Mai pensato a creare le tue proprie tradizioni natalizie?

Lasciami un commento
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Se, come noi, non sei religioso (ma vieni da un Paese religioso), dare un senso al Natale è difficile.

Se, come noi, eviti il consumismo, dare un senso al Natale è ancora più difficile.

Se poi, come noi, cresci anche i tuoi figli Montessori, probabilmente dovrai dimenticarti del Natale come lo conosci e iniziare a creare le tue proprie tradizioni.


A volte rimaniamo intrappolati nelle tradizioni con cui siamo cresciuti perché è difficile lasciare il familiare per l’ignoto, specialmente quando significa andare controcorrente.

Ma quando non condividi l’aspetto spirituale del Natale e non celebri la nascita di Gesù, il Natale perde molto del suo significato. Quando sei sulla via del diventare un consumatore più consapevole, potresti sentire la necessità di rinunciare a qualsiasi evento consumistico — che si tratti di Natale, Black Friday o saldi estivi. Quando, in più, cresci i tuoi bimbi Montessori, potresti preferire non mentire ai tuoi figli sull’esistenza di un anziano barbuto che vola in tutto il mondo su una slitta per consegnare regali.

Quindi cosa resta del Natale?

Magari una riunione di famiglia se hai famiglia lontana e il Natale è l’unico momento dell’anno in cui tutti sono in vacanza dal lavoro e possono stare insieme sotto lo stesso tetto.

Io e Alex, però, siamo entrambi lavoratori indipendenti ed entrambi proveniamo da famiglie divorziate, quindi il Natale non è un momento migliore di un altro per ricongiungersi con la famiglia.

Il nostro Natale – creiamo le nostre tradizioni

Ci sono così tanti aspetti del Natale (tutti?) che vanno contro ciò che noi, come famiglia, crediamo e sosteniamo, e credo sia normale che sentiamo di dover creare le nostre tradizioni.

Dare senso al Natale, soprattutto dopo i bimbi, è stato un work-in-progress e ci vorranno ancora alcuni anni di tentativi per creare le nostre tradizioni, ma per il momento (Oliver ha 3,5 anni ed Emily quasi 2) abbiamo deciso che a Natale o facciamo un viaggio o facciamo come se fosse un giorno come un altro.

L’anno scorso siamo andati in Svezia, mentre quest’anno pranzeremo con mia madre in un chiringuito sulla spiaggia e magari vedremo alcuni amici nel pomeriggio.

Quest’anno non avrei decorato la casa perché stiamo vendendo tutto per viaggiare il mondo, ma la mia mamma ha sorpreso i bambini con un albero di Natalee l’abbiamo accettato perché non va contro le nostre credenze — lo sapevi che l’albero di Natale ha origini pagane?

Non dobbiamo ancora rispondere a domande su Babbo Natale o Gesù bambino, quindi ci penseremo quando ci arriveremo. Molto probabilmente, però, saremo semplicemente onesti con loro.

Non facciamo regali per Natale. Compriamo sempre ciò di cui i bambini hanno bisogno — vestiti o giocattoli — quando ne hanno bisogno.

Idee dal Natale di altre famiglie

Queste sono altre idee di famiglie con principi e valori simili ai nostri che tu, come me, potresti trovare utile per creare le tue tradizioni natalizie.

Su Babbo Natale

A Natale, Babbo Natale è ovunque. Se i tuoi figli ti chiedono (noi non ci siamo ancora arrivati) e vuoi essere onesto con loro, puoi dire loro la verità: che è una bella storia di un uomo che…

Come scrive Cristina di Montessori en Casa, essere onesti con loro non significa che non vorranno credere a Babbo Natale (suo figlio le ha detto: “Io credo che esista perché il mio amico l’ha visto l’anno scorso”), ma crederci o meno sarà al 100% una loro scelta, al contrario di qualcosa imposto da noi adulti.

Sul dire “Buon Natale”

La scuola Montessori dei miei bambini augura a tutti “Buone vacanza d’inverno” invece di “Buon Natale”, e mi piace. Non sono sicura che riuscirò a farne un’abitudine, ma per me ha senso che non ci sia posto per “Buon Natale” (una parola che ha una connotazione religiosa forte) se non si è cristiani.

Sul fare regali

Una famiglia di amici ha deciso che ciascuno (adulti e bambini) può scegliere un regalo da godersi durante le vacanze invernali quando i bambini non sono a scuola. Se vuoi fare regali, trovo che questa sia un’ottima idea.

Sulle riunioni di famiglia

Questo è un tema più difficile, specialmente se Natale è l’unico momento dell’anno in cui tutta la tua famiglia si riunisce. Credo che **si tratti soprattutto di rispetto **: devi rispettare il desiderio della tua famiglia di trascorrere il Natale con te e loro devono rispettare il tuo bisogno di celebrare il Natale in modo diverso (o non celebrarlo affatto).

Trovo che essere onesti sia il modo migliore per promuovere il rispetto da entrambe le parti, quindi magari sarebbe opportuno affrontare la “conversazione natalizia” con la famiglia ad un certo punto.

Su pranzi e cene natalizie

Potresti decidere di non partecipare al pasto principale (24 o 25, a seconda delle tradizioni del tuo Paese).

Se temi la cena del 24 perché i bambini finiscono per guardare la TV mentre aspettano Babbo Natale per poi aprire una montagna di regali inutili, non partecipare e chiedi alla tua famiglia di riunirsi di nuovo per colazione/pranzo/tè il 25.

Se pensi che il pranzo del 25 sarà troppo lungo per i tuoi figli e preferiresti evitare di doverli mettere di fronte alla TV, puoi dire alla tua famiglia che ti unirai a loro per cioccolata calda e panettone nel pomeriggio.

Sui regali

Se la tua famiglia abita lontano, è probabile che i tuoi bimbi ricevono regali ogni volta che vi riunite, quindi riceverne uno, due o tre quando vedono la nonna a Natale non sarebbe niente di insolito nella mente dei bambini.

Che la tua famiglia viva vicino o lontano, però, è importante comunicare (ed essere aperti riguardo) le tue preferenze: puoi spiegare che “non ci piacciono i giocattoli di plastica” e/o “i nostri bambini hanno già molti vestiti, ma gli manca” e magari compilare una lista dei desideri per aiutarli a fare un regalo che sia in linea con il tuo modo di educare i tuoi figli.

Tu come vivi il Natale con i bambini?


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Mi chiamo Carlotta, ho 33 anni, sono italiana, sposata con un finlandese e insieme cresciamo i nostri bimbi, Oliver (4) ed Emily (2), Montessori e multilingue. Stiamo vendendo tutto per viaggiare il mondo.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Non essere timido. Adoro leggere cosa pensi.

Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale per ricevere gli ultimi post direttamente in mail. Solo una mail al mese. No spam (giurin giuretto!) 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.

Imprint  ·  Privacy Policy