La Tela di Carlotta
it en es

Cameretta Montessori 12-18 mesi (+home tour)

nov 15, 2016

Dopo parecchi mesi dall’ultimo post sulla cameretta Montessori di Oliver (ambiente preparato 10-12 mesi), oggi ti porto a fare un giro del nostro appartamento e ti faccio vedere come lo abbiamo “montessorizzato”: a partire dall’anno, infatti, Montessori esce dalla cameretta ed entra in tutta la casa, quindi oggi ti faccio vedere anche gli altri ambienti.

Spero ti serva per prendere spunto, ma se vuoi continuare il tuo viaggio Montessori a casa con i tuoi piccoli e ricevere assistenza diretta e personalizzata, il mio Starter Kit Montessori è quello che stai cercando!

La cameretta di Oliver

Prima di tutto, come puoi vedere, dall’ultima volta che hai visto la cameretta (ambiente preparato 10-12 mesi), abbiamo sempre la stessa mensola, solo alcuni giochi sono cambiati.

Ruotiamo sempre 5 o 6 attività sulle mensole, in questo caso abbiamo la frutta da tagliare Beluga, i cubi Goula, il puzzle Janod con gli animali della fattoria, un puzzle quadrato dei fratelli Grimm’s, le forme geometriche Plantoys, e una cesta con un libro da colorare, dei pastelli a cera e dei fogli bianchi.

Vicino, sul pavimento, abbiamo una scatola di Duplo 1.5-3 anni, che sono una delle ultime introduzioni, perché… be’, come può un bimbo crescere senza Duplo/Lego? ;-)

Ai piedi del letto abbiamo le palle di Oliver che non sappiamo mai dove mettere, e una cesta con il nostro primo trenino Brio, che Oliver non utilizza ancora molto senza il nostro aiuto per costruire la ferrovia, ma poi adora far viaggiare i trenini.

Abbiamo anche aggiunto il tavolino con le sedie Lätt che per i primi mesi erano leggermente alte per Oliver, ma ora può sedersi senza aiuto. Sulla parete, le nostre cornici dove facciamo ruotare immagini che interessano ad Oliver: prima erano gli animali, ora i veicoli (nel mio Starter Kit Montessori trovi vari set di animali e veicoli da stampare e intercambiare alle pareti).

Nella cesta vicino al tavolo, i libri di Oliver (anche questi ruotano, gli ultimi che ho comprato sono quelli della serie Montessori: map work, letter work, number work, shape work).

Ad una parete abbiamo attaccato dei pomelli adesivi dove lasciamo due magliette e due pantaloni normalmente, in modo che Oliver possa scegliere cosa mettersi autonomamente al mattino.

E ora continuo con un piccolo home tour.

Il bagno

In bagno abbiamo solo adattato il bidet ad essere il lavandino di Oliver. Abbiamo attaccato un porta spazzolino a ventosa e un gancio adesivo per un asciugamano e gli abbiamo messo a disposizione una saponetta. Per il momento questi piccoli cambiamenti in bagno sono sufficienti e stanno funzionando alla grande per noi.

L'entrata

Nell’entrata, abbiamo attaccato un gancio per il suo zainetto e la giacca e abbiamo messo uno sgabello basso dove Oliver possa sedersi per mettersi le scarpe, ma per ora (forse perché è leggermente alto) preferisce provare a mettersele da in piedi.

Per il momento, raramente attacca lo zainetto al gancio perché arriva da scuola sempre addormentato, ma ci stiamo lavorando (soprattuto stiamo cercando di insegnargli che per prendere lo zainetto deve spingerlo verso l’alto e non tirarlo verso di sé… da tutto si impara qualcosa).

La cucina

In cucina, oltre alla già famosa torre d’apprendimento che usiamo ancora oggi, abbiamo dedicato una mensola aperta a Oliver con una caraffa d’acqua (con poca acqua), un bicchiere, uno straccio per asciugare (che non vedete nella foto perché è stata un’aggiunta dettata dalla necessità), una tazza con alcune posate e dei piatti.

Ma onestamente Oliver non sta ancora utilizzando questo ambiente: per ora si diverte solo a mettere l’acqua nel bicchiere e poi rovesciarla per terra, e/o passare le posate dalla tazza al piatto. Sto cercando di insegnargli a preparare il tavolo prima dei pranzi, ma per ora la vita pratica in cucina non la dominiamo ancora. :-D

La sala

Da quando ci siamo trasferiti, la sala è parecchio minimalista e visto che abbiamo un’intera parete vuota, a volte attacchiamo un grande pezzo di carta e dipingiamo insieme con pennelli, rolli e, ovviamente, le nostre dita.

