La Tela di Carlotta

Dieta Paleo - Il mio personale viaggio paleolitico

nov 4, 2014

Ho già scritto e continuerò a scrivere dei motivi per cui voglio essere paleo e anche delle 11 cose più importanti che dovresti sapere sulla Paleo. Ma sempre più spesso ormai, mi ritrovo a rispondere alle stesse domande di chi è interessato, ma non sa come fare il primo passo.

Ieri ho scritto un semplicissimo ABC che risponderà alle domande più teoriche. Ma oggi vado sulla pratica più spicciola. Tra il dire e il mare, si sa.…

Vi racconterò, quindi, i principi che io seguo della dieta paleolitica, i cibi che mangio e che non mangio, come sono diventata paleo e in quanto tempo… insomma, il mio viaggio paleo.

Ci tengo ad iniziare con le domande che normalmente mi vengono chieste alla fine, ma che io credo essere le più importanti prima di intraprendere davvero lo stile paleo.

Se avete qualsiasi altro tipo di domanda, ovviamente sarò felice di rispondere nei commenti e spero siate d'accordo con me nel dire che non c’è nessun tipo di vergogna nel chiedere. :-)

È stato difficile cambiare stile alimentare?

È stato una montagna russa, un sacrificio perpetuo, un mare in tempesta, una lotta all’ultimo sangue, un continuo “un passo in avanti e quattro indietro”… e anche se ora è più facile, dopo quattro anni continua ad esserlo.

Chi vi racconta che non è difficile, mente. Chi vi dice che non gli mancano i cibi “proibiti”, mente. Perfino chi vi dice di essere paleo al 100%, probabilmente mente. È difficile, richiede tantissima forza di volontà e un sacrificio continuo in nome della propria salute.

È una guerra che forse non si vince mai, ma che noi siamo ormai convinti di voler portare avanti, perché ne abbiamo provato su pelle i tantissimi benefici.

Ma soprattutto, è uno stile di vita che stiamo imparando noi stessi per poi trasmetterlo ai nostri figli.

Come hai fatto tu?

Ho studiato. Bisogna informarsi, leggere molto, sapere cosa fanno davvero i carboidrati al nostro copro, avere ben chiaro perché si sceglie questo stile alimentare e farlo perché si crede al 100% nella scienza che sta dietro a queste teorie.

Se le fondamenta sono solide, si cade e si ricade, si fanno dei passi indietro, ma non si riparte mai da zero e ogni volta si impara qualcosa di nuovo non solo sul cibo e sul corpo umano, ma anche e soprattutto su noi stessi.

Sì, ma come hai fatto… in pratica?

A tappe e con continui passi indietro. Abbiamo iniziato con ridurre i dolci – che un tempo mangiavamo ogni giorno – a due o tre volte a settimana. Poi a una volta a settimana.

Ma era troppo difficile, sembravamo dei drogati senza la dose quotidiana e continuavamo a fallire miseramente. Allora abbiamo deciso di attaccare le sostanze individuali e abbiamo iniziato con il nemico #1: il glutine. Ci siamo tolti tutto ciò che aveva glutine (pasta, pane, pizza…): mangiavamo ancora riso (che non è paleo ovviamente, ma non contiene glutine) e tutti quei dolci fatti senza farina (gelato, panna cotta, cheesecake fatta in casa senza base, quantità industriali di cioccolato…).

Abbiamo così scoperto che era il glutine, soprattutto, a creare assuefazione e dopo un paio di mesi “puliti”, non ne sentivamo più il bisogno. Era ora di attaccare gli altri dolci.

Con l’aiuto del cioccolato extra fondente (che abbiamo imparato ad amare) e di veloci soluzioni per il dessert dopo pranzo (vedi sotto) ci siamo tolti, sempre tra alti e bassi e molto lentamente, i rimanenti dolci e poi, per ultimo, il riso (che oggi abbiamo reintrodotto e mangiamo almeno una volta ogni due settimane).


