How to become a private teacher (of almost anything) in the real world

26 comments
Help spread the word
ItalianoEnglishEspañol

A few days ago I was thinking about beginnings. How difficult it is to start a project from zero and how the first years are always going to be a real challenge.

If you choose to start an indipendent business, you’re probably like me: I wouldn’t want to be employed or work for anybody but myself. I want a job that allows me to manage my time as I see fit.

These are the first three lessons I think anybody should learn to start something of their own.

Think professionally and use your judgement

In any (any!) business-related decision, think professionally. If you wonder whether to make your own business cards or invest a bit of money to have them made, think professionally: have them made!

Thinking professionally doesn’t require years of experience, but it does require good judgement, which always shows in the small things. When you tell people you’re a private tutor, is it more professional to say “grab my number and send me a whatsapp” or give them a nice-looking business card? Use your judgement.

Invest (not just time)

To make money you have to spend money. Not a lot, in this case, only enough to build a professional image (keep reading, I’m getting to the practical stuff).

Care for details

I’ve always been detail-oriented and since the very beginning it’s the details that have set me apart in everything I’ve ever done.


Ok, this is all theory, but I’m a really practical person. If I wanted to start my business today, this is what I’d do.

Create a one-page website

A website is the first thing I’d get done. How? Well, I’m lucky because my husband does that for a living, but you can make one quite easily using one of these two services.

  • WordPress
    It’s free, but as everything that is free, it’s all DIY (which might be more difficult for a web beginner). As always, starting is the most difficult part, but you can find lots of guides on the internet like this (very complete) one.
  • Squarespace
    This is what I use, and it’s so easy even my grandma could do it (well, no, not really, but almost). It takes care of everything for you, domain, design, server, technicalities and their customer service is good enough. Unfortunately, I had a rough start with using Squarespace as I was using it on Safari, but since I switched to Chrome it’s working perfectly.
    It costs $8 per month billed annually and, if you have no clue on how to make a website, it’s worth it.

Domain

Do you think it’s more professional to have a domain like www.name.wordpress.com or a personalised one like www.name.com? Hope you picked the latter. Having your own domain gives you a professional image at a very low cost (€10 per year on namecheap.com or slightly more if you get it through WordPress).

If you decide to go with Squarespace, though, the domain is included in the price. Now you only have to choose a name: when in doubt, go for something like www.namesurname.com. Easy, classy and always true 😉

Design

Simplicity is key. Forget flowers, cars, hearts, butterflies (or if you can’t, just use them for your personal blog).

All you need is one (one!) simple white or plain-colored page, with defined blocks that you can scroll downwards, big titles, easy-to-read font (helvetica is always a good option) and little, informative text. All you need is an introductory block, one with the services you offer, one with prices (transparency is usually well received) and one for contacts. To make it more lively, pick nice, high quality images to alternate with the blocks.

If you decide to use Squarespace, you’ll find lots of templates like this. Modern, fresh and functional. If I were to redo my professional website today, this is the template I’d use.

Business cards

So very important! Even in today’s digital world, I find business cards are still a must-have. But do have them made by a professional. I’ve always used MOO and it’s never disappointed me: you can choose between many designs and styles (which I’d recommend) or if you know a bit about design you can create your own.

A personalised touch

Think about a detail to give on the first class. Something simple, but elegant.

If I were a private teacher, I’d choose a classic Moleskine notebook (Moleskine is elegant, yet modern and aesthetically beautiful. Think professionally!) and a transparent folder where to put the photocopies I hand out, and I’d personalise them with my logo, which I’d print out on round stickers (again through MOO).

If I were a personal trainer, maybe personalised papers where to write down reps and a pen with my own name and phone number. Well, you get the gist.

Ads

When everything’s else ready, ads are the last step. I wouldn’t print a fliers, I’d always prefer to promote my business through:

  • Word of mouth
    Tell everyone, and I mean… everyone! Family, friends, acquaintances. Give them your business cards and tell them to have a look at your website. Tell the baker, the pharmacist, the swimming instructor. Give them a business card. It’ll go places.
  • Google Adwords
    Google ads is great. After you have a fresh, clear and transparent website, buy some online ads and you’re all set!

