Differenza tra immaginazione e fantasia in Montessori

3 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Avrete spesso letto sul blog e su Instagram che preferisco che Oliver legga libri e guardi video che rappresentino il mondo reale. Se guarda un film, preferisco che sia un documentario (ultimamente ci piace tanto Chimpanzee di Disney Nature); se guarda un cartone, preferisco che gli animali non parlino (siamo fan di Curious George, perché la scimmia non parla, tratta di temi del mondo reale e ogni episodio insegna la curiosità e l’abilità di risolvere problemi); se legge un libro, preferisco che non sia una storia di fantasia.

Oggi ti voglio raccontare il perché e per farlo prendo in prestito le parole di Cristina Tebar nel suo post su www.montessoriencasa.com. Questa è una traduzione del suo post Imaginación y Fantasia en Montessori.


Il focus dell’immaginazione e della fantasia in Montessori è un argomento che di solito causa confusione e controversie; alcune persone pensano che Montessori non incoraggi l’immaginazione e la creatività dei bambini, quindi voglio iniziare chiarendo questo fraintendimento.

Immaginazione e fantasia sono due cose diverse

La prima cosa da considerare è che immaginazione e fantasia sono due cose ben diverse. L’immaginazione nasce nella mente del bambino, è qualcosa che viene creata dall’informazione che lui ha già nella sua mente, mentre la fantasia è qualcosa che nasce dall’immaginazione di un’altra persona e che trasmettiamo al bambino dall’esterno.

Come può l’immaginazione dei bambini svilupparsi attraverso ciò che è, al contrario, il frutto della nostra immaginazione? Noi siamo quelli che immaginiamo, non loro. Loro ci credono, non immaginano. […] È quindi credulità ciò che vogliamo sviluppare nei nostri figli? (Maria Montessori, The Advanced Montessori Method)

In Montessori non si rifiuta l’uso dell’immaginazione, anzi, lo si incoraggia, ma si evita di esporre alla fantasia i bambini sotto i 5 o 6 anni.

Dai 6 anni in avanti, benvenuta fantasia!

Fino a 5-6 anni il bambino ha bisogno di imparare attraverso il mondo reale, non ha bisogno di fantasia né per imparare né per sviluppare la sua immaginazione. Anzi, la fantasia può essere dannosa in questo primo stadio di sviluppo, dal momento che la mente del bambino non ha ancora alcuna capacità di pensare in maniera astratta, e a volte non è in grado di differenziare ciò che è reale da ciò che è finzione—e questo può creare confusione in un momento di vita in cui stai costruendo la tua visione del mondo.

D’altra parte, un bambino più grande dei 5 o 6 anni, che sta già sviluppando la sua mente astratta, può godere e persino imparare attraverso storie che contengono fantasia, da un lato perché la sua mente è già predisposta, e dall’altro perché ha già una vasta conoscenza del mondo reale, e questi due fattori ti permettono di differenziare la fantasia dalla realtà.

Quindi, perché i bambini di età inferiore ai 6 anni vivono circondati dalla fantasia, se non è una necessità per loro? Generalmente è una nostra necessità, degli adulti, perché vogliamo condividere con loro storie fantastiche che ci piacciono e pensiamo erroneamente che dobbiamo farlo quando sono piccoli perché così ci possono credere, quando in realtà è esattamente il contrario; dovremmo aspettare che la loro mente sia pronta per godersi una storia di fantasia sapendo che è finzione, proprio come facciamo noi adulti.

Come limitare l’esposizione alla fantasia nei bambini sotto i 6 anni?

La verità è che oggi è difficile che un bambino non sia esposto alla fantasia fino a 5 o 6 anni, non possiamo mettere i bambini in una bolla. Ma ciò non significa che non possiamo fare quanto sia in nostro potere per bilanciare l’equilibrio verso il lato della realtà. Ecco alcune idee per farlo:

  • Offrire ai nostri figli libri che mostrano la realtà, sia nelle immagini che nei testi.
  • Scegliere giocattoli, decorazioni e persino vestiti che abbiano immagini reali o il più realistico possible.
  • Parlare con loro di ciò che ci circonda e di ciò che possiamo vedere e toccare, offrendo loro esperienze nel mondo reale.
  • Rispondere con sincerità quando ci fanno domande. Questo mi sembra una grande manifestazione di rispetto nei loro confronti.

PS. A proposito di fantasia in Montessori, qui sotto trovi alcuni post relazionati al tema: Natale e Montessori, Una letterina di Natale alternativa.


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Ciao Carlotta! Mi chiamo Elisa, sono un’insegnante della scuola dell’infanzia e sto facendo un corso sul metodo Montessori. Ti faccio i complimenti per come spieghi in modo semplice e comprensibile concetti che spesso faccio fatica a far comprendere ai genitori. A proposito del tuo articolo, anch’io ritengo che sia fondamentale porre attenzione sulla scelta dei libri e dei materiali che si offrono ai bambini, anche se non è sempre facile trovare ciò che si cerca. Continuerò a seguirti, perché spesso trovo online informazioni sul metodo non proprio coerenti, mentre invece il tuo blog è molto curato, corretto e chiaro. Buon lavoro!a presto

    • Ciao Elisa, grazie mille per il tuo messaggio e le tue parole e spero di ritrovarti presto nei commenti. Un abbraccio PS. Conosci il mio corso online su come portare montessori a casa in maniera pratica, eliminare il disordine e vivere in un ambiente più armonico? Ho ricevuto tanti commenti positivi da tanti genitori in giro per il mondo, magari potresti consigliarlo ai genitori dei “tuoi” bambini per iniziare a immergere un piede nella filosofia. Sto preparando un secondo corso più teorico, con tante nozioni di montessori e filovia positiva per crescere i nostri bambini.

      • Sarebbe una buonissima idea, così chi è interessato ha un modello pratico come stimolo. Proverò a suggerirlo e nel frattempo continuerò a seguirti, anche perché sono alla mia prima gravidanza e mio marito ed io vorremmo applicare il metodo anche con il nostro/a bimbo/a e sul tuo sito ho già trovato un sacco di consigli utili! A presto


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale per ricevere gli ultimi post direttamente in mail. Solo una mail al mese. No spam (giurin giuretto!) 🙂


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.

Imprint  ·  Privacy Policy