La Tela di Carlotta
it en es

Crescere figli multilingue: l'importanza dei primi tre anni di vita

apr 18, 2017

Se vuoi approfondire il tema del multilinguismo, dai un’occhiata a questa infografia che ho preparato per te :)

Come probabilmente sai, stiamo crescendo Oliver ed Emily multilingue. Tranne rare eccezioni, io parlo con loro esclusivamente in italiano, Alex esclusivamente in finlandese, e Oliver va a una scuola bilingue in cui un’insegnante parla in inglese e l’altra in spagnolo.

Ho fortemente insistito per impostare la nostra vita linguistica in questo modo, perché grazie alla mia personale esperienza nell’insegnare lingue negli ultimi 10 anni, questo è semplicemente l’unico modo in cui credo che i bambini possano diventare veramente bi(tri, cuadri)lingue. Ho letto molto sul tema, ma non l’avevo mai trovato “tutto” riassunto in un libro solo.

Fino ad oggi.

Ho letteralmente divorato l’ultimo libro che ho letto, Understanding the human being: the importante of the first three years of life (in italiano: Comprendere i bambini. Sviluppo ed educazione nei primi tre anni di vita) dell’italiana Silvana Quattrocchi Montanaro. Nonostante sia vecchiotto e in alcune parti obsoleto, penso che sia un libro che ogni genitore dovrebbe leggere. Ho adorato ogni singola parola—l’ho letto tre volte!—e mi faceva male la testa a forza di fare sì durante tutte le 168 pagine (per tre).

E quando pensavo non potesse stupirmi di più, sono arrivata al capitolo sull’apprendimento delle lingue, e soprattutto su come insegnare più di una lingua. Ci tengo a condividerlo con te, perché crescere figli veramente poliglotti non è facile—richiede dedizione, disciplina e coerenza—e credo che molti genitori non sappiano davvero quanto siano importanti i primi tre anni di vita.

Come scrive la Dr.ssa Montanaro (e non credo che si possa dire meglio):

Nei primi tre anni di vita, un bambino è un genio nell'apprendimento delle lingue.

Quindi, eccoti “tutto” il resto che dovresti assolutamente sapere se vuoi crescere i tuoi bambini multilingue (l’ho letto in inglese, quindi questa è una mia libera traduzione che ho fatto apposta per te). Spero che ti piaccia tanto quanto a me.

La seconda (o terza o quarta) lingua deve essere utilizzata nell'ambiente di un bambino nei primi anni di vita, nel senso che una o più persone dovrebbero parlare altre lingue al bambino in sua presenza.Se potessimo avere due, tre, quattro o cinque persone diverse che parlano lingue diverse, i bambini potrebbero facilmente assorbirle tutte senza alcuno sforzo, a condizione che ogni persona parli con loro sempre e solo nella sua lingua. Non ci sono difficoltà di apprendimento, perché i bambini hanno una mente che funziona in un modo molto speciale e hanno un meccanismo di commutazione che consente loro di passare da una lingua all'altra senza confusione, senza la necessità di tradurre e senza l'accento della loro lingua madre. Ma questo è possibile solo nei primi anni di vita, ovvero “durante gli anni in cui il bambino è un genio nell'apprendimento delle lingue”.Prima iniziate, meglio è. In Giappone, è stato fatto uno studio recentemente che consiste nel far ascoltare ai bambini cassette in lingua inglese tre volte al giorno dalla nascita fino all'età di sei mesi. Quando, all'età di 3, 4, o 5 anni, questi bambini vengono a contatto con un insegnante di inglese, impareranno la lingua straniera molto più facilmente che gli altri bambini. Questo fenomeno ha una spiegazione fisiologica. Il loro centro linguistico ha assorbito le caratteristiche di pronuncia e lo stile della lingua inglese durante i primi mesi di vita.Sotto i tre anni è assolutamente essenziale che ogni lingua diversa venga parlata sempre dalla stessa persona. Se la madre, il padre, o la nonna parla perfettamente due o tre lingue, dovrebbe deciderne una da usare con il bambino e usare sempre quella. La lingua è una parte integrante di una persona, come tutte le caratteristiche somatiche, e non può essere modificata senza produrre un senso di grande insicurezza nel bambino, con conseguente difficoltà di comunicazione.Maria Montessori è stata una pioniera in questo settore, e ha detto chiaramente che solo facendo uso del naturale sviluppo dei bambini—i periodi sensibili—è possibile educarli fino al livello del loro potenziale umano. Questo potenziale è enorme nell'apprendimento delle lingue.[...] Una soluzione immediata sarebbe quella di riunire un gruppo di bambini di età inferiore ai tre anni più volte alla settimana, con una persona [una mamma, un'insegnante, un'amica] che parli con loro in una lingua straniera".

