Correre Vol.5: il primo break forzato

2 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Se avete sentito le news la scorsa settimana, saprete che su Malaga si è abbattuto un tornado piuttosto violento – i vetri delle nostre finestre a Marbella, a un’ora da Malaga, oscillavano e gli alberi erano quasi paralleli al suolo. Non certo il tempo ideale per andare a farsi una corsetta. Il mal tempo ha continuato per tutta la settimana, offrendoci solo pioggia e vento e pioggia e vento. Il risultato? Pausa forzata dalla corsa.

Precedentemente avrei pensato “Ecco, ora ho fallito, non posso seguire la mia routine e quindi ho fallito”. O ancora “La volta prossima sarà come ricominciare da zero!”. Effettivamente sì, anche questa volta l’ho pensato. Fino a ieri, quando la giornata si è aperta in un cielo azzurro e un sole caldo e abbiamo potuto “finalmente” riprendere a correre.

“Finalmente” scritto tra virgolette perché la mia testa si era incapponita sul “Ho fallito” e per questo la pigrizia stava già prendendo il sopravvento. Quando Alex mi ha detto “Stasera andiamo a correre”, nella mia mente si sono rincorsi pensieri come “Ma è domenica… non ce la farò mai dopo una settimana di pausa… nooo, non voglio, odio correre…”. Magicamente, invece, dalla mia bocca sono uscite le parole: “D’accordo” e anche un mezzo sorriso. Wow. Impressionante.

E così è stato! Abbiamo concordato di ricominciare con i 4 Km e di prenderla con calma.

Ho due buone e una cattiva notizia. La cattiva è che il fiato era di nuovo completamente e irrimediabilmente a terra, tanto da considerare seriamente di fermarmi – cosa che ovviamente non ho fatto. Le due buone notizie – ebbene sì, sono ben 2 – sono che abbiamo corso ad una velocità abbastanza sostenuta e che i muscoli oggi sono in ottime condizioni, completamente pronti per la prossima volta.

Quindi, nel complesso, è stata una piacevole sorpresa scoprire che una pausa di una settimana dettata da forze maggiori non è un fallimento, ma semplicemente un’ulteriore prova da superare a denti stretti. E devo ammettere che superarla provoca una certa soddisfazione!

Ora, quindi, tornadi permettendo, si ricomincia davvero e ci si prepara a correre nel caldo torrido dell’estate andalusa. Ci sarà da ridere! Alla prossima.


Nella categoria Paleo & Sport leggi gli altri capitoli della saga.


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Io probabilmente avrei approfittato della situazione “No no, metti che il tornado arriva qui proprio mentre siamo fuori a correre? Meglio non rischiare” 😛

  2. Ahahahahah, credo che quella sia un’altra delle scuse per non andare che mi sono frullate in testa prima di rispondere “Va bene, andiamo”. Ma ti giuro che l’idea di uscire e affrontare 4 Km dopo una settimana di nullafacenza (fisica) mi ha quasi ucciso… finché non l’ho fatto e si è rivelato meno duro del previsto. Ma pur sempre, durissssssiiiiimmmmmoooo!


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale per ricevere gli ultimi post direttamente in mail. Solo una mail al mese. No spam (giurin giuretto!) 🙂


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.

Imprint  ·  Privacy Policy