La Tela di Carlotta
it en es

L'unico consiglio di cui hai bisogno se il tuo bimbo non dorme

giu 20, 2017

Ieri sera Emily si è svegliata ogni 30/40 minuti dalle 2.30 alle 6:00. Alle 6:00 era sveglia, sorridente e chiacchierina (devo ammettere che la sua attitudine positiva rende tutto molto più facile!), ma ero determinata a riaddormentarla. Alle 6.50, dopo 50 minuti di conversazioni accese, si è riaddormentata. Alle 7,26 era di nuovo sveglia per iniziare la giornata (con Oliver a ruota).

La scorsa notte arriva dopo diverse (decine di) notti di merda (scusate il francesismo). E quando dico di merda, intendo dire impensabilmente fastidiose ed estremamente frustranti, al punto che spesso mi ritrovo coricata a letto guardando il soffitto e fantasticando di lavarmi le mani dei bambini e prendere una camera in hotel per dormire anche solo quattro ore ininterrotte. Sì, così di merda!

Questa mattina mentre facevo colazione in modalità zombie, con lo sguardo fisso nel vuoto, pensavo ad alta voce: “Quanto possono fare male delle pillole per il sonno a un bambino?”. Sì, sono esausta. E no, non darei mai delle pillole per dormire ai miei figli.

Ma questo mi ha fatto ripensare a tutte le volte in questi quasi due anni in cui la mia amica Amanda mi diceva che Gabriel “non aveva dormito di nuovo” e ogni volta io le dicevo “È solo una fase, passerà!”. All’epoca non avevo mai veramente sperimentato la privazione del sonno come la sto sperimentato ora: Oliver non ha mai dormito tantissimo, ma dormiva a sufficienza, svegliandosi ogni 3-4 ore e riaddormentandosi nel giro di pochi minuti.

Ora che so cosa significa avere una sola notte decente in mesi, ora che ho letto l’intero Internet, che ho provato tutto quello che mi sembra accettabile e ho parlato con tante mamme della privazione di sonno… be’, anche ora le direi la stessa identica cosa. Perché nonostante odi le notti e odi andare a dormire alla sera stanca sapendo che mi sveglierò il mattino dopo altrettanto (o più) stanca, credo di aver capito con assoluta certezza l’unico e solo segreto per il sonno dei bimbi—e se anche tu non stai dormendo di notte, mi dispiace, ti deluderà:

Segui la corrente.

Tutto qui! Puoi provare quello che vuoi—ad essere sincera, io proverò ancora a darle una camomilla per vedere se la rilassa, e sono talmente stanza che ho perfino pensato all’omeopatia anche se non ci credo affatto—ma io credo che nulla farà la differenza, né il trucco dei tre minuti che ha funzionato con Oliver, né il cuscino magico che funziona per il bambino della mia amica.

Perché ogni bambino è diverso e ognuno ha i propri tempi e le proprie esigenze (a volte misteriose) e imparano al loro passo, non li si può forzare. Mai. E nessuno bambino—nessuno, nemmeno quelli che “dormono tutta la notte”—dorme tutta la notte, e se non mi credi, leggi questo vecchio post per piacere.

Ho provato per due anni a creare una routine della buonanotte in modo che Oliver fosse a letto alle 19:00 e noi potessimo avere una serata da adulti: sono stata abbastanza coerente, credo, ma non sono mai riuscita a metterlo a letto prima delle 21:30/22:00. Un giorno, pochi mesi fa, l’ha fatto lui da solo, ha deciso di saltare il pisolino del pomeriggio e alle 19:30 ci ha chiesto di andare a dormire (lo giuro!). Ora si addormenta ogni sera tra le 19:00 e le 19:30 e dorme 12/13 ore di fila. Ha fatto tutto lui da solo, io non c’entro niente.

Quindi, tutto quello che posso dirti è che, anche quando si tratta di dormire, come per tutto ciò che riguarda i bimbi, c’è una sola regola e un solo trucco: segui il bambino.

Buona fortuna a tutti (e anche a me!).

Commenti

Serena • giu 21, 2017

Ciao Carlotta,
camomilla no! Può avere la reazione opposta, ovvero di agitarli e svegliarli ancora di più!
Piuttosto una tisana al tiglio (se non dovesse bastare esiste in farmacia / erboristeria il tiglio in gocce più concentrato).
Mia sorella aveva lo stesso problema con il suo bimbo, le ha provate tutte, per 2 anni. Ha risolto con una cura omeopatica (ma so che anche i fiori di Bach aiutano in questa situazione).
Io sono stata più fortunata.. Rachele (3 anni) è sempre stata una ghiro come me e dorme tranquillamente 8-9 ore tutte le notti e un paio d'ore di pisolo pomeridiano. Da quando è arrivata la sorellina si sveglia ogni tanto di notte ma giusto 2 minuti poi si riaddormenta.
Rebecca (4,5 mesi) dorme praticamente tutta la notte, 7-9 ore di fila da quando aveva 1 mese. Ora che fa caldo magari si sveglia a metà a bere ma giusto quei 5 minuti. Durante il giorno però fa pochi piccoli pisolini di 15-30 min.
Concordo con te, ogni bambino è diverso.......
Ciao!

