La Tela di Carlotta
it en es

Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli

lug 27, 2020

Ho notato che i genitori che chiedono ai figli di condividere i giochi hanno due regole. Se mio figlio vuole un gioco del loro bimbo, chiedono al bimbo di darlo. Se il loro bimbo vuole un gioco che ha mio figlio, dicono al bambino di non prenderlo, "ce l’ha l'altro bimbo".

Il loro bimbo non vince mai.

La condivisione è un concetto bellissimo, ma è vago, non ha regole chiare: noi non chiediamo ai nostri figli di condividere, sappiamo che lo faranno quando saranno pronti.

Invece, li invitiamo ad aspettare quando qualcuno ha un giocattolo che desiderano: questo promuove la pazienza.  Diciamo loro che non devono condividere se non vogliono: questo previene che si sentano possessivi con le proprie cose e sulla difensiva.

In questo modo, Oliver ed Emily hanno imparato a condividere perché vogliono, non perché devono.

Commenti

Clio • ago 3, 2020

Talmente vero! Il problema è che quando faccio questo discorso ai miei figli, gli altri genitori mi guardano come se fossi un'aliena e dal loro sguardo si capisce che ritengano me egoista e i miei figli viziati... un vero peccato, io però non cedo :-)
I miei bimbi accettano questa cosa quando sono con altri bambini, ma tra di loro (5 e 3 anni) è un continuo litigare, sono gelosi dei rispettivi giochi. Hai qualche spunto per risolvere la questione tra fratello e sorella?

🌸 Carlotta • ago 11, 2020

Hai detto bene, un vero peccato! Continua per la tua strada e in ciò che credi, spesso gli altri "attaccano" quando si sentono giudicati, ma poi magari a casa ci pensano perché hai piantato un semino nella loro testa 💕
A casa: credo che per me il vero segreto sia stato non avere mai giochi dell'uno e dell'altro (almeno agli occhi dei bimbi). Per noi è sempre stato un: "puoi usarlo quando è disponibile", e ovviamente quando Emily era piccola, se giocava con giochi più adatti a Oliver mi sedevo con lei per assicurarmi che non li maltrattasse. In questo modo anche Oliver si sentiva sicuro e poco a poco si sono abituati a fare a turno o giocare insieme. Se capita che litighino, cerco di non intromettermi troppo, faccio da mediatore più che da giudice e faccio domande più che dare risposte e soluzioni o giudizi. Spesso arrivano alle proprie soluzioni di conflitti in modi che io non avrei nemmeno pensato. 🙂

Ne ho parlato anche nelle mie storie in evidenza di Instagram "Montessori in 15", se mi segui lì puoi darci un'occhiata.

Ti abbraccio,
Carlotta

Susanna • ago 11, 2020

Grazie per averlo scritto! È bello educare i bambini alla condivisione e al rispetto delle cose comuni, al gioco insieme... ma spesso mi sembra che i "dagli il tuo gioco" e i "non essere egoista, lascialo giocare" siano spesso motivati più dal desiderio dei genitori di far apparire "beneducati" i figli, che dal buonsenso. Se ci si ferma a osservare davvero i rapporti tra i bambini si può insegnare a giocare insieme e a condividere senza intromettersi malamente e, talvolta, fare vere e proprie ingiustizie mascherate da Buona creanza.

🌸 Carlotta • ago 11, 2020

Hai centrato in pieno, sono assolutamente d'accordo con te: spesso i genitori agiscono ancora per dimostrare qualcosa piuttosto che per valori sani e importanti. Grazie per il tuo commento 💕

Cristina • ago 16, 2020

Wow, Carlotta! Se ne impara sempre una fresca! Ecco perché anni fa la mia amica non esortava sua figlia a prestare il gioco a Nicole, pur avendo la sua bimba un anno in più della mia: Nicole 2 anni e Beatrice 3.
Io, per non saper né leggere né scrivere, ho depistato la Nico su un altro gioco...con scarso successo, ma vabbè...
Però mi sono meravigliata che Rosella, padrona di casa, non esortasse Bea a prestare il gioco a Nicole.
Io ho provato, con garbo, a chiedere a Bea se potesse prestare il gioco, ma ovviamente senza successo. La bimba forse si è sentita minacciata e non faceva toccare nulla di suo a Nicole...e Rosella impassibile...
Vicolo cieco...per fortuna avevo dietro un gioco della Nico e lei ha proseguito con quello, però io ero stufa e alla fine abbiamo deciso di uscire con entrambe le bimbe. Io però non sono mai più andata da Rosella con Nicole... anche se come colleghe ci aiutiamo sempre.

Giulia • ago 16, 2020

È un bellissimo concetto che applicherò da domani stesso 😇

🌸 Carlotta • ott 5, 2020

Yay, credo sia davvero importante per i nostri bimbi sentirsi "protetti" anche nelle piccole cose (che per loro, piccole non sono)!

Veronica • ott 14, 2020

Purtroppo penso che hai perfettamente ragione quando dici che chiediamo ai nostri bimbi di essere pazienti nell’aspettate la decisione degli altri, ma nn rispettiamo la loro voglia di Non Condividere in quel momento.... e spesso, almeno per quanto mi riguarda, il timore del giudizio delle altre mamme, influisce sul mio comportamento! Me lo riconosco sempre, ma non riesco a trovare i mezzi per contrastare questo “fenomeno”... spero di riuscirci presto! Un abbraccio!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Il tavolo della pace Montessori
Audiolibri di storie reali per bambini
10.000 followers su Instagram!
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

gen 15, 2021 • 20m
Come "montessorizzare" la casa per dare indipendenza ai bambini
In questo episodio di Educare con Calma parliamo di come offrire indipendenza in casa attraverso l'ambiente. Vi parlo dell'importanza dell'ambiente (anche nelle scuole Montessori), di quanto sia importante apportare piccoli cambiamenti in casa per dare più indipendenza ai bambini, e anche di come purtroppo questo non sia sufficiente… Questo tema è uno dei primi che avevo in mente di trattare sul podcast… meglio tardi che mai! 🌸 -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non acc...
25
gen 13, 2021 • 05m
Montessori in 5': Un metodo per smettere di criticare
Ho deciso di creare una piccola rubrica sul podcast in cui vi parlo di Montessori, educazione consapevole, disciplina dolce, disciplina positiva (chiamatela come volete, io la chiamo "educazione a lungo termine" 😉) e in ogni episodio tratto un tema in soli 5 minuti. In questo primo episodio vi suggerisco un metodo (infallibile) per smettere di criticare continuamente i nostri figli (a voi piacerebbe sentirvi sempre criticati e corretti?). L'episodio è nato da questa riflessione che ho fatto s...
24
gen 8, 2021 • 31m
Viaggiare a tempo pieno: domande e risposte
In questo episodio di Educare con Calma rispondo alle vostre domande (più ripetute) sul nostro stile di vita di viaggiatori a tempo pieno: perché lo abbiamo scelto, come ci manteniamo, come permettiamo lo sviluppo sociale dei bambini e molto di più. Vi lascio anche alcuni articoli relazionati a ciò di cui parlo nell'episodio: I bambini devono uscire dalla propria zona di comfort  Vuoi un cambiamento nella tua vita? Trova la grotta! Se ti va, lasciami un commento sotto gli articoli per farmi s...
23

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!