Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Come la semplicità può aiutare la creatività, in breve

1 commento
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Foto di Craig Garner

“Complicare il semplice è un luogo comune; semplificare il difficile — e semplificarlo di molto — è creatività.”

— Charles Mingus

La creatività è spesso vista come un qualcosa di indefinito, confuso, complicato, difficile. E può esserlo.

Ma non deve esserlo per forza.

L’applicazione giudiziosa della semplicità può aiutare a creare, sia che si tratti di scrivere, fare arte, disegnare, insegnare, avviare una piccola attività, o anche solo formulare idee che si trasformino in realtà.

Le persone che vogliono creare sono ostacolate da complicazioni – strumenti troppo complicati, progetti troppo intensi, le distrazioni del mondo moderno, troppi cuochi, troppe opzioni, troppo occupati.

Semplificate e molti di questi problemi scompariranno.

Diamo un breve sguardo a come la semplicità possa aiutare a risolvere alcuni dei problemi nell’atto del creare:

  • Idee. È difficile trovare idee, vero? Non necessariamente. Semplificate le cose: trovate idee molto diverse tra loro e combinatele in un modo nuovo. Questo non è l’unico modo per trovare delle idee, ma è semplice e utile.
  • Ancora idee. Invece di trovare il modo di fare più degli altri, trovate il modo di fare meno.Se il bar della concorrenza offre una vasta gamma di bevande e prodotti alimentari, voi riducete: offrite solo un tipo di caffè, ma rendetelo speciale. “Noi vendiamo solo una cosa: la tazza di caffè migliore che abbiate mai assaggiato.” Se siete blogger in competizione con scrittori che coprono una vasta gamma di argomenti, voi concentratevi su uno soltanto, ma fatelo meglio di chiunque altro.
  • Allontanate le distrazioni. Uno dei maggiori ostacoli per chi vuole creare al giorno d’oggi sono le distrazioni che arrivano da Internet, dalla posta elettronica, dalla messaggistica istantanea, dagli incontri e dalle persone che vengono a parlarci, dalle telefonate, Blackberries e iPhone. Allontanate tutto questo, in modo da potervi concentrare sulla creazione.
  • Eliminate le complicazioni. Le complicazioni sono sempre tra i piedi quando si vuole creare. Trovate il modo di semplificare i progetti, semplificare i processi, eliminare gli ostacoli, limitare le cose, eliminare alcune scelte, ma aumentate la concentrazione.
  • Concentratevi su un progetto fino a che non è finito. Questo va contro il modo in cui molte persone lavorano, e in effetti anche io, a volte, ho difficoltà a farlo, siccome spesso mi butto entusiasta in diversi progetti contemporaneamente. Ma recentemente ho lavorato seguendo questa regola e posso assicurare che non c’è modo migliore per creare. Eliminate tutto il resto dalla vostra agenda, almeno per il momento, e concentratevi su un solo progetto. Meglio se è un piccolo progetto, in modo che non occupi più di una settimana (in tal caso, dividetelo in più progetti).Poi concentratevi solo su quel progetto fino a quando è finito. Vi farà sentire bene. Solo allora passate al successivo.
  • Utilizzate un solo strumento semplice. Per quanto mi riguarda, io scelgo un solo programma di testo per scrivere (in genere WriteRoom o TextEdit).Più semplice è lo strumento, meglio è, perché strumenti con molte opzioni finiscono per distrarvi e indurvi a giocherellare con ognuna di esse.Anche solo una penna e un bloc-notes sono perfetti. Se dovete per forza utilizzare più di uno strumento, fate in modo che siano piccoli e semplici.
  • Quando sentite l’acqua alla gola, riducete. Se il progetto è troppo grande o troppo complicato o anche solo difficile, riducete. Se dovete scrivere un libro, non concentratevi su tutto il libro, magari nemmeno su un intero capitolo. Scrivete solo una sezione – qualcosa che potete fare in poche ore o meno. Se state avviando una nuova attività, non preoccupatevi di avere subito tutto pronto e funzionante – qual è il minimo che potete offrire al principio, la più piccola unità che potete creare? Concentratevi su quello.
  • Fate qualcosina ogni giorno. Se potete scrivere per 20-30 minuti al giorno, o scattare alcune foto al giorno, presto riuscirete a creare qualcosa di grande. Questo suggerimento è per coloro che pensano di non avere tempo di creare. La creazione non deve occupare tutto il giorno e non deve essere un’operazione complicata. Dedicate anche solo 20 minuti a creare, ma non fate altro in quei 20 minuti.
  • Vivete il momento, lasciate fluire la creatività. Quando create, permettetevi di essere disordinati e non ricercate la perfezione: tirate fuori qualcosa, qualunque cosa. Il modo migliore per farlo è dimenticare il passato e il futuro, concentrarvi solo sul presente. Immergetevi nella creazione e lasciatevi portare dalla corrente.
  • Eliminate il superfluo. Una volta che avete creato la prima, orribile bozza e lasciato uscire tutto, è ora di modificare e ridurre. Ricercate la semplicità.Cercate di eliminare tutto il superfluo.
  • Mettetevi in gioco. Questa è la semplice verità alla base della creazione. Dovete semplicemente mettervi in gioco. Potrebbe accadere o non accadere, potreste creare qualcosa di grande o no, ma una cosa è certa: non potete creare niente se non vi mettete in gioco.

Questa è la traduzione del post di Leo Babauta How Simplicity Can Help Creativity, Briefly.


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →



Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.