La Tela di Carlotta
it en es

Bangkok con bambini

gen 27, 2020

Questo post non è sponsorizzato in alcun modo. Condivido per amore della condivisione. Ma ci vuole molto lavoro per creare una guida di viaggio per genitori come questa, quindi se ti piace, per favore, condividila in ogni modo possibile (inviala via e-mail agli amici, condividila su Facebook, Instagram… e non dimenticarti di taggarmi @lateladicarlottablog)


Non ho scritto molto su Bangkok durante il nostro soggiorno lì, ma non perché ho avuto un rapporto difficile con la città. Al contrario. Se chiedi ad Alex, ti dirà che Bangkok non è sicuramente il suo posto preferito, ma a me è davvero piaciuta.

Certo, è rumorosa e puzzolente, non molto bella e sicuramente non affascinante come Chiang Mai, ma esplorarla con i bambini è facile grazie allo skytrain, ci sono grandi parchi verdi, bei ristoranti, opzioni vegetariane, molti bar per famiglie che mi hanno permesso di lavorare, e (bonus!) c’è salsa letteralmente ogni sera da qualche parte in città. Non ero triste di lasciarla e trasferirmi in Vietnam, ma avrei potuto rimanere più a lungo.

Il più grande lato negativo?

La qualità dell’aria. È qui che siamo entrati in contatto per la prima volta con una dura realtà: la buona qualità dell’aria non è qualcosa che tutti possono dare per scontato come facciamo noi in Europa. Qui a Bangkok abbiamo iniziato a indossare le maschere, perché l’AQI (Air Quality Index) era quasi sempre più di 150, quando dovrebbe essere tra 0 e 50 per essere salutare.

Abbiamo scaricato un’app in cui potevamo controllare l’AQI (si chiama AirVisual) e dopo approfondite ricerche per capire quali siano le maschere migliori, abbiamo scelto un marchio chiamato StyleSEAL e abbiamo iniziato a indossare le nostre maschere ogni volta che eravamo fuori.

Consigli pratici per visitare Bangkok

Prelevare a Bangkok

Ogni bancomat ti addebiterà una commissione di 220 baht, quindi ti consiglio di prelevare il più possibile appena arrivati in ​​Tailandia.

Acqua potabile a Bangkok

Come nella maggior parte del sud est asiatico, ad eccezione di Singapore finora, l’acqua del rubinetto è vietata. Non devi berla e non consiglierei nemmeno di usarla per cucinare: dopo la prima settimana in Tailandia, però, abbiamo iniziato a usarla per lavarci i denti (tranne Emily che non sapeva ancora sputare) e siamo stati tutti bene.

Nella maggior parte dei condomini, puoi trovare un distributore d’acqua, quindi invece di acquistare tante bottiglie d’acqua da 1,5 L, che non è molto ecologico, acquistane una grande e continua a riempirla nei distributori (è anche più economico).

Muoversi a Bangkok con bimbini

Il Grab ti porterà ovunque (anche se di solito ci vuole un’eternità per via del traffico), ma il modo più conveniente per muoverti a Bangkok è lo Skytrain: la linea blu ti porterà praticamente ovunque valga la pena visitare, ed è il trasporto pubblico che noi abbiamo usato di più.

Per semplificarti la vita, il primo giorno vai in una biglietteria di una qualsiasi stazione BTS (Bangkok Sky Train) e acquista una Rabbit Card: ti costerà 100 baht più una ricarica di corse (io ho acquistato 15 corse la prima volta e 25 la seconda tempo, e le ho finite tutte in tre settimane… sono andato molto a ballare salsa ;-). I bambini sotto i 90 cm non pagano e per i bambini sopra i 90 cm puoi acquistare una Rabbit Card Junior (che offre tariffe leggermente più economiche).

Dove alloggiare a Bangkok

Preferiamo sempre stare leggermente fuori dalle aree turistiche per sperimentare un po’ più di autenticità, ma cerchiamo sempre di scegliere un posto il più vicino possibile al trasporto pubblico più conveniente.

A Bangkok, è sicuramente la linea blu dello skytrain, quindi noi abbiamo deciso di stare all’Ideo Verve Condo proprio di fronte alla stazione dello skytrain On Nut: essere così vicini al treno ha reso tutto molto più facile con i bambini ed essere leggermente più lontani dal centro è un po’ più economico.

Il miglior modo di andare da Bangkok a Chiang Mai (e viceversa)

Se devi andare da Bangkok a Chiang Mai o viceversa e ti stai chiedendo come fare, non ci pensare due volte: il treno notturno è sicuramente il modo migliore e più conveniente. Sì, anche con i bambini!