Qui si conclude il nostro home tour, spero ti sia utile per apportare alcune modifiche Montessori nella tua casa. Se ti è piaciuto, per piacere, condividilo su Facebook per far conoscere questo bel metodo ad altre famiglie.

Vuoi integrare Montessori in casa tua?

Se come me ti interessa il metodo Montessori per l’educazione dei tuoi bimbi, sono sicura che il mio Starter Kit Montessori ti piacerà tantissimo: è un corso pratico per chi vuole iniziare Montessori in casa e include i link a tutti i prodotti e i giochi per età che abbiamo utilizzato noi e i tutorial per creare le tue giostrine Montessori. È online, flessibile, personalizzato e costa come un libro!

Commenti

Gabriele • nov 16, 2016

Quante belle idee!!
Grazie per condividerle, non vedo l'ora di sperimentarle.
P.S. Il bidet lavandino e' geniale ;)

Buon compleanno e buona salsa per Sabato!

🌸 Carlotta • nov 16, 2016

Grazie Gabriele! Mi fa molto piacere che ti piaccia, ci ho lavorato tanto, ma ci tenevo fosse il più completo possibile perché questa fase è meravigliosa per liberare il potenziale dei nostri piccoli! Come procedete voi? Spero vada tutto bene! Vi abbraccio 🌸

Giulia • nov 16, 2016

ciao Carlotta, tutto molto interessante!Anche io vorrei utilizzare il bidet come lavandino, ma mio marito non vuole :( è medico...ha le sue fisse...dice che non è igienico..scusa la domanda, ma voi lo usate anche come bidet ;) ? I giochi sono simili ai nostri, io ammetto che rispetto ai primi tempi adesso li ruoto meno, ma comunque lo faccio sempre e trovo un rinnovato interesse ogni volta. noi siamo un po' meno minimalisti di voi, ma ceroni ogni caso di fargli trovare sempre degli spazi che lui riconosce adatti per lo scopo a cui sono destinati. Grazie dei tuoi suggerimenti come sempre.
Ps: ti ho lasciato qualche settimana fa un commento sul post di Jolly Phonics, l'hai per caso letto?Ti chiedevo un consiglio. Grazie e a presto! Giulia

🌸 Carlotta • nov 16, 2016

Ciao Giulia, mi trovi a computer e allora ti rispondo subito. Grazie per il tuo commento! Domanda legittima! No, noi non lo usiamo come bidè, lo trattiamo come il suo lavandino (facciamo uno sforzo per usare il bidè dell'altro bagno): avevo pensato di dedicare il bidè dell'altro bagno, ma poi abbiamo notato che funziona molto meglio se siamo tutti insieme nello stesso bagno perché ci laviamo i denti insieme, le mani insieme etc

PS. Ora cerco il tuo commento sul post di Jolly Phonics e ti rispondo, mi deve essere scappato! Scusami!

Giulia • nov 17, 2016

Grazie Carlotta per la tua risposta :) Abbiamo un secondo bagno ma, ahimè..senza bidet e siamo in Italia!!!Quindi per ora salvo cambiamenti non lo useremo come suo lavandino; comunque utilizziamo da mesi la scaletta Ikea (come quella della Torre di apprendimento ma senza torre) per utilizzare il lavandino principale e lui ormai sa accostarla, salirci sopra, aprire l'acqua e prende il sapone e il suo spazzolino..quindi più o meno uguale. Anche noi abbiamo il carrello Ikea e solitamente ci metto la sua acqua, senza brocca però. Ora ti rispondo per Jolly Phonics ;) grazie di nuovo!

veronica bartolucci • nov 16, 2016

Idee moooolto belle....per adesso accantono...il mio IAN ha 6 mesi! Ma che sicuramente riprenderò a breve!!!

