Oliver sleeps in his own room at three months

17 comments
Help spread the word
ItalianoEnglishEspañol

Last night Oliver slept in his montessori room and in his homemade big-boy montessori bed for the first time. He’s three months old, and many could—and will—argue that he’s too young, it’s too soon, too risky, too everything. But we decided to give it a try for two reasons: 1. I had a feeling his cot was too small, and noticed he wakes himself up by crashing against the walls, and 2. We decided for a Montessori bed, and there’s no space for a mattress on the floor in our room.

Last night felt like it was the right time.

Did I like it? Not at all — and that’s why this post was written at 4.37am.

Oliver was ready!

We had been thinking about it for a while, and decided that we would switch him to his room as soon as he told us he was ready (an important part of the Montessori philosophy is “Follow the Child”, and read his “signs”). Oliver has been waking up only once a night — and often because he crashes into the cot — for a few weeks now and to us that’s a sign that he’s ready to sleep in his room.

The apprehensive mum in me soon came out. A month ago, the official excuse was “We still don’t have the baby monitors, we can’t hear him”.

Then the monitors came. “We need to try them during the day”. Two days later—they worked perfectly fine—“I’m still not sure if we can hear him”. Three days later, “let’s try at the weekend”. After the weekend, “let’s try this weekend”. And so on.

Last night, Oliver was asleep in my arms and Alex suggested we put him in his montessori room. Lots of excuses crossed my mind but none was good enough.

It was not easy to leave him there!

Said, done. He was finally sleeping in his room. And that’s when the back and forth started. Before falling asleep myself, I went to his room at least seven times. Three times I asked Alex to go and whisper something in the monitor. One of these times, I couldn’t hear him. “Maybe we should try tomorrow”? “Tomorrow it’ll be exactly the same. You just have to get used to it,” he said patiently.

Alex was right. Oliver’s independence starts when my apprehension ends. I just have to get used to it. Because there will be many more separations in our life—the first day I’ll leave him with somebody else than Alex, the first day of school, his first night out, when he’ll move out, his first job abroad, his wedding.

An hour ago, I went to check on him again—to be fair I did see Alex go himself a few times as well 😉 A stinky poo smell welcomed me. So I took him up, hugged and eskimo kissed him, and put him on the changing table still semi-asleep. When he opened his eyes, he gave me the biggest smile ever and said “Uuuhhh”. It was the first time he smiled and spoke to me in the middle of the night. And maybe that was his way of telling me, “I’m fine here, mummy, I really like it. Now change my nappy and go get some rest”. I put him back to sleep, kissed him for a few minutes and left him in his big boy bed. This time, I felt happier.

Again, this is just the first of many separations. And it’s true, Oliver is there happily asleep in his room and I’m here wide awake, writing. But it’s worth it if it means that I’ll learn to be a non apprehensive mother who will raise an independent child.

Good night, my baby boy, sleep tight.

SEQUEL

image-1

The following two nights, Oliver pulled two all-nighters! He slept from 9.30pm to 6.30am straight.

There we go! His Bednest crib was probably becoming too small for our little giant and he just needed more space to move around without waking up! Live and learn, right?


Help spread the word

The woman behind the words

My name is Carlotta, I’m 33 years old, I’m Italian, married to a Finnish guy, and together we raise Oliver (4) and Emily (2) Montessori and multilingual. We’re selling everything to travel the world.

More about me →

Did you like it? Agree? Disagree? Let me know.

If you prefer, you can also tweet to me or write me privately.

  1. Tutto vero e vissuto in prima persona. E non solo con ila prima figlia, ma anche e allo stesso modo coni la seconda. Perché non si passa indenni per nessuna separazione….
    Ma la vera, grande differenza, sarà quando il proprio figlio non sarà di là, a pochi metri, e non ci sarà alcun interfono a raccontarti come sta. Quando non ti risponderà al telefono, e niente e nessuno ti aiuterà a calmarti, se non una necessità a salvare se stessi e a pensare positivo….
    È da quelle prime volte, vuoi con una, vuoi con l’altra, che ho capito: non sarò mai più intera se non in presenza di entrambie le mie figlie.