Acquista i biglietti molto in anticipo: noi li abbiamo presi tre settimane prima e tutte le cabine private erano occupate, quindi abbiamo viaggiato in seconda classe, nel “corridoio”: non è privato, ma dato che abbiamo comprato quattro posti abbiamo avuto un’intera “sezione” per noi, che ha funzionato bene.

L’unica cosa che non mi è piaciuta in seconda classe è che non hanno mai spento le luci, quindi ho faticato a dormire (i bambini hanno dormito bene, però).

Se sei indeciso sul prendere un treno notturno o meno con bambini piccoli, sappi che lo adoreranno, sarà un’esperienza incredibile di per sé e risparmierai una notte d’albergo ;-) Ma non dimenticarti i maglioni, fa davvero freddo lì dentro!

Bar per famiglie (con o senza area giochi) a Bangkok

Little Pea Kids Commons

Il Commons è uno splendido centro commerciale e edificio (ha vinto premi di design per due anni consecutivi) e Little Pea Kids si trova al 2° piano, chiamato Play Yard.

È diventato il mio ufficio durante il nostro soggiorno a Bangkok e non potrei consigliarlo di più:

  • Hanno un'area giochi GRATUITA (non comune a Bangkok) con una selezione di giocattoli, molti libri, un'area LEGO e la loro super Wonderwall (un concetto molto carino!), dove i bambini possono giocare mentre i genitori si godono un caffè;
  • Il menu è salutare e il cibo che servono è delizioso, quasi gourmet!
  • Ultimo ma non meno importante, offrono un servizio di "baby parking": lasci i tuoi bambini in una sala giochi (con molti giocattoli e personale qualificato che farà attività con loro!) e puoi rimanere a lavorare o uscire per un pranzo/caffè dentro o fuori al centro commerciale.

Le tariffe per il baby parking sono 200THB/ora per bambino la prima ora e 100THB/ora per bambino per le ore successive. Inutile dire che Oliver ed Emily lo hanno adorato e mi hanno chiesto di tornare ancora e ancora.

WebsiteFacebookGoogle Maps

Princess Cafe

Questo è un bar carinissimo vicino alla stazione BTS On Nut con buon cibo, un grazioso giardino e l’attrazione principale per i bambini: il coniglio B5! I proprietari sono adorabili e ci hanno dato molti consigli su dove andare e cosa fare durante il nostro soggiorno a BKK (hanno anche un piccolo opuscolo di viaggio fatto da loro per i clienti!).

FacebookGoogle Maps

Mari Go Round

Questo posto è davvero carino, ben curato, e il cibo è OK (non eccezionale, ma abbastanza buono da non dover andare a cercare un altro posto per pranzo). Ho trascorso un’intera giornata molto rilassante qui con i bambini e ho potuto lavorare a lungo indisturbata. Lo consiglio vivamente.

FacebookGoogle Maps

Better Moon Cafe

Se vuoi visitare il mercato del cibo di strada a On Nut, ti consiglio vivamente di venire qui: è un caffè eco-friendly e ti permettono di prendere in prestito piatti e forchette in modo da non dover usare plastica monouso al mercato.

Noi siamo venuti spesso qui molto a pranzare, dato che i bambini adoravano il cibo, il piccolo angolo in cui potevano sedersi e disegnare e le cameriere che giocavano sempre con loro.

FacebookGoogle Maps

Le nostre aree gioco preferite a Bangkok

Se stai cercando un modo semplice per stancare i bambini dopo una mattinata di visite turistiche, un’area gioco è ciò di cui hai bisogno (se paghi 3 ore, l’ora è più economica). È fantastico anche se devi fare shopping, perché queste aree giochi sono di solito nei centri commerciali: basta alternarsi con il tuo partner (non puoi lasciare i bambini da soli) e voilat!

Porta SEMPRE le tue calze o dovrai comprarle lì.

Playmondo al Central World (stazione Chit Lom), 2° piano

  • Pulito, bello, versatile, io… ehm, I BIMBI hanno adorato quest'area giochi ;-)
  • C'è un bar, ma il cibo non è eccezionale. Per un pranzo veloce o una cena anticipata, opta per una pizza al piano superiore a Pizzaiola by Massilia.
  • Vicino a Playmondo c'è un negozietto di abbigliamento per bambini chiamato Once Upon a Time (tutto made in Thailand) dove abbiamo trovato abiti molto carini per Emily.

WebsiteGoogle Maps

Kidzoona al Gateway Mall (stazione Ekkamai), 4° piano

  • Grande, pulito, molte attività diverse.
  • Ci sono animazioni e giochi musicali durante il giorno (Oliver ed Emily non sono mai interessati a queste animazioni, quindi continuavano a giocare).

