How having a baby can make you more productive

20 comments
Help spread the word
ItalianoEnglishEspañol

I’ve never been somebody who twiddles their thumbs a lot. I’m quite determined and if I truly want something, I’ll make it happen sooner or later, through ups and downs. I took two-years worth of exams in one when I met Alex and wanted to move to Spain (I’ll have to tell you about that sometime). I created my own business from scratch when I realised that translation agencies were ignoring my CVs. I became paleo and exercised every day, Monday to Sunday, for years when I decided that it was time to live healthily.

They might not be big achievements, but they changed my life and I’m proud of them. They made me stronger and even more determined. And they all happened in the periods of my life when I worked really hard—I mean 6am to 10pm hard.

But that doesn’t mean I’ve always worked hard in my life. The first two years of university were a catastrophe: I had just got out of a five-year relationship with my first sweetheart, I was heartbroken and doing more party-nutella-Lost-and-friends than actual studying. A couple of years later, after one wasted year of sending countless CVs to pursue my dream of becoming the next Fernanda Pivano, I was emotionally exhausted, out of motivation, and did lots of sitting around and crying over myself. When I was 8.5 months pregnant with Oliver and handed my business over to other teachers, I had so much time on my hands, but used most of it to watch the million and one episodes of The Good Wife.

Too much time on my hands. That was the common denominator between all the unproductive periods of my life.

I recently read about the concept of Idea Debt, when you spend too much time thinking about a project, dreaming of becoming successful, imagining your bright future… and way too little time making it happen. I got into so much Idea Debt during those unproductive times and it made me feel so overwhelmed, that sometimes instead of putting my head down and getting things done, I’d procrastinate even more. Which means even more Idea Debt—I guess that’s how debts work?

When there’s no time, there’s no time to waste

Then Oliver came. And turned everything upside down.

Suddenly, all the free time I had for myself disappeared. There was no time for The Good Wife (neither on TV nor in my household). There was no time to exercise. There was no time to blog. There wasn’t even time to sleep.

And against all odds, that’s when I started being more productive and blogging more. I realise only now that’s when I actually started paying off my Idea Debt.

How? You see, when there’s no time, there’s no time to waste.

After the first two months of adapting to my life as a new, clueless mum, I was now taking care of Oliver 24/7, giving language classes 10-15 hours a week, taking my dance classes two-three nights a week and meeting other mums all the time.

No, there was no time for my blog, nor to make my project happen, nor to pay off my Idea Debt. But because there was no time, every time I sat at the computer even for 5 minutes, I’d write, write, write. I’d focus. I’d be productive. I’d get things done.

Nowadays, I rarely sit at the computer without a very clear idea of what I’m going to do—I think about it while playing with Oliver, driving to the playground, doing the laundry, tidying up the house, when I can’t sleep at night. It’s all in my head. So yes, I still do a lot of thinking, but when I finally get to my computer I sit and work, I don’t waste time anymore—because now, that first half an hour when I’d usually browse the internet looking for ideas, reading some other blogs, facebooking… might be the only half an hour I have!

You can do it, too (with or without a baby)!

Becoming a mother has made me more productive. But I’m not saying you need a baby to be productive. What I’m saying is: if I can do it, with the little time I have, you can do it, too. Focus on the big picture, but work every day on its pixels. Most productivity guides will tell you to find a day and a time and always stick to it: if you’re a mother of a baby/toddler who doesn’t go to nursery, you know that’s impossible!

Instead, have a clear idea in your head of what you need to do, and when you get the chance to finally do it, don’t waste time, don’t look at social medias, turn off all notifications, disconnect the phone and the buzzer, forget about that person you have to call later, that present you have to buy, the house that needs cleaning. Just work. For five minutes, for half an hour, for as long as you get. Sometimes I get to write only a few paragraph or translate half a post: it’s not ideal and I do get upset often, but it’s what it is and it’s got to be enough.

And yes, every day I get overwhelmed thinking about all there is to do, all the posts I’d like to write, all the ideas that I can’t get out of my drawer, all the changes I’d like to make. But every day I still sit at my computer and write, translate, promote, create. And I think that eventually it’s going to be enough to make La Tela into something big.

I’m slowly, but surely paying off my Idea Debt, one post at the time.

What’s your Idea Debt? Are you paying it off?


Help spread the word

The woman behind the words

My name is Carlotta, I’m 33 years old, I’m Italian, married to a Finnish guy, and together we raise Oliver (4) and Emily (2) Montessori and multilingual. We’re selling everything to travel the world.

More about me →

Did you like it? Agree? Disagree? Let me know.

If you prefer, you can also tweet to me or write me privately.