  2. Quanto è vero!!!
    La prima notte da sola nella sua cameretta Emma ha dormito come un sasso, mentre io e Bruno ci siamo svegliati mille volte per vedere se stava bene o se respirava ancora…è stata più dura per noi che per lei ma ora sono contenta della scelta fatta!
    Osservare il mio angioletto mentre dorme nel suo lettino mi riempe il cuore di tenerezza e vorrei stropicciarla tutta per dirle che la mamma è li con lei…ma anch’io sono convinta che renderli indipendenti sia importante, a cominciare già dai primi mesi!!!!!

    • Grazie per il tuo commento, Luisa! Credo sia un passo che tutti i genitori fanno con preoccupazione (il primo di molti più difficili, come dice giustamente la mia mamma qui sopra :-), ma sono d’accordo con te: meglio iniziare a renderli indipendenti prestissimo e abituarsi all’idea che diventarlo significa anche, forse, lasciare il nido prima. Un abbraccio!

  3. Giovanna - July 11, 2016

    Io non credo che l’indipendenza di un bimbo si costruisca facendolo dormire solo ma se la vostra esperienza e’ positiva per tutti significa che per la vostra famiglia e’ giusto cosi’. Noi dormiamo ancora insieme dopo un anno e mia figlia segnala di voler poppare diverse volte ogni notte (non si sveglia, si gira e io mi sveglio, siamo sincronizzate). Quando sara’ piu’ grande prendero’ spunto per il suo letto!

    • Carlotta - July 11, 2016

      Ciao Giovanna, grazie per il tuo commento! Sono d’accordissimo con te, se per la tua famiglia dormire insieme è l’ideale, è la decisione giusta per voi. Ogni famiglia è un mondo a sé.

      Io forse sono un po’ più egoista e avevo assoluto bisogno dei miei spazi (soffro di sinusite e allergie e in alcuni periodi di notte mi sveglio a soffiarmi il naso parecchie volte, cosa che disturbava Oliver). Quello è il motivo numero 1 della nostra decisione… e poi il fatto che l’esperimento sia andato così bene, ovviamente ha aiutato 🙂

      In bocca al lupo per quando sarà, ma sono sicura che il lettino a terra stile Montessori ti piacerà un sacco!

      Presto scriverò delle ultime novità della nostra cameretta Montessori: se sei curiosa puoi iscriverti alla newsletter per non perderti i post. Un abbraccio!

  4. Ciao Carlotta,
    Noi abbiamo fatto questo grande passo da una settimana e siamo molto soddisfatti, anche se non sono ancora riuscita a farmi una dormita come si deve! 🙂
    Abbiamo iniziato a mettere Anna nella sua cameretta per il pisolino pomeridiano e poi siamo passati alla notte.
    Ma vogliamo parlare dell’aspetto migliore? Il sorriso enorme che fa quando mi vede al mattino. Gioia pura!
    Un caro saluto.

    • Carlotta - August 1, 2016

      Complimenti! Quanti mesi ha la piccola Anna? Anche noi avevamo fatto come voi, prima al pomeriggio e poi di notte e ha funzionato benissimo. Ricordo che le prime notti non sono state facili (per me più che altro, e mi chiedo come sarà con scimmietta numero due), ma ricordo anche che ci siamo abituati in fretta e ora quelle poche notti che Oliver è un po’ inquieto e lo prendiamo nel nostro letto, nessuno dorme (nemmeno lui!).

      Per me devo ammettere che la cosa più bella in assoluto è stata quando ha iniziato a gattonare e venirci a svegliare—ora arriva camminando e si arrampica sul nostro letto, una meraviglia! Un abbraccio a te e un bacino ad Anna

      • Benedetta - January 12, 2019

        Ciao, leggevo in un’altra sezione che avete un cane.. Come gestite i loro spazi? Il lettino montessori, che piace molto anche a me, non è preso dal cane come una comodissima cuccia?
        Grazie mille e un saluto

      • Ciao Benedetta! Guarda, la verità è che siamo sempre stati molto rigidi sul non lasciare che il nostro cane Colbie entrasse nella camera dei bimbi, soprattutto quando non camminavano ancora. Ma devo anche ammettere che anche se ci fosse entrata non sarebbe salita sul letto perché non ha l’abitudine a farlo. E credo abbia anche aiutato il fatto che Colbie abbia sempre avuto un letto suo che adora, ancora ora dopo 10 anni! Voi come l’avete risolta? Grazie per il tuo commento!