WebsiteGoogle Maps

Che cosa vedere a Bangkok con bambini

Non abbiamo visitato molto a Bangkok, più fuori porta. Ma queste sono state sicuramente le nostre visite preferite:

Non perderti la biblioteca per bambini al Lumpini Park!

Onestamente, il parco Lumpini è una delusione (Benchasiri Park è più piccolo, ma molto più carino), e il parco giochi non è nulla di speciale, ma vale la pena andare con i bambini solo per vedere le lucertole giganti che vagano libere nel parco, e poi non puoi assolutamente perderti la biblioteca, che ha una delle aree per bambini più belle che io abbia mai visto!

Chiusa il lunedì.

Google Maps

Il mercato dei fiori e l'ENORME Buddha sdraiato

Consiglio vivamente di andare al mercato dei fiori: è pieno di contrasti (per un contrasto ancora maggiore, prenditi un gelato al delizioso Farm to Table Organic Cafe, sembra impossibile che un bar così esista in un post così ;-)) e camminare per i vicoli coperti di fiori sarà come entrare in un altro mondo. Per arrivarci, prendi la nuova metropolitana di Bangkok e scendi alla fermata Sanam Chai Station che è particolarmente bella.

Da qui, potrai raggiungere a piedi il famoso Reclining Buddha (Buddha sdraiato), che merita sicuramente una visita: non importa quanto pensi che sia grande, sarà più grande! E poi il Buddha gigante non è l’unica attrazione, anche il tempio è di per sé sorprendente: vai intorno alle 17:00 per vederlo sia alla luce del giorno che quando accendono le luci di notte.

The Snake Farm (la fattoria dei serpenti)

Consiglio vivamente questo posto per i bambini (grazie, Mush!). La “fattoria” dei serpenti è sicuramente qualcosa che non troverai in molte guide di viaggio: è un peccato, perché merita davvero una visita!

La fattoria dei serpenti fa parte del centro della Croce Rossa, ha 95 anni ed è la seconda più grande fattoria di serpenti al mondo! Anche il lavoro che svolgono qui è molto importante: studiano i serpenti, estraggono il loro veleno e creano antiveleno per le specie di serpenti più mortali.

Se vai, non perderti la presentazione “snake handling”, dove ti insegnano a riconoscere diversi serpenti nella natura (può salvarti la vita!).

Estrazione del veleno: dal lunedì al venerdì alle 11:00.Snake handling: dal lunedì al venerdì 14:30; fine settimana e festivi 11:00.

WebsiteGoogle Maps

Bangkok a Novembre: il festival Loi Krathong

Noi siamo stati a Bangkok a novembre e, oltre a essere un mese perfetto per visitarla, abbiamo potuto unirci alle celebrazioni del festival Loi Krathong, dove tutti vanno a un fiume o a un lago per rilasciare i loro Krathong (bellissime “barche” a forma di loto) nell’acqua, lavare via i loro peccati e rendere omaggio alla dea del fiume per buona fortuna.

Noi l’abbiamo celebrato nel parco Benchasiri, e abbiamo fatto il nostro Krathong a mano con materiali trovati al mercato la stessa mattina (ci sono bancarelle apposta, ma puoi anche comprare il Krathong già fatto all’entrata del parco) e abbiamo semplicemente adorato questa piccola tradizione.

Gita di un giorno da Bangkok: Wat Bang Kung + mercato ferroviario Mae Klong + mercato galleggiante Amphawa

Sapevamo di voler vedere il famoso mercato ferroviario e un tipico mercato galleggiante thailandese, quindi abbiamo deciso di combinarli in una gita di un giorno.

Abbiamo scelto questo tour privato con Klook.

Tempio Wat Bang Kung

Wat Bang Kung è sicuramente uno dei templi più singolari e memorabili che abbiamo visitato in Tailandia: il grande albero di banyan che lo circonda ne è diventato una parte integrante e le sue grandi radici sono molto probabilmente il motivo per cui questo antico tempio sta ancora in piedi.

Questo minuscolo tempio ha anche visto l’addestramento di migliaia di abitanti del villaggio per diventare soldati, motivo per cui vedrai statue di combattenti ovunque.

Cose curiose che abbiamo imparato dalla nostra guida:

  • Le statue del Buddha sono tutte realizzate con materiali preziosi e poi ricoperte di cemento: col passare del tempo il cemento si degrada e la statua rivela i suoi “veri colori”.
  • Ogni diversa posizione delle statue rappresenta una fase della vita del Buddha: le statue sono praticamente come foto della vita del Buddha.
  • Devi sempre bruciare tre bastoncini di incenso nei templi buddisti, per buona fortuna.