  1. Bellissime parole e di grande ispirazione come al solito 🙂 …sarebbe forse ora che iniziassi anche io a pagare i miei debiti di idee e far materializzare gli appunti presi sui foglietti sparsi in giro per casa! Grazie Carlotta 🙂

    • Carlotta - April 16, 2016

      Sì, sì, sì, Maria! Inizia! Non aspettare il momento giusto perché non lo è mai… oggi siediti 5 (3,2) minuti e inizia. Ti renderà felice! Fammi sapere 🌸

  2. Mi hai letto nel pensiero! Piano piano cerco anche io di pagare i miei debiti di idee. Mi piace scrivere, ma ho poco tempo a disposizione e spesso sono stanca oppure ho altro da fare. Da un po’ di tempo a questa parte, però, mi sto impegnando e cerco di portare avanti il mio progettino. E mi sento felice!
    Un abbraccio

    • Carlotta - April 16, 2016

      Barbara, progettino o progettone, quello che serve è proprio quello che stai facendo: impegnarsi sempre e comunque! Se non ci investiamo noi, nessuno lo farà al posto nostro. Grazie per il tuo commento, mi fa sempre piacere leggerti tra queste pagine. Un abbraccio a te

  3. In due giorni che ti leggo mi hai fatto capire più cose tu che le mie infinite elucubrazioni mentali.. 😉 Grazie, ora scappo perchè come te ho un bimbo piccolo che riduce il mio tempo libero ai minimi termini!
    PS abbiamo un sacco di cose in comune mi sa 😉

    • Carlotta - April 16, 2016

      Grazie per il tuo commento, Linda, e per le tue parole! Ma non smettere con le tue elucubrazioni mentali che fanno sempre bene! PS. È quello che mi piace di più di quello che faccio… trovare persone che condividono i miei ideali e le mie nuotate contro corrente 😉

  4. Fabulous post. Be proud of yourself and all your achievements, they are great as achieved by you and only you. Inspirational words.

    • Carlotta - April 16, 2016

      You’re so right, Lucy! It took me years to understand this, but I do have to be proud of myself and my achievements—they might be small, but they’re huge for me. Thanks for reminding me!

  5. Hai scritto esattamente ciò che penso. Da quando sono mamma (2 anni) sono diventata 10 volte più produttiva di prima e ho avuto il coraggio di staccarmi dall’idea di un lavoro da dipendente per lanciarmi verso una professione da freelance che sognavo da tempo e che mi appaga ogni giorno di più! La fatica è tantissima, il tempo sempre meno, ma di energia e determinazione ne ho da vendere!😎

    • Carlotta - April 16, 2016

      Deborah, grazie per condividere la tua esperienza! L’esperienza di altre mamme aiuta e ispira! È esattamente come dici tu: la fatica è tantissima, ma l’energia ancora di più! 🌸

  6. Stefania - April 18, 2016

    Ogni volta che ti leggo, penso che se abitassimo vicine saresti una delle mamme con cui uscirei più volentieri, con cui mi sentirei più allineata nel modo di pensare e di vedere la vita… Ma, in fondo, ogni tuo post è un po’ così, come quando tra mamme si esce per raccontarsela. Solo che il modo che hai di scrivere lo rende più magico!

    • Carlotta - April 21, 2016

      Stefania, grazie, mi hai commossa! È uno dei più bei complimenti che potessi ricevere 🌸

  7. Ciao Carlotta, ti seguo da qualche settimana, non ricordo nemmeno come sono arrivata al tuo blog, sicuramente da qualche link “montessoriano”……Ecco, con questo post tocchi un tasto dolente, io invece da quando sono mamma e non lavoro più full time a volte ho davvero la sensazione che il tempo mi voli via come nulla o che lo sto sprecando! E leggere te “mi emoziona” un po’ perché rivedo una ME come voleva essere a 30 anni ( ora ne ho 41): che insegnava inglese ( anche io sono laureata in Lingue, credo anche tu…), che viveva all’estero e possibilmente con un marito straniero 😉 Beh, alcune cose le ho realizzate ( vivere all’estero per un po’) sulle altre, le vicende della vita hanno fatto altre scelte per me but, so far, no regrets! Hai super ragione, e sono d’accordo con te: se uno vuole fare qualcosa lo fa e basta. E purtroppo adesso fra i social, telefono, e distrazioni con il bimbo le ore, i giorni volano! Ma mi sei di ispirazione……..anche io apprezzo il metodo Montessori ( anche se sono stata “meno rigorosa” di te con camera e lettino anche perché ho cominciato ad avvicinarmi quando il mio cucciolo aveva circa 6 mesi), ho fatto parzialmente autosvezzamento ( ho iniziato con il tradizionale causa trasloco!) e ho un blog iniziato con due miseri post 5 anni fa…..chissà che prima o poi non ci rimetta mano! Ecco….la dieta paleolitica forse no, quella non mi convince tanto ( almeno per me!) ma se tu ti trovi bene e non la senti una forzatura vai avanti così. Grazie delle tue idee e della tua compagnia ( ma per non perdere più tempo ora non devo più leggere il tuo blog??? 😉 e come facciamo???? )
    Ciao e a presto

