La Tela di Carlotta

Come crescere figli ben educati

gen 15, 2015

Mi intrattengo spesso su Quora.com a leggere le domande e risposte di persone come me e te. L’altro giorno sono capitata su questa domanda “Come crescere figli ben educati?” e, visto che è ovviamente un argomento che mi tocca in prima persona in questo nuovo capitolo della mia vita, ho letto le risposte di padri e madri in giro per il mondo.

Una in particolare mi ha colpita e mi è piaciuta. Non sono ancora madre e so anche che la teoria rappresenta una minuscola percentuale in un mestiere così puramente pratico e, in un certo senso, istintivo. So cosa mi piace e cosa no di come sono stata cresciuta io stessa, di come altri genitori crescono i loro figli, specialmente i miei studenti. Mi guardo tanto intorno, mi piace osservare la gente al lavoro del vivere, ma mi piace anche leggere teorie e punti di vista — e alcune mi colpiscono più di altre, forse perché più in linea con la persona che sono oggi. Questa è una di quelle e la condivido con voi.

La scrive un papà dal Texas che inizia con una frase che mi ha incuriosita a leggere fino in fondo.


Crescere un figlio ben educato non è mai stato il nostro obiettivo. Se i nostri vicini al ristorante si lamentavano della cannuccia catapultata a mo’ di missile sul loro tavolo, io ero il genitore che difendeva suo figlio. Sono texano, queste cose non mi sorprendono.

E nonostante questo, quando il nostro primo figlio aveva quattro anni, io e mia moglie ci eravamo quasi dislocati una scapola a forza di darci pacche sulla spalla per l’ottimo lavoro che stavamo facendo come genitori. Eravamo quasi pronti a scrivere la guida del genitore perfetto.

E poi è nato il nostro secondo figlio. Bastarono tre minuti dalla nascita per capire che avevamo a che fare con una persona completamente diversa e che non eravamo affatto preparati a ciò che ci aspettava. Mentre non avevamo mai dovuto insegnare al primo il significato della parola “no”, con il secondo ci ritrovavamo a gridare “No!” un secondo sì e l’altro pure.

Il primo era stato castigato nella sua stanza una sola volta in quattro anni, per un’infrazione marginale (aveva strappato una foglia di fico). Quando mi ricordai di controllare se tutto andava bene qualche ora dopo, era lì tutto intento a costruire il suo aeroporto di Lego. “Vuoi uscire?”. “No, sto bene qui”.

Il secondo veniva spedito in camera sua parecchie volte al giorno. Non appena la porta si chiudeva… “Posso uscire ora? Per piacere, fammi uscire. Sarò bravo. Per piacere, sarò bravo. Lo prometto. Non lasciarmi qui!”.

Nonostante due inizi completamente diversi, entrambi sono cresciuti bene. Il terzo era il “disciplinario” della famiglia. Fin dai primi giorni d’asilo, voleva che tutti seguissero le regole o non aveva nessun timore a farsi sentire. “Papà, stai andando a 32 km/h”. “Sì e allora?”. “Il limite è 30”. Lo considero un castigo divino per il mio rifiuto di impartire disciplina.

Ancora oggi, lo chiamiamo “nonnetto”. Fino ad ora, non penso che abbia mai fatto nulla di sbagliato in vita sua. Quando aveva 15 anni, lo abbiamo mandato ad Amburgo a lavorare. Gli ho detto che se non fosse andato ad uno strip club sulla Reeperbahn, non gli avrei mai più pagato un viaggio oltreoceano. Mi chiamò pochi giorno prima del ritorno. “Sei andato ad uno Strip Club?”. “No”. Il giorno dopo mi richiama. “Indovina dove sono, papà”. “Dove?”. “In un vecchio club sulla Reeperbahn”. “Stai guardando le spogliarelliste?”. “No, mi sto bevendo una birra nel bar davanti. Aspetta un momento. Ecco, ora ho visto una spogliarellista. Contento?”.

Quindi potete immagine come io e mia moglie, specialmente io, non fossimo proprio i genitori modello ai colloqui genitori — invece, eravamo quelli che permettono ai bimbi di giocare con pistole giocattolo, guardare TV e film VM18, andare soli al parco… ma penso che ciò che davvero desse più fastidio agli altri genitori era che i nostri figli erano sempre più educati e rispettosi dei loro.

Come è possibile? Se non sono affatto un genitore modello? Questo è ciò che ha funzionato per noi.

Relazione.

Io e mia moglie avevamo un patto: quando i nostri figli giocavano armoniosamente, smettevamo ciò che stavamo facendo e ci univamo al gioco. Quando iniziavano a litigare, ci scusavamo e ce ne andavamo. Senza dire una parola. Ben presto, le loro sessioni di gioco armoniose si facevano sempre più lunghe nel tentativo di tenerci lì con loro — senza nemmeno sapere a che “gioco” stessimo giocando.

Viaggi e lavoro.

Fin da quando avevano 12 anni, in estate li mandavamo a lavorare da qualche parte come tirocinanti — oltreoceano dai 14 anni. I bambini crescono in fretta quando sono forzati ad avere a che fare e relazionarsi con altri adulti.