E ora le domande più frequenti, dai perché ai come, ai dettagli.

Perché fai la dieta paleolitica?

Come ho già spiegato nella mia guida per principianti, mangio paleo non per dimagrire (certo, mantenere il peso forma senza sacrifici non è poi così male), ma perché per me ha senso.

Noi esseri umani esistiamo da oltre 150.000 anni. La rivoluzione agricola (che ha introdotto tutti i cibi a base di farina e cereali) è iniziata solo 10.000 anni fa. Quindi per 140.000 anni (dall’inizio della nostra esistenza) abbiamo vissuto senza carboidrati artificiali e cibi processati. Una volta che questi cibi sono stati introdotti con l’agricoltura, abbiamo iniziato a mangiarli e poco a poco ci siamo abituati, ma solo apparentemente e nemmeno tutti (i celiaci, per esempio, continuano ad esserne intolleranti, cosa che oggi so essere la risposta più naturale del corpo).

Non solo, oggi sappiamo che anche quando non mostriamo sintomi come allergie e intolleranze, chi mangia carboidrati artificiali è in un perpetuo stato d’infiammazione, che è tra le cause di problemi alle arterie, cancro e sistema immunitario debole.

Che cosa mangi in un giorno normale?

Questa è la mia giornata alimentare tipo:

Colazione

Due uova con bacon e pomodorini cherry è la mia colazione preferita. Ora che sono incinta, preferisco evitare il tuorlo dell’uovo non cotto e quindi mangio un’omelette con prosciutto e formaggio.

Pranzo

Normalmente un’insalata gigante d’estate e carne e verdura d’inverno: pollo al curry con verdure, chili con carne, polpette con patate americane, pasticcio di zucca, pollo con zucchine, creme di verdura (la mia preferita quella di zucca)… insomma, qualsiasi carne e verdura.

A me piace finire il pranzo con qualcosa di dolce che normalmente è una di queste tre cose: yogurt greco con miele, cioccolato extra fondente, mela o banana cotta in burro con cannella (soluzione velocissima da preparare e buona come un dolce vero e proprio).

Merenda

La mia merenda dura praticamente tutto il giorno perché ho sempre qualcosa in bocca! :-P Frutta, cioccolato, mandorle e mirtilli (buonissimi insieme), anacardi, olive (con o senza acciughe) involtini di prosciutto e formaggio e chi più ne ha più ne metta.

Cena

Uguale al pranzo, ma normalmente senza il dolce. Spesso faccio due cene: una prima della mia lezione di ballo delle 20:30 e una dopo (normalmente qualcosa di leggero, come una zuppa o un’insalata o anche solo uno snack come prosciutto o olive).

Ma se non mi piace la colazione salata?

È il problema di tanti. Io stessa non avrei mai creduto di potermi abituare alla colazione salata, invece ora la preferisco sempre a cappuccino e brioche o latte e cereali/biscotti.

Non solo, la mia colazione è il pasto più calorico di tutta la mia giornata e quello che mi fa iniziare con la marcia giusta. Non fare colazione o mangiare solo una brioche, ahimè, non è la soluzione migliore né per essere sani (perché iniziamo la giornata con un picco d’insulina), né per dimagrire (perché iniziamo la giornata con un picco d’insulina ;-) e dopo un’ora abbiamo di nuovo fame).

In alternativa alla colazione salata calda, però, si può mangiare prosciutto e formaggio o uno yogurt greco con frutta e noci… o anche tutte e tre!

Yogurt? Ma quindi mangi latticini?

Sì e no. Ci sono due scuole di pensiero sui latticini, ma come ho spiegato qui, io sono a favore del limitarli il più possibile. Noi ce li siamo tolti quasi interamente, come il glutine. Ma abbiamo deciso che ce li concediamo in piccole quantità nelle cose che ci piacciono: un filo di latte nel tè o nel caffè al mattino (solo al mattino, gli altri senza latte), un po’ di formaggio nell’omelette e uno yogurt greco ogni tanto (che sì, ha latticini, ma ha anche molti altri benefici).