    • Carlotta - April 21, 2016

      Giulia, noooo… continua a leggermi! Haha, come si dice, pochi ma buoni 😉 Io ultimamente leggo solo un paio di blog a cui sono tanto affezionata, e un paio di sessioni lavorative a settimana invece di scrivere le dedico ai social (che volente o nolente, per un blogger sono importanti).

      Anche io sento che il tempo mi scivola via e per assurdo, la settimana in cui siamo stati in Italia, senza impegni né lavoro mi è sembrata passare più lentamente e mi è piaciuto tanto.

      Ma nel post non ho scritto una cosa che è già materiale per un post futuro: a volte magari stiamo bene così come siamo, senza “fare di più” o “mirare più in alto”… e dobbiamo permetterci di accettarlo perché va bene comunque! E poi come dici tu: no regrets, ever!

      Grazie per il tuo bel commento! 🌸

      • Grazie Carlotta della tua risposta…ho appena letto il tuo post su Torino, tuffo al cuore perché ci ho abitato per 23 mesi al ritorno dagli States e l’ho salutata 14 mesi fa quando il mio cucciolo aveva 6 mesi. Giorno dopo giorno la adoravo sempre di più…. Ora siamo in Lombardia e un trasloco in città diverse con un baby piccolo e nessun amico/parente nella nuova città è stato duro!Ma piano piano ci stiamo abituando! Non avrei mai pensato al Museo del Cinema con il mio cucciolo, ma vedo che Oliver si è divertito! e comunque è un museo davvero particolare. A presto!

      • Carlotta - June 11, 2016

        Come ti capisco, non è affatto facile non avere famiglia vicino con un bimbo piccolo! Tra poco ci trasferiamo anche noi quindi sicuramente leggerai presto dell’esperienza del trasloco con un uomo bonsai al seguito 😉 Spero che la Lombardia vi stia trattando bene! Un abbraccio 🌸

  8. Ciao Carlotta,
    entrata per caso nel tuo blog, ho passato le ultime due orette a leggere molti dei tuoi spunti di riflessione a random, seguendo un po’ l’ istinto un po’ l’ interesse. Un sacchissimo di complimenti!!! Ho un sacco di Debiti di Idee che intendo iniziare a pagare proprio durante il mio tanto atteso periodo di maternità!!! Yeah!!! Dopo 13 anni di lavoro mi sembra un miracolo avere un po’ di tempo per me e, come te, stranamente ottimizzo i tempi quando ho poco tempo 🙂 ma la mente free ( non mi devo aggiornare su ciò che è prettamente pertinente al mio lavoro ma, finalmente, posso muovere le mie idee). Ho intenzioni serie di realizzare alcuni progetti e non rimandarli ” mai più, mai”.
    Ti lascio perché il mio cucciolo chiama
    Ti abbraccioooo

    • Carlotta - June 11, 2016

      Lorena, grazie per il tuo commento! Sto scoprendo che non siamo le uniche, stranamente noi donne multifare ci sentiamo più produttive quando non abbiamo tempo alcuno hihi! Ti faccio un enorme in bocca al lupo per iniziare a pagare i tuoi debiti di idee e… Quando inizi, non smettere più! Un abbraccio a te e una carezza al tuo cucciolo 🌸

  9. Valentina - January 13, 2017

    Ciao Carlotta, ho da poco scoperto il tuo fantastico blog grazie ad una mia amica! Ho letteralmente divorato i tuoi articoli nei rarissimi momenti “liberi” che mi concede la mia cucciolina.
    Questo è l’articolo che preferisco..semplicemente GRAZIE! 🙂

    • Ciao Valentina, che carina, grazie mille per il tuo commento e per seguirmi… Senza i miei lettori, il blog non sarebbe niente! Se ti va, puoi iscriverti alla mia newsletter e ricevere i post nuovi direttamente via mail una volta a settimana 🌸 Un abbraccio!


In a hurry?

Subscribe to my newsletter and get all the latest posts directly to your inbox. Only one email per month. No spam (pinky promise!) 🙂


You might also like…

I’ve handpicked these articles for you so you can keep reading.


Popular articles…

These articles proved quite popular. Perhaps you’ll like them too.


Latest articles…

Hot off the presses for your reading enjoyment.

Imprint  ·  Privacy Policy