The challenges of raising multilingual children

19 comments
Help spread the word
ItalianoEnglishEspañol

I’m not sure I mentioned before that we’re raising Oliver trilingual (the country we live in will take care of the fourth language, Spanish). I’m Italian, Alex is Finnish, we speak English together, so these are the three languages we’re teaching Oliver at home.

And no, we’re not overachievers, we just happen to have a mix of cultures in our household and thought it’d be a shame to let it go to waste.

But in these 15 months since Oliver was born, I realised that trilingualism does not come easily. Adjusting was actually quite difficult at the beginning and, even though we’re now more conformable with our language arrangement, I’m sure it’ll get more challenging as Oliver grows up.

I don’t yet have a magic formula for how to raise your children trilingual—maybe I will in a few more years of parenting and after two children—but I’d like to share with you the challenges that this decision has brought with it.

When you don’t feel like yourself

I lived the past 10 years in English—my private, professional and social life in mostly in English. I speak, write, think, and dream in English. English is the language I feel more mine, how I feel more comfortable to express myself, how I get through to people the best. English is what I spontaneously spoke to Oliver when he was still in the belly.

That’s why when Oliver was born, switching to Italian  wasn’t easy. It felt strange, unfamiliar—which is not nice when speaking to your own son. I didn’t like it, but I didn’t give up, I kept speaking to him in Italian and correcting myself when sentences spontaneously came out of my mouth in English (which happened a lot at the beginning).

Today it feels less of a challenge when I’m alone with him, but I still find myself switching to English when I’m in my thoughts, when I sing to him (songs are just so much better in English!) or when I run out of patience 😉

When your native language is almost long lost

If it was hard for me, I can’t even imagine what a challenge it has been for Alex. He doesn’t speak his native language as often as I do, and when I hear him speak on the phone he replaces lots of words with their English version. Finnish feels more like a foreign language to him. But against all odds—”why would I teach such a useless language to my children?”—he got on board and is teaching Finnish to Oliver.

I love how much Oliver already understands in both Italian and Finnish—and how much I’m learning, too! And funnily enough, his number one word theses days is “anna” which means “give” in Finnish!

When they have a secret language

The other day I was speaking to a Canadian friend, married to a Swedish woman and father of two girls. He was complaining about how much he misses out of his daughters’ conversations as they speak the language they’ve been most exposed to, Swedish. Which he doesn’t understand.

That made me realise Alex will always have a secret language with our children. He speaks fluent Italian (he’s just that amazing with languages!), but I’ll never ever speak Finnish to the level of being able to follow a conversation. Will their special bond “bother” me in the future?

When your friends don’t understand what you say

This is a tricky one for me. Most of my friends are English (or speak English) and we spend lots of time together as our children are about the same age. I make the conscious effort to speak to Oliver in Italian at all time, but sometimes I just want to say things to Oliver that my friends can understand, too. Typical sentences like “Tell Marisa how much you ate today!” or “Ask uncle Arto when they’re coming to visit” are for the adults, not the children. If the adults can’t understand, then what’s the point?

Right now, it’s not an issue if I speak English here and there as Oliver is still in a phase when words and languages are all mixed up in his mind, but when he’s more aware of languages, I might have to be more careful: in my experience of teaching English to children, I learnt that one of the most important things is to be consistent with the language you use (the best young students were the ones who thought I spoke only English).

Addressing Oliver in Italian most of the time and in English once in a while might not create any problem, but it might just as well confuse him greatly. Which makes the next point even trickier.

When you speak a third language in the house

My husband and I speak English and we speak English to our dog (which might sound funny, but it’s hard to change!). This means that when we’re all together we sometimes address Oliver in English—it’s inevitable.

In my experience as a language teacher, this might become a problem when Oliver realises the language mummy and daddy speak is English: he might want to switch to it, rejecting the other two… “so I feel part of the family”. Or when he realises I don’t understand Finnish, he might prefer Italian and English over his dad’s language… “so they both understand me”.