Non mangi mai pizza, pasta o dolci?

Certo che li mangio, non è mica la fine del mondo! Credo fortemente che una dieta paleolitica estrema sia il meglio per la salute, ma nel corso degli anni ho capito che io personalmente non vado d’accordo con gli estremi. Se mi privo di tutto ciò che mi piace, normalmente comincio a voler tornare alle vecchie abitudini alimentari sbagliate.

Quindi, come in tutte le cose della vita, si tratta di compromessi. Le nostre regole fondamentali sono:

  • Non comprare nulla di “cattivo" per casa, ma se siamo invitati ad una festa di compleanno o da amici mangiamo quello che c’è o che vogliamo (anche se non è paleo).
  • Evitare il glutine e i latticini il più possibile. Se ogni tanto abbiamo voglia di pasta (raramente perché ci siamo abituati a non mangiarla) compriamo pasta senza glutine.
  • Il gelato d’estate è uno di quei piccoli piaceri della vita senza i quali non vogliamo vivere (potere, possiamo, ma non vogliamo) ed è quindi una delle nostre eccezioni.
  • La pizza è un’altra eccezione e ce la concediamo almeno una volta al mese.
  • Abbiamo un paio di ristoranti non paleo, ma dove sappiamo che possiamo sempre scegliere piatti paleo e sono quelli dove cerchiamo di portare gli amici quando usciamo in gruppo. Se poi lo speciale del giorno è una cheesecake, magari la dividiamo.

Per tutto il resto, nel corso degli anni, non senza fatica ed alti e bassi, ci siamo abituati a farne a meno e non ci manca più di tanto (normalmente solo quando ci pensiamo… oggi ho pensato ai cappellacci di zucca ferraresi e non c’è maniera di togliermeli dalla testa! ;-).

Ma devo anche fare esercizio o la paleo è sufficiente?

La dieta è l’80% di un corpo magro e sano, ma l’esercizio è fondamentale per la salute e per la forma fisica. Pensate ad una macchina: se non mettiamo benzina non parte, ma se ha benzina e non ha ruote non va avanti lo stesso.

La dieta è il carburante del nostro copro, ma l’esercizio ne è la ruota ed è necessario per funzionare. Inoltre, solo l’esercizio ci dà massa muscolare, e un corpo con massa muscolare è 10 volte più sexy di un corpo magro, ma molliccio. Questo è il mio tipo d’esercizio.

Cos'è cambiato per te con la dieta paleolitica?

Tanto, tutto.

Basta allergie e fazzoletto!

Prima di tutto, mi sono liberata del 90% delle mie allergie e oggi so che se fossi 100% paleo, togliendomi anche tutti i latticini (che ho sperimentato per un mese), sarei al 100% libera dalla schiavitù del fazzoletto (che ora uso solo quando sono raffreddata).

Basta gonfiore e sonnolenza!

Non mi sento più gonfia. Ho capito solo dopo – quando ho iniziato ad essere paleo più rigidamente – quanto prima mi sentissi sempre gonfia senza mai, però, sentirmi sazia. I carboidrati sono come una droga per il corpo, più ne mangiamo più il nostro corpo ci dice che ne vuole di più. Oggi, quando mangio qualsiasi cibo ad alto contenuto glutinico, ne sento immediatamente gli effetti: gonfiore e sonnolenza immediati e una sensazione di “ubriachezza” per tutto il giorno dopo, ma, ahimè, per la pizza continuo ad essere disposta a pagarne il prezzo ;-)

Basta ossessione per il cibo!

Ma soprattutto la dieta paleolitica mi ha insegnato tanto su me stessa. Mi ha rivelato il rapporto ossessivo che avevo con il cibo e mi ha dato gli strumenti per migliorarlo poco a poco. Mi ha insegnato che posso fare a meno di qualsiasi cibo proibito se davvero lo voglio (e se non sono sola in casa con lui un pomeriggio intero ;-).

