How Montessori can help us be better parents

16 comments
Help spread the word
ItalianoEnglishEspañol

Oliver is going through a challenging phase: he cries a lot when we’re at home. I haven’t figured out yet if it’s because of lack of stimuli, general discomfort caused by teething, boredom of being always with mummy, a combination of all those things, or if it is, indeed, just a phase (which is most likely).

The problem is, his crying for no reason at all really gets on my nerves and, since the very beginning, it’s the one thing that can drive me completely nuts. I’m not talking about a little moaning, it’s real crying out loud, proper tantrum style. It drives me insane.

The most recent Montessori course I took was about the transformation of the adult, which is absolutely necessary in a Montessori environment—or any environment, in my opinion. Maria Montessori wrote in The Secret of Childhood:

The adult is part of the child’s environment; the adult must adjust himself to the child’s needs if he is not to be a hindrance to him and if he is not to substitute himself for the child in the activities essential to growth and development.

At the end of the course we all had to choose an aspect of ourself we wanted to improve and start working on: I chose patience and anger management, and I have to admit it’s been very hard, probably the hardest challenge this Montessori journey has given me so far.

So today, I’m going to give you the same challenge: start your own transformation, start working on something you struggle with in order to become a better parent for your children and a better person. Before choosing your challenge, I’ll quickly explain what the transformation of the adult means in Montessori and I’ll tell you a funny (in retrospect) anecdote about me.


According to the Montessori philosophy there are four aspects of transformation you have to undergo to become a Montessori guide (“guides” is how they call teachers in a Montessori school):

  1. Spiritual and emotional (which involves changing your attitude towards the child and life in general)
  2. Physical (which involves carrying out a healthy lifestyle, minding your tone of voice, avoiding being extravagant in your way of dressing)
  3. Intellectual (understanding the development of the child, which is a continuous learning precess)
  4. Technical (knowing how to use the materials and knowing when to intervene and when not to)

For a parent like you and me, though, I think the most important aspect—the one that will shape the relationship with our children—is the first one, the emotional one. Undergoing an emotional transformation means, among other things:

  • Learning to trust our child and always give them the benefit of the doubt: Maria Montessori said that there’s no bad child and I believe her; a child behaving badly is a sign that they have encountered an obstacle in their development and it’s our job as parents to understand and help them figure it out.
  • Learning to be patient, accepting the child’s rhythm and being understanding when their behaviour doesn’t meet our expectations.
  • Learning to be perseverant when things don’t go our way.
  • Learning to be humble and admit our mistakes.
  • Learning how to deal with anger ourselves in order to help our kids recognise it and deal with it.
  • Learning to be active listeners, which is the first step to make somebody feel valued.

Now, before you commit to this, I want you to know that it’s going to be hard and you’ll fail over and over again. It is important you realise this is a slow transformation, one that will occur in years, so cut yourself some slack, don’t be too strict with yourself, admit when you fail and try to improve the next time. This is one of my recent failures.

Yesterday, I took Oliver to the playground. As every day, he fell asleep in the car, which means I can then put him to sleep, and have one or two free hours to cook a healthy meal and blog/relax/clean. Me time.

When we got home, I left the door open and went straight to his room, but as soon as I put him down all (all!) the doors in the apartment slammed because of the wind. He didn’t wake up. But then Colbie started barking because she was locked in one of the rooms. Oliver opened his eyes, I frustratedly rushed to shush Colbie, got back to Oliver and comforted him back to sleep. Against all odds, it worked.

But then the door I had left open slammed again. Oliver lifted his head, eyes wide open, but thanks to some sort of miracle he rested his head again and seemed to be going back to sleep. Which is when the neighbour rang the bell to let me know the door was open (duh?)! I frantically and angrily ran to the door, dismissed him not as politely as I could, closed the door and went back to Oliver. But this time it was too late, he was wide awake and I had just lost my me time.

I obsessively tried to put him back to sleep for about 20 minutes, but he just looked at me as I got more and more frustrated. I was very upset, I really needed that me time. I tried to calm myself down, took him to the kitchen and put him on his learning tower, but when I realised there was nothing to eat (I was very hungry by then!) I just started sobbing out of frustration, anger, disappointment.

You see, I might a bit overly emotional lately—a mix of pregnancy hormones, lack of quality sleep and struggling to adapt to our new reality—but I should not let myself get to that state of mind. It’s not good for anybody and it doesn’t make any situation better.

The next day, something similar happened and I was just as close to lose my me time again: but this I collected myself better (still not perfectly) and I patiently waited for Oliver to fall back asleep. And he did.

So this is what I’m working on. Patience and anger management.

Now, what’s your challenge? What do you want to improve of your being parent?