Have you ever created a small business from zero?
Where did you find ideas and inspiration? Would you do it again?
Let me know in a comment—because some experiences are much more useful if shared.


Help spread the word

The woman behind the words

My name is Carlotta, I’m 33 years old, I’m Italian, married to a Finnish guy, and together we raise Oliver (4) and Emily (2) Montessori and multilingual. We’re selling everything to travel the world.

More about me →

Did you like it? Agree? Disagree? Let me know.

If you prefer, you can also tweet to me or write me privately.

  1. Valentina - October 26, 2014

    Il mio problema con qualsiasi progetto è sempre iniziare… vediamo se avere dei passi da seguire mi aiuta. Grazie!

    • Grazie per il tuo commento, Valentina. E credimi, non sei la sola: quello è il problema di tutti, anche mio! Ma a volte basta fare il primo passo e tutto inizia a prendere forma. Non succederà immediatamente, ma non desistere.

      Io per un anno ho avuto due o tre studenti alla settimana e nel resto del tempo studiavo nuovi metodi di insegnamento e preparavo lezioni. Poi con la pubblicità di Google e il passaparola, dal nulla mi sono ritrovata con una giornata lavorativa full-time! Basta insistere! 🙂

      In bocca al lupo!

  2. Francesca Succi - October 28, 2014

    Concordo con quello che hai scritto. Anche io ho seguito queste linee guida per la creazione del mio Studio di Comunicazione con qualche personalizzazione per differenziarmi dalla concorrenza. 🙂

    Francesca

    • Mi fa piacere sapere che funzionano. Certo, è stata solo la mia esperienza (e la tua simile) e ci sono altri modi per "spiccare il volo", ma credo che queste regole base siano le più semplici da seguire e facciano davvero la differenza tra un’attività di successo e un fallimento. 🙂

      Grazie per il tuo commento, Francesca.

  3. Ciao! Per la partita iva quale categoria hai dovuto scegliere? Ci sono dei requisiti particolari (titolo di studio o quant’altro) oppure chiunque può insegnare qualunque cosa a chiunque e decide solo il mercato?
    Grazie! Ciao!

    • Ciao Marco, grazie per il tuo commento.

      Io posso parlarti della Spagna perché abito a Marbella. Qui basta essere ‘autonomo’ (che è l’equivalente del libero professionista) e non ti richiedono categoria né requisiti. Se devo essere sincera, nessuno mi ha mai chiesto i miei titoli di studi (da cui nasce il mio scetticismo verso le università in generale http://bit.ly/1Cvgxgj 😉
      Tu hai scoperto come funziona in Italia (ammesso che tu sia lì)?

      Un saluto dalla Costa del Sol!

  4. ciao,
    ho letto il tuo articolo ed è davvero interessante.
    Anche io ho alcuni studenti che seguo durante l’anno, mi piace sempre poter offrire quel qualcosa in più e fare la differenza.
    Il mio problema (se così si può chiamare!) è che si trovano così bene che ormai, ragazzi e ragazze, vengono da me per studiare e quando non hanno da studiare anche solo per consili e sfogarsi.
    Mi piace ciò che hai consigliato e sicuramente apporterò alcuni tuoi consigli alla mia attività

    • Ciao Melania, grazie per il tuo commento!

      Ti capisco perfettamente e ammetto che anche io negli ultimi anni mi sono convertita in una psicologa/amica oltre che insegnante. Ma è inevitabile (e bello) quando si è genuinamente appassionati a ciò che si fa. L’importante è cercare di mantenere una professionalità nelle lezioni: io per esempio cerco di lavorare sodo e poi magari fare 15 minuti di conversazione alla fine o andare invece a prendere un caffè fuori dal lavoro. 🙂

      Continua così perché a me sembri sulla buona strada — o almeno su una strada che mi suona familiare! 😉

  5. Cara Carlotta,
    sono approdata sul tuo blog, ed in particolare su questo post, qualche notte fa… quando Morfeo proprio non voleva saperne di rapirmi 🙂 Anche io, come te, sono insegnante privato ma a differenza tua sto muovendo ancora i primi passi e trovarti è stato davvero bello: le tue parole mi hanno aiutato, incoraggiato, ispirato e i tuoi consigli si sono rivelati davvero preziosi 🙂 Pian piano sto spulciando le varie sezioni e in ogni articolo c’è sempre uno spunto interessante da seguire… con le tue parole trasmetti molta positività ed energia!! Brava!! Spero di sentirti, anche in privato, per confrontarci, condividere, consigliarci… intanto vado a iscrivermi e resto in attesa del tuo post di domani… alle 9 in punto! 🙂
    I Love La Tela! 🙂 A presto!!!

