mraz, di chiamate su Skype lunghe tutta la notte, di studio ininterrotto di nozioni ormai dimenticate, di mancarsi, di andarsene e poi di rincontrarsi e poi di andarsene di nuovo.

E poi arrivò il giorno.

Era il 7 luglio 2008. Alex era partito da Marbella e arrivato a Torino in una macchina in affitto. Aveva viaggiato attraverso tre Paesi per venire a prendermi, il mio eroe dalla pelle chiara e gli occhi da orientale che raccontano emozioni. Abbiamo caricato la macchina, ho messo le cinture sul sedile posteriore al mio amico orso Findus—che non ha mai lasciato il mio fianco da quando Giorgio Faletti me lo ha regalato per il mio sesto Natale—ho restituito le chiavi dell’appartamento—e simbolicamente della mia vita da studentessa, adolescente, single—e siamo partiti per la Spagna, attraverso le Alpi, la Francia, e giù giù fino a Marbella.

2000km e sarei stata a casa—perché è vero quello che dicono, che la casa è dov’è il cuore. Altri 2000km e Alex mi avrebbe salvata—perché solo ora mi rendo conto che non avevo mai avuto più bisogno di un riscatto come in quel momento della mia vita, quando avevo 22 anni, con quasi nelle mani un inutile diploma di laurea che non avrebbe significato nulla nel mondo reale, e un libro tutto bianco da scrivere.

Terrificante e rinfrescante allo stesso tempo. Non mi ero mai sentita così bene e pensavo che non sarei mai stata più felice.

Mi sbagliavo.

Commenti

stefania • nov 23, 2017

E' sempre più appassionante e romantico!!! come un romanzo a puntate di cui aspetti il nuovo episodio!! scrivi divinamente Carlotta!

🌸 Carlotta • nov 23, 2017

Oh, che carina, grazie! ❤️ Vado a rilento, ma piano piano la racconto tutta!

🌸 Carlotta • giu 2, 2020

Questa è ancora una delle mie serie preferite sul mio blog! L’ho abbandonata qui, ma devo continuarla il prima possibile!

Sara • nov 21, 2020

Si, dovresti! Senza ansia ma non dimenticarlo.

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 22, 2021 • 24m
La pazienza va coltivata senza scorciatoie
In questo episodio di Educare con Calma parliamo della pazienza dei bambini e di come coltivarla (la pazienza non è innata, nemmeno per Oliver ed Emily che vi sembrano tanto pazienti!). E visto che non ho trucchi o metodi specifici (o magari giusto un paio 😉), vi racconto tanti aneddoti e situazioni in cui noi abbiamo dato l’opportunità ai nostri figli di coltivare la pazienza. Spero che possano ispirarvi e motivarvi a ricercare opportunità anche con i vostri figli. Vi lascio anche un articol...
27
gen 20, 2021 • 06m
Montessori in 5': domanda invece di correggere
In questo episodio di Montessori in 5' ti invito a smettere di correggere i tuoi figli in continuazione e ti suggerisco una semplice domanda che ti aiuterà a farlo. È un minuscolo cambiamento che può aiutarti a ridurre l'attrito e le lotte di potere con i tuoi figli. A casa nostra funziona come per magia, sono sicura che aiuterà anche te! -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblici...
26
gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!