Help spread the word

The woman behind the words

My name is Carlotta, I’m 33 years old, I’m Italian, married to a Finnish guy, and together we raise Oliver (4) and Emily (2) Montessori and multilingual. We’re selling everything to travel the world.

More about me →

Did you like it? Agree? Disagree? Let me know.

If you prefer, you can also tweet to me or write me privately.

  1. Ciao Carlotta,
    ho iniziato da qualche settimana a seguire il tuo blog, ma ho trovato il tempo di scriverti solo ora. Innanzitutto ti ringrazio per l’idea del lettino Montessori che abbiamo messo in pratica e che il mio bimbo di 19 mesi adora!!
    Come te, anch’io sto cercando di lavorare molto sulla pazienza e l’autocontrollo, il nanetto di casa è un testone furbo e caparbio, chissà da chi ha preso… 😛 … e ci mette veramente a dura prova.
    Io ho l’aggravante, anche se non la scusante, di essere fuori di casa per lavoro 12 ore al giorno con pendolarismo di mezzo e quando rientro sono davvero esausta, anche il piccolo è stanco dopo una giornata passata sempre in pista e giustamente alla sera vuole la sua mamma interamente per sé (per darti l’idea, sono mesi che si sveglia alle 6.30-7 di mattina e non fa più il pisolino al pomeriggio… non sai quanto ti invidio l’una a due ore libere che riesci a ritagliarti!!).
    Come puoi immaginare quindi la scintilla è facile che scocchi. Però ci sto lavorando, quando mi rendo conto che sto per perdere la pazienza, mi allontano dalla stanza oppure penso che il giorno dopo starò ancora diverse ore senza vederlo. E questo devo dirti sta funzionando, calma me e di riflesso calma anche lui e si crea un clima più sereno e costruttivo per tutti.
    Sono convinta che non ci sia una ricetta standard per diventare genitori migliori secondo la filosofia Montessori, e sono anche convinta che la strada educativa che abbiamo intrapreso per i nostri figli, e anche per noi, sia tutt’altro che facile, però credo davvero che ne valga la pena.
    Buona giornata

    • Carlotta - July 25, 2016

      Clara, grazie per il tuo commento e grazie anche per darmi una nuova prospettiva sulla mia giornata: sono fortunata che Oliver fa un buon sonnellino al pomeriggio… non so come farò quando smetterò! 😉 Anche io spesso faccio esattamente come te: penso a quanto sono fortunata a poter stare così tanto tempo con mio figlio, perché ci sono altre mamme, come te, che non possono (è proprio vero che ogni realtà di mamma non è facile, by default). Ti ringrazio ancora e continuiamo a lavorarci sopra! Buona giornata anche a te!

      PS. Sono contentissima che abbiate creato il lettino Montessori e che al vostro piccolo piaccia! Yuppy!

  2. Ciao Carlotta… leggerti mi riempie sempre di serenità nonostante questa volta il racconto, purtroppo per te, non descrive la situazione più serena in quel momento. Ma sai perché? Perché è esattamente la frustrazione che provo quasi ogni giorno con mio figlio. Come ho avuto modo di raccontarti in precedenza, è un bambino che dorme proprio poco di notte (ormai ha un anno e mezzo abbondante e ho perso le speranze di poterlo veder dormire qualche ora di seguito) e quasi nulla di giorno. Il pomeriggio anch’io cerco sempre di approfittare di un suo momento di riposo per ricaricarmi, ma più frequentemente quel tempo mi serve per tirare avanti la casa (e il termine tirare avanti non è usato a sproposito), cucinare, preparare i giochi per il mio bimbo e tutte quelle attività quotidiane che vanno fatte dopo la giornata di lavoro; a volte (spesso) mi serve per riprendermi un po’, perché ho dei problemi di salute che mi costringono a fermarmi a riposare.
    Il problema è che fa esattamente come fa Oliver e purtroppo, più di una volta, mi sono ritrovata a piangere disperata o a cercare in ogni modo di non sfogare su di lui la mia frustrazione e il mio nervosismo. E pensa che non aspetto un bambino quindi la “colpa” è tutta mia, niente ormoni birichini!
    Quindi ti sono vicina, ti leggo, e accetto la sfida. Provando a lavorare sullo stesso tuo aspetto perché è esattamente la parte di me che mi piace meno.
    Scusa se mi sono dilungata, un abbraccio e a presto.
    Silvia

    • Carlotta - July 25, 2016

      Carissima Silvia, che bello ritrovarti nei commenti! La colpa è sempre tutta nostra (gli ormoni sono una scusa bella e buona! ;-), e credimi se ti dico che non c’è madre con cui abbia parlato che non mi abbia detto: “a volte devo lasciarlo piangere, chiudermi in bagno, mettermi le dita nelle orecchie e urlare tra i denti”. In più, non so davvero come tu faccia senza dormire la notte… sei una super mamma con dei super poteri e ricordati che stai facendo del tuo meglio, sempre e comunque! Dai, lavoriamoci insieme su questi aspetti che non ci piacciono di noi, che l’unione fa la forza!