    • Cara Maria,

      non sai quanto mi abbiano fatto piacere le tue parole, tanto che ti ho citata nel mio post più recente

      Mi fa piacere averti aiutata un pochino con il tuo lavoro: essere insegnante privato è bellissimo, si costruisce quasi una piccola famiglia con gli studenti. Spero che continuerai su questa strada!

      E certo, mi farebbe piacere sentirti anche in privato, se hai domande, dubbi, per confrontarci, per salutarci 🙂 Cerco sempre di rispondere nel più breve tempo possibile, ma pazienta se ogni tanto ci metto di più. Mi trovi anche su Facebook come carlotta.cerri e Twitter come @carlottacg.

      Nel frattempo, ti ringrazio ancora e ti auguro una bella giornata di festa prima di tornare al lavoro.

      Un abbraccio,
      Carlotta

      PS. Per piacere, se puoi condividi La Tela con amici e amiche per farlo crescere! 🙂

  6. Stefania - June 4, 2016

    Il tuo articolo é stata una vera illuminazione divina! Grazie. 😍 sooratutto i biglietti da visita. Non ci ho mai pensato! Io sto cercando di tutto per fare questo lavoro e adoro insegnare, ma i volantini sono pochi e non vivo in una grande città. Ho pochi alunni e ringraziando il cielo con me ottengono ottimi risultati. Ma ho bisogno di piú alunni e il fatto dei biglietti da visita mi fa pensare bene. Ad Agosto inizierò a mettermi in marcia. Grazie mille. 😘

    • Carlotta - June 8, 2016

      Stefania, grazie per il tuo commento! Mi fa tantissimo piacere che l’articolo ti abbia ispirata, l’ho scritto proprio per quello! Vedrai che riuscirai a incrementare il numero di studenti, basta solo non desistere e poco a poco ti ritroverai a farlo a tempo pieno! In bocca al lupo!

  7. Grazie Carlotta!! Sto cercando di aiutare mio marito nel suo lavoro… è un maestro di tennis madrelingua inglese. Vorrei che provasse a mettersi “in proprio” visto che abbiamo due bimbe piccole e li stipendio non basta mai. Stasera mi metto al lavoro utilizzando i tuoi consigli, spero di farcela!! M.

    • Carlotta - June 11, 2016

      Mara, grazie per il tuo commento! E sono sicura che tuo marito ce la farà! All’inizio ci va un po’ di pazienza e magari qualcuno che ci motivi (per me era mio marito), ma se continua imperterrito vedrai che tra qualche mese ne sarà contento! In bocca al lupo!

  8. Eleonora - July 5, 2016

    Ciao! ho letto con molto interesse i tuoi consigli…il pallino delle lezioni private l’ho sempre avuto, tuttora lo faccio saltuariamente (compatibilmente col mio lavoro d’ufficio) ma vorrei tanto che diventasse il “mio” business a tempo pieno…purtroppo finora mi son sempre lasciata condizionare dai vari “eh però pensaci bene..lasciare il certo per l’incerto e blablabla…” così ora ho 34 anni e sono ancora qui a crucciarmi perchè sto facendo un lavoro che non mi piace… secondo te sono ancora in tempo per crearmi questo business da zero…? io ho dimestichezza con internet, wordpress ecc. perchè ci ho già un po’ a che fare per lavoro…purtroppo non ho una laurea in inglese ma ho vissuto anni a Londra dove ho conseguito il Cambridge first certificate e al momento sto studiando per sostenere l’esame di Proficiency…può bastare per dare lezioni private?

    in ogni caso complimenti per l’articolo davvero molto utile ed illuminante!