Se ti è piaciuto, diffondi la conoscenza (condividilo su Facebook, invialo ad amici genitori…): i bambini hanno un potenziale straordinario nell’apprendimento delle lingue, ma siamo noi genitori che dobbiamo fare uno sforzo e trovare soluzioni creative per dare loro il dono delle lingue.

Commenti

ANNA • apr 19, 2017

Ciao, leggo sempre con interesse i tuoi post e questo mi interessa tantissimo perché anch'io credo nel potenziale dei bambini...Io ho Simone di 20 mesi e cerco di parlargli in inglese, ma come dici tu bisogna essere costanti...Proverò magari a far parlare mia mamma con lui sempre in inglese...
A tal proposito sono anche diventata Usborne Organiser per avere a disposizione magnifici libri in inglese scontati e farlo diventare anche un lavoretto...se vuoi informazioni in merito, fammi sapere...
Ps Posso condividere questo tuo post proprio sulla mia pagina Facebook Usborne?
Grazie! Anna

🌸 Carlotta • apr 24, 2017

Ciao Anna, grazie per il tuo commento. Io ti consiglierei di cercare qualcuno la cui prima interazione con Simone sia in inglese. Come scrivevo nel post, una lingua è parte integrante della persona e se tua madre ha iniziato a parlare con lui in italiano, non è l'ideale che cambi adesso (anche per lei, perché ha instaurato una relazione in una lingua ed è in quella lingua che si conoscono). Se hai un'amica inglese, indipendentemente dalla lingua che parla con te, potresti chiedere a lei :-) Certo, per piacere, condividi sulla tua pagina (aiuti anche me "diffondendo" i miei post). Ho una cara amica che è Usborne Organiser e adoro tutti i libri di questa casa! :-)

ANNA • apr 26, 2017

Grazie mille sia per i consigli che per il fatto di poter condividere ;)

Sandra • apr 19, 2017

Quanta creatività in questo post!!!
Insightful girl!!! ❤❤❤

Parva • apr 20, 2017

Cavolo avere genitori che insegnano più lingue ai propri figli è una fortuna... purtroppo non è il nostro caso 😄😄 ma abbiamo trovato un asilo dove Matilda imparerà giocando anche l'inglese e di questo sono moolto felice... vedremo come sarà quando inizierà a settembre!

🌸 Carlotta • apr 24, 2017

Vedrai che sarai contentissima! Sì, sono d'accordo con te, è una fortuna, ma non credo sia impossibile regalare le lingue ai propri figli se i genitori non le parlano. Ho in mente un post con consigli pratici che ti piacerà :-)

Gabriele • apr 20, 2017

Ciao Carlotta,
post interessantissimo e che mi riguarda molto da vicino. Con Stefano abbiamo iniziato con questo metodo, io gli parlo solo Italiano, mamma solo in Inglese e i nonni solo in Greco.
Come ti comporti quando ad esempio stai parlando con Alex (in Inglese) e vuoi coinvolgere i bimbi nel discorso? Passi all'Italiano tutte le volte? Io spesso mi trovo in difficolta' quando mi rivolgo a Stefano pero' con l'intento di farmi capire dalla mamma. Ti faccio un esempio:
- Stefano, guarda cosa sta facendo la mamma!
In questo caso molto spesso mi trovo a dirlo in Inglese:
- Stefano, look what mummy is doing!
Proprio perche' voglio che la mamma capisca che sto parlando di lei.

Non so... forse e' un dettaglio pero' mi piacerebbe sapere se capita anche a te.

