Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Il supermercato è la palestra della forza di volontà

3 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Dopo averti parlato del nostro modo di essere Paleo, ho promesso che ti avrei raccontato anche come scegliamo i prodotti al supermercato, perché è lì dove cerchiamo di essere il più Paleo possibile. La nostra regola numero uno è comprare solo prodotti buoni e sani, il più naturale e fresco possibile. In questo modo, non abbiamo tentazioni a casa e riusciamo a vivere 90% Paleo.

Ma voglio essere onesta: non è facile! Quando passiamo la sessione delle barrette di cioccolato, le mensole delle torte, i biscotti ai quattro cioccolati, i frigoriferi pieni di gelato Ben & Jerry’s… be’, è facile cadere in tentazione. Soprattutto perché quest prodotti “deliziosi” sono sempre in posizioni strategiche: ti accolgono all’entrata o ti salutano alla cassa, non c’è modo di evitarli.

Ecco perché mi piace pensare al supermercato come la palestra della forza di volontà: quando si tratta di mangiare sano, è lì che puoi allenare la mente a governare lo stomaco—invece di lasciare lo stomaco governare la mente, come accade di solito.

Fai un gioco con me. Immaginati al supermercato. Immagina di avere appena passato la sezione dei cibi “deliziosi”, di aver guardato tutto e di essere andata oltre senza mettere nulla nel carrello. Scommetto che ti senti benissimo, orgogliosa di te. Datti una pacca sulla spalla e promettiti che la prossima volta al supermercato farai lo stesso. Complimenti, hai appena allenato la tua forza di volontà!

Sfortunatamente, i comuni cibi “proibiti” non sono gli unici cibi non sani che si trovano al supermercato. Mangiare sano ha un altro nemico: gli ingredienti sulle etichette dei “prodotti sani”.

Leggi sempre gli ingredienti!

In un mondo ideale, eviteremmo tutto i cibi lavorati e compreremmo tutto organico in una piccola fattoria, dove raccolgono la frutta e la verdura direttamente dall’orto e macellano la propria carne. Questo non è solo difficile da trovare, ma anche molto costoso.

Siamo realisti: è probabile che dovrai fare un compromesso e comprare cibi lavorati. Salsa di pomodoro, tonno, maionese, carne tritata…

Ma quando si comprano prodotti lavorati, guardare gli ingredienti può fare una grande differenza.

Ho iniziato a leggere gli ingredienti dei prodotti dopo aver sentito la storia di questa mamma e sua figlia. Mi ha colpita: quanta m**** ci danno da mangiare le aziende alimentarie sotto forma di cibi sani. Lo zucchero è ovunque. L’olio di girasole è ovunque.

Quasi tutti i prodotti lavorati che compriamo al supermercato hanno MGS, che è relazionato a tanti disordini e malattie mentali. Se ti va, puoi leggerne di più qui.

Certo, puoi dire che preoccuparsi di cosa le aziende alimentarie mettono nei nostri cibi è come preoccuparsi perché l’aria che respiriamo è contaminata. Ma a differenza del respirare aria contaminata—che se si sceglie di vivere in città è inevitabile—leggere gli ingredienti dei prodotti che compriamo è un modo di assumere il controllo, di scegliere cosa introduciamo nel nostro corpo in modo consapevole e attento.

Meno ingredienti ci sono, meglio è

Quando si tratta di cibi lavorati, meno ingredienti hanno, meglio è. E tra quei pochi prodotti con pochi ingredienti, più naturali sono, meglio è. Evitiamo la margarina, l’olio di girasole, lo zucchero.

Se hai l’opzione di scegliere tra una maionese a base di olio d’oliva e una a base di olio di semi, scegli quella a base d’olio d’oliva: è più naturale e ha buoni, sani grassi. Scegli la carne tritata che non abbia mais, farina di cereali o soia (sì, spesso ce l’hanno!).

Ti faccio un esempio: io compro spesso una crema di carote della Knorr in cartoccio, che ci mi piace avere nelle emergenze (ovvero quando Oliver non vuole mangiare nient’altro). Knorr ha un sacco di diverse creme di verdura, ma io compro solo quella di carote perché è l’unica che non ha zucchero (davvero!) e in più ha pochi ingredienti. Se voglio una crema di zucca, me la cucino. Senza zucchero, grazie.

Quanto più in alto un ingrediente compaia nella lista, più ce n’è

Gli ingredienti sono elencati per quantità, quindi se il primo ingrediente nella tua barretta di cioccolato è zucchero, significa che lo zucchero è l’ingrediente principale—che c’è più zucchero di cacao e di qualsiasi altra cosa.

Può suonare sciocco, ma la posizione degli ingredienti nella lista può fare una grande differenza nella qualità del prodotto e nei suoi valori nutrizionali.

È più facile di quanto sembri

Può sembrare difficile, ma non lo è. Ci vuole solo un po’ di pratica e un po’ di tempo extra all’inizio per leggere e comprare ingredienti, ma una volta che si conoscono i prodotti buoni e quelli meno buoni, è addirittura più veloce fare la spesa perché le opzioni sono limitate.

Ti invito a provare ad usare il supermercato come palestra della forza di volontà per un mese, a comprare consapevolmente: magari non noterai un grande cambiamento nella salute (o magari sì!), ma sicuramente ti sentirai meglio e orgogliosa del tuo stile alimentare sano.


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Valentina - maggio 24, 2016

    All’uscita del supermercato sono sempre molto orgogliosa. Non potrei essere piu’ d’accordo con te! Devo dire che mi viene molto piu’ semplice (paradossalmente!!) qui a New York che in Europa. I prodotti non naturali/ bio/ organici contengono degli ingredienti talmente spaventosi che di certo non voglio integrare nella mia dieta. Un esempio: lo sciroppo d’acero che in realta’ e’ sciroppo di mais …. barrette energetiche con quantita’ di zucchero che si dovrebbe consumare in due giorni.. grassi idrogenati…

    • Hai proprio ragione, Valentina! È una giungle e possiamo solo fare del nostro meglio per sopravvivere 😂 Lì a New York, e in America in generale, la selezione è fantastica, che invidia!

  2. Me encantó tu post! Yo he adoptado la costumbre de ir lo menos posible al supermercado y sobre todo creo que será muy importante cuando crezca mi pequeña que hoy cumplió cinco meses. No quiero que ella tenga que ir todas las semanas al supermercado… Una vez al mes o una vez cada dos meses basta… Pido todo por internet una compra grande mensual y luego a la panadería de la esquina.. así evito toda tentación y elijo con pinzas lo más económico y saludable. Es fantástico! Ahorro tiempo de llegar y volver y las colas y comparaciones paseando por los pasillos. El costo de envío sale lo mismo que la bencina que gastaría así que la verdad viva el supermercado a domicilio!


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.