  3. Non ho risposte, ma solo riflessioni che mi piace fare su questo Blog perché lo trovo una tela di interessanti pensieri aperti a quelli di tutti.
    Franz Brentano, che fino a pochi mesi fa non sapevo essere, se vogliamo chiamarlo così, uno dei padri della Psicologia moderna, sosteneva: “Non esiste una realtà in sé, ma solo quella a cui noi attribuiamo un significato in termini di intenzione”.
    In pratica la realtà – tutta – andrebbe valutata per la sua relazione di interdipendenza con l’osservatore. Che cambia a seconda di chi osserva.
    Quello che sto cercando di esprimere è che se si trova nella Filosofia Montessori una sorta di traccia da seguire, si fa bene a farlo. Ma credo importante modulare l’ascolto della propria realtà (quindi del nostro vissuto) sulla base non solo di chi siamo e dell’ambiente in cui viviamo, ma del pregresso che abbiamo. E nessuno meglio di noi lo conosce e lo può interpretare.
    Sono sempre stata istintivamente convinta, e lo sono maggiormente da che vivo un mondo parecchio omologato, che, per non sminuirla, abbia senso personalizzare la propria esistenza. Quindi certo, evviva Montessori.
    Ma prima di tutto evviva la vita che ogni giorno ci capita davanti ai piedi e ci obbliga a correggere il tiro su cosa succede, imprevedibile ed inaffidabile come solo la vita sa essere, perché il lavoro su noi stessi dura fino a che non chiudiamo gli occhi e non concerne solo il ruolo del genitore, ma tutti i ruoli. Per questo ha valore credere che, accanto a tutti i processi mentali cognitivi, per restare unici come in effetti siamo, ci debba essere anche tanta, tanta, tanta spontaneità e giocoso stupore verso quanto è e resta e resterà incontrollabile. Così da avere la forza di accettare che può non esserci una spiegazione che calza per tutti, anzi, può proprio non esserci spiegazione.
    Un sorriso. Mamma

    • Carlotta - July 25, 2016

      Ciao mami, grazie per il tuo commento. Sono d’accordo con te quando dici che bisogna “modulare l’ascolto della propria realtà”, ma credo che, soprattutto nell’essere genitori, un modello da seguire sia necessario.

      Saper essere spontanei e correggere il tiro è importante, certo, ma studiare e prepararsi per sapersi migliorare, per prevedere e prevenire, per saper fronteggiare situazioni difficili, questo credo sia il vero compito del genitore. Che è un ruolo estremamente delicato, perché i nostri figli non hanno scelto noi, noi abbiamo scelto loro e proprio per questo loro non ci devono assolutamente nulla: siamo noi genitori a dover dar loro tutto senza chiedere (o aspettarci) nulla in cambio, né ora né mai. Rispetto, dedizione, amore, comprensione, pazienza, temperanza, tutto da noi a loro, non viceversa. E possiamo solo sperare che non sia a senso unico, ma sicuramente non aspettarcelo.

      Questo è il tipo di madre che sto diventando e lo devo soprattutto al metodo Montessori, che spero sempre più genitori decidano di seguire. Un abbraccio.

  4. Oh mio dioooooo! !! Grazie carlotta grazie davvero . Ma proprio tanto. Questo nuovo post calza a pennello. E sono ‘contenta ‘ di sapere che non succede solo a me . Il tuo esempio mi è successo giusto ieri. Non con porte aperte vicini o cane ma con Tommaso che stranamente non voleva più dormire e io che dovevo fare mille cose mie. Perché è vero che la mamma alla fine si annulla però insomma, alcune cose le vorrebbe ancora fare ogni tanto. Tipo andare avanti con il.diario che gli sto tenendo del primo anno e in questi giorni sono un po’ indietro. Settimana scorsa ho perso proprio la pazienza in un modo che non mi era mai successo , ho alzato anche la voce un po, il.tutto per la stanchezza , lui che non mangia le pappe , questo caldo che mi sta uccidendo quest anno e …. si sono stanca. Esaurita. Ho scoperto di avere molta pazienza da quando è nato ma poi ad un certo punto inevitabilmente si sommano tante cose e scoppio. Basta anche una cretinata o una dimenticanza di mio moroso. Ma non posso fare tutto da sola !! Gli ho chiesto scusa poi in duecento lingue e sono scoppiata a piangere come una fontana perché mi sono proprio sentita una merdaccia. E non va bene. Devo stare più attenta. Sono umana ma ora sono mamma e non devo scoppiare in questo modo. Ma le prime tue righe le ho proprio sentite mie : quando piange senza un motivo apparente ( perché ora non si esprime anfora verbalmente quindi posso solo intuire i motivi )mi.manda fuori di testa e divento pazza anche io. Verissimo.
    Mmmmm. … un bel respiro profondo e via…. decisamente devo lavorare anche io su questo ! Un bacio