Ma soprattutto mi ha fatto vedere il cammino verso uno stile di vita che mi piace e che voglio trasmettere ai miei figli. Mi ha spinta a diventare poco a poco una persona che stimo di più, apprezzo di più e amo di più e non solo nel rapporto con il cibo, ma in tutti gli aspetti della mia vita professionale e personale.


Se cerchi uno stile alimentare migliore e più sano, magari ti interessano anche questi post:

L’ABC della dieta Paleo — una guida per principianti

Siamo ciò che mangiamo — perché mangiare naturale ed evitare carboidrati artificiali

Voglio essere paleo — perché ho scelto paleo tra tutti gli stili alimentari che esistono?

Svezia, pioniera della paleo — il primo Paese europea a cambiare le linee guida alimentari

Commenti

valentina • giu 9, 2015

Bellissimo post!! Complimenti ! 😊

Mari • apr 25, 2016

Ciao Carlotta, bellissimo il tuo articolo che ho scoperto per caso girovagando su internet! Volevo porti due domande...la prima e' se posso seguire la dieta paleo anche se sono incinta al sesto mese. Non vorrei eliminare degli alimenti che possono essere utili alla crescita del mio piccolo, come ad esempio i carboidrati. La seconda domanda e' se eliminare i carboidrati possa costringermi ad alzarmi spesso la notte in preda ai morsi della fame!!! Gia' i pensieri e la pancia che cresce non mi fanno dormire piu' bene come prima. Poi un' ultima considerazione che forse puo' sembrarti poco opportuna. Ma questa paleo dieta forse non e' molto seguita dagli italiani anche a causa di un maggior esborso economico...mangiare carne, pesce, salumi ecc...ad ogni singolo pasto e' piu' dispendioso per una famiglia, soprattutto in tempi di crisi e se molto numerosa. Con un piatto di pasta ci si sazia e si spende meno. Grazie se vorrai rispondere e complimenti ancora!!!!

🌸 Carlotta • apr 26, 2016

Ciao Mari, grazie per il tuo commento. Io non sono un medico né uno specialista, ma da ormai cinque anni seguo la dieta paleo (che è più un'etichetta, ma per me significa mangiare naturale) e mi trovo benissimo. Ho continuato in gravidanza e durante l'allattamento e poi con l'autosvezzamento, anche Oliver mangia 90% paleo da quando ha 6 mesi: non so se siano coincidenze, ma tutte le mie analisi del sangue durante la gravidanza erano assolutamente impeccabili e Oliver da quando è nato (1 anno fa) ha avuto solo due raffreddori e una febbre alta!

E se hai fame, ti direi: mangia di più, ma mangia sano. Il bello della dieta paleo (se la fai per salute e non perdere peso, perché allora la situazione cambia un pochino) è che se mangi cibi naturali non c'è limite a quanto puoi mangiare.

Ma comunque il fattore più importante è: come ti senti tu? Io quando mangio sano e limito i carboidrati artificiali, mi sento meglio, ho più energia, sono meno stanca e mi sento meno gonfia. Quindi non può che farmi bene.

E sulla considerazione economica, potresti avere ragione: mangiare sano costa di più, ma credo anche che purtroppo in Italia e in Spagna ci sia ancora tanta disinformazione e ignoranza in tema di cibo (se pensi che nelle scuole si insegna ancora la vecchia piramide alimentare e tanti dietologi ti consigliano ancora di mangiare dal 40% al 60% di carboidrati artificiali… da mani nei capelli, non credi?).

Ettorevivo • mag 6, 2016

Beh i formaggi e i salumi, non sono propriamente paleo. Io personalmente adotto uno stile estremo. Cerco di mangiare rispettando l'atavismo metabolico, elimino tutte le cose non nate nel nostro continente, quindi anche zucca patate pomodoro mais riso cereali. Il latte ed i derivati, nati come cibo contemporaneamente all'agricoltura e in seguito allo sviluppo degli allevamenti.