Grazie per il riferimento del libro, lo vado a cercare subito!

Un abbraccio

🌸 Carlotta • apr 24, 2017

Ciao Gabriele! Ottima impostazione linguistica per il tuo bimbo, che fortunello! Sì, io personalmente credo sia importante fare sempre uno sforzo per passare alle relative lingue quando ci relazioniamo con Oliver… e pensa che è così che io sto imparando il finlandese! Quando Alex gli dice qualcosa che non capisco, gli chiedo (in inglese) che cosa significhi e così imparo. Una volta che tua moglie sa che "mamma" è lei, è sufficiente per chiamarla in causa. :-) Credo fortemente in quello che scrive il libro, che sia importante mantenere essere costanti e non mischiare le lingue (non è facile… se ricordi, ho scritto un post sulle difficoltà del crescere i figli multilingue e valgono ancora oggi, anche se diventano meno difficili). Un abbraccio anche a voi tre

Zayda • mag 17, 2017

Ciao! Articolo molto interessante in quanto mi ci ritrovo anche io. Noi viviamo in Italia e Io parlo in italiano con mia figlia di 2 mesi, mio marito in inglese perché è scozzese e mia madre in spagnolo perché è cilena. Non so come comportarmi quando sono con mio marito perché tra di noi abbiamo sempre parlato in inglese e di conseguenza mi viene naturale rivolgermi a mia figlia in inglese in presenza di mio marito. È giusto o è meglio parlare inglese con mio marito ma quando mi rivolgo a lei passare all'italiano? Grazie

🌸 Carlotta • mag 31, 2017

Ciao Zayda, io ti consiglierei vivamente di passare sempre alla tua lingua madre quando ti rivolgi a tua figlia, perché la lingua è una parte intrinseca della persona e cambiarla può generare confusione. È uno sforzo non indifferente all'inizio, ma con il tempo diventa più semplice. Pensa che io è così che sto imparando il finlandese, per il desiderio di capire cosa dice mio marito a Oliver ;-)

Luana • giu 15, 2017

Ciao :)
Ti leggo spesso ma non avevo mai scritto :)

Sono sposata con un fiammingo e viviamo nelle Fiabdre. Abbiamo un bimbo di quasi 10 mesi, Vincent, ed usiamo l'approccio "una persona, una lingua". Però la lingua che parliamo tra di noi è l'inglese. Quindi parliamo a lui solo nelle rispettive lingue madri, ma tra di noi in inglese (anche se mio marito capisce benissimo l'italiano). Ci abbiamo riflettuto a lungo, ed abbiamo considerato di non usare più l'inglese, ma il mio olandese è veramente troppo scarso, e poi vorremmo che Vincent sviluppasse una conoscenza anche solo passiva dell'inglese, che è la lingua di casa (e anche della TV, perché il tg, per esempio, lo ascoliamo sulla BBC).
Ho fatto anche io qualche lettura, ma ho trovato molto sui bimbi bilingue e pochissimo sui bimbi triingue... cosa consigliano le tue fonti (e tu) su questa situazione?

🌸 Carlotta • giu 20, 2017

Ciao Luana, grazie per il mio commento! Per mia esperienza e secondo i libri che ho letto finora, io ti consiglierei di continuare a parlare inglese con tuo marito, ma quando vi rivolgete a Vincent utilizzate le vostri lingue madri: per lui, perché una lingua fa parte di una persona e lui vi conosce in quelle lingue, e per voi perché la lingua con cui si conosce una persona rimane quella più spontaneo con quella persona. Secondo me state facendo benissimo. Oliver ora capisce perfettamente l'inglese (a volte io e Alex parliamo tra di noi e lui risponde o entra nella conversazione, lasciandoci senza parole!), mischia ancora tutto, ma comincia anche a parlare con me più italiano e con Alex più finlandese. È un viaggio bellissimo!