    • Carlotta - July 5, 2016

      Ciao Eleonora! Troppo tardi? Ma non è mai troppo tardi per inseguire ciò che ci rende più felici! Qualche anno fa avevo uno studente (sui 40 anni, padre di famiglia) che ora è un mio caro amico. Faceva l’istruttore di scuola guida e l’odiava. Ha cominciato a dare lezioni di inglese con me e allo stesso tempo a prendersi certificati di insegnante di yoga: voleva cambiare la sua vita, insegnare yoga e per farlo aveva bisogno anche della lingua. Oggi, tre anni dopo, è personal trainer a tempo pieno e i suoi clienti sono quasi tutti inglesi o stranieri. Di storie come queste te ne posso raccontare a bizzeffe. Iniziare a provarci, nei ritagli di tempo, non costa niente (solo tempo libero), ma il guadagno può essere enorme se sei costante. In bocca al lupo!

      PS. Se parli inglese fluente, First e Proficiency saranno assolutamente sufficienti, te lo assicuro. La professionalità, l’affidabilità e l’attenzione ai dettagli, quelle fanno la vera differenza 🙂

      • Eleonora - July 13, 2016

        Carlotta tu neanche sai quanto questa tua risposta mi sia di aiuto! Diciamo che essere capitata praticamente per caso su questo blog è stato solo l’ultimo di una serie di segnali (o coincidenze?)… quindi sì ho deciso che mi rimetto in gioco! Ho cambiato vita/lavoro altre volte in passato, sempre alla ricerca di qualcosa in più che nemmeno io sapevo bene cosa fosse, non vedo perché non dovrei farcela ora che ho anche le idee più chiare ( e sono più matura..più o meno…)
        quindi grazie! anche per i consigli pratici nel tuo articolo che sono davvero molto utili (perché l’entusiasmo è una bella cosa ma non basta…)

      • Carlotta - July 13, 2016

        Brava! Non sai quanto sono felice per te! Ogni cambio non può che essere per il meglio—anche quando non lo è, ci insegna qualcosa in più su di noi, che non può che farci bene. Inizia con forza e non demoralizzarti quando ti sembra di non arrivare da nessuna parte (non sai le volte che ho pensato “Basta”, ma aver continuato ha dato i suoi frutti!) e soprattutto sii costante: nella mia esperienza ho imparato che più si fa qualcosa, più si diventa bravi, più ce ne si appassiona. Secondo me, è l’unica maniera per trovare davvero ciò che ci rende felici. Ce la farai!

  9. Ciao Carlotta, sono Sara, nice to meet you 🙂
    Per puro caso (o forse no?) sono capitata sul tuo blog… sono quasi commossa da quanto mi ritrovi nelle tue parole e dalla “bellezza di vita” che vi ho letto … intanto grazie per questo! Sono una 35enne iperattiva, curiosa, testarda e… inquieta … ho studiato inglese, spagnolo e francese, amo le lingue (si era capito!?), le culture, lo straniero (io e mio marito, ospitiamo da qualche tempo un ragazzo africano) … ho dato per anni lezioni private a ragazzi, insegnato in qualche breve corso privato per adulti, ma non mi sono mai spinta oltre, non ho mai osato permettere che tutto ciò diventasse il mio vero lavoro, non ho mai avuto il coraggio di dimostrare e usare fino in fondo le mie capacità, le mie attitudini, e trasformare così quella incasinata lotta contro il tempo e la noia in ufficio in un meraviglioso dialogo (multilingue, of course) con le persone e con il mondo …
    Ora probabilmente è arrivato il momento di lasciare che tutto ciò accada (o almeno provarci!) e tirare fuori “la vera me” perché sto scoppiando ! 🙂
    E dunque sono qui a chiederti consigli sull’ aspetto più pratico, ovvero … a livello “burocratico” come mi qualifico? I mean, sono laureata, sto studiando per conseguire la certificazione CEDILS (ovvero abilitazione per insegnamento dell’italiano a stranieri – il mio sogno dei sogni) … adorerei diventare un’ insegnante privato… Devo aprire la partita IVA? Come funziona, come mi “classifico”? Scusa per queste domande, forse banali, ma paradossalmente, la cosa che mi spaventa di più del cambiamento è proprio questa sfera burocratica/pratica …
    Grazie per avermi letta e, già solo con la tua testimonianza, incoraggiata !
    un abbraccio

