La Tela di Carlotta
it en es

Conversazioni con un bimbo multilingue di due anni

set 25, 2017

In tantissimi mi chiedete come se la sta cavando Oliver con le quattro lingue, così oggi ho pensato di rispondere e lo faccio attraverso le sue parole.

Oliver parla tanto e sempre di più, ma visto che sta crescendo con quattro lingue native, finora le sta mischiando tutte al 100%, e parla quindi una lingua che davvero solo mamma e papà capiscono appieno (e non sempre ;-).

Tanti mi avete anche chiesto se Oliver è confuso dall’avere così tante lingue e la verità è che non lo è: l’unica confusione può nascere dal non capire perché non tutti lo capiscono, visto che lui capisce tutti ;-)

Durante la nostra permanenza di un mese in Finlandia, però, abbiamo notato qualcosa di veramente interessante:

  • Passava al finlandese per parlare con i locali e il finlandese si è velocemente trasformato nella lingua predominante durante il nostro soggiorno. E ovviamente ha iniziato ad usare parole finlandesi che Alex non gli aveva mai insegnato, solo sentendole in giro.
  • Mi traduceva (e questo è l'aspetto più interessante per me) quando lo guardavo confusa. Un giorno eravamo in macchina e guardando fuori dal finestrino mi stava dicendo una parola che non capivo; dopo un po' mi ha guardata e mi ha detto "bello, mamma!".

In questo post ti riporto alcune delle sue frasi più caratteristiche di un bimbo poliglotta che ho raccolto dai 21 mesi circa, quindi noterai forse anche un cambiamento nella complessità del discorso e ti renderai conto dell’affascinante miscuglio di lingue che ha in testa.

  • Mentre Alex gli racconta una storia della buonanotte in finlandese: "Oli no like it".
  • Mi prende la mano perché vuole che mi sieda vicino a lui sul letto: “Papà, aquí”. Si rende conto che mi ha chiamata papà. “No, mamma aquí, papá loppu (finito in finlandese). Papá moto, ficio (ufficio), papá loppu”.
  • Vuole spingere il passeggino, "Chello (quiero) spingi". (Voglio spingere, spagnolo+italiano)Io, "Vuoi spingere tu?"Oli, "Sì, vuoi".
  • Io, “Ti piace di più il cavallo o il pony?”Oli, “Pony”.Io, “Ti piace di più il pony o il cavallo”?Oli, “Horse”. (cavallo in inglese)
  • "Oli see grande caufauffa" (giraffa nella lingua di Oli, inglese+italiano)
  • Nella vasca da bagno, mettendo il suo pesce di gomma sulla barca: "Vamos fish, come on, up, no cadi Fish, ven”. The fish falls. "Oh no, fish duto (caduto), fish pois (via in finlandese). L'apoteosi del multilinguismo :-D
  • Dico a Oli prima che esca con papà: “Ricorda a papà di comprare latte, uova e frutta”.Oli, solo con papà in ascensore: “Muna, maito”. (in finlandese, una delle prime volte che ci ha tradotto, verso i due anni).
  • "Look, paljon scale!” (Guarda, tante scale, inglese+finlandese+italiano)
  • Oli, “Look, mamma, suihku!”Me, “Oli, non capisco“.Oli, “Doccia, mamma!"
  • “Quiero menna parco” (Voglio andare al parco, spagnolo+finlandese+italiano)
  • Dopo una festa di compleanno, “Quiero more kakku” (Voglio ancora torta, spagnolo+inglese+finlandese).

Ora Oliver ha 30 mesi e le sue conversazioni sono salite di un altro livello: ora descrive storie, ci racconta le cose che accadono a scuola, ci spiega perché è triste o arrabbiato—sempre mischiando completamente le quattro lingue, ma anche sempre di più rispondendo nella lingua con la quale gli si parla e traducendo se sembriamo non capire. Nel nostro prossimo viaggio in Finlandia avrò il mio piccolo interprete personale… Che viaggio affascinante, crescere bambini multilingue!

Commenti

ANNA • set 27, 2017

Che meraviglia! Qui abbiamo un "problema" a monte: Simone ha 25 mesi e non parla ancora 😬😂

🌸 Carlotta • set 29, 2017

Cara Anna, non è un problema :-) Per esperienza di varie amiche e famiglie con cui ho lavorato, è tipico di tanti bimbi bilingue parlare più tardi, ma spesso quando iniziano parlano le due lingue perfettamente e con fluidità. Magari sarà il caso di Simone 🙂

Gabriele • set 27, 2017

Oh, wow! Davvero affascinante. Per ora Stefano si limita a "ma-ma", "pa-pa" e "ia-ia" (nonna in greco). Non vedo l'ora che inizi a formare le prime parole!

