How to find your passion, for real! (4 years later)

18 comments
Help spread the word
ItalianoEnglishEspañol

Disclaimer: this is a loooong post, as it is the journey to create something you’re passionate about. But it’s worth it and full of cool quotes by cool people. So grab a cup of coffee, sit back and enjoy it! 

Some while ago I watched the season finale of HBO’s Girls Season 3. Hannah, whose greatest passion is to write, gets into Iowa Writer’s Workshop, at the same time as things go south with her boyfriend Adam. They split up and everybody thinks she’s going to be devastated. Instead, she goes home, looks at the admission letter from the Iowa University and smiles.

Yes, I might be hyper sensitive, but that smile teared my eyes up.

It made me think about passion—this overrated thing that everybody looks for and strives to. For a reason. Passion is stronger than anything. It moves people, shakes them, defines them.

People are passionate about many different things, their kids, their cars, their dogs, their houses, their spouses.

And then there’s the lucky kind. Those who are passionate about their jobs.

Choose a job you love, and you will never have to work a day in your life. ~Confucius

The lucky kind

Before I met my husband, I used to think only a handful of people get to be passionate about their job. I myself had various interests and liked different career paths, but wasn’t passionate about any of them. I soon found out that having lots of interests is somewhat exhausting when you’re trying to figure out your future.

Also, it seems to me that people who find their one passion early in life are happier. They seem fulfilled, always find their way out of the tunnel, their safe haven, their shield against emotional misery or even just a kick out of bed in the morning.

That’s why I call them the lucky ones.

I married a lucky one (except he doesn’t like to be called that)

My husband is one of them. He’s passionate about his job and can’t think of a better one.

“You’re so lucky,” I used to tell him every time we talked about our future.

He would go mad!

“It doesn’t have anything to do with luck. It’s pure work and commitment. You don’t find your passion, you create it!” he’d say every time with an annoyed-sounding voice.

At the beginning, I’d try and prove him wrong by explaining how his theory couldn’t possibly be right,

“If that’s so, then why do so many people work in jobs they don’t like and never find their real passion in life?”

“Because they don’t do anything about it. They stay in their jobs and wait. They don’t understand that passion is not something you find. It’s something you create for yourself,” he’d say, looking at me with those hopeful blue eyes.

Every time I’d smile, agree to disagree and tell him how much I loved his optimism (or naivety?).

Today—years later—I finally know he was right all along.

You create your own passion

Passion doesn’t find you. You don’t find it. It has nothing to do with luck. Your career fulfilment doesn’t lie in the hands of some god of fortune. You create your own passion.

And for the record, passion is not something that’s always there, that you just have to awaken.

Passion is what you pick and stick with. It is what you put your effort into. It is trying something you’re good at, sticking with it and becoming better at it.

My husband never thought he was going to become a web designer and developer. He never even wanted to. He simply started doing it and when he noticed he was averagely good at it, he sticked to it.

He became better. The more he did it, the better he became. The better he became, the more he liked it. The more he liked it, the more passionate he felt about it.

Too often, people want to find their passion in life, instead of becoming passionate about something. I was one of them. Now,  I know that passion is totally up to you.

Danbo sceglie la propria passione, la fotografia. Foto di Christopher Bowley

Don’t do what you love, love what you do

Or as Mark Cuban put it in this blog post two years ago, Don’t follow your passion, follow your effort. It was love at first sight and follow your effort has become one of my favourite quotes since.

Everyone is passionate about something. Usually more than one thing. We are born with it. There are always going to be things we love to do. That we dream about doing. That we really really want to do with our lives.
Those passions aren’t worth a nickel.
If you really want to know where you destiny lies, look at where you apply your time.

It was written for me. While reading it, I felt relieved and angry at the same time.

Relieved because I felt finally free—I wasn’t yet, but that’s another story—from the endless and exhausting quest for passion. Once again, passion is not something you find, it’s where you apply your time and put your effort into. Back then, all my time and effort were already dedicated to teaching and writing, so at least I was on the right path.

Angry because I wish somebody had told me 10 years ago, when I was starting out in my adult life. It would have saved me lots of time and energy (and university money!) in trying to understand what direction to take. I could have simply picked one thing and made an effort to stick by it. I could’ve even skipped university!

A few days ago, there it was again, this time in Derek Sivers’s blog post about the book “So Good They Can’t Ignore You” by Cal Newport:

Looking for your passion, purpose, or calling is an example of the fixed mindset. You’re assuming that this is an inherent and unchanging thing inside of you, like trying to read your DNA or blood type. But you won’t find passion and purpose there, because that’s not where those feelings come from.
Passion and purpose are emotions that come after expertise and experience. The way to get them is to commit to the path of mastery, get great at something, and do great work.

Pick your passion, but be smart about it

I’m tall and not super flexible. I could never be a contortionist. It’s just common sense, you’d say.

Sometimes, though, when we’re decent at something, our common sense tells us we can make it into a career.

I’m a decent dancer. I even belong to a dance group and make some money performing in private parties and events. Does that mean I should have pursued a career as a dancer, instead? Not at all! I’m too tall to be a dancer and didn’t start early enough; I wouldn’t have had any chance to really shine.

So pick your passion, but be smart about it.

Teaching was never a passion of mine. I started doing it while waiting for translation agencies to reply to my job enquires. I was as prepared as any newly grad can be—close to zero. But I was instantly good at it, people responded well to my way of teaching and I knew right away it was something I could convert into a small business. Today I teach English full time, prepare kids and adults for Cambridge exams and teach them how to write well.

In these past 5 years, there were plenty of moments when I didn’t want to do it anymore. When I felt like I was not fulfilling my true calling (whatever it was supposed to be anyway). I worried I was wasting my time. But I never stopped doing it, I kept putting my effort into it, learning, growing, improving and making it into something I love more and more every day.

Danbo diventa bravo a fare fotografie. Foto di Christopher Bowle

So is this what you want to do for the rest of your life?

Who knows. The good thing about understanding that passion is something you create is that you can recreate it as many times as you want. Like if you bake a good cake following a really good recipe, it’ll always be good (sometimes more, sometimes less).

So if tomorrow for some reason I couldn’t teach anymore, I’d pick something else and start putting my effort and time into it.

I did it once, I can do it again—except this time it would be easier. After these many years observing myself and my qualities in a critical way, I know what I’m good at and I have a better knowledge about how to get where I want.

Will these past years as a teacher be wasted? Absolutely not! I’ve got so much experience, I’ve met so many beautiful people, I’ve learnt so much about individuals and languages and cultures and lifestyles—all experience I’ll bring with me in my next career(s), in my relationships and when raising my kids.

As Derek Sivers wrote, that’s my “career capital”:

Career capital” is a metaphor. Think of it like gold tokens you’re earning over years of building your expertise, experience, connections, and reputation.
When you want to make a change to your career […] don’t just quit and throw away all the career capital you’ve built up! […] Think of ways you can use the value you’ve built up to make the transition to another field.

Time puts everything in perspective

It’s funny how perspective changes with time. I hadn’t read the Mark Cuban’s blog post in a long time, and today what struck me the most was a sentence I had probably ignored two years ago.

If you really want to know where you destiny lies, look at where you apply your time.
You may or may not realize it yet, but how you use or don’t use your time is going to be the best indication of where your future is going to take you.

Funnily enough, today I had these two free hours at lunch break and instead of going to the mall and finding a very needed new pair of shoes, as I had planned this morning, here I am, once again, planning classes and writing.

Love what you do for long enough and eventually you’ll be doing what you love.

— —

I fell in love with cute Danbo (in the pictures) and I hope Christopher Bowley doesn’t mind me creating my own story with his amazing photos (thanks for sharing them). For more shots of Danbo, take a look here.

Did you like it? Click the heart, share it or leave a comment 🙂


Help spread the word

The woman behind the words

My name is Carlotta, I’m 33 years old, I’m Italian, married to a Finnish guy, and together we raise Oliver (4) and Emily (2) Montessori and multilingual. We’re selling everything to travel the world.

More about me →

Did you like it? Agree? Disagree? Let me know.

If you prefer, you can also tweet to me or write me privately.

  1. Ciao,
    ho scoperto da pochissimo questo blog davvero interessante, che ben rispecchia la passione che racconti, e leggerlo è un piacere per la semplicità e lo spirito con cui lo fai. Dieci anni fa abbiamo frequentato lo stesso liceo e lì, ricordo bene, condiviso lo stesso corso teatrale. Ora, anche se con un po’ di fatica, dopo aver sempre superato tutti gli esami dell’università, sto cercando di finire la tesi di laurea in architettura, ma sono la fotografia, la grafica e l’arredamento le cose che proprio dall’architettura ho sentito sempre più mie e so di voler portare avanti. Il tuo è un esempio molto bello, perché si vede che tu sai usare il tuo tempo, come si dovrebbe fare, con o senza laurea; l’importante è cominciare (o ricominciare) da se stessi, creare cose belle e buone, senza perdere di vista il mondo per un secondo. È quello che penso di aver capito finora dei miei primi 26 anni. Continuerò senz’altro a leggerti in quest’avventura …

    • Annalisa, che bel commento, grazie! E che piacevole ricordo mi hai riportato alla mente, adoravo i pomeriggi di prove teatrali… bei tempi! Hai proprio ragione e non avrei potuto dirlo con parole migliori: l’importante è ricominciare da se stessi, non importa in che momento della propria vita ci si trovi. Quella è sempre la strada giusta. Ma ti assicuro che anche io non sempre uso il mio tempo bene, a volte –spesso– inciampo e cado e mi deprimo. Abbiamo tutti gli stessi problemi e le stesse debolezze e non dovremmo mai avere paura di esprimerli. Perché solo così ce ne liberiamo poco a poco. Ti auguro il meglio per la tua carriera, qualsiasi tu decida… tienimi aggiornata! 🙂

  2. Ciao Carlotta,

    riscrivo questo commento perche’ la prima volta con lo smartphone scarico me lo sono perso!

    Questo post sembra tagliato apposta per me e per il lavoro che sto facendo, non quello che attualmente mi dà da mangiare ma quello che mi fa battere forte il cuore e che spero quanto prima diventi il mio lavoro principale! Lo condivido in toto!

    Per non parlare poi della regola delle 10000 ore di cui lessi la prima volta qualche anno fa credo proprio sul tuo blog e che ho ritrovato in un bellissimo libro di Malcolm Gladwell: Outliers (libro consigliatissimo!).
    Penso spesso per esempio che tutti questi anni che ho speso (e continuo a spendere) col mio lavoro attuale (più di 17 anni) siano una sorta di preparazione per poter poi apprezzare senza ripensamenti e nostalgie ciò per cui sto lavorando la mattina prestissimo o la sera tardi (e nei we).

    Un saluto

    Claudio

    • Ciao Claudio,

      Grazie per il tuo commento e anche per ricordarmi quel famoso post sulle 10000 ore… non so nemmeno se è ancora sul blog, se no provvederò a ripubblicarlo. 🙂 Tra l’altro, era proprio relativo al libro di Gladwell che consigli tu e che io lessi un paio d’anni fa (quando scrissi il post). Ottima lettura!

      In bocca al lupo per il tuo progetto e sono sicura che presto riuscirai a convertirlo nel tuo lavoro principale! È solo questione di perseverare!

      Un abbraccio!

  3. Ciao Carlotta,
    mi sono imbattuta per caso nel tuo blog… Grazie per aver scritto questa pagina di blog e per aver condiviso quelle citazioni… Ho sentito una fitta al cuore leggendole; era proprio cio’ di cui avevo bisogno di sapere in questo momento della mia vita. E’ da mesi che sono in crisi perche’ presto mi laurero’ (sto studiando francese e traduzione/interpretazione in Inghilterra) e mentre tutti hanno gia’ ricevuto le loro risposte per i master dalle universita’ che hanno scelto, io non so nemmeno cosa voglio studiare/fare. Non so cosa mi piace e non mi vedo far nulla in particolare. Cercavo una specie di illuminazione per capire quali fossero le mie vere capacita’ e interessi per poter continuare gli studi con passione. Ma nessuno mi aveva mai detto di dovermela -creare- la passione… E mi sono resa conto di star sprecando un sacco di tempo. Da ora in poi cerchero’ di amare cio’ che faccio. Grazie ancora. Un saluto!

    • Ciao Angela, ti chiedo scusa per il ritardo, ma mio figlio è nato proprio tre mesi fa, quando commentasti il mio post, e da allora il tempo è stato tutto — o quasi — per lui. 🙂

      Ma le tue parole mi avevano colpita (e riportata a specchio un po’ indietro al mio ultimo anno universitario e al mio attuale scetticismo verso l’università in genere http://bit.ly/1Cvgxgj ) e da allora volevo risponderti per sapere… come va? Hai deciso la tua direzione?

      Spero di avere presto tue notizie!

  4. Ciao Carlotta il tuo post è molto utile! 😊
    Mi sono imbattuta in una scoperta così semplice eppure solo leggendo questo post ho capito.
    Spesso le verità sono semplici e sono sotto i nostri occhi ma gli aiuti sono necessari e questo post lo è.

    • Ciao Carmela, grazie mille per il tuo commento! Hai proprio ragione, a volte abbiamo la soluzione proprio sotto i nostri occhi, ma abbiamo bisogno di una piccola spinta. Un abbraccio e in bocca al lupo 🌸

  5. roberta - May 31, 2017

    L’articolo è molto interessante, ma purtroppo non riesco a calarlo nella mia vita 🙁 La max parte del mio tempo, negli ultimi anni, l’ho trascorsa alla ricerca del lavoro e negli ultimi mesi a frequentare corsi (di materie varie, per tenere allenata la mente)…tutto ciò a cui mi hanno portata queste attività è uno stage. Come nelle migliori tradizioni italiane, le mansioni a cui mi stanno assegnando (da oltre due mesi a questa parte) sono le fotocopie!!! Ho provato a parlare con il titolare dell’attività…non ha escluso di farmi imparare qualcosa di più, ma solo dopo che avrò terminato di fotocopiare. In realtà ogni giorno arrivano pacchi di altri documenti da fotocopiare (nessuno l’aveva mai fatto prima, infatti hanno chiesto una stagista proprio per questo scopo). Mi puoi dare qualche consiglio???

    • Carlotta - June 1, 2017

      Carissima Roberta, è l’eterno dilemma, purtroppo. Io, dal mio piccolo, l’unica cosa che mi sento di consigliare sempre e comunque è di mettersi in proprio… crea un progetto o qualcosa di tuo nel tempo libero, non perderti d’animo, insisti, e prima o poi raccoglierai i frutti. Oppure, se dove sei è un ambito che ti piace, tieni duro, fatti notare a tutti i costi e insisti per fare (anche) qualcos’altro oltre alle fotocopie, offriti di farlo nel tuo tempo libero se non vogliono che tu lo faccia in orario di stage… Insomma, restaci dentro!

      Per darti consigli più mirati, dovrei davvero sapere un po’ di più di te, delle tue ambizioni e della tua situazione, ma spero di averti dato qualche spunto. Dai che ce la fai! 💪🏻

  6. Ciao Carlotta,
    ho letto il tuo articolo e l’ho trovato molto interessante soprattutto adesso che mi trovo in un periodo molto brutto della mia vita.
    Ti ho scritto una mail in privato per raccontarti un pò cosa mi sta succedendo e spero tanto che tu potrai darmi un consiglio.
    Intanto ti auguro una buona serata e complimenti per il blog!

  7. Io fin da piccola ho sempre ballato perchè mia madre mi mandava a scuola di danza e costringendomi anno dopo anno diventava tutto per me, ho sempre voluto fare la ballerina ma piano piano negli anni non seguivo scuole che mi aiutavano, anzi ero sempre ferma ad un livello minore ed ero sempre una delle più grandi del gruppo e piano piano per vari motivi ho iniziato ad ingrassare e questo mio fisico è la prima cosa che mi blocca davanti a tante cose e quindi persi quel sogno di diventare ballerina ma qualche anno fa’ (in una palestra comunale) guardano la mia insegnante di danza capìì quanto avrei potuto dare in confronto a lei che ha solo qualche anno in più di me ed è li per pura fortuna (è un insegnante di ginnastica artistica a dir la verità) si muove molto bene, è magra, snodata più di me e questo mi blocca nel dire “Si ma io ho passi migliori in mente, ho coreografie migliori nella mia testa” lei infatti spesso si limita a guardare le coreografie su youtube e copiarle e questa cosa non mi è mai piaciuta, anche io prendo sputi su youtube ma non prendo un’intera coreografia e la faccio fare alle mie allieve. Io ho finalmente capito il mio genere e voglio insegnare, qualche anno fa’ sognavo tantissimo insegnare, ma piano piano negli anni la mia schifosa pigrizia mi ha portata ad essere qui ora senza voglia, senza speranza, ho 23 anni, 24 quest’anno e la mia insegnante alla mia età aveva iniziato a insegnare e io che faccio danza da 15 anni sono ancora qui, con uno schifoso fisico che non sembrerebbe il fisico di un insegnante, poco snodata per esserlo, tutto ciò che avevo erano tante belle idee per coreografie, costumi e spettacoli ma ora ho perso anche queste mie immaginazioni, se cerco di fare una coreografia mi stufo dopo 10 minuti, non ho più idee e non saprei nemmeno come diventare insegnante data la mia timidezza e il mio fisico.
    Ballare rimane comunque la cosa che più amo fare, ma negli anni sto perdendo fiducia in me stessa.

    • Ciao Jade! Spero davvero che tu possa trovare la volontà di sorpassare un ostacolo alla volta (partendo dall’alimentazione se è quello che non ti permette di avere il fisico che vuoi) fino a realizzare il tuo sogno. Non è troppo tardi. Guarda me! Io ho insegnato lingue per 8 anni, fino a che sono diventata mamma e ho capito che non voglio fare un lavoro che mi lega ad un territorio. Allora ho iniziato questo blog a 29 anni e quest’anno che ne ho 33, con tanti sacrifici ma anche tanta passione, è il mio lavoro!

      Sei giovanissima, non è troppo tardi! Dai, mettiti in piedi e fallo! Inizia dal tuo corpo, so che è difficilissimo ma non è impossibile, e vedrai che appena ti sentirai in forma riacquisterai anche la fiducia in te stessa. Nel frattempo, scrivi un buon CV, perché serve sempre. E non appena ti senti pronta, mandalo a scuole di ballo e palestre.

      Ce la fai! 🌸

  8. Bellissimo articolo.
    Io sono tra i fortunati(-ssimi), perché faccio un lavoro che amo, ma in cui c’è molta competizione e pochi posti. Recentemente qualcuno mi ha detto: ti è costato molti sacrifici: tanta mobilità internazionale, posticipare la formazione di una famiglia, lavorare (quando necessario) anche la sera e i week-end. Si, è vero. Ma non mi è mai pesato troppo.
    Penso che i miei genitori abbiamo avuto un ruolo centrale in trasmettermi prestissimo questa idea che devi inseguire il tuo “demone”, che il fatto che una cosa ti piaccia non significa che non ti costerà mai fatica, che quello che vuoi te lo devi andare a perdere (senza sgomitare). E non perché mi abbiano fatto un discorsetto a ripetizione. Mi hanno semplicemente sempre molto sostenuta e aiutato a “fare da me”.
    Insomma: l’approccio montessoriano secondo me aiuta tantissimo ad andare in questa direzione 🙂

  9. ANNA. D - June 26, 2018

    Ciao ho letto il tuo blog e fatto bene sono daccordo su diversi punti uno sicuramente non aspettare una passione o cercarla ma appassionarsi e cercare di portarla avanti.Non tutti riescono a vivere con la propria passione perchè ci vuole tempo che porti i frutti e sei costretto a fare altro per vivere e pagarti le bollette.Un’altra cosa ci sono diverse strade per arrivarci cioè per fare ciò che ami ogni uno deve trovare il modo piu fattibile e vicino alle sue corde.Questo è il mio pensiero magari non giusto. Io ad esempio sono molto ECCLETTICA RIESCO BENE IN DIVERSI AMBITI MA SE GUARDO CIè CHE VERAMENTE AMO SONO SOLO TRE COSE VIAGGIARE-CREARE ABITI.SCRIVERE .ovvio dovrò capire in quale cimentarmi di più magari a discapito di altro.SCRIVERE E VIAGGIARE POSSO ABBINARLE ASSIEME MA LA MODA ANDIAMO IN ALTRO AMBITO.
    ciao
    grazie
    Anna

    • Carlotta - June 27, 2018

      Mi sembra che tu sia sulla buona strada, Anna! Ognuno deve adattarsi alle proprie necessità e possibilità, ma in generale credo sia importante scegliere una strada e provarci per un po’ di tempo, non cambiare da una strada e da un ambito all’altro ogni volt ance siamo demoralizzati. Sarà sempre una montagna russa, in qualsiasi ambito, sta a noi riequilibrare il cammino. In bocca al lupo!

  10. Scopro questo articolo solo oggi. Ti ringrazio perché mi dà una grossa spinta emotiva. Sono ancora uno studente universitario, studio alla magistrale, mi sono appassionato a ciò che studio proprio dopo il liceo, scegliendo appunto una università diversa dal percorso “naturale” che avrei dovuto seguire.
    Eppure sono qui, alla magistrale (quindi con la triennale “in tasca”), ma sto affrontando un buio periodo: studio, ma ho più “fretta” di farlo che altro. La passione c’è, ma anche l’ansia di dover finire il prima possibile perchè voglio andare a lavorare (nel lavoro che dovrei cercare dopo la laurea)…
    Quindi questa ansia mi ha portato a perdere molto in “passione” … Adesso spero di riuscire a riprendermi, per studiare anche meglio ed essere più felice.
    So che questo articolo è stato scritto un po’ di anni fa, ma ho riportato comunque il mio pensiero… Grazie!

    • Grazie Nasmil per il tuo commento, mi fa davvero piacere sapere che questi articoli che ho scritto anni fa e che per me hanno significato moltissimo, possano ancora essere utili a qualcuno che si trova un po’ nella stessa situazione da cui sono passata io. Il tema della passione è complicato, ma questo tuo commento mi ha portata a rileggere quanto avevo scritto e… riscriverei ogni parola! In bocca al lupo nel tuo percorso: qualunque esso sia, sceglilo e risceglilo, finché vedrai che un giorno te ne scoprirai appassionato. Un abbraccio


In a hurry?

Subscribe to my newsletter and get all the latest posts directly to your inbox. Only one email per month. No spam (pinky promise!) 🙂


Popular articles…

These articles proved quite popular. Perhaps you’ll like them too.


Latest articles…

Hot off the presses for your reading enjoyment.

Imprint  ·  Privacy Policy