But I believe all these challenges are part of the multilingual game and it’s also what fascinates me about language learning: nobody learns the same way. I’m confident that—even if we sometimes don’t follow the rules of the game strictly—Oliver will be native in at least four languages.

I still have very few answers as our path to multilingualism is only at the beginning. But I’d be curious to hear your experience, even you don’t have children. Are you or your children multilingual? Have you experienced similar challenges? Or different ones? When teaching your child your native language, have you followed the “rules of the game” or have you improvised? How did it work for you?


Help spread the word

The woman behind the words

My name is Carlotta, I’m 33 years old, I’m Italian, married to a Finnish guy, and together we raise Oliver (4) and Emily (2) Montessori and multilingual. We’re selling everything to travel the world.

More about me →

Did you like it? Agree? Disagree? Let me know.

If you prefer, you can also tweet to me or write me privately.

  1. Ciao Carlotta, che bella la vostra insalatona mista di lingue! Certo, adesso come adesso suona un tantino incasinato, ma sono d’accordo con te che sarebbe davvero un peccato sprecare l’opportunità per Oliver di imparare da nativo tante lingue diverse ( utili o meno, non fa niente, ogni lingua è cultura… e poi di traduttori italiano-finlandese-spagnolo-inglese non è che c’è ne sono tanti in giro!). Anch’io amo l’inglese, è la mia lingua di lavoro (insieme a francese e russo, sono interprete e traduttrice), e pur vivendo in Italia con marito italiano, a Massimo (14 anni) e Silvia (10) ho cercato di parlare in inglese, a volte con gran fatica, il più possibile. Non ci sono sempre riuscita, a differenza di te il mio contesto quotidiano non mi permette di “sentire” e pensare in inglese. Spesso, soprattutto quando erano piccoli, mi sono sentita criticare (qualcuno mi rimproverava dicendo che avrebbero parlato in ritardo o che li avrei messi in difficolta’ a scuola!). La realtà è, secondo me, che i nostri figli hanno menti incredibili, pronte a immagazzinare, rielaborare, memorizzare molto più di noi adulti, e offrire loro più possibilita’ e più stimoli è solo un bene. I miei figli hanno iniziato a parlare bene e nei tempi giusti, hanno sempre avuto ottimi risultati a scuola sia in italiano che in inglese, ed è una tale soddisfazione quando ci facciamo lunghe chiacchierate in inglese, con la complicità di chi condivide diverse strade per comprendersi. Vai tranquilla, vedrai che andrà tutto bene, che tutti i pezzi andranno al loro posto, così, naturalmente. Un caro abbraccio
    Lucia

    • Carlotta - July 12, 2016

      Lucia, grazie per il tuo commento e per condividere la tua esperienza! Ahah, hai ragione, se mai vorrà seguire le orme della mamma e diventare traduttore o lavorare con le lingue, certo non gli mancheranno le combinazioni 😉 Anche se la lingua parlata è un conto, quella scritta è tutt’altro, ma spero da buona insegnante di lingue (e fanatica di qualsiasi grammatica :-P) di potergli regalare anche la scrittura, a tempo debito!

      E credo che tu abbia ragione… offrire ai nostri figli l’opportunità di tanti e nuovi stimoli non può che essere un bene! E poi grazie per regalarmi una visione nuova: mi è piaciuto pensare alle mie future conversazioni con Oliver in varie lingue… era un pensiero che non avevo ancora esplorato 🙂 Un caro abbraccio anche a te e buona settimana!

  2. Posso sapere quali sono i libri nella foto? Grazie!

    • Carlotta - July 12, 2016

      Ciao e grazie per il tuo commento 🙂 Nella foto, i libri (con relativi link a Amazon) sono, da sinistra: La Casa (in italiano), Words (in inglese) e Mikä ääni kuuluu? (in finlandese), che non trovo su amazon.it 😛 Enjoy!