Un abbraccio,
Gabriele

🌸 Carlotta • gen 31, 2019

Gabriele, sono sicura che ormai Stefano vi sta sorprendendo con frasi e parole in tutte le lingue ❤

Giorgia • set 27, 2017

Ciao Carlotta!
Grazie per questo post, l'ho trovato molto interessante. Il mio piccolo di 25 mesi sta crescendo bilingue. Suo papà è francese e io sono italiana. Anche lui, come Oliver, usa le due lingue senza distinzione e confesso che la cosa mi preoccupava : riesce a fare la distinzione? Leggendo quello che hai scritto ho trovato una risposta. Ad ogni modo è affascinante vedere come un bimbo assimili due idiomi, e così in fretta!

Luana • set 28, 2017

Grazie per questo post!
Ho un bimbo di 13 mesi, Vincent, che parla ancora pochissimo (solo mamma, papà, no, più probabilmente qualche articolazione di parola che noi non capiamo). Ovviamente parliamo a Vincent ognuno nella sua lingua, ma tra noi parliamo praticamente solo inglese.
In molti ci hanno detto (e io ho anche letto su un paio di pubblicazioni) che Vincent probabilmente parlerà italiano e fiammingo, preferirà il fiammingo (perché è la lingua in cui è immerso) ma dell'inglese avrà solo una comprensione passiva. Tuttavia mi pare di capire che voi avete un'esperienza diversa :)
Mi piacerebbe che la lingua di famiglia rimanesse l'inglese, perché è quello più democratico: non è la madre lingua di nessuno dei due ma è lingua dell'inclusione :)

🌸 Carlotta • set 29, 2017

Ciao Luana,

Sì, effettivamente Oliver ed Emily sono esposti a tanto inglese anche fuori casa, perché essendo un gruppo di mamme di varie nazionalità, parliamo sempre inglese. Inoltre, le poche attività extra scolastiche che abbiamo sono in inglese. E poi ovviamente anche a scuola una delle due insegnanti è inglese :-)

Onestamente, vedendo l’esperienza di bimbi multilingue più grandi, l’inglese rimane la lingua di famiglia e poco a poco i momenti condivisi (pasti, uscite in famiglia) diventano in inglese in modo che tutti possano partecipare alla conversazione. :-) Se tu e tuo marito parlate esclusivamente inglese e a te piace che rimanga la lingua di famiglia, non vedo perché non possa essere così. (Inoltre, ti stupirà vedere quanto italiano parlerà, non perderlo!)

Luciana • ott 9, 2017

Buonasera! Io e mio marito siamo di origine albanese e abbiamo una bimba di 4 mesi e viviamo in Germania. Abbiamo pensato di parlarle io l' albanese e mio marito l' italiano perchè ha cittadinanza italiana per naturalizzazione. Che ne pensa, è una buona idea secondo lei?

🌸 Carlotta • ott 10, 2017

Luciana, mi sembra un’ottima idea! Ci sono tantissimi vantaggi non solo linguistici ma anche a livello celebrale per i bimbi bilingui, le fareste un bellissimo regalo (anche perché crescerebbe così trilingue, con il tedesco all’asilo). Pero una cosa che vi consiglio è essere abbastanza rigidi se scegliete questa strada e non mischiare le lingue. Ti lascio questo post che scrissi un po’ di tempo fa, sono sicura che ti piacerà: https://www.lateladicarlotta.com/crescere-figli-multilingue-importanza-dei-primi-tre-anni-di-vita/

Un abbraccio e in bocca al lupo

Irene • feb 3, 2018

Ciao Carlotta,
Valerio il 13 marzo compierà i suoi primi 2 anni e frequenta un nido famiglia dove 2 volte alla settimana le Tate fanno dei "viaggi" con i bimbi portandoli a Londra o a Berlino e da li iniziano a tirare fuori qualche parola/frase/canzoncine in inglese e tedesco (tata madrelingua).
Noi genitori siamo entrambe italiani ma stiamo valutando di inserirlo in una materna privata bilingue (dove l'inglese è la prima lingua).
Purtroppo prendono i bimbi l'anno in cui compiono 3 anni... quindi Valerio si ritroverebbe a frequentare la materna a 3 anni e mezzo. Temo possa essere tardi o magari si possa trovare male a tuffarsi in un'altra dimensione con una lingua del tutto nuova.
Hai qualche consiglio da darmi?

🌸 Carlotta • feb 13, 2018

Ciao Irene! Grazie per il tuo commento e scusa il ritardo. Credo sia un'ottima idea quella di metterlo in una materna bilingue, che grande regalo gli state facendo! Se vuoi affievolire un po' lo "shock", ti consiglio di iniziare con canzoncine e (se guarda tv) con qualche cartone carino come Curious George o documentari di animali (Oliver guarda poca TV, ma i documentari li adora).

Ti lascio un post che ho scritto in passato su come introdurre l'inglese a casa:

Insegna l'inglese in casa con Super Simple Songs

Un abbraccio 🌸

PS. Se hai altre domande, non esitare a chiedere (ci metto un po', ma rispondo :-))

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!