La Tela di Carlotta
it en es

Come mostro empatia ai miei figli

gen 2, 2021

Tanto del mio metodo educativo si basa sull’insegnare l’empatia ai miei figli attraverso il mio esempio. L’empatia è qualcosa che io ho dovuto imparare a mia volta nei loro confronti – soprattutto nei momenti di crisi (i cosidetti “capricci”), quando mi sembra che piangano per nulla, quando non li capisco, quando penso che mi sfidino…

Quelli sono i momenti in cui se mostro empatia io, loro la imparano. Per la prossima volta, per la lite con il fratello, per la manata della sorella.

Se io non sono un genitore che impara a fare il genitore, non posso aspettarmi che i miei figli siano persone che imparano a fare le persone.

Come mostro empatia in una crisi

Ecco alcuni dei miei modi preferiti per modellare l’empatia con i bambini, specialmente in un momento di crisi, in cui noto che i miei figli non riescono a controllare le loro emozioni (piangono, gridano, picchiano):

1. Silenzio e respiro: a volte è sufficiente solo fermarsi, offrire la nostra presenza e mantenere il nostro respiro calmo (se si lasciano abbracciare, rallento la mia respirazione mentre li abbraccio… la mia calma è la loro calma).

2. Un tocco delicato: toccagli il braccio, la schiena o la mano. Spesso, la nostra presenza fisica comunica più delle parole. In generale, evito sempre di usare molte parole in un momento di crisi, se noto che sto parlando troppo e facendo la classica ramanzina, mi fermo, dico "Te lo spiego più tardi, posso darti un abbraccio?".

3. Ascolta attivamente: spesso i bambini non hanno bisogno delle nostre parole, hanno bisogno che ascoltiamo le loro. Un buon modo per iniziare è dire: "Ti capisco", anche quando non li capisci davvero.

4. Fai dei suoni di comprensione: a volte un semplice suono come "Oh", "Mmm", "Ah-ha" comunica ai nostri figli che li stiamo ascoltando e li capiamo. Permette anche di convalidare il sentimento mentre pensiamo a che parole usare.

5. "Raccontami" o "Dimmi di più": se è calmo abbastanza per parlare, mostrare interesse in ciò che tuo figlio prova vale molto. Significa "Sono interessato, sto ascoltando, ci tengo, ti amo". Questa frase, inoltre, permette di capire che cosa è successo o che emozioni si sta provando senza pregiudizi né supposizioni. Per esempio, "Che cosa hai fatto?" presuppone che il bambino abbia fatto qualcosa che ha provocato la sua reazione: non è sempre così. "Che cos'è successo?" indirizza il bambino verso un tipo di conversazione, ma magari il bambino si aprirebbe raccontando altro. "Raccontami" è neutro, i bambini hanno il controllo.

6. Descrivi l'emozione: nominando l'emozione, aiuti tuo figlio a capire cosa sta provando. "Sembri [sopraffatto, deluso, frustrato, triste, spaventato]". Inoltre, può incoraggiare i bambini anche a riflettere sui loro sentimenti (potrebbe dire: "No, non sono *arrabbiato*. Sono *triste*"), cosa che stimola la parte razionale del cervello e li aiuta a calmarsi: nominare l'emozione aiuta domarla.

7. Sii "interprete" di tuo figlio: traduci le sue emozioni e reazioni. “Ho capito, non volevi [fare male a tua sorella / rovesciare l'acqua / picchiare il bambino]. Stavi cercando di… [giocare con tua sorella e l'hai spinta; versare l'acqua nel bicchiere e l’hai rovesciata sul tavolo; riprenderti il tuo giocattolo che il bambino ti avevo preso]". Attenzione: non giustifico il comportamento, lo capisco, lo metto in parole (specialmente utile per i bambini più piccoli) e accolgo l'emozione prima di parlare del comportamento.

8. Osserva: rifletti sulla causa. Che cosa ha causato la crisi? Se lo capisco, generalmente posso rimediare più facilmente. Osservare i nostri figli è uno degli strumenti più potenti della genitorialità.

Cosa evito di fare

  1. Non generalizzo: cerco di evitare di usare avverbi come "mai" e "sempre". ❌ "Sei sempre il solito", "Non metti mai ordine".
  2. Non minaccio: cerco di evitare di parlare del futuro, rimango nel presente. ❌ "Se non aiuti a mettere in ordine, la prossima volta Oliver non vorrà giocare con te".
  3. Non alzo la voce: ci sono cosine nel nostro cervello che si chiamano neuroni specchio, che riflettono l'emozione altrui. Se la tua emozione è rabbia, indovina che emozione ti restituirà tuo/a figlio/a.

Se faccio una di queste cose sopra, di solito lo capisco perché invece di calmare crisi, la alimento e peggioro la situazione. Il volume del pianto aumenta. Le urla si intensificano. I bimbi si coricano per terra.