Nicla • lug 10, 2017

Ciao Carlotta, aspettavo da un po' un articolo come questo. Sono contenta! Questo inverno scriverò Gabri (20 mesi) ad un corso di inglese (non accettano bimbi più piccoli di 18 mesi e quindi ho dovuto aspettare). Il corso solitamente è 1 volta alla settimana, un po' poco ma meglio di niente. Infatti per questo volevo chiederti cosa ne pensi se facessi vedere dei cartoni in inglese? Hai altri consigli?
Grazie mille, ti seguo molto!

🌸 Carlotta • mag 24, 2018

Ciao Nicla, hai poi iscritto il tuo Gabri al corso di inglese? Come vi siete trovati?

Ho ritrovato questo tuo commento (sfuggitomi, purtroppo) e se stai ancora cercando risorse per l'inglese, ti lascio qui una infografia che ho preparato per il Congreso Online MOntessori 2018 in cui ho parlato proprio di Multilinguismo: https://www.lateladicarlotta.com/infografia-multilinguismo-limportanza-dei-primi-tre-anni-e-il-ruolo-dei-genitori/

Un abbraccio

Claudio • lug 12, 2017

Ciao Carlotta,

faccio un piccolo riepilogo: Antonella ed io stiamo crescendo Arianna (4 anni) e Marica - aka Makie - (2 anni tra pochi giorni) bilingue italiano-inglese utilizzando il metodo OPOL (io parlo solo inglese ed Antonella solo italiano). Bene, di recente sono e' venuta a farci visita una coppia di amici inglese e, Arianna riusciva a capire senza sforzo tutto cio' che dicevano! Leggendo un po' i commenti,
l'unico consiglio che mi sento di dire e' avere tanta pazienza, parlare sempre e comunque la lingua prescelta, anche quando magari ci si sveglia alle 3 di notte perche' magari sta piangendo. Anche quando magari sono ancora piccolissimi e si pensa che non ci stanno ascoltando,
inconsciamente ascoltano eccome!

Un caro saluto a tutti i lettori del tuo bellissimo blog!

🌸 Carlotta • mag 24, 2018

Grazie Claudio, come sempre un commento (che mi era sfuggito, purtroppo) utile e azzeccato. Come vanno le tue bimbe con l'inglese? Ho da poco parlato proprio di multilinguismo ad una conferenza online montessori, da cui è nata questa infografia che sicuramente ti piacerà: https://www.lateladicarlotta.com/infografia-multilinguismo-limportanza-dei-primi-tre-anni-e-il-ruolo-dei-genitori/

Un abbraccio

Chiara • lug 12, 2017

Ciao Carlotta! Nn so se ti ricordi di me, ero al classico govone come te ma un anno in più, sono Chiara Papurello, ero in classe con Luigi, Federico, Alberto, per intenderci. Leggo con molto piacere i tuoi articoli e li trovo davvero accattivanti!!! Anke perché ho un bimbo Samuele che è nato poco prima del tuo e una bimba Eleonora che ha 5 mesi quindi poco meno della tua! 1 abbraccio e grazie perché è molto interessante e utile leggere articoli di altre mamme che stanno vivendo la mia stessa quotidianità, e soprattutto di mamme attive come te!

🌸 Carlotta • mag 24, 2018

Chiara, ma certo che mi ricordo di te (ma il tuo commento mi era scappato, sarà stato il mese, perché me ne sono ritrovata parecchi di luglio 201&, mannaggia!!).

Ti ringrazio per il tuo commento, sei stata carinissima! E vedo che con i tuoi bimbi anche tu hai optato per il facile facile, facendoli così vicini l'una all'altro ;-)

Un caro saluto 🌸

Cristina • set 12, 2018

Ciao Carlotta, come fai quando la discussione è comune tra te, tuo marito e i bambini? Che lingua parli quando ti devono capire tutti? Grazie

🌸 Carlotta • gen 22, 2019

Ciao Cristina, mi era sfuggito il tuo commento, perdonami. La lingua di famiglia è l’inglese e quando parliamo tutti insieme a tavola, per esempio, parliamo in inglese. Ma durante la conversazione, se devo chiedere qualcosa non relazionato a Oliver o a Emily (“Vuoi acqua?”, “Passami il sale, per favore”), io generalmente passo all’italiano.