🌸 Carlotta • mag 9, 2016

Ciao Ettore. Grazie per il tuo commento. No, i formaggi e i salumi non sono propriamente paleo e certo, anche noi preferiamo evitare tutti i prodotti dell'agricoltura (farine di qualsiasi tipo, riso, mais, cereali ecc…), ma abbiamo deciso di non essere "estremisti" (cosa che per noi, come puoi leggere in questo articolo che ho pubblicato la settimana scorsa, non funziona). Ma tanto di cappello a te e a chi decide per l'estremo, perché io penso che quando si tratta di Paleo l'estremo non può che fare bene :-)

Terry • ago 24, 2019

Infatti, la paleo bandisce i formaggi! Mangiare i formaggi equivale a non fare la paleodiet

🌸 Carlotta • set 6, 2019

Non credo sia così, o almeno quando io seguivo lo stile alimentare paleo, non era così. C'erano due scuole di pensiero, chi diceva che mangiare latticini (in moderazione) andava bene, chi no. Ma sai, tutti questi stili alimentari seguono un po' le mode e gli studi del momento. Noi ora siamo molto più rilassati, e in generale non seguiamo nessuno stile alimentari etichettato… mangiamo e cuciniamo il più possibile con ingredienti freschi e voilat! Un abbraccio 🌸

Diana • feb 14, 2019

Tu scrivi che i carboidrati causano il cancro e mangi la carne, studi hanno dimostrato che al contrario è la carne a causarlo e non i carboidrati. Sono un po' confusa 😐
Quindi per capirci meglio se uno è vegano/vegetariano non può essere paleo e viceversa??

🌸 Carlotta • feb 15, 2019

Ciao Diana, grazie per il tuo commento.

Dunque, sul tema cancro, credo che al giorno d’oggi, purtroppo, ci siano talmente tante cose che causano il cancro che non sia lontano dalla realtà dire che sia la carne (quella che compriamo nei supermercati, piena di antibiotici e schifezze) sia i carboidrati artificiali, sia i raggi solari, sia la crema solare, sia “tutto” che il “contrario di tutto” causa il cancro :-(

Per quanto riguarda la tua domanda, credo che la risposta sia: se seguiamo le etichette, la dieta paleo presuppone mangiare anche carne, che i vegetariani/vegani non mangiano, quindi un vegano, per definizione, non potrebbe essere 100% paleo :-)

MA in generale, credo che sarebbe meglio dimenticarci e smettere di usare tutte le etichette: questo articolo, come avrai notato, è vecchiotto, ma noi da ormai quattro anni circa abbiamo cambiato notevolemente la nostra alimentazione (e ancora di più recentemente per motivi medioambientali) e non la etichettiamo più. Ho proprio scritto un post al riguardo che credo ti interesserà, lo pubblicherò a breve.

Se ti piace il blog, puoi iscriverti alla mia newsletter e così ti arrivano i nuovi articoli direttamente per posta elettronica. :-)

Un abbraccio,
Carlotta

Lucia • feb 4, 2020

ciao,
sto approcciando ad una alimentazione Paleo perché ho un'alimentazione molto sbilanciata sui carboidrati ( da una vita, infatti tutti e due i miei genitori hanno sviluppato il diabete II). Sono riuscita a farci una settimana intera e ho notato da subito che la fame nervosa mi ha dato un po' di tregua. Ma, mi rimane questa sensazione di aver mangiato troppa carne e troppe uova. il pesce non mi piace, se non davvero poche eccezioni (tipo gamberetti e polpo, salmone affumicato). Non mi farà male?

🌸 Carlotta • feb 5, 2020

Ciao Lucia e grazie per il tuo commento.