🌸 Carlotta • nov 21, 2016

Ciao Veronica, grazie per il tuo commento! Magari ti interessa il post sulla cameretta Montessori 0-6 mesi e sulla cameretta Montessori 7-9 mesi? Un abbraccio

Giusy • nov 16, 2016

Ciao!
Ti leggo da mesi ormai. Sono reduce da un trasloco infinito con lavori in una casa non mia per problemi di muffa abbastanza consistenti. Quindi inutile dire il caos più totale! Adesso la situazione sembra essere rientrata e finalmente stiamo quasi terminando la sistemazione della stanza del mio piccolo che a giorni compie 11 mesi. Adesso dormiamo tutti nella stessa stanza compreso il cane e per il suo spazio onde evitare di metterlo sul pavimento che si sgretolava per umidità lo tenevo nel box o su un tappetone di quelli a puzzle che poi la sera smonto per mettere il lettino. Per fortuna viviamo a lampedusa e lui esplora gattona e gioca con la natura sulla spiaggia. Fino a 2 giorni fa eravamo li! Ci sono 23 gradi! Vorrei chiederti quindi visto che inizierò tardi con la stanza cosa mi consigli?ti avevo anche inviato una mail. L'hai letta? Grazie mille!

Giusy • nov 16, 2016

Dimenticavo:la soluzione ikea per noi é poco fattibile. Ci hanno chiesto 309 euro per spedirci qualsiasi cosa. Oltre alle spese di spedizione!

Sara • nov 17, 2016

Fantastico Carlotta
adoro tutto soprattutto l'idea in bagno e cucina. Giorgia adora giocare giocare col bidet e renderlo il suo lavandino è un ottima idea per unire l'utile al dilettevole, quindi ruberemo sicuro l'idea.
Per la cucina non aveno ancora pensato a introdurre il discorso preparazione tavolo ma visto che Giorga adoro questo ambiente (avendo un open space è anche difficile non farla entrare) penso che utilizzerò il ripiano medio del carrello ikea che abbiamo come porta affettatrice come suo ripiano personale.

Grazie mille, è sempre un piacere prendere spunti da te

Sara

Stephany • nov 18, 2016

Ciao Carlotta, ti leggo spesso ma questa è la prima volta che commento. Anche noi stiamo facendo un percorso simile al vostro con la nostra Chloe di 14 mesi. Sto preparando anche io un post sulle novità in casa nostra. Proprio in questi ultimi mesi abbiamo aggiunto nella sua cameretta un tavolino e una sedia e l'appendiabiti che lei adora si sente proprio indipendente quando stiamo per uscire e va a prendere la sua giacca e la cuffia.. Non so cosa fare con il bagno perché non abbiamo il bidet e in più il nostro bagno è piccolissimo, penso che l'unica soluzione sia utilizzare la torre di apprendimento per arrivare al lavandino, ma la noia è che la devo sempre ritirare. Hai per caso qualche suggerimento?
A presto.

🌸 Carlotta • nov 28, 2016

Ciao Stephany, grazie per il tuo commento e complimenti per il tuo blog, molto carino. Guarda, il bagno è complicato senza il bidet e la torre (o una semplice scaletta di quelle antiscivolo come quelle che vende IKEA per il bagno) è forse la soluzione più comoda alla fine. Ma ho anche visto famiglie mettere ad altezza bimbo il parta spazzolino e l'asciugamano e usare un semplice contenitore che riempiono con acqua e appoggiano su un ripiano basso (o addirittura sul WC, chiuso ovviamente) dove il bimbo può lavarsi le mani e la faccia e addirittura i denti (il lavaggio indipendente dei denti a questa età è più simbolico che altro e siamo noi a lavare i denti ad Oliver per davvero, lui per ora mette solo lo spazzolino in bocca e ciuccia ahah). È così che i bimbi si lavano le mani nell'aula Montessori. Qui puoi vedere una foto di qualcosa di simile. Magari potrebbe essere un'opzione?

Sabrina • mag 30, 2017

Davvero funzionale,io invece sono indecisa se utilizzare uno sgabello per far utilizzare il lavandino "dei grandi" invece del bidè ma per ora è presto valuterò fra un paio di mesi! Volevo chiederti cosa ne pensi delle tende "tepee" ovvero tende indiane da gioco ? mi piacciono molto e sto valutando l'idea di realizzarne una o comprarla per il primo compleanno del mio Leo :-)

🌸 Carlotta • mag 31, 2017

Anche noi avevamo considerato lo sgabello per usare il lavandino dei grandi, ma non lo abbiamo fatto per mancanza di spazio. Se hai un bagno grande, te lo consiglierei sicuramente. E le tende, le adoro! Se avessi più spazio in camera o un giardino, io qui a Marbella le ordinerei senza dubbio qui: https://www.facebook.com/MissTeeP 😊

Linda • lug 19, 2018

Bellissime idee cercherò di metterle in pratica anche io grazie!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!