Questa situazione non è ideale, perché credo fortemente che sarebbe meglio se io parlassi sempre e solo con loro in italiano, ma la nostra situazione famigliare è speciale (io non parlo finlandese e mio marito parla italiano, ma non è una lingua con cui si sente comodo) e allora facciamo dei compromessi. Sono curiosa di vedere come va, è il mio piccolo esperimento :-)

Federica • dic 28, 2018

Fantastico articolo!

Io e mio marito abbiamo deciso di crescere la nostra bimba trilingue, proprio come voi! Io le parlo in italiano, mio marito che è giapponese le parla la sua lingua e vivendo in Australia la community language è l’inglese!

Sono super appassionata di questo tema essendo come te un’insegnante di lingua- italiano qui in Australia!

Penso sia passato un po’ di tempo ormai da questo articolo, aggiornaci se vuoi su come procede il vostro viaggio nel multilinguismo!!!

Good luck!
Federica

🌸 Carlotta • gen 4, 2019

Ciao Federica, grazie per il tuo commento. Effettivamente è passato un po’ di tempo, se riesco scrivo un aggiornamento presto con interessanti risvolti. Per ora qui trovi gli articoli che ho scritto sul multilinguismo: https://www.lateladicarlotta.com/category/multilingualism/

Un abbraccio

umberto • feb 26, 2020

https://www.youtube.com/watch?v=EWbaKS-d5Rs&t=5s

complimenti!
noi abbiamo Clara, mia figlia è trilingue.

ciao Umberto

🌸 Carlotta • feb 27, 2020

Piacere Umberto e Clara! Benvenuto sul mio blog, sempre bello trovare famiglie multilingue 🤗

Sara • giu 17, 2020

Ciao! Molto interessante il tuo articolo :) io ho una bambina di 15 mesi e le parlo in inglese da quando ne aveva sei più o meno. Io non sono madrelingua inglese, però sono laureata in lingue e penso di essere in grado di insegnarglielo, pensi che faccia bene?
Mi riesce però difficile rapportarmi a lei quando sono con i nonni che non sanno nulla di inglese e quindi in quei casi mi rivolgo a lei anche in italiano. È quindi sbagliato? Dovrei parlarle solo in inglese? Grazie mille!
Sara

🌸 Carlotta • giu 22, 2020

Ciao Sara! Guarda, anni fa ti avrei risposto che una persona deve parlare sempre una lingua, oggi (dopo aver girato il mondo per un anno e essere stata costretta a rivolgermi a loro anche in inglese in determinati contesti) ti dico che la flessibilità vince, ma la coerenza rimane molto importante. Lo sforzo deve farlo sicuramente il genitore, perché appena cede un pochino e comincia a mischiare si entra in un'abitudine che alla fine rallenta non l'apprendimento del bambino, ma la capacità di comunicare in quella lingua (la capiranno, ma forse non la parleranno). Poi ti inviterei anche a capire se ti senti in grado di continuare in inglese quando sia più grande e le conversazioni si facciano più profonde (in quel momento, potrebbe mancarti la lingua madre): in questo caso, forse, deciderei un approccio più flessibile. Ma la vera verità è: segui l'istinto e non pensare che debba essere tutto bianco o tutto nero, perché la maggior parte delle volte non lo è :-) Un abbraccio, Carlotta

🌸 Sara • lug 15, 2020

Grazie mille Carlotta, a volte mi vengono un sacco di dubbi, per esempio se faccio bene a non parlarne in italiano che è la mia madrelingua. Per me parlarle in inglese è una cosa ormai naturale, e vedo che ora che è più grande mi capisce e questo mi da ovviamente soddisfazione. Ma mi chiedo sempre se faccio bene, se potrei arrecare dei “danni” al linguaggio della bambina. Questa è l’unica cosa che mi spaventa. Tu credi ci sia questa possibilità?
Grazie ancora!

🌸 Carlotta • lug 16, 2020

Non credo che la ricchezza del linguaggio e l'abbondanza di lingue, specialmente nei primi 6 anni di vita, arrechino danni: al contrario, credo che sia un grande beneficio per la mente del bambino. Certo, credo ci voglia una certa costanza :-) Grazie a te!

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!