🌸 La Tela di Carlotta
Accedi
it en es

Buon 5° compleanno, Oliver!

Mio piccolo uomo,

Oggi hai 5 anni e siamo in una fattoria in Nuova Zelanda: onestamente non riesco a pensare a un posto migliore per festeggiare il tuo giorno speciale. Nella natura, con tutta la libertà che desideri e una capra chiamata Mara che segue ogni tuo passo e ti “protegge” dalle pecore. Quando ti guardo qui, come è successo in altre fattorie, ho la sensazione che tu sia esattamente dove vuoi/devi essere.

L’anno scorso, nella mia letterina di compleanno, ti ho fatto una promessa: continuerò a conoscerti e ad adattarmi a te. Oggi stavo riflettendo se sia riuscita o meno a mantenere la promessa.

So di non essere sempre la madre di cui hai bisogno: questi primi 10 mesi da viaggiatori a tempo pieno, inoltre, hanno messo alla prova me e la mia salute mentale in modi nuovi e imprevedibili, e mentre combattevo i miei demoni personali, a volte facevo fatica ad accettare e accogliere i tuoi umori mutevoli, le tue grandi emozioni e i tuoi “non sensi” — perché il modo in cui vedi il mondo non sempre ha senso per me.

Ma ho anche trascorso più tempo che mai con te: senza scuola, amici intimi e posti familiari, tu ed Emily siete stati spesso i miei unici amici, i miei compagni di avventura quando papà lavorava, i miei sollevatori di umore e i miei controllori di sanità mentale (a volte anche esattamente l’opposto, certo, ma quello fa parte della maternità).

Abbiamo parlato più che mai. Ti ho osservato più che mai.

Ti ho visto crescere da un bambino riservato, in un piccolo uomo sicuro di sé, una persona che sa stare da solo, ma sa anche chiacchierare con gli sconosciuti, non esita a fare domande, aiuta Emily e le mostra la strada. Ti ho visto dominare paure, provare cose nuove, uscire dalla tua zona di comfort e adattarti con facilità. Ti ho visto conoscere il mondo — e mi sorprendi sempre con la tua incredibile memoria di luoghi, culture e persone. Ti ho visto convincere tutta la famiglia a non mangiare carne con domande difficili come: “Ti piacciono i maiali? Allora perché li mangi?” (Come si può discutere con questo?). Ti ho visto capire che il mondo non è sempre come lo vogliamo, ma possiamo sempre provare a migliorarlo, come quella volta in cui mi hai fatto correre dietro un sacchetto di plastica che volava per le strade del Vietnam, “così non finisce in mare”. Ti ho visto fare amicizia in tutto il mondo, senza nemmeno notare il colore della pelle o i vestiti del loro credo. Ti ho visto metterti nei panni della gente e sentire le loro emozioni in un modo che molte persone non riescono a raggiungere in una vita intera. Ti ho anche visto lottare per ciò che era importante per te, che fosse pulire la spiaggia anche se era già tardi, o dover trovare più cibo perché “la capra si è mangiata tutto e non c’è nulla per la pecora”.

Quando questi cambiamenti sono arrivati con scontri e discussioni, sono spesso riuscita, prima o dopo, a ricordare a me stessa: sono io quella che deve adattarsi. Sono io quella che deve capire, essere più paziente, più accogliente.

Quindi sì, penso di aver mantenuto la mia promessa, e penso che lo senti anche tu: mostri e accetti amore più spesso, la nostra relazione è migliorata, la nostra amicizia si è rafforzata, ci rispettiamo e ci accettiamo di più, siamo entrambi più disposti a scendere a compromessi.

Ma soprattutto penso di aver finalmente imparato che per me amarti incondizionatamente significa che non voglio che cambi, voglio cambiare io per te. Non ci riesco sempre, ma ci provo sempre.

Buon compleanno, mio ​​piccolo uomo. Non vedo l’ora di vedere cosa ci regalerà questo mese in fattoria.

Mamma

Ed ecco una piccola conversazione che mi ha fatto sorridere il giorno prima di festeggiare il tuo compleanno con Nonna a Bali:

“Papà, cosa mi regali per il mio compleanno?”“Oli, sai che non facciamo regali di compleanno, compriamo cose quando ne abbiamo bisogno”“No, lo so, voglio dire, fai qualcosa per me”“Cosa vorresti?”“Voglio che disegni un Uomo Ragno, una bicicletta e un cuore”.“Ok, Oli, quello posso farlo”.“Grazie papà”.

Papá me lo ha detto e io te li ho realizzati.