La Tela di Carlotta

🇮🇹 Se io e te ci siamo mai scritti in privato, forse avrai notato che non scrivo “scusa per il ritardo” e invece dico “grazie per la tua pazienza”.⁣

Ho iniziato anni fa a smettere di chiedere scusa per inezie. Scusa è diventato quasi un’abitudine, un qualcosa che si dice senza pensare, senza valore, senza peso (per chi lo dice e per chi lo riceve). Per me uno scusa deve avere un significato profondo. E così, invece, quando posso e se mi sembra appropriato, esprimo gratitudine.⁣

Se ci pensi, poi, “scusa” focalizza l’attenzione su un sentimento negativo (nel passato) e fa sentire gli altri in diritto di essere arrabbiati/delusi/tristi.⁣
“Grazie” focalizza l’attenzione su un sentimento positivo (nel presente) e fa sentire gli altri apprezzati.⁣

Non sempre, certo, ma spesso si può invertire:⁣

“Scusa per lo sfogo” -> “Grazie per avermi ascoltato”.⁣
“Scusa per averti rubato così tanto tempo” -> “Grazie per avermi dedicato il tuo tempo”.⁣
“Scusa, me ne sono dimenticata” -> “Grazie per la tua pazienza, mi scrivo un promemoria”.⁣
“Scusa, dovevo esprimerlo diversamente” -> “Grazie per il tuo appunto, mi ha fatta riflettere”.⁣

“Grazie” regala a chi lo riceve un sorriso sincero e offre a chi lo dà un’attitudine positiva verso l’errore nella vita di tutti i giorni. E “scusa” si usa quando ce n’è davvero bisogno, quando conta, quando feriamo… e assume un valore più profondo, più vero, più sincero. Che ne pensi?

More from Instagram