  3. Ciao Carlotta. Io non mi preoccuperei troppo. Le mie “sorelline” sono trilingue. A 7 anni parlavano, scrivevano e leggevano in 3 lingue. A casa sceglievano la lingua dei genitori (con un tenerissimo accento british 🙂 ), ma ogni tanto la mescolavano. Uguale i genitori. Zero problemi.
    Mio figlio e’ bilingue. Gli parlo in italiano, ma se siamo in un ambiente francese, gli parlo in francese. Quando vedo le mie amiche, parlo con loro e con le loro figlie in inglese e spagnolo, ogni tanto cambio, ogni tanto no.
    Credo che l’importante sia la coerenza linguistica di un genitore. Ma come per tutto, come per la vita, non sara’ 100%.

    • Carlotta - July 12, 2016

      V, grazie per condividere la tua esperienza e sono d’accordo con te al 100% (e in questo caso sì, è 100% 😉 Che bello sapere che anche tu hai un mix di lingue a casa e intorno e che tuo figlio sembra adattarsi perfettamente anche senza seguire le “regole” del gioco alla lettera! Sono certa che sarà come dici tu anche per noi 🙂

  4. Claudio - July 14, 2016

    Ciao Carlotta, mia moglie Antonella ed io abbiamo due bimbe meravigliose di 3 e quasi 1 anno la seconda. Dal primo istante di vita della “grande” abbiamo adoperato il metodo OPOL (per chi non lo sapesse “one parent one language”).
    Io parlo con le bimbe praticamente sempre e solo in inglese ma con delle eccezioni che sono ben chiare (adesso a noi e piu’ in avanti anche alle bimbe). Esempio di eccezione: sono in compagnia di parenti non stretti e che non parlano inglese, allora parlo in italiano. Piu’ o meno, le regole sono le stesse che ha adoperato anche Douglas Hofstadter (immagino che Alex sappia di chi parlo).
    Questa e’ una intervista ad hoc su questo argomento molto molto bella e “toccante”:
    http://bilinguepergioco.com/2011/01/18/douglas-hofstadter-la-mia-famiglia-bilingue/

    Saluti

    Claudio
    p.s. il “Claudio” menzionato alla fine dell’intervista sono io… ;-D

    • Carlotta - July 18, 2016

      Claudio, quanto tempo! Grazie per il tuo commento, mi fa piacere ritrovarti tra queste pagine 🙂 Non ci credo che la bimba che doveva nascere “a breve” ha già quasi un anno, il tempo ci sfugge davvero! Conosco l’intervista (e lui), ma non sapevo che fossi tu il famoso Claudio, complimenti! E grazie per pubblicarla qui a disposizione di tutti.

      Il metodo OPOL è più o meno quello che stiamo seguendo, ma con l’aggiunta della terza lingua (che è la nostra lingua di famiglia le cose si complicano un po’). Ma anche io credo nelle regole del gioco e cercherò di applicarle il più possibile. Mi piacerebbe sapere come reagisce la tua piccola di tre anni quando ti sente parlare italiano: continua a rivolgersi a te in inglese o cambia?

      Un caro saluto a te e alla tua famiglia!

      • Claudio - July 22, 2016

        Ciao Carlotta,
        le bimbe mi sentono continuamente parlare in italiano, e’ la lingua che parlo con mia moglie. La piccola proprio domenica compira’ un anno, quindi e’ ancora “piccolina”. La grande invece, fino a quando lo scorso anno non ha iniziato l’asilo mi rispondeva molto spesso in inglese, ma, con l’asilo, il suo italiano ha avuto un vero boom (nel senso che e’ anche migliorato tantissimo). Per intenderci, capisce tutto (a cominciare dai cartoni animati ;-D ) ma il piu’ delle volte mi risponde in italiano. Viceversa, se per un po’ di giorni stiamo molto insieme come per esempio durante un w-e lungo, ricomincia a rispondermi in inglese piu’ di frequente. Piu’ tempo trascorre con la lingua minoritaria, piu’ le diventa “comodo” usarla. Va bene cosi’, la prima regola che Antonella ed io ci siamo imposti e’ stata quella di non forzare mai le cose. Io le parlero’ in inglese e lei mi rispondera’ nella lingua in cui si sente piu’ a suo agio in quel momento. Cio’ non toglie che io ogni tanto faccio il finto tonto e le dico che non sto capendo quello che sta dicendo in italiano. La cosa che ci fa sorridere e’ l’idea che lei ancora non sa di “parlare e capire l’inglese”: e’ solo la lingua che usa con il papa’!
        Un caro saluto a tutto il tuo blog.