Mercato ferroviario Mae Klong

L’esperienza del mercato ferroviario a Mae Klong è stata quasi surreale, e probabilmente ancora oggi una delle esperienze più memorabili in Thailandia. Nel nostro tour abbiamo sperimentato il mercato ferroviario da terra e dal treno!

La guida voleva stare vicino a un bar perché era preoccupata per i bambini, ma noi abbiamo chiesto di andare nel bel mezzo del mercato per l’esperienza autentica (che consiglio vivamente!).

Cose curiose che abbiamo imparato dalla nostra guida:

  • Il mercato era lì prima della ferrovia: quando la ferrovia fu costruita, le persone si rifiutarono di cambiare il posto del loro mercato e si adattarono.
  • Oggi, 7 volte al giorno, al suono di un fischio, spostano rapidamente tutti i loro supporti e prodotti per far passare il treno… che ti passa letteralmente a pochi cm dal naso!

Mercato galleggiante ad Amphawa

Eravamo un po’ preoccupati di portare i bambini a due mercati in un giorno, ma si è rivelato fantastico! Abbiamo scelto il mercato galleggiante di Amphawa invece di quello più vicino a Bangkok o il più famoso di Damnoen Saduak, perché preferiamo sempre luoghi meno turistici. E ci abbiamo azzeccato!

Abbiamo cenato su una barca, provato il miglior gelato di cocco in tutta la Thailandia (o almeno così ci è sembrato!), e la sera siamo saliti su una barca per un giro dei canali al tramonto, fino a vedere il lucciole sugli alberi di notte (sembrava Natale!).

Fine settimana da Bangkok: isola di Koh Kood

Sapevamo di voler sperimentare la vita dell’isola in Thailandia, ma come sempre non volevamo essere circondati dai turisti, motivo per cui siamo andati a circa 350 km da Bangkok all’isola di Koh Kut (scritto anche Koh Kood).

Abbiamo svegliato i bambini, li abbiamo vestiti e abbiamo lasciato Bangkok alle 3:30 del mattino con uno zaino. Abbiamo preso un taxi di 30 minuti, un autobus di 5 ore su strade sconnesse oltre campi di riso, piccoli villaggi, monaci su moppet e cani randagi in mezzo alla strada; un veicolo non identificato che hanno chiamato “navetta”; un traghetto di 45 minuti e 2 Song Taews.

Sì, ci sono volute circa 10 ore per arrivare al nostro hotel, ma ne è valsa la pena: Koh Kut è davvero una delle ultime isole vergini rimaste in Tailandia, e il nostro hotel A La Koh Kood è il paradiso in terra. Ti dico solo questo: avevamo prenotato due notti, ma abbiamo finito per rimanerci un’intera settimana!

Ci siamo rilassati, ci siamo goduti l’acqua cristallina di un mare sempre a 30 gradi, abbiamo fatto snorkeling, giocato con i granchi, abbiamo mangiato pesce che veniva fresco ogni mattina direttamente dalla barca del pescatore e ci siamo dimenticati del mondo per un po’. Ne avevamo bisogno.

Come siamo arrivati qui

Il nostro hotel A La Koh Kood

Se hai domande su Bangkok con bambini (o senza) non esitare a scrivermele qui nei commenti. Se vuoi vedere più foto e video delle nostre avventure a Bangkok cerca Bangkok nelle mie storie in evidenza su Instagram.

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25
gen 13, 2021 • 05m
Montessori in 5': Un metodo per smettere di criticare
Ho deciso di creare una piccola rubrica sul podcast in cui vi parlo di Montessori, educazione consapevole, disciplina dolce, disciplina positiva (chiamatela come volete, io la chiamo "educazione a lungo termine" 😉) e in ogni episodio tratto un tema in soli 5 minuti. In questo primo episodio vi suggerisco un metodo (infallibile) per smettere di criticare continuamente i nostri figli (a voi piacerebbe sentirvi sempre criticati e corretti?). L'episodio è nato da questa riflessione che ho fatto s...
24
gen 8, 2021 • 31m
Viaggiare a tempo pieno: domande e risposte
In questo episodio di Educare con Calma rispondo alle vostre domande (più ripetute) sul nostro stile di vita di viaggiatori a tempo pieno: perché lo abbiamo scelto, come ci manteniamo, come permettiamo lo sviluppo sociale dei bambini e molto di più. Vi lascio anche alcuni articoli relazionati a ciò di cui parlo nell'episodio: I bambini devono uscire dalla propria zona di comfort  Vuoi un cambiamento nella tua vita? Trova la grotta! Se ti va, lasciami un commento sotto gli articoli per farmi s...
23

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!