La Tela di Carlotta
it en es

Rispetta i tuoi limiti naturali (ovvero quando sei quasi pronta per smettere di allattare)

set 29, 2018

Emily è attualmente ossessionata da Titty, che non è la sua bambola preferita o una copertina di linus. È la mia tetta (o meglio, entrambe). La chiama “mi titty” e quando cerco di farle capire che titty è mia perché è attaccata al mio corpo (e che lei ha la sua titty personale, tra l’altro), la tocca e dice fermamente e con la semplicità di chi ha capito tutto nella vita: “No. Mi titty”.

Non solo. Negli ultimi due mesi, giusto in tempo per iniziare l’asilo nido—i bambini hanno sempre i migliori tempismi—abbiamo raggiunto il livello successivo di ossessione: vorrebbe stare attaccata 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e quando dico NO si getta a terra in vero stile vedova siciliana e piange scalciando i piedi.

So che questo è un momento e un legame unico che scomparirà per sempre una volta che decideremo di smettere. So che tra dieci anni (o molto meno) riguarderò a oggi e darò qualsiasi cosa per avere un giorno in più con i miei figli piccoli — e mi commuovo al pensiero perché so che quel giorno arriverà prima di quanto pensi.

MA.

Una madre conosce i suoi limiti naturali

Ho sempre detto che mi piacerebbe lasciare che Emily decida quando interrompere l’allattamento (e preferibilmente non prima dei due anni), ma so anche che una madre sa quando sta raggiungendo i suoi limiti naturali: nell’allattamento, penso che sia sempre una buona idea ascoltare il tuo corpo e, anche se non è esattamente ciò che è meglio per tuo figlio, rispettare i tuoi limiti naturali.

Per quanto mi riguarda, penso di stare sorpassando i miei.

Ho allattato i miei figli senza sosta per tre anni e 7 mesi. Ho allattato Oliver per tutta la gravidanza di Emily e li ho allattati entrambi per mesi dopo la nascita di Emily.

Con Oliver, lo svezzamento è stato facile. Un giorno, quando gli offrii la tetta, guardò la piccola Emily addormentata su di me, gentilmente le spinse la testa con la mano verso il mio seno e mi fece capire che ora era per Emily. Ne parlammo e decidemmo di smettere. Qualche giorno dopo me la chiese di nuovo, ma gli spiegai che avevamo deciso che era per Emily: versò qualche lacrima, ma poi l’accettò alla leggera.

Oliver è sempre stato così: finora, quando si è trattato di passi importanti come dormire tutta la notte, togliere il pannolino e smettere di allattare, ha avuto un tempismo sorprendentemente perfetto e, quando in dubbio, di solito ha accettato la nostra guida.

Emily è molto diversa. È una bambina appassionata e molto determinata e di solito o si fa a modo suo o non si fa. Inoltre, lei non “dovrà” rinunciare al seno per un altro bambino (a meno che non ne prenda uno in prestito? Qualche volontario lì fuori? ;-) e finché titty sarà sempre a sua disposizione, farà fatica a capire che non le appartiene.

Quindi una cosa mi è molto chiara ora: se voglio (come voglio) continuare ad allattare, ma ridurlo lentamente e smettere in maniera rispettosa per entrambe, l’allattamento dovrà iniziare ad avvenire rispettando le mie condizioni.

Ho un piano!

In teoria, so cosa devo fare. Ma so anche che la pratica potrebbe essere molto diversa dalla teoria, e ciò che funziona per me non necessariamente funzionerà per te. Ma ecco il mio piano (mia sorella riderà, perché ho un piano per tutto ;-)

Smettere di allattare di notte

Credo che il primo passo sia fatto. Ho smesso di allattarla di notte (che ha coinciso anche con un piccolo miglioramento del sonno).

Ho “semplicemente” (ah, memoria dimentichina, meno male che ci sei tu!) sostituito titty con acqua. Ci sono stati un po’ di pianti e lamentele, ma ora Emily sa che di notte non c’è titty fino alle 6-7 del mattino.

Detto questo, si addormenta ancora al seno quando sono a casa, cosa che non sembra influenzare negativamente la nostra politica “no titty di notte”.

Impostare una routine quotidiana di allattamento

Il mio prossimo passo sarà quello di impostare una routine quotidiana. Mi piacerebbe darci un limite di due-tre volte al giorno e decidere quando allattare (per esempio, al mattino, a metà pomeriggio e per andare a letto). E quando lei lo chiede al di fuori di questi orari, cercherò di distrarla con cibo, giochi o libri. Sarò il più possibile rigida, ma anche molto flessibile, perché trovo che la flessibilità sia uno strumento fondamentale nell’orchestra della maternità.