  5. Vanessa - July 16, 2016

    Ciao Carlotta! Ho trovato il tuo blog per caso mentre ricercavo altre cose. Mi ha fatto piacere leggere questo post. Sono contenta di leggere che ci sono altri genitori della mia generazione che s’impegnano a crescere i loro figli bilingue o trilingue. Sono di origine italo-canadese e sono cresciuta parlando italiano, francese e inglese. Papà è immigrato in Canada e mamma è franco-canadese. A casa parlavo in francese con mamma (sono anche andata a scuola francese) e in italiano con papà. Se parlando con papà, provavo a rispondergli in inglese, lui mi faceva “babbo non ti capisce, mi devi parlare in italiano”. Devo dire che è grazie a questo suo metodo (e al fatto che mamma ha imparato l’italiano) che oggi parlo italiano. “Fast-forward” a oggi: sono sposata con un tedesco (che capisce l’italiano e parla francese) e abbiamo una bimba di 11 mesi. Per noi è molto importante che lei cresca parlando italiano, tedesco, francese e con il tempo anche inglese. Sono d’accordo con te che non è facile soprattutto quando la vita fuori casa si vive in una lingua e a casa se ne parla un’altra. Il nostro metodo è simile a quello di mio caro babbo 🙂 Con mia figlia, parlo soltanto italiano (anche se non sono una vera madrelingua cresciuta e istruita in Italia), mio marito invece solo in tedesco e, quando sarà tempo, lei frequenterà la scuola francese. L’inglese lo parliamo in coppia e quindi lo sentirà ma siamo decisi di continuare con questa associazione: mamma=italiano, papà=tedesco, scuola/amici=francese (viviamo in un paese francese), amici internazionale=inglese.
    Non mollare! Il multiculturalismo è una cosa stupenda!

    Cari saluti,

    Vanessa

    • Carlotta - July 18, 2016

      Ciao Vanessa, grazie per il tuo commento e per condividere la tua esperienza. Personalmente le esperienze altrui mi aiutano tantissimo a capire e ad affrontare le mie avventure di mamma. Bel mix che avete anche voi, il francese è senza dubbio una delle mie lingue preferite e mi piacerebbe regalarlo a Oliver magari trovando una babysitter francese, ma per ora non ho avuto fortuna.

      Mi piace il metodo del babbo, è proprio quello che ho sempre usato con i miei studenti! L’unica cosa che cercherò di cambiare con i miei figli è il tipo di frase: sto cercando di essere il più onesta possibile con Oliver anche su cose minuscole e mi piacerebbe evitare frasi tipo “siamo quasi arrivati”, “mamma torna tra cinque minuti”, “mamma non ti capisce”… a meno che non sia vero. Quindi quando sarà ora troverò una frase sostitutiva per chiedere a Oliver di parlarmi in italiano. Magari anche solo, “parlami in italiano, per favore” 🙂 Che cosa ne pensi?