Faccio un respiro (magari due respiri) e poi uso uno dei metodi elencati sopra per mostrare empatia, ridare il controllo alla parte razionale del cervello e rientrare in sintonia con i miei figli.

Il mio corso online "Educare a lungo termine" è tutto incentrato sull'imparare a gestire le emozioni (nostre e dei nostri figli) nelle crisi, sulla comunicazione rispettosa, sul creare una nuova mentalità per evitare i meccanismi tipici dell'educazione tradizionale, come minacce e castighi. Ha già aiutato tanti genitori che hanno deciso di iniziare il loro percorso nell'educazione consapevole. Se senti che potrebbe aiutarti, ti assicuro che ti aiuterà.  

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Commenti

Barbara • feb 1, 2021

Bellissimo articolo! Le tue parole colpiscono come frecce, dritte e profonde! Hai spiegato la pratica del silenzio e del respiro che utilizzo già da un pò di tempo, mi aiuta nelle situazioni davvero difficili, mi da tempo di riconnettermi con me stessa e con le mie bambine ma soprattutto riprendere controllo!
Illuminante "nominare le emozioni aiuta a dominarle". Grazie Carlotta sei fonte d'ispirazione e fare sempre meglio❤

🌸 Carlotta • feb 16, 2021

Grazie a te che mi leggi 🌸

Sara • gen 18, 2021

Carlotta, se e a quale età i bimbi potrebbero attivare un po' di malizia e far scattare la provocazione?

Giulia • gen 4, 2021

Fantastico episodio 22.... tutto ciò in cui credo....come mamma e come maestra.... difficilissimo a volte da applicare.... Grazie infinitamente Carlotta!!!!!!!

🌸 Carlotta • gen 4, 2021

Ti ringrazio Giulia, sono davvero felice che ti sia piaciuto anche l'episodio del podcast! Hai ragione, difficilissimo da applicare, ma poi quella volta che ci riesci non ti sembra che ti si apra un mondo? 😍 Ti abbraccio 🌸

Francesca • gen 2, 2021

Semplice, essenziale ed efficace, come sempre! Grazie! ❤

🌸 Carlotta • gen 4, 2021

Grazie infinite a te che mi leggi, Francesca! 🌸

Anna • gen 2, 2021

Nulla da dire, da dirti 😉 tanto da pensare e " assorbire".
Grazie ☺🌺

🌸 Carlotta • gen 4, 2021

Grazie a te che mi leggi e assorbi 🌸

paola • gen 2, 2021

In questo post ho trovato consigli intelligenti e utili che condivido pienamente. Credo nella calma come strumento più efficace per comunicare coi bambini. La calma mi permette di osservare ascoltare e agire in modo ragionevole dando origine all'empatia! Brava!

🌸 Carlotta • gen 4, 2021

La nostra calma è la loro calma, non mi stancherò mai di ripeterlo. Grazie per il tuo commento 🌸

Penso che questi ti piaceranno

Spiegare come funziona il cervello aiuta i bimbi a controllare le loro emozioni
Amore incondizionato
Cosa significa avere un bimbo altamente sensibile
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
gen 31, 2021 • 05m
Montessori in 5': NON va tutto bene
In questo episodio di Educare con Calma, vi spiego in 5 minuti perché secondo me, in un momento di sofferenza dei bambini o quando li vediamo in balia delle proprie emozioni, sia meglio evitare frasi come "non è successo nulla" e "va tutto bene" e vi suggerisco l'alternativa che uso io con i miei figli. Per visualizzare le informazioni scritte in formato altrettanto digeribile, ti invito a leggere il post relativo Montessori express: NON va tutto bene!  Nell'episodio menziono anche un articol...
29

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

feb 26, 2021 • 20m
Etichette: smettiamo di mettere le persone in scatola!
Questa settimana su Educare con Calma parliamo di etichette (parole che usiamo per definirci), del perché penso che siano nocive per conversazioni e relazioni e come sostituirle nel nostro linguaggio.  Vi lascio il link all'episodio sul mio blog, dove potete anche leggere la trascrizione, trovare i post relazionati al tema di cui parlo e anche lasciarmi un commento per avviare una conversazione. Nell'episodio menziono anche questa IG TV "Basta con le etichette!" e questo vecchio post "Il papà...
34
feb 24, 2021 • 05m
Montessori in 5': cambia le frasi in positivo
Oggi su Educare con Calma vi spiego in 5 minuti perché funziona con i bambini cambiare le frasi negative in positivo e perché può aiutare non solo a rispettare i limiti, ma anche a cambiare la mentalità. Nell'episodio menziono la collezione Montessori Express sul mio sito in cui riassumo idee che mi hanno aiutata con i miei bimbi. -- Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblicità di qu...
33

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Come lasciare il parco giochi senza lotte di potere
Così è la vita
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Montessori express: cambia le frasi in positivo
Montessori express: NON va tutto bene!
Mio figlio piange disperato in macchina (15 mesi)
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!