{Questo mi ha fatto pensare a mio marito, che ha fatto viaggi che farebbero rabbrividire qualsiasi madre — persino la sua, se ce l’avesse avuta. Come quello a 14 anni solo con suo fratello di 16 in una gita on the road in America, dove hanno visto di tutto, da droga a prostituzione a tipiche scene metropolitane che li hanno spaventati. Mio marito è una delle persone più indipendenti, autonome, educato e rispettose dell’altro che conosca e sono sicura che anche esperienze come questa l’hanno aiutato a diventare chi è oggi.}

Gioco.

Avevamo il miglior parco della città a pochi metri da casa. I bimbi giocavano lì ogni giorno. Non c’è nulla di meglio del gioco per sviluppare qualità sociali.

Avventura.

Correre rischi fa riflettere. Fin da quando avevano 13 anni, io e il mio collega portavamo i nostri figli al Grand Canyon a Clear Creek, chilometri e chilometri da dove la gente si spinge normalmente.

{Mi intrometto. Questa è una delle cose che ho notato nei 5 anni di insegnamento ai bambini. Se lasciati liberi di esplorare, avventurarsi, correre rischi, cadere e farsi male, i bambini sono più autonomi ed indipendenti. All’inizio saltavo e il mio primo istinto era quello di correre in loro soccorso. Poi, quando mi rendevo conto che quelle madri non si muovevano e sorridevano, ho imparato a fare la stessa cosa: da insegnante, posso dire che fa una differenza inimmaginabile nel comportamento, l’approccio ai problemi e lo sviluppo del bambino.}

Grazie.

Anni fa, passai un pomeriggio a dare Frisbi gratuiti per l’inaugurazione di un negozio. Ricordo che tutte le 300 madri in fila dicevano: “Cosa si dice?”. [il vuoto negli occhi] “Grazie!” diceva una vocina senza nemmeno guardarmi in faccia. Molto prima di essere genitore, mi ero ripromesso che non avrei fatto parte di quella farsa. Così, dicevo sempre “grazie” da parte dei miei figli. Molto presto, da quando avevano circa sei anni, iniziò ad uscire il loro proprio senso di autonomia e mi anticipavano sempre. Molto più credibile.


E mi intrometto un’ultima volta. Questa del dire grazie è una di quelle cose che ho toccato con mano con i miei studenti e che mi sono ripromessa di fare con i miei figli. Altre sono:

  • Dire sempre la verità, anche per rispondere a domande adulte, come il sesso, la droga, da dove vengono i bambini. Con il permesso dei loro genitori, ho adottato questa teoria negli ultimi due anni e posso dire con assoluta certezza che i bambini ti rispettano di più. Dentro di sé, loro sanno quando menti.
  • Non minacciare mai, nemmeno innocuamente. "Se non fai i compiti, non puoi giocare con l'iPad". "Se non ti comporti bene, non andiamo da quella amica". Queste minacce sono spesso fasulle, perché alla fine il bimbo gioca comunque con l'iPad (magari il giorno dopo) e va dall'amica se la madre ha combinato. Meglio evitarle in toto. È difficile — e lo dico per esperienza — ma si può imparare.
  • Non usare la carta "Quando avrai 18 anni". Che cosa sono 18 anni, 14 anni, 21 anni? Solo limiti imposti dalla società per mantenere la propria autorità come genitori. L'autorità non si compra con minacce o promesse di un futuro lontano o vicino, si guadagna.
  • Trattare i bimbi come adulti, da subito. Che è forse un riassunto dei punti sopra ed è ben rispecchiato nella filosofia Montessori (a cui io e marito ci siamo avvicinati da un po' e ci ritroviamo appieno e di cui parlerò presto in un post). Se non trattiamo i figli come adulti, alla nostra pari, e non siamo capaci di abbattere quel muro di "esperienza" che ci divide — e sempre ci dividerà — da loro, non avremo mai la capacità e l'apertura mentale per guadagnarci il loro rispetto — e chissà, a volte anche imparare da loro. Il rispetto va guadagnato, sia tu un figlio, un genitore, un impiegato o un datore di lavoro.

Poi, certo, tra il dire e il fare… magari tra 20 anni saprò dirvi quali di questi propositi sono riuscita a mettere in pratica e quali no. Ma credo che il primo compito di un genitore sia essere umile e intellettualmente onesto, cosa che non si può fare senza pensare a fondo, prima, a che tipo di genitore si vuole essere, indipendentemente da ciò che sarà. Per questo mi piace anche la teoria.

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 22, 2021 • 24m
La pazienza va coltivata senza scorciatoie
In questo episodio di Educare con Calma parliamo della pazienza dei bambini e di come coltivarla (la pazienza non è innata, nemmeno per Oliver ed Emily che vi sembrano tanto pazienti!). E visto che non ho trucchi o metodi specifici (o magari giusto un paio 😉), vi racconto tanti aneddoti e situazioni in cui noi abbiamo dato l’opportunità ai nostri figli di coltivare la pazienza. Spero che possano ispirarvi e motivarvi a ricercare opportunità anche con i vostri figli. Vi lascio anche un articol...
27
gen 20, 2021 • 06m
Montessori in 5': domanda invece di correggere
In questo episodio di Montessori in 5' ti invito a smettere di correggere i tuoi figli in continuazione e ti suggerisco una semplice domanda che ti aiuterà a farlo. È un minuscolo cambiamento che può aiutarti a ridurre l'attrito e le lotte di potere con i tuoi figli. A casa nostra funziona come per magia, sono sicura che aiuterà anche te! -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblici...
26
gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!