      Un caro saluto

  6. Gabriele - July 25, 2016

    Bell’articolo e molto interessante!
    A Novembre iniziera’ la nostra avventura di genitori e a livello linguistico sara’ molto interessante. L’idea e’ quella di seguire l’OPOL: con me Stefano parlera’ italiano, il Greco con Angeliki, tra di noi parliamo Inglese, lingua che Stefano sicuramente avra’ la possibilita’ di conoscere meglio a scuola, infine lo Spagnolo che, vivendo qui in Spagna, sara’ la lingua dominante e tutto sommato non troppo differente dall’Italiano.
    Mi raccomando scrivi ancora su questo argomento quando hai qualche aggiornamento, e’ davvero importante avere qualche consiglio da chi sta vivendo in prima persona questa stupenda e impegnativa esperienza.
    In bocca al lupo a tutti i “genitori multilingua”

    • Carlotta - July 25, 2016

      Ciao Gabriele, grazie per il tuo commento! Sì, ho in programma aggiornamenti su questo tema, perché vedo sempre di più che, specialmente oggigiorno, le lingue sono importantissime. Un passe-partout per il futuro. In bocca al lupo a voi per quando inizierà la vostra avventura di genitori a Novembre e sono sicura che andrà alla grande… è un’emozione immensa che non finisce mai! A presto 🙂

  7. Ciao Carlotta! Sono arrivata al tuo blog per caso, mentre cercavo informazioni sui lettini Montessori 😅 Sai io faccio l’insegnante di italiano ma sono di Valencia, quindi catalanoparlante ( o valenzianoparlante se qualcuno dovesse offendersi! 🙈) … Ho fatto un figlio con Federico che è italiano, ma sta imparando il castigliano. Tra di noi si parla italiano, Federico parla a nostro figlio in italiano, io in catalano e la Peppa Pig in castigliano … Ora siamo sempre in Spagna, ma se un giorno andremo a vivere in Italia mi sa che la cosa giusta sarebbe continuare a parlargli in catalano: a me no viene spontaneo dirgli “¡Ay, mi niñito!” 😅😂 Io stessa sono cresciuta bilingue e non ho fatto nessuna fatica, anzi, mi sono accorta che ad imparare le altre lingue ( un po’ di inglese è un altro po’ di tedesco ) le persone bilingui abbiamo meno difficoltà. Adesso il nostro piccolo ha 13 mesi, capisce tutto e comincia a dire : “grrrratsieeeee” 💙

    • Ahahah, Isabel ma che bel mix di lingue e culture avete anche voi! Fai l’insegnante di italiano in Spagna? Interessante! Anche io ho insegnato italiano diversi anni a Marbella, ma la domanda era sempre talmente bassa che ho poi preferito concentrarmi sull’inglese (che mi piace anche di più insegnare 🙂

      Sono d’accordo con te sul bilinguismo, dà una marcia in più! Quindi sì, fossi in te continuerei senza dubbio a parlare esclusivamente catalano (e il papi italiano) con il vostro piccolo… un giorno si renderà conto del grandissimo regalo che gli avete fatto.

      Un abrazo desde Marbella 🌸

  8. Hola Carlota, ante todo felicitarte por tu blog, lo descubrí hoy y ya he encontrado muchas entradas interesantes.
    Nosotros también estamos aplicando desde hace un mes la filosofía Montessori en casa, nuestro hijo tiene ahora 8 meses y ojalá la hubiese aplicado desde el minuto 1 de su vida, pero más vale tarde que nunca 🙂
    También estamos criando a nuestro hijo trilingüe (yo en catalán, su padre en alemán y entre nosotros y nuestros perrros en castellano), e incluso diría que está expuesto a cuatro/cinco idiomas porque su abuela le habla en polaco y yo he sido profesora de inglés muchos años, así que el inglés está muy presente en el día a día de casa (con amigos, cine, libros, etc).
    Ahora Connor tiene 8 meses y nos preguntamos lo mismo que tú, ¿lo estamos haciendo bien con tantos idiomas? ¿tendrá un idioma secreto con su abuela que yo no entenderé? ¿qué idioma debo hablar con amigos que no son catalano o alemano-parlantes en su presencia?…
    Creo que las familias multilingües al final aprendemos con “práctica y error” e intentamos criar a nuestros hijos lo mejor posible. Seguramente durante los primeros años será un poco duro para todos, pero a la larga creo que beneficia mucho al niño y hará más fácil su aprendizaje general y sobretodo, exponemos su mente a diferentes culturas, estructuras y formas de pensar/razonar que, como mínimo, le proporcionarán flexibilidad extra en su vida y le ayudarán a mantener una mente abierta.
    Un abrazo,
    Maite

    • Hola Maite! Gracias por tu comentarios y por contarnos tu experiencia! Que mix de idiomas tenéis vosotros también, maravilloso! Y esto totalmente de acuerdo contigo, aprenderemos o sí o sí con “trial and error” y ya veo cosas bonitas e interesantes en Oliver.

