The hardest year of my life (aka what sleep deprivation did to me)

20 comments
Help spread the word
ItalianoEnglishEspañol

I half wrote this post LONG time ago, over 8 months ago, but it never seemed the right time to publish. I’m not more ready now, I’m still on a rollercoaster of emotions, and I still don’t see the light at the end of this sleep deprivation tunnel, but I’m stronger and more confident. So I decided to finish it, and here it goes. There’s no real advice this time, no trick, no solution, and probably it’s not even coherent. Just a mom opening up.   


I haven’t slept more than two uninterrupted hours at the time for 18 months. The first year, though, despite feeling a great amount of inexplicable sadness, frustration, and rage, I rarely cried. When I felt like crying, I’d swallow my tears, rationalise (how could I possibly be unhappy with two healthy and amazing kids?) and build walls around me. Eventually, the sadness would go away and I’d feel strong again. 

Until the next time, when I’d have to deal with all the accumulated sadness, and I’d suppress it again. And again. And again. For a long time.

I became my own Pandora’s box.

Somewhere along the way—and sometimes fed up with unsolicited advice—I decided to stop boring my friends and family with my problems. I’d avoid social gatherings or I’d put on a smile and zombie my way through some friendly conversations.  

I didn’t feel happy, and I started taking it out on the one person who was in it with me, Alex. 

I started complaining. 

About everything. About him not contributing enough in the house. About him not contributing the right way in the house. About a laundry he did wrong. About that trash bag that sat in the kitchen for days. About using the wrong towel to dry the kids after