La Tela di Carlotta
it en es

Camerette ispirate a Montessori che mi piacciono

mag 10, 2016

Quando abbiamo deciso di crescere Oliver Montessori, sapevamo che non si trattava di materiali, ambiente e mobili: Montessori è prima di tutto una bellissima filosofia alla quale abbiamo deciso di adattare la nostra vita.

Ma noi abbiamo comunque deciso di rendere la camera di Oliver il più possibile Montessori fin dall’inizio, seguendo i principi base: il letto per terra, lo specchio, il tappeto da gioco con le giostrine e tutti i mobili ad altezza del bambino.

Cercando ispirazione su internet, però, mi sono resa conto che per molti Montessori è più un’etichetta per scalare le classifiche su Google: ho visto parecchie camere ispirate Montessori piene di giocattoli di plastica, probabilmente con tante luci e suoni che la nostra Maria Montessori cercava di evitare per favorire, invece, la concentrazione e la fantasia.

Quindi oggi voglio farvi vedere le camere alle quali io, personalmente, mi sono ispirata: se stai pensando di dare al tuo piccolo una camera Montessori o modificare quella esistenze per renderla più pratica e accessibile, dai un’occhiata qui sotto.

La cameretta Montessori di Otis

La cameretta Montessori di Finn

La cameretta Montessori di Sophia

La cameretta di Elise

La cameretta di Belle e Beau

La cameretta di Sara

La cameretta di Sawyer

La cameretta di Smonk You

Una cameretta Montessori

Commenti

Mari • mag 10, 2016

Ciao Carlotta e complimenti anche per questo tuo articolo! Le camerette Montessori sono stupende...
Io non conosco bene questa " filosofia di vita". Ho letto tempo fa ( spero di non sbagliare) che William e Kate ed anche alcuni grandi colossi americani dei social networks adottano per i loro figli questo metodo educativo. Mi piacerebbe tanto documentarmi. C'e' un libro in particolare che mi potresti consigliare?
Venerdi' scorso eravamo a cena con dei colleghi del mio compagno. Quasi tutti avevano bimbi piccoli ed appena ho accennato al fatto che mi sarebbe piaciuto comprare un lettino basso, a terra, mi hanno guardato male e mi hanno detto piu' o meno tutti:" non appena ti nascera' il bimbo vedrai...ti passeranno tutte ste strane idee. Purche' il bimbo dorma e faccia riposare anche i genitori si e' disposti a tenerlo nel lettone per sempre!"
Tu che ne pensi? Baci Mari

🌸 Carlotta • mag 17, 2016

Mari, grazie per il tuo commento e scusa per il ritardo nella mia risposta!

Guarda, tocchi un punto che non è più dolente solo perché ci ho fatto il callo. Infatti, in questi anni in cui io e mio marito siamo andati contro corrente con la dieta paleolitica e poi con il metodo Montessori, ho imparato una lezione fondamentale: non tutti sono aperti e pronti per il diverso. È molto più facile, e meno spaventoso, scegliere la via vecchia (la culla, per esempio). E anche noi abbiamo ricevuto le nostre belle dosi di "Quando nascerà il bimbo, vedrai…" e l'unica cosa che posso dirti è: la maggior parte di quelle persone si sono ricredute e molte hanno addirittura scelto di seguire le nostre "strane idee".

Quindi quello che mi sento di dirti è: se decidi di andare avanti con il metodo Montessori (che io ti consiglio vivamente, perché è molto di più che un letto per terra e noi ne siamo affascinati), leggi, informati, studiane la filosofia e le sue implicazioni a casa. E soprattutto, sappi difenderlo, perché temo che i colleghi di tuo marito siano stati solo un assaggio.

Per quanto riguarda i libri, io ti consiglierei di iniziare dai libri che ha scritto la stessa Maria Montessori, perché non c'è niente di meglio che leggerlo dalla mente in persona! Io non li ho letti in italiano, ma te li ho trovati su Amazon.it. Ti lascio tre titoli qui (inizierei decisamente dal primo della lista):

La mente del bambino, la mente assorbente
Il segreto dell’infanzia
Come educare il potenziale umano

Mi sembra che se clicchi il primo, nella sezione "Spesso comprati insieme" Amazon ti suggerisca un pacchetto per comprare tutti e tre insieme :-)

Spero di aver risposto un minimo alla tua domanda. Non desistere, ne vale la pena! 🌸

Gabriele • mag 10, 2016

Una gran voglia di tornare bambino... in una di queste camerette!