      Por ejemplo, muchas de sus primeras palabras (bye bye, hi, happy, ball) son en inglés (aunque sea solo el tercer idioma en casa, pero el primero en la calle… será que paso demasiado tiempo fuera? 😉 Muchas otras en finlandés (que es un idioma muy sencillo de pronunciar, si quitamos las miles vocales) y todavía pocas en italiano, cosa que me extraña mucho porque él está todo el tiempo conmigo. Pero hace dos semanas se ha vuelto en modalidad “loro” y ha empezado a repetir muchísimo!

      En fin, esto del bilingüismo o trilingüismo, además de ser el mejor regalo para nuestros peques, es un viaje maravilloso y super interesante para gente como yo (y tú) apasionadas de idiomas! 🙂

      Un abrazo a ti y otro para Connor 🌸

  9. Ciao Carlotta,

    hai novità riguardo questo argomento?
    Io e mio marito italiano viviamo in Svizzera da 7 anni.
    Io sono madrelingua italiana, ma ho un’ottima padronanza dell’inglese (mia madre è madrelingua), ma nn mi ritengo madrelingua, anche perché a causa del tedesco l’ho un po’ perso….(è la lingua che parlo meno, solo con mia madre e neanche sempre)
    Parlo molto bene francese avendolo studiato, avendo fatto l’Erasmus in Francia ed ho lavorato diversi anni per aziende francesi (la corrispondenza era in francese).
    Al momento, dopo anni di studio sudato alla sera e corsi intensivi (3 anni all’incirca che ho un livello C1), lavoro in tedesco che naturalmente non è la mia lingua, ma che sta diventando a parte a casa quella predominante, anche se poi sento tutto il giorno lo svizzero tedesco (è un dialetto che capisco abbastanza, ma non parlo).
    Mio marito parla italiano come madrelingua, inglese e tedesco al lavoro.
    Naturalmente in casa si parla italiano ad eccezione di mia mamma che quando è a contatto con mia figlia parla a nostra figlia solo in inglese.
    Mia figlia (14 mesi) inizierà a breve a frequentare un asilo montessoriano dove le parleranno in svizzero tedesco e alcune ore alla settimana in inglese.
    Le sue due lingue predominanti saranno quindi sicuramente l’italiano (a casa) e lo svizzero tedesco (nido), mia mamma la vede, ma non per periodi lunghissimi, anche se alcune parole le dice in inglese (bye bye, Girl, go go).
    Come puoi immaginare, vista l’età dice poche parole. Guarda le nursery song in inglese e le canticchia.
    Naturalmente io spero che l’inglese non vada perso, anche perchè mia sorella abita in UK e quindi i suoi “futuri” figli parleranno inglese e poi a scuola studierà tedesco e successivamente inglese e francese.
    Naturalmente mi piacerebbe imparasse bene tutte e 4 le lingue (tedesco, italiano, inglese e francese).
    Dovro’ solo capire come fare. Lo svizzero tedesco, un po’ come il finlandese (anche se il finlandese sarà sicuramente piu’ utile è solo per qui).
    Che consigli hai da dare?
    Grazie
    Lavinia


In a hurry?

Subscribe to my newsletter and get all the latest posts directly to your inbox. Only one email per month. No spam (pinky promise!) 🙂


You might also like…

I’ve handpicked these articles for you so you can keep reading.


Popular articles…

These articles proved quite popular. Perhaps you’ll like them too.


Latest articles…

Hot off the presses for your reading enjoyment.

Imprint  ·  Privacy Policy