    • Carlotta - July 25, 2016

      Cinzia, grazie a te per il tuo commento! Bello quello che hai scritto: “Sono umana, ma ora sono mamma”. L’altro giorno sentivo mio marito parlare con suo fratello dopo che erano stati un paio d’ore con Oliver mentre io ero via. La conversazione andava più o meno così: “Ma come fa Carlotta da sola tutto il giorno?”, “Ma, a dire il vero non lo so, per me è impensabile!”. Ma è la verità, noi donne, tutte, acquistiamo un alone di supereroine quando diventiamo mamme, ma anche i supereroi hanno bisogno di una mano e chiedere aiuto (cosa con cui faccio fatica da sempre) è una lezione che imparo ogni giorno da quando Oliver è nato. Ecco, come dici tu, un bel respiro profondo e via! In bocca al lupo e spero di leggerti ancora nei commenti. Grazie per seguirmi 🙂

  5. Scusa ho dimenticato un ps: l’algarve è bellissima . Ci sono stata a novembre di tanti anni fa e si stava benissimo. In quel periodo c’erano solo anziani e non ho frequentato spiaggia perché ero lì per altri motivi ma bella davvero.
    Altrimenti sempre le Canarie sono il top e già le conoscerai bene. Ciao e buon meritato riposo per quando verrà

    • Carlotta - July 25, 2016

      Grazie! Alla fine mi sa che anche noi ci andremo a ottobre/novembre. Ad agosto abbiamo deciso di visitare Berlino e non vediamo l’ora di partire!

  6. ANGELICA - July 21, 2016

    EXCELENTE ARTICULO, Comparto tus puntos de vistas.
    Yo también estoy en un profundo cambio interno, Sara cada día me solicita mas y mas paciencia. Y sobre todo mucha sabiduría para explicarle las situaciones de vida que se van presentando.

    Muchas gracias
    Buen verano.

    • Carlotta - July 25, 2016

      Gracias por tu comentario, Angelica. Eso es, un profundo cambio interno es lo que los padres tenemos que realizar. Y dicho por ti, que eres una mamá maravillosa que yo personalmente aprecio mucho, me tranquiliza: tenemos que aprender mucho todavía, pero lo estamos haciendo bien. Siempre.

      Buen verano a vosotras también.

  7. I really love your honesty in this post! Indeed, we are the ones who need to be trained in order to provide the kind of conscious parenting we, as Montessorians, aspire to. Finding the balance of nurturing ourselves while we strive to create optimal environments for our children is the key! That and kindness to ourselves and forgiveness for when we just do do any of it as planned!

    I really feel that being supported by having our children in the Casa del Mar community will really create the opportunity to nourish all of these aspects simultaneously.

  8. Hello, Carlotta, I absolutely agree with you that emotional aspect is very important treating with kids. Being mom and quite an impatient person by nature, it is a day to day struggle first of all with myself, with my character and personality, calming me down, learning to count up to ten and breathing deeply, trying in this way benefit in the relationship with muy little boy. It is not easy, but I am on the right way, though it will take time…

  9. Ciao Carlotta,
    in realtà ancora mi sto preparando ad essere una mamma; sono al settimo mese. Mi sono imbattuta più volte nel tuo blog che trovo ben fatto, complimenti!
    Anche per quanto mi riguarda dovrò assolutamente lavorare sulla gestione della mia emotività e sopratutto per quanto riguarda la sfera della rabbia.
    Grazie dei consigli e suggerimenti…continuerò a seguirti!

    • Cara Martina, grazie per le tue parole.

      Alla fine, anche grazie a post come questo, ho imparato che facciamo tutti fatica con le stesse emozioni e sfide quando si tratta di essere genitori, e spero che il mio percorso possa aiutare o almeno ispirare un pochino quello di altre mamme.

      Proprio sulla rabbia (che sto sperimentando a un livello mai provato prima da quando non posso dormire di notte) sto scrivendo un post con alcuni piccoli consigli che mi sento di dare.

      Un abbraccio e a presto 🌸


In a hurry?

Subscribe to my newsletter and get all the latest posts directly to your inbox. Only one email per month. No spam (pinky promise!) 🙂


You might also like…

I’ve handpicked these articles for you so you can keep reading.


Popular articles…

These articles proved quite popular. Perhaps you’ll like them too.


Latest articles…

Hot off the presses for your reading enjoyment.

Imprint  ·  Privacy Policy