🌸 Carlotta • mag 17, 2016

Gabriele, credimi, anche io! 🌸

Serena • mag 24, 2016

Che belle che sono queste camerette, molte di queste le avevo già adocchiate assieme a quella di Oliver ;)
Il nostro momento si avvicina(14agosto) e qui siamo ancora in alto mare; casa da sistemare, divano nuovo da montare, cameretta di cucciola ripitturata, ma per adesso ancora vuota se non per una cassettiera e la poltrona per me da allattare. Il tempo sembra non passare eppure sembra volare e ci sembra di non riuscire a far nulla , mi sento,o più probabilmente sono, non in alto,ma in altissimissimissimo alto mare...scelta ospedale, lettino, giostrine, tutte le varie cosine che servono(chissà cosa ci servirà ahahha), finire di leggere i libri che ho preso, informarmi sui pannolini, informarmi sulle fasce per portare, millemila cose ancora incompiute. Speriamo di non scordarci nulla e di fare tutto come si deve!
È difficile riuscire a distinguere quel che serve realmente, dalle mie manie tipo "vorrei avesse una cameretta bellissima, vorrei fosse come quella che ho sempre desiderato e non ho mai avuto,vorrei vorrei vorrei" o forse è difficile più che altro capire che la cameretta non è per me, ma per lei e che lei potrebbe essere completamente diversa da me. Va beh, oggi c'è brutto tempo, io mi sento particolarmente gonfia e un po' smaniosa e quindi anche i miei pensieri sono un po' caotici e poco produttivi.
Appena la cameretta avrà preso forma ti manderò una foto se può farti piacere :)
Nel frattempo continuo a spulciare e ti ringrazio per averne postato alcune qui, gli spunti non sono mai abbastanza :)

🌸 Carlotta • mag 27, 2016

Serena, non sai come ti capisco, ma visto che anche io sono un po' come te e che sono passata non troppo tempo fa per tutti quei pensieri, compresi quelli dei giorni di pioggia, ti posso solo dire una cosa: concentrati su di te, vai a fare lunghe camminate, medita un pochino ogni giorno, respira e pensa che non appena avrai la tua piccola tra le braccia tutti questi pensieri scompariranno.

Io alla fine ero arrivata all'ultimo mese che non avevo ancora fatto nulla, ma ho poi deciso che era più importante concentrarmi sulle cose importanti: la mia salute fisica e mentale, la sua salute e il minimo indispensabile (vestiti, tanti body, pannolini, vaschetta per il bagnato, passeggino, culla per la nostra camera e seggiolino per la macchina).

Noi alla fine la cameretta l'abbiamo finita dopo che è arrivato Oliver e ne siamo stati felicissimi, perché a quel punto ci sembrava di sapere meglio quello di cui avevamo davvero bisogno (fino ai tre mesi Oliver ha dormito di notte nella culla con noi, di giorno nel passeggino, la fascia non l'ho utilizzata fino ai 5 mesi e in camera sua abbiamo usato solo il tappetino con le giostrine). Il fasciatoio era in camera nostra.

Insomma, prendi un respiro profondo, fai una lista delle cose che pensi ti servano e poi rifalla scrivendo solo quelle che sono indispensabili. Vedrai che una volta che arriva, capisci immediatamente quali sono le priorità. Ti mando un sacco di energia positiva e certo che mi farebbe piacere vedere la cameretta quando la finite! Buon fine settimana 🌸

daniela • giu 19, 2016

Ciao Carlotta che bello il tuo blog.
Noi siamo alle prese con la realizzazione della cameretta x il nostro piccolo e la nostra idea era proprio quella di fare una cameretta in stile Montessori.... E devo ringraziarti x le idee che ci faranno risparmiare sicuramente.
Hai scritto qualcosa anche relativa allo svezzamento? Adesso cerco meglio...
Buona serata
Daniela

🌸 Carlotta • giu 20, 2016

Ciao Daniela, grazie per il tuo commento! Presto, prestissimo pubblicherò una sorpresa per te e per tutti quei genitori che vorrebbero iniziare l'avventura Montessori. Seguimi attraverso la newsletter (puoi iscriverti direttamente sul blog) per non perdertela, ti piacerà!