    • Carlotta - August 1, 2016

      Ciao Sara e grazie per il tuo commento. Mi sembra di intuire che è ora che tu dia un cambio alla tua vita… insegnare lingue è meraviglioso e se ti creo un business forte funziona in tutto il mondo perché potrai replicarlo ovunque tu vada. Quindi spero davvero tu vada avanti con questa ambizione e se lo farai e sarai costante, non sicura che avrai un sacco di successo. Ci vuole un po’ di tempo e pazienza, ma arriva: da un paio di studenti presto ti ritroverai a lavorare full time!

      Guarda, in tutta onestà, ti dico di lasciare perdere l’aspetto burocratico per il momento. Io all’inizio non ero “Autonomo” (l’equivalente della partita IVA qui in Spagna) e ho lavorato parecchio tempo in nero: davo lezioni solo a provati, in casa mia o a casa loro, e facevo pubblicità su internet e con il passa parola, quindi niente volantini e cose varie). Non sapevo se il business avrebbe preso piede, se sarei riuscita a farlo funzionare e mi sembrava ridicolo spendere più di quello che guadagnavo. Poi senza nemmeno rendermene conto ho iniziato a guadagnare parecchio ed allora ho aperto partita IVA classificandomi come insegnante di lingue e traduttrice, ma ho sempre fatto affidamento ad un commercialista che mi ha aiutata e guidata.

      Quindi ti direi: inizia, poi alla burocrazia ci pensi quando tutto prende piede. Non so se ti ho aiutata, in caso contrario, sono qui per qualsiasi altra domanda/dubbio.

      Un saluto 🌸

  10. Grazie mille per il tuo articolo Carlotta (!) utilissimo poiché vivo all’estero ee esiste una cerchia di studenti, seppur piccola, aventi bisogno di lezioni di italiano, pertanto cerco informazioni su internet per essere all’altezza della missione che mi appassiona molto!! Grazie di cuore!
    Per realizzare qualcosa, per cambiare la nostra vita, ci vuole impegno e passione!!

    • Grazie a te, Alina. Sono contenta che il post ti sia piaciuto e risultato utile! Un abbraccio 🌸

  11. Sempre al top il tuo sito!! Ti seguo sui social e cercando su Google come fare un biglietto da visita elegante ho trovato questo articolo che hai scritto nel 2014, quando ancora non ti conoscevo!
    Carlotta, sei unica e una fonte infinita di ispirazione!
    Un abbraccio, la tua follower argentina,
    Nati

    • Carlotta - August 6, 2019

      Natiiiii, ma non potevi lasciarmi un commento più bello, mi ha fatto sorridere di quei sorrisi che non te li togli più! Davvero, ti ringrazio di cuore, troppo spesso le persone commentano solo se hanno qualcosa da chiedere o se sono in disaccordo, ma quando lo fanno solo per mostrarti il loro apprezzamento è il regalo più bello! E sono contenta ti sia piaciuto quel post (non me Lo ricordavo nemmeno, forse dovrei iniziare a rileggere il mio blog 🤣 )! Ti abbraccio stretta!

  12. Anche a me è venuta voglia di ringraziarti non appena ho letto questo post!
    Non è la prima volta che mi ispiro a te e, anche se da poco ho scelto di chiudere l’attività da libera professionista, i tuoi consigli sono sempre al 🔝
    Sei unica veramente.
    Infinitamente 🙏🙏🙏

    • Cara Michela, arrivo tardi, ma arrivo sempre! Grazie infinite a te per le tue parole che mi hanno anche fatta un po’ arrossire. Ti abbraccio stretta e spero di leggerti ancora tra queste pagine 🌸


In a hurry?

Subscribe to my newsletter and get all the latest posts directly to your inbox. Only one email per month. No spam (pinky promise!) 🙂


Popular articles…

These articles proved quite popular. Perhaps you’ll like them too.


Latest articles…

Hot off the presses for your reading enjoyment.

Imprint  ·  Privacy Policy