  5. Francesca - August 8, 2016

    Il mio bimbo ha l’età del vostro. E ora ha 15 mesi. Non sapevo nulla del metodo montessori. Per i primi otto mesi ha dormito nella sua cameretta (prima nella culla poi nel lettino con le sbarre) dormendo sempre di più… (7 o 8 ore di fila a 7 mesi) Poi quasi improvvisamente ha cominciato a chiamarmi di notte prima ogni due o tre ore e poi ogni mezz’ora! A quel punto l’abbiamo preso nel lettone con noi! Si svegliava ancora ma gli bastava sentire che ero vicina a lui per riprendere sonno. Dopo qualche settimana però ha cominciato a muoversi così tanto che il papà non riusciva più a dormire neanche un minuto per la paura di ricevere una manata o un calcio. Allora abbiamo deciso di riconquistare i nostro spazio e sistemarlo di nuovo nel lettino. Ma Giovanni non voleva più saperne delle sbarre e piangeva disperato! Dopo un paio di notti insonni ho tolto le gambe ad un letto ad una piazza. Ho posato doghe e materasso sul pavimento contro il muro ho fatto una specie di struttura letto usando qualche listello di legno e il paracolpi del lettino. Senza saperlo, una specie di letto montessori! Purtroppo ancora adesso non dorme tutta la notte, ma il nuovo letto gli piace molto. Quando mi chiama di notte non piange spaventato qualche volta gli basta una carezza per riprendere sonno, altre volte un po ‘ di latte… Quando si sveglia al mattino è sempre allegro e sorridente e cerca il suo amico orsetto per giocare un po’ prima di colazione. Stranamente, pur potendo, non scende dal letto. Mi aspetta sempre.

    • Bellissimo commento, Francesca, grazie per condividere! Adoro quando Montessori succede così, spontaneamente: ti fa davvero capire quanto logica ed intuitiva sia questa meravigliosa filosofia che la nostra Maria Montessori ha sviluppato per i nostri piccoli. E sono contenta di leggere che non sono l’unica ad aver sentito il bisogno di “riconquistare il nostro spazio”, a volte credo sia fondamentale anche per la coppia, non trovi? 😊

      Vedrai che è questione di pochi mesi prima che dorma tutta la notte. Io ho notato un cambio radicale quando ho deciso di non allattarlo più di notte: lo allatto ancora a richiesta durante il giorno (normalmente mattino e sera o quando è malaticcio), ma di notte se si sveglia, normalmente lo riaddormentiamo senza latte (ultimamente basta dargli acqua e si rimette giù senza fare storie dopo aver bevuto come un cammello…).

  6. Quindi potrebbe essere troppo piccola la culla? Mi ha molto interessato questa idea… Anche noi abbiamo preso il bednest per Emily e a tre mesi dormiva tutta la notte… E poi l’idillio é finito ma non so perché, scatto di crescita? A questo punto la figliola dovrebbe essere lunga 1 metro 😂 Siamo a 5mesi e mezzo e sto cominciando a metterla a dormire nel lettino in camera sua il pomeriggio, un lettino classico con le sbarre. Ma non so come fare a mettercela la notte.. Per farla riaddormentare si attacca alla poppa sdraiata accanto a me, questo vorrebbe dire che per farla dormire nel suo lettino dovrei rimanere sveglia ad allattarla (3 volte a notte?) 😨 sto quindi pensando di salvare capre e cavoli e di convertire il lettino fatto di sbarre in uno in stile montessori. Te quando hai smesso di allattarlo di notte? Non avevi paura che non mangiasse abbastanza? 😥
    Ahhhh, quante paranoie! Grazie per il tuo blog, sarebbe piú facile chiacchierare, io poi a scrivere mi perdo in un bicchier d’acqua.

    • Ciao Sara, scusa il ritardo.

      Guarda, devo essere sincera, non ricordo quando smisi di allattare Oliver di notte ma fu abbastanza dopo averlo messo in camera sua. Oliver si svegliava ogni tre ore, mangiava e si riaddormenta in fretta, quindi non mi scocciava andare avanti e indietro (anzi, lo preferivo all’alternativa, che era condividere la mia camera e non avere uno spazio mio ;-). Ma ogni mamma credo debba seguire il proprio istinto. Che cosa hai deciso alla fine?

