La Tela di Carlotta

Cosa fare per evitare di procrastinare

nov 14, 2014

{:it}<p>Oggi, per il Venerdì dal Mondo, dopo la collezione di link della settimana, rispolvero un’antica tradizione del mio blog: tradurre un articolo di Leo Babauta dal sito ZenHabits. Questo post mi è piaciuto perché credo che ogni blogger, artista, giornalista, pittore, scrittore, scultore… abbia provato almeno una volta quel senso di rifiuto di fronte alla pagina bianca, quel desiderio irrefrenabile di scappare e lasciarsi tentare da qualsiasi altra cosa ci circondi. Procrastinare, insomma.</p><p>Io ci sono passata parecchie volte (e per la cronaca, io sono di quelle che puliscono la casa e rivoluzionano gli armadi) e mi sono ritrovata ad usare gli stessi metodi che Leo Babauta propone qui per combattere la tentazione (che lui chiama Resistenza): soprattutto per me hanno funzionato i metodi 1, 4, 6 e 8 (e il migliore in assoluto ho scoperto essere iniziare e basta!). E voi? Come evitate di procrastinare? Vi lascio alle sue parole. </p><hr />

Essendo uno scrittore, una delle cose che mi terrorizza di più è la pagina bianca. Mi riempie di dubbi, incertezze, paure, a volte un pizzico di panico, e crea in me un desiderio quasi istantaneo di cercare una distrazione.

E io mi confronto con questa paura ogni giorno.

Che stia scrivendo un articolo o il capitolo di un libro, creare qualcosa di nuovo non è facile. Apro un nuovo documento e sento il bisogno immediato di rispondere ad una mail o pulire la cucina o leggere un lunghissimo articolo sul mago Ricky Jay.

Questa è una domanda alla quale prima o poi tutti dobbiamo rispondere: quando ti trovi di fronte alla Resistenza (ovvero una tentazione), che cosa ti ferma dal lasciarti andare alla distrazione?

Non esiste una risposta semplice. Come molti di voi, anche io ho provato di tutto. Niente funziona sempre, perché anche i migliori piani si frantumano quando ci si trova di fronte alla Resistenza.

Ma queste sono delle alcune cose che aiutano me:

  • Rimani seduto e guardati dentro. Solo perché senti il bisogno di scappare, non significa che devi assecondarlo. Quando mi ritrovo a voler scappare, rimango seduto e provo a non fare nulla. Mi guardo dentro e analizzo quel bisogno. Poi provo a capire di che cosa ho paura. Appena accendo una luce, il tunnel sembra immediatamente meno scuro.
  • Pensa a chi stai aiutando. Certo, la Resistenza fa paura, ma non tanto quanto il dolore di chi soffre. Se stai creando qualcosa che può avere un effetto positivo sulla vita di qualcuno, quel qualcosa è molto più importante della tua propria paura. Pensa a quella persona e metti la sua paura al di sopra della tua.
  • Pensa al dono del tempo. Il tempo a volte può sembrare un bene infinito, perché non abbiamo un orologio che ci mostra quanto ne abbiamo ancora a disposizione. Ma è come prendere biscotti da una scatola e pensare che non finiranno mai. Un giorno, metteremo la mano nella scatola e i biscotti saranno finiti. I biscotti sono una metafora un po’ buffa per i nostri giorni. Quando si inizia ad apprezzare la “finitezza” dei biscotti, ci si rende conto che bisogna assaporarli e non sprecarli. Ognuno di essi è prezioso! Quindi sfruttiamoli al massimo: vuoi creare qualcosa di nuovo o sprecare il tuo tempo sui social network?
  • Inizia e basta. Normalmente per me è sufficiente iniziare. Mi dico, “Scrivi una frase”. È così facile che non posso rifiutare. Lo faccio e poi tutto mi sembra molto più fattibile.
  • Elimina le opzioni. Liberati dalle vie di fuga. Dove ti piace scappare? Se alle email, scollega il router. Vai in un posto che non abbia internet. O usa un’applicazione a schermo intero che non permetta distrazioni. O permettiti di usare solo una finestra nel browser – non puoi aprirne di più. Chiedi a qualcuno di tenerti d’occhio. Insomma, non permetterti di scappare.
  • Permettiti di scappare. Questo va totalmente contro quello che ho appena scritto, ma come ha già detto, non tutto funziona sempre. Spesso apro un documento per iniziare a scrivere, ma sento immediatamente il bisogno di fare qualcos’altro… e lo faccio. Non sono perfetto. Mi lascio tentare dalle distrazioni, ma ne sono sempre consapevole. E so che non dovrei farlo a lungo, allora mi concedo solo qualche minuto. È come concedersi un forchetta di torta, ma non permettersi di finire la torta intera. Non c’è nulla di male in un morso, se poi si posa la forchetta sul tavolo e ci si ferma. A volte la mente ha solo bisogno di un break dalla paura, ma non lasciarlo nascondersi per sempre.
  • Fai una passeggiata. Mi alzo, cammino per la stanza, a volte esco e cammino per 10 minuti. Questa passeggiata è produttiva perché mi allontana dalla distrazione e mi aiuta a pensare a quello che voglio scrivere. Spesso, mi vengono delle buone idee e non vedo l’ora di tornare a casa per scriverle, e la Resistenza scompare.
  • Parla con qualcuno. Se mi risulta troppo difficile, trovo qualcuno con cui parlare e a cui spiegare il mio problema. Spesso questo semplice gesto – insieme al bisogno di chiarire e spiegare il problema brevemente – mi aiuta a chiarirlo anche nella mia mente. E a volte la risposta a qualsiasi problema è incredibilmente ovvia una volta che ammettiamo il problema ad alta voce.

Lo ripeto: nessuna di queste soluzioni funziona sempre. Ma se pensiamo alla lotta contro la Resistenza come ad una lotta sul ring, queste idee sono diverse strategie d’attacco. Quando una non funziona, basta cambiare strategia, fino a quando si trova quella giusta.

La Resistenza sarà sempre un nemico temibile, ma quando ti colpisce in faccia, tu non cadere. Sei molto più forte di lei.

{:}

Commenti

Claudio • nov 18, 2014

Della Resistenza ne parla molto dettaliatamente Steven Pressfeld nel libro "The war of art". Libro che davvero rappresenta un "kick in the ass" e non a caso e' sempre sul mio comodino! (ogni tanto bisogna dare una rinfrescata!)

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!