Eleana • giu 27, 2017

Ciao Carlotta, tra un paio di mesi mi aspetta proprio questo, con il primo di 18 mesi che continua a svegliarsi la notte.. io avrei una domanda più logistica, secondo te è meglio far dormire i due fratellini insieme nella stessa camera o meglio in due stanze separate per evitare che si sveglino a vicenda? Te come fai?
Grazie di tutto!

Mariolina Cerri • giu 27, 2017

Ciao Carlotta complimenti sempre per il tuo modo di esporre le cose ce le fai proprio vivere

una mamma • lug 3, 2017

Non sono (totalmente) d'accordo.
Secondo me c'e' anche "segui la mamma".
Io ho lavorato al 100% da subito. Un lavoro che se non dormo il mio cervello non funziona, e se non funziona posso anche stare a casa, perche' non c'e' niente di automatico che io possa fare in stand by nel mio lavoro, niente di manuale, niente di pratico. Solo cervello.
Non ho mai fatto piangere mio figlio. Non se sono mai stata capace. Piuttosto la tetta in eterno, piuttosto il lettone in eterno.
Ma mi sono sempre detta, se non ce la faccio più, faro' qualcosa.
Cosa? Non so. Qualcosa. Lo faro' piangere. Lo chiudero' in una stanza ricoperta di materassi insonorizzanti così' può saltare all'infinito senza farsi male mentre io dormo di la'. Invito i nonni per 3 settimane e me ne vado in hotel.
Ma faccio *qualcosa*. Non l'omeopatia o l'orsetto magico. Ma qualcosa di concreto che funziona al 100%. Qualcosa per me.

La Montessori non ha detto solo "follow the child" ha detto anche "freedom **within limits** ".
La mia sopravvivenza (per non parlare del mio benessere) e' un limite.
E ci ho messo quasi 3 anni a capirlo ma e' un limite che conta. Tanto quanto la sopravvivenza e il benessere di mio figlio.
E se mio figlio, indipendentemente dall'eta', avesse continuato ad oltrepassare questo limite - avrei fatto qualcosa.

Quindi si. Sono d'accordo. Follow the child. E sono d'accordo. Passera'.
Ma anche: se sembra che non passi mai. Se stai perdendo la tua sanità mentale o la tua salute, metti un limite.
Con calma, rispetto e attenzione al bimbo. Ma un limite fermo.

🌸 Carlotta • lug 10, 2017

Ciao e grazie per il tuo commento.

Sono d'accordo con te, a volte bisogna seguire la mamma. Soprattuto la mamma deve seguire la mamma: credo che ogni genitore debba imparare ad ascoltare quella vocina dentro di sé che sa quando si sorpassa la soglia di un limite.

Ieri notte Emily si è svegliata ogni 45 minuti, tutta la notte. Ma per quando io oggi sia stremata e per quanto mi abbia fatto infuriare sul momento "È di nuovo sveglia???", non credo che ci siano soluzioni che funzionino al 100% e che allo stesso tempo mi facciano sentire bene, in pace con me stessa.

Ieri è stata una notte particolarmente difficile, non sono tutte così: magari aveva male ai denti, alla pancia, magari è perché ha iniziato a gattonare, magari è un picco di crescita… qualsiasi cosa fosse, era chiaro che aveva bisogno di me e penso, "Arriverà un momento in cui non avrà più bisogno di me così visceralmente, ma ora sì e voglio che sappia che ci sono", che ci siamo.

E allora lo accetto, mi dico che è solo una fase, che il corpo e la mente si abituano (che, nel mio caso, è vero), cerco di diminuire il carico di lavoro (quello pagato, non quello di mamma), ma imparo a non usare il sonno come scusa per non fare esercizio, per mangiare male, per saltare le mie lezioni di ballo, per non uscire con le amiche.

Ma si sa, in questi casi è vero tutto e il contrario di tutto e credo che ogni genitore debba andare verso ciò che lo fa vivere bene e in pace con se stesso — e poi chissà, magari la penso così perché non ho ancora raggiunto il mio vero limite ;-) Grazie ancora per il tuo commento e per raccontarmi la tua esperienza.

Francesca • apr 13, 2020

Cara Carlotta, ritorno a questo post più che mai in questo momento.... anche stanotte il piccolino era sveglio ogni mezz’ora... io sono esausta, mi viene da piangere, è estenuante... aggiungi la quarantena l’impossibilità di uscire a fare due passi... so che devo tenere duro... non so se riuscirò ad usare il metodo dei tre minuti... forse non sono ancora così al limite... scusa lo sfogo, avevo solo bisogno di condividere! Ti abbraccio e grazie per tutto quello che scrivi, spero ti raggiunga il mio saluto nel posto splendido dove sei ora! Ti invidio moltissimo, sei una donna forte!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!