  7. Eccomi qui, sempre io,man mano che leggo mi trovo a dire la.mia quando sento la.spinta a farlo! Noi siamo moolto più oltre, Franci ha due anni e sta dormendo nel lettino accostato al lato del mio matrimoniale, ho preso un lettino bello grande (1,20 mt) proprio con l intenZione di lasciarlo vicino a lungo, o per le meno per far si che non fosse la dimensione del letto a determinare il passaggio. In questi giorni Franci non dorme bene, a differenza del solito, si dimena, si muove molto e ai lamenta, spesso mi arriva addosso o in mezzo tra me e Cris, e io mi sveglio ripetutamente con conseguente mix di stanchezza e dolori articolari che mi porto dietro tutto il giorno. Fino a poco tempo fa ci eravamo detti di provare a spostarlo nel letto dell sua cameretta appena restavo incinta di nuovo, ma.ora sono motivata ad.accelerare i tempi e provare questo week end. Metteremo il materasso a terra e verificheró se anche per noi vale quello che hai intuito tu. So che per mia.cognata (molto montessoriana anche lei) il passaggio in cameretta è coinciso con notti dritte filate e benessere per tutti, ora vediamo come.va qui!! Dopo il distacco dal seno questo è il secondo, poi a gennaio verrà l inizio della materna…. cuore di mamma vibra tantissimo….

    • Ciao Sara, come è andato il passaggio alla cameretta? L’hai poi fatto? Ha migliorato un po’ le tue notti e i tuoi dolori articolari? Ricordo che per noi il passaggio alla cameretta non aveva coinciso con notti filate, ma mi aveva sicuramente migliorato l’umore riappropriarmi dei miei spazi.

      Con Emily, ora, è tutto diverso, a 9 mesi è ancora in camera nostra (dove è tornata dopo un breve intervallo in una terza cameretta provvisoria), dorme su un materasso matrimoniale per terra e che mi piaccia o no è l’unica soluzione al momento, perché essendo una bimba che non dorme dobbiamo continuamente andare da lei e spesso mi fermo a dormire sul suo materasso. Insomma, ogni bimbo è un mondo a parte, e stiamo aspettando che impari a dormire più ore di seguito per spostarla in camera con Oliver 🙂

  8. il metodo montessori non dice che l’indipendenza si promuove allontanando il bimbo dalla mamma a 3 mesi, anche perchè se non si promuove l’attamento artificiale ( e dubito che montessori potesse andare contro l’allattamento a richiesta) nei primi mesi il co-sleeping è il metodo secondo natura, la natura ha bio-fisiologicamente predisposto madre e bimbo per essere vicino in questi primi mesi (infatti le percentuiali di SIDS nei bambini che dormono insieme alla madre sono vicino allo 0%)

    • Cara Roberta,

      Grazie per il tuo commento. Hai ragione su tutto 🙂 Io però sono una mamma un po’ egoista forse e avevo voglia di riappropriarmi della mia camera e di un po’ d’intimita con mio marito. Inoltre, avevo voglia di orari miei, cosa che il co-sleeping non mi permetteva perché non volevo lasciare Oliver da solo nel lettone e quindi seguivamo i suoi orari.

      Il letto a terra in camera sua ha risolto entrambe le cose, e visto che Oliver si svegliava solo ogni tre ore, preferivo andare avanti e indietro per allattarlo.

      Devo dire che per noi ha funzionato alla grande, ma ogni mamma deve ascoltare il proprio istinto, non ci sono regole quando si tratta di maternità. Inoltre, lo dico spesso, essere Montessori per me non significa seguirne al 100% e ciecamente i principi, non mi piacciono gli estremi e sono dell’idea che qualsiasi metodo vada adattato alle visioni e allo stile di vita di ogni famiglia.

      Un saluto e spero di leggerti ancora da queste parti 🙂


In a hurry?

Subscribe to my newsletter and get all the latest posts directly to your inbox. Only one email per month. No spam (pinky promise!) 🙂


You might also like…

I’ve handpicked these articles for you so you can keep reading.


Popular articles…

These articles proved quite popular. Perhaps you’ll like them too.


Latest articles…

Hot off the presses for your reading enjoyment.

Imprint  ·  Privacy Policy