Ridurre gradualmente e rispettosamente

Una volta impostata la routine, cercherò di ridurla nel modo più rispettoso possibile. Per esempio, se mi accorgo che a metà pomeriggio riesco “facilmente” a distrarla senza che si rotoli sul pavimento piangendo, cercherò di estendere fino a sera, magari anticipando leggermente la cena (visto che spesso la fame è l’elemento scatenante). Poco alla volta. A passo di tartarughina.

Le aspettative della maternità

Da lì in poi, sarà facilissimo: al mattino sarà all’asilo (🤞🏻), al pomeriggio saremo impegnati e poco a poco madre e figlia lavoreranno insieme per fare la magia della maternità rispettosa ed Emily si svezzerà naturalmente, felicemente e con i suoi tempi. Tutti vincono.

La dura realtà (più probabile ;-)

Dovrò mettermi cerotti/peperoncino/limone sui capezzoli per convincerla che titty ormai non è più buona, quindi interromperemo bruscamente l’allattamento e sarà per lei un trauma che in qualche modo la segnerà per tutto il resto della sua vita adulta.

In fondo, questa è la maternità riassunta in poche parole, no?

Commenti

Federica • set 30, 2018

Ciao Carlotta,

come ti capisco anche per me è così, Mattia ha 18 mesi e la vuole ancora. Sono rientrata al lavoro che ne aveva 10 e da quel momento le poppate sono diminuite ma da allora nulla è cambiato e spesso nel we e durante le vacanze facciamo alcuni passi indietro.
Sono curiosa di leggere cosa succederà ma sono d’accordo con te che sia importante avere sempre un piano 😊

In bocca al lupo!
Federica

🌸 Carlotta • ott 1, 2018

Ti racconterò come proseguirà, ma negli ultimi giorni siamo riuscite ad avere una routine più rigida e al mattino Emily ha smesso di chiedere ogni tre per due (che per me è importante per l'asilo). Dita incrociate! 🌸

Vittoria • ott 1, 2018

Ciao Carlotta!io mi sento di consigliarti di essere molto fiduciosa e positiva!!io con la mia bambina per smettere le poppate a metà mattina e metà pomeriggio (naturalmente prima una e poi l'altra) le proponevo in alternativa qualcosa che le piaceva molto e se mi rendevo conto che la mia strategia non stava funzionando cercavo un diversivo, che di solito era cambiarsi per uscire (senza dimenticare acqua e merenda).dopo un po si è abituata e ora siamo rimaste con: poppate mattutine riavvicinate (che possono essere 2 o 8 dalle 6 alle 9),poppata digestiva dopo pranzo, poppata serale prima della nanna e poppata nel cuore della notte. Cerrto ci è voluto un po' ,il percorso non è filato sempre
liscio come l'olio ma ora le mia sise hanno riacquistare un posto nel reggiseno!!!
Ah...bisogna sempre avere un piano...anche se...due sarebbe meglio 😊😊

🌸 Carlotta • ott 1, 2018

Grazie per avermi raccontato la tua esperienza, Vittoria! Hai proprio ragione, bisogna essere fiduciose e positive! Ce la faremo, dopo solo una settimana di una routine un po' più rigida, sta già andando molto meglio la maggior parte dei giorni 🙋🏼‍♀️ Un abbraccio 🌸

Giulia • ott 7, 2018

Ciao! anche io sono in fase di riduzione tetta. Bianca ha solo otto mesi ma sta iniziando a mangiare qualcosa di solido, inoltre io mi sono accorta che avevo bisogno di darci un minimo di regola per sentirmi tranquilla... e così ho provato a fissare degli orari (flessibili) mentre finora ero sempre andata a richiesta. Per ora sembra funzionare. Poco a poco, più si abituerà a mangiare altro, più cercherò di ridurre. Penso che sia importante per noi mamme rispettarci quando sentiamo di essere arrivate al limite... e secondo me quando siamo davvero convinte e tranquille della nostra decisione, lo sentono anche loro e si abituano più facilmente. Andrà benone per voi! In bocca al lupo ;-)

🌸 Carlotta • ott 8, 2018

Ciao Giulia, grazie per il tuo commento! Mi fa piacere sapere che fissare degli orari, seppur flessibili, stia portando buoni risultati per voi! Effettivamente, devo ammettere che pensavo ci avrebbe messo di più, ma in solo due settimane ha iniziato ad allattare solo più al mattino, metà pomeriggio e per dormire (quando sono in casa) e la maggior parte dei giorni non me lo chiede nemmeno fuori dai quegli orari. Mi sento molto meglio e anche molto più disponibile nei suoi confronti, ha davvero fatto una grande differenza! I bimbi si adattano incredibilmente facilmente: lo so bene, ma ogni volta mi stupiscono! Un abbraccio

Rosalba • ott 12, 2018

Volevo dire a Giulia, la tua bimba però è piccolissima, a quell'età il latte materno dovrebbe ancora essere l'alimento dominante. E' vero che è in fase di svezzamento, ma fino ai 12 mesi le linee guida OMS e del Ministero della Salute raccomandano che l'alimentazione complementare non dovrebbe sostituire le poppate. Io ti consiglierei, se proprio senti l'esigenza di darle degli orari, di farlo dopo l'anno.