Sì, scrivo anche di autosvezzamento, perché anche noi lo abbiamo fatto alla lettera. Ti lascio gli articoli che ho scritto finora sull'autosvezzamento e presto ne pubblicherò uno sul nostro primo giorno d'autosvezzamento, che a volte intimorisce un po'.

Un abbraccio 🌸

Marta • dic 8, 2016

Ciao Carlotta, intanto complimenti per il blog, non ho moltissimo tempo per leggere ma sono già diverse volte che cercando qualche cosa sul web approdo qui! Forse c'è un post più adatto per questo commento, ma partire dalla cameretta mi pareva appropriato ☺ Il nostro Oliver avrà tra poco 18 mesi e dorme in un lettino a terra da quando ne aveva 12 (ci stavamo giá pensando, ma dopo che in qualche modo si è catapultato fuori dal classico lettino con le sbarre la modifica è stata fatta subitissimo!) Ecco, volevo sentire la tua esperienza (e quelle di altre, nel caso) sui 'viaggi notturni' dei piccoli esploratori e su coperte e cuscini..Oliver sta poco nel letto, e più sul tappeto o pavimento. Non che mi preoccupi, ma vorrei che stesse comodo e che si sentisse sicuro..a volte si sveglia 'perso' e non riesce a tornare nel letto, oltretutto la sua cameretta non mantiene benissimo la temperatura e mi sembra crudele lasciarlo sul pavimento senza coprirlo! Abbiamo usato per un pó il sacco nanna, ma poi abbiamo voluto liberarlo così che la mattina possa alzarsi e uscire dal letto se vuole..il fatto è che lo fa mentre dorme! Qualche consiglio da condividere?

🌸 Carlotta • dic 12, 2016

Ciao Marta e grazie per il tuo commento!

Guarda, ho letto tanto di piccoli avventurieri notturni, ma non posso raccontarti la mia esperienza diretta, perché il nostro Oliver l'ha fatto molto poco. È successo solo alcune notti per un paio di mesi (che è quando sono ricorsa alla "versione nomade" del letto Montessori: puoi leggerne in questo post), ma poi ha smesso. Quando succedeva, normalmente dormiva un po' sul tappeto o con solo la testa sul letto (come vedi nella foto del post) e poi si svegliava piangendo e un po' confuso: noi lo rimettevamo semplicemente nel suo letto e voilat (fino alla volta dopo ;-) ).

Ora che ha 21 mesi, nelle rare occasioni in cui si alza dal letto (normalmente ci chiama e noi andiamo da lui), viene direttamente nella nostra stanza. Per la questione comodità e freddo, anche io, come te, mi preoccupavo perché Oliver non voleva mai essere coperto, ma ti dico quello che mi diceva sempre mio marito: se dorme significa che è comodo, e allora che dorma come vuole 😀 Be', a lungo termine ha avuto ragione lui: quando Oliver ha deciso che aveva freddo, ci ha lasciato coprirlo e ora dorme coperto (nel letto) quasi tutte le notti.

Per esperienza di altre mamme i cui bimbi erano più avventurieri, posso dirti con assoluta certezza che è una fase e che passerà: continua a rimetterlo nel suo letto quando lo trovi sul pavimento (magari per il momento ricorri a coperte calde per coprire tutto il pavimento freddo e usa pigiami caldi) e vedrai che presto deciderà lui da solo di rimanere a letto. Mi spiace non poterti essere più d'aiuto con esperienza diretta, ma spero che questo ti serva un minimo. In bocca al lupo!

Un abbraccio a te e una carezza al tuo Oliver. 🌸

PS. Se ti va e non l'hai ancora fatto, puoi iscriverti gratis alla mia newsletter e così riceverai direttamente il post nuovo della settimana via mail ogni mercoledì. Così se c'è qualcosa che ti interessa lo leggi quando hai tempo e senza doverlo cercare :-)

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!