Da quando scrissi questo post sono cambiate tante cose, in primis il fatto che due anni fa ho iniziato un percorso di vita sostenibile che poco a poco mi ha fatto eliminare la carne per motivi medio ambientali: se ti interessa, ne ho scritto qui: la dieta del futuro.

Quindi come avrai capito non faccio più la paleo da tempo. Ma per quanto riguarda la salute, mi piacerebbe rassicurarti perché credo che lo stile di vita paleolitico (anche se oggi non lo consiglierei più perché mangiare tanta carne è poco sostenibile per il nostro pianeta) è sano. Specialmente se non lo prendi come bibbia e fai tuoi il vero principio di base: cucinare da ingredienti freschi ed evitare il più possibile prodotti confezionati (o leggere almeno sempre gli ingredienti). Per il resto, se ti preoccupa la salute, ti consiglio di fare degli esami del sangue ai sei mesi dall'inizio della dieta e così ti rassicuri con certezza.

Spero di averti aiutata :-) Un abbraccio 🌸

Tonino • feb 18, 2020

Il latte non fa parte del regime paleo, e in veleno assoluto per il nostro sistema immunitario, sopratutto per chi appartiene al gruppo sanguigno zero, leggi le diete in base ai gruppi sanguigni.
Per il latte, e necessario assumerlo solo in una certa fascia di età, da quando si è nati fino a due anni.. Dopodiché è un alimenti pressoché inutile e dannoso.. Il calcio, lo possiamo ricavare da altri alimenti ( sempre rispettando il regime paleo).

L esercizio fisico e fondamentale, ma dieta paleo e indicata principalmente a tutti coloro che fanno crossfit, in America già e utilizzato questa metodica.

Infine, assolutamente sconsiglio fare e sperimentare la dieta paleo alle donne in gravidanza, chi lo fa e da matti..
Eseguite sempre lindicazioni del medico e no da un blog da 4 soldi.

Esperto di nutrizione e istruttore Crossfit

🌸 Carlotta • feb 20, 2020

Carissimo Tonino, esperto etc etc etc,

pubblico il tuo commento poco gentile invece di cestinarlo, perché sono una persona di principi, ma credo che la parola "personale" nel titolo del post risponda già per me: questa è la mia esperienza PERSONALE, il mio viaggio. Non sono un'esperta, né fingo di esserlo. Ho fatto la paleo per 4 anni, in cui ho sperimentato diverse scuole di pensiero e diversi effetti sul mio corpo.

Da allora, però, sono passati tanti anni e mi sono evoluta: non faccio più la paleo e anzi non mangio più carne se non so da dove proviene (evitando specialmente gli allevamenti intensivi, perché dobbiamo tutti avere un occhio di riguardo per il nostro pianeta, non credi?).

Anzi, a dire il vero non faccio più nessuna dieta, cucino da ingredienti freschi, studio le etichette dei prodotti ed evito l'artificiale nella misura del (mio personale, ripeto) possibile. Ah, e ho fatto la paleo in gravidanza e sono stata benissimo, mai avuti migliori esami del sangue: mio figlio è nato sano e in forze, grazie. Sarò matta! (Comunque la e quando è verbo essere richiede l'accento: è da matti)

Comunque, causa molti incontri ravvicinati con "esperti", non credo più alle verità assolute come quelle nel tuo commento: ma certamente continuo a credere che il miglior esperto e medico di noi stessi siamo noi stessi, e invito ognuno ad imparare ad ascoltare il proprio corpo prima che il nutrizionista, a informarsi da sé prima e a mettere in discussione tutto (come quello studio che diceva che il glutine crea un'infiammazione permanente nell'intestino, poi rifiutato due anni dopo).

Se vorrai rispondermi ti chiedo solo di non aspettarti ulteriori risposte da me: sono troppo impegnata a rispondere a commenti più educati e gentili sul mio blog da 4 soldi :-)

Buona vita,

Carlotta

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!