🌸 Carlotta • ott 14, 2018

Sono d'accordo sull'allattare fino all'anno, anzi, io per i miei bimbi ho da sempre voluto allattare almeno fino ai due anni! Ma sono anche sempre più convinta che una mamma debba ascoltare il proprio corpo in primis, anche se dice di ridurre l'allattamento a richiesta prima di quanto consiglino le linee guida (che io, personalmente, ho sempre seguito proprio poco, ops!).

Credo che una mamma tranquilla e serena, a lungo andare, sia molto più importante di un paio di mesi di allattamento in più o in meno, specialmente se si ha allattato a richiesta per otto mesi (diverso, personalmente, penso sia la decisione di allattare o non allattare, ma questa è un'altra storia).

Non mi stancherò mai di dirlo, la flessibilità è la migliore alleata della maternità! :-)

Rosalba • ott 12, 2018

Ciao Carlotta, la mia Emily si chiama Federica e adesso ha 16 mesi. Lei è diventata super attaccata alla tetta da quando ha compiuto 1 anno, e io devo dire che ne sono felicissima (al momento ;) ), perchè quando era più piccola era più allattamento ad offerta che a richiesta, e fuori casa non potevo mai allattarla perchè lei si distraeva tantissimo e le ciucciate duravano 5 secondi netti. Dopo l'anno si è rovesciata la situazione, ancora non parla, dunque letteralmente mi spoglia quando la vuole, e la vuole spesso!
Io al momento sto benissimo così, forse perchè ho il rimpianto amarissimo (per vari problemi) di non essere riuscita ad allattare il mio primo bimbo, che adesso ha 4 anni, e quindi con lei è una sorta di rivincita. Ma c'è anche da dire che non mi pesa anche perchè l'allattamento per me è stato, ed è ancora, un validissimo alleato la notte: Gabriele si svegliava mille volte a notte i primi 2 anni, pur non essendo allattato (e la leggenda metropolitana che i bambini non allattati al seno dormono tutta la notte), e io mi dovevo alzare di continuo per preparare biberon, cullarlo, raccogliere il ciuccio da terra...per 2 anni ho dormito al massimo 4 ore spezzettate di notte, e la mattina come uno zombie mi dovevo alzare per andare a lavoro...una vitaccia!
Con Federica, grazie all'allattamento, ho fatto nottate solo quando stava male...da quando era appena nata, appena la sento muoversi le do il seno nel dormiveglia e non si sveglia mai del tutto. Soprattutto io, anche se mi sveglio diverse volte, continuo a riposare e non devo alzarmi dal letto...cosa da non sottovalutare!
Il mio piano al momento è continuare così...certo, poi chi può sapere cosa ci riserva il futuro :)
Buona attuazione di piano a te...effettivamente dicono tutti che intorno ai 2 anni spesso i bambini diventano "ossessionati" dalla tetta...vedremo se anche per la mia Fede sarà così (e anche lei ha un bel caratterino dominante, per cui immagino il tuo stress).

🌸 Carlotta • ott 14, 2018

Ciao Rosalba, grazie per il tuo commento e per avermi racontato la tua esperienza!

Prima di tutto, sono con te sulle leggende metropolitane dei bambini non allattati che dormono tutta la notte (e su tutte le leggende metropolitane dell'allattamento, in primis quella di mia nonna del "non avevo latte"): ho sempre allattato Oliver di notte e ha sempre dormito decentemente, svegliandosi massimo tre volte a notte. Ma è anche vero che con Emily togliere il seno di notte ha aiutato molto e ora dorme tutta la notte (anche se spesso nel nostro letto)… quindi, insomma, sono sempre più convinta che con i bambini sia vero tutto e il contrario di tutto.

Il mio piano sta funzionando, yay! Emily chiede solo più al mattino, per il pisolino pomeridiano (a volte, e se no glielo offro io, perché preferisco offrirlo che sentirmelo esigere) e alla sera! Il mattino è ancora un po' work in progress perché la vorrebbe prima di quando voglio dargliela io e ora con il cambio dell'ora ci sarà da divertirsi ;-) Ma in generale mi sento molto meglio, lei è molto meno ossessionata e così potrei allattarla anche fino ai 18 anni! (No, scherzo, piano piano stiamo arrivando ad un termine).

Un abbraccio stretto stretto e in bocca al lupo con Federica <3

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!