Surviving a child as a couple

16 comments
Help spread the word
ItalianoEnglishEspañol

I have meltdowns, too. I feel overwhelmed, too. Right now, while writing this, I’m eating a dark chocolate bar—and it being dark doesn’t really make it better if I eat it all.

Having a child comes like a hurricane on the relationship. I know with every cell in my body that Alex and I will end up together, grey and old on that bench in front of the sea, one day. We’re too smart not to. But. But we’ll sure have to use all our energy, patience and rationality to get there.

Since Oliver came along, we’re fighting a lot more often than before, for stupid things. We’re less of a team sometimes. It feels like we’re more competitive than before, the “I know how to do this, why don’t you do it like I do it?” kind of competitiveness. Sometimes it feels like a best parent competition. We misunderstand each other more. We give each other more of a hard time. We surely hurt each other more.

We go into a blurred state of mind. I ask, “Aren’t there any nappies left underneath the changing table?”. He hears, “Why didn’t you tell me the nappies were almost over?” so he answers, “Didn’t you see it yourself? You change Oliver way more often than me”.

He asks, “Until what time is your dance practice on Sunday?”. I hear, “I can’t believe you have dance practice again on Sunday!” so I answer, “You knew I was going to have practice on Sunday, so why do you have to give me a hard time now?”.

I just wanted to know if there were nappies left, so I could buy more.

He just wanted to know what time I’d be home on Sunday, so he could have lunch ready.

It’s a vicious cycle. When we get into that blurred state of mind, the more we try to talk it out and fix it, the more we dig up things that annoy each other. But. But luckily, we’re both rational people who know that a marriage is hard work—we know that it’s compromising, not just love, that keeps it going.

Lack of quality time for the couple is always the source of all our problems

We’ve been giving this a lot of thought. I think there are three main problems: no time for the couple, guilt and expectations.

It’s quite simple, really. I feel guilty for going to dance practice on Sunday and being away from my family, so when Alex asks about it, I snap. He feels I expect him to tell me when there are no nappies left and when I ask about it, he snaps.

If you feel guilty, but you don’t admit it and recognise it openly, you might run over people like a steamroller when you’re questioned. And expectations, well, those are good for nothing and we should just erase them from the vocabulary of emotions.

But really, I think the main problem, the source of all the others, is lack of quality time for the couple. Not doing the things we love doing together—just him and me, like we used to. Watch a movie, go out and have a glass of wine, take a stroll holding hands, talk about the meaning of life over an ice-cream, go out for a meal and remember our story.

Most likely, now we’d talk about Oliver. We can talk about Oliver, but not always being with Oliver and for Oliver and about Oliver. We need us, our team. We don’t need anything more than that.

If you’ve been a team once, you can be it again

We’re a team. That’s how we solve our problems. We both want to see through the commitment we made when deciding to spend our lives together. Being happy with each other is what makes us both happy, but it doesn’t work if it comes only from one individual. As the saying goes, it takes two to tango.

Unfortunately, I discovered that a couple doesn’t always manage to be a team: sometimes we forget how to. But I also discovered that if you’ve been a team before, you can be a team again: you just have to both want it and work together.

Writing helps us reflect before communicating our emotions

We rarely write to each other: we prefer to talk about the good and the bad. But this time talking was hardly going the way we wanted it to, so we decided to write emails to each other. We told each other what we’re annoyed by, what we did wrong, what we want to improve of ourselves and what we’d like the other to improve.

His first email started, “I can’t work properly without getting my thoughts out… Which is why I’m writing you: my crush, my girlfriend, my fiancé, my wife, and the mother of my son”.

Too often we go through life with the person we’ve chosen, only thinking of who they are today, but forgetting who they were and what they were to us—when we fell for them, when we moved in together, we he/she proposed, when we got married, when we decided to grow our family.

Alex’s words put everything in perspective: I am still all of those people to him, like he’s to me—we shouldn’t let ourselves forget that.

The email continued with some of our first pictures together—taken almost 10 years ago with Photo Booth in his apartment—and a long file with all our messages from the first months.

Although I felt quite embarrassed reading them (as my English was rubbish back then), I was left with one thought: where did those people go? I want them back or, actually, I want a better, 10-year more mature version of them.

And I actually realised that thinking of those people will always bring us back together. Until we are willing to fight for those people—who chose each other over billions of others in the world, were crazy in love, and dedicate their life to each other—nothing and nobody will ever come in between our current selves, no matter how stubborn, annoying, impatient and snappy they are.

The couple is made of two individuals: let’s take care of them, too

On Sunday, after my dance rehearsals, Alex left to the office. While Oliver was sleeping, I sat on the couch, watched Grey’s Anatomy, read, rested my mind. No phone, no internet, no social media, no blogging, no commitment.

I needed that. I needed a bit of Carlotta. Alex is at the office every day: he works hard, but when he needs some time-out, he takes it. I feel like I haven’t had time-outs in over a year: lately, I’ve been a mum, a wife, a blogger, a teacher, a (lousy) housewife, and a socialiser. I thought my me time was going to my dance classes, but even there it’s not just me, it’s more people and more socialising.

Maybe in the future I need to remember that among all the other things and people I take care of—Alex, Oliver, Colbie, my blog, my work, our health, my body—I also have to take care of Carlotta. Of my mind.


Help spread the word

The woman behind the words

My name is Carlotta, I’m 33 years old, I’m Italian, married to a Finnish guy, and together we raise Oliver (4) and Emily (2) Montessori and multilingual. We’re selling everything to travel the world.

More about me →

Did you like it? Agree? Disagree? Let me know.

If you prefer, you can also tweet to me or write me privately.

  1. Ciao Carlotta. Come mi rivedo nelle tue parole! Mamma di Francesco 8 mesi ed il tempo X la coppia si fa fatica a trovare.. È tutto diventa più difficile.
    Ti ho trovata X caso cercando info sul metodo montessori.. Ora non ti mollo piu😉

    • Carlotta - May 3, 2016

      Grazie per il tuo commento, Mara.

      Se ti interessa il metodo Montessori applicato a casa, ne scriverò sempre di più e ho già pronti alcuni post che sono sicura ti piaceranno! Se non vuoi perderteli nel tram tram quotidiano, puoi anche iscriverti alla mia newsletter per riceverli direttamente per mail una volta a settimana 🌸

  2. Buongiorno Carlotta! Oggi per la prima volta la piacevole sorpresa di ricevere i tuoi post nella mail. Davvero profondi entrambi…sono stata molto indecisa su quale avrei voluto lasciarti un commento.
    Che dire…forse nel mio caso ha nuociuto la visione di troppi cartoni in eta’ adolescienziale. Cenerentola, Biancaneve, Lady Oscar, Candy Candy…
    Non solo mi hanno reso una donna piena di aspettative ma, ancora peggio, mi hanno convinta del fatto che Amore e’ sinonimo di Felicita’. Salvo poi scoprire, col tempo e a mie spese, che a volte nulla ti rende piu’ infelice dell’ amore e della vita in due.
    Come liberarmi da tutto questo? Tu hai per caso una ricetta?
    Mille variabili e mille avvenimenti, a volte del tutto imprevedibili, possono alterare l’ equilibrio di una coppia. Non solo la nascita di un figlio ma anche un nuovo lavoro, un nuovo hobby, il relazionarsi con i parenti ( ti prego, scrivi un post su questo?:)),le amicizie, i litigi, la morte di un caro… e poi le tentazioni esterne. Mamma mia, scusa il mio pessimismo cosmico ( saranno gli ormoni) ma credo che per finire mano nella mano su quella panchina, con i capelli argentati, bisogna essere dei super eroi!
    Io me lo auguro. Me lo auguro con tutto il cuore, adesso come non mai, perche’ adesso ho un bimbo in grembo. Lo auguro anche a te ( che sei davvero ammirevole) e a tutte le coppie che si amano e ci provano giorno dopo giorno. Un bacione e grazie ancora. Mari

    • Carlotta - May 3, 2016

      Mari, ma non sai che risata mi hai regalato con quel tuo “per finire mano nella mano su quella panchina, con i capelli argentati, bisogna essere dei super eroi!”. È vero! E purtroppo anche qui nessuna ricetta: per noi, è sempre il dialogo il più razionale possibile a risolvere conflitti e crisi.

      Senza fronzoli. Senza aspettarci che l’altro legga tra le righe, perché “ormai dovresti conoscermi!”. Senza “lasciami sola” mentre quello che voglio è che resti con me. E poi, almeno per me e sempre di più, anche pensare che non sempre abbiamo la possibilità di scegliere di arrivare su quella panchina (da cui è scaturito l’altro post della settimana).

      Quindi forse la nostra ricetta è la razionalità: al diavolo i “se deve essere, sarà”, “l’amore supera qualsiasi cosa” e tutte le altre ca*** che ci raccontano. L’amore è come un buon posto di lavoro che ci piace con contratto a tempo indeterminato: tanta passione all’inizio (con i suoi alti e bassi), dedicazione, affetto per quello che si conosce così bene, tentazioni perché l’erba del vicino è sempre più verde (ma alla fine non lo è davvero), ma soprattutto duro lavoro e compromessi per renderci insostituibili… e magari se entrambi gli individui della coppia lo sapessero e si comportassero di conseguenza (per non essere licenziati ;-), non servirebbero nemmeno maschera e mantello…

      Ti auguro una bella settimana 🌸

  3. Ho dimenticato…anche l’ invecchiare e i cambiamenti fisici e psicologici che ne conseguono sono una ulteriore grande prova per una coppia. O mamma mia! 😨😨😨

    • Carlotta - May 3, 2016

      Ahah, per i cambiamenti fisici la ricetta ce l’ho: io dico sempre ad Alex che per i suoi 60 anni gli regalo una giovane housekeeper brasiliana, così ha qualcosa di bello da vedere e a cui pensare 😉

  4. monica - May 4, 2016

    ciao Carlotta, i miei figli hanno 21 e 19 anni, il loro papà è un ex marito (e tutto questo che tu hai cosi ben descritto sicuramente ha fatto parte dei motivi per cui ci siamo pian piano allontanati…) ma….queste riflessioni sono condivisibili in qualunque coppia, con figli o meno, e di qualunque generazione. Queste sono le riflessioni utili per l’amore…punto :). in bocca al lupo per te e per tutto cio che sei, che hai, e fai 🙂

    • Carlotta - May 17, 2016

      Monica, scusami se non ti ho risposto prima. Ma ci tenevo a ringraziarti per il tuo commento. Anche noi (io e mia sorella) arriviamo da genitori che hanno divorziato dopo 21 anni di matrimonio e credo sia una delle ragioni per cui lotterò con i pugni e con i denti per sopravvivere come coppia. Grazie per condividere la tua storia. 🌸

  5. Sandra - May 5, 2016

    Brava Charlotte!
    L’ozio è il padre dei vizi! ❤️

  6. Stefania - May 10, 2016

    Ciao Carlotta, grazie per condividere i tuoi pensieri anche più intimi e personali, senza temere di svelare troppo di te, di voi, come coppia e come famiglia. Non è facile trovare qualcuno con cui parlare di certe cose, magari si conosce tanta gente, ma non con tutti ci si sente in sintonia e liberi di parlare. Per molti è addirittura tabù parlare di certe cose, eppure sono vere, reali, accadono a tutti.
    Per quanto mi riguarda, sei la parola in più che cerco dentro, è come se io cominciassi una frase senza sapere come finirla ma le tue parole mi aiutano a dare un ordine ai miei pensieri (e non mi riferisco soltanto a questo post, che leggo solo ora).
    un abbraccio
    Stefania

    • Carlotta - May 17, 2016

      Stefania, mi sono resa conto che non ho mai risposto a questo commento, ma ci tenevo a ringraziarti. E a dirti che ogni volta che lo rileggo mi riempi di orgoglio e mi regala un sorriso immenso. Grazie per le tue meravigliose parole, spero di poter continuare a dare un ordine ai tuoi pensieri. Un abbraccio anche a te 🌸

  7. Roberta - May 26, 2016

    Bellissimo post! Non seguo blog, but yours is very interesting 😉

    • Carlotta - May 27, 2016

      Ciao Roberta, grazie per il tuo commento! Chissà che non sia il momento di iniziare a seguire almeno il mio, di blog 😉 Mi farebbe piacere! Have a lovely weekend!

  8. Cara Carlotta,
    da poco ti seguo con passione e non posso che farti i complimenti.
    Mi rispecchio in quasi tutti i tuoi articoli, che vorrei sempre commentare, ma non so bene perché parto da questo in particolare.
    Anzi forse lo so bene. Anch’io ho capito quanto possa essere duro per la coppia l’arrivo di un amatissimo figlio. Sei così assorbito dal mondo intero che lasci indietro sempre te stessa, e la coppia. Trovare l’anima gemella è una rarità, noi abbiamo avuto questa grande fortuna e quindi non va sprecata. Con tanta pazienza e intelligenza si può tornare squadra, più matura ed evoluta rispetto a quella di un tempo. La vita è una sfida meravigliosa, bisogna tenersi stretti.
    Un abbraccio
    Milly

    • Che belle parole, Milly! Hai proprio ragione, “con tanta pazienza e intelligenza”… non è per niente facile, ma in questi pochi mesi da quando ho scritto questo post ho scoperto i due segreti (ce ne saranno di più, ma per me questi due sono i più importanti) per tornare squadra! Presto li leggerai in uno dei miei post! Un abbraccio anche a te e grazie per trovare il tempo di lasciarmi questo bel commento. Spero di leggerti ancora 🌸


In a hurry?

Subscribe to my newsletter and get all the latest posts directly to your inbox. Only one email per month. No spam (pinky promise!) 🙂


You might also like…

I’ve handpicked these articles for you so you can keep reading.


Popular articles…

These articles proved quite popular. Perhaps you’ll like them too.


Latest articles…

Hot off the presses for your reading enjoyment.

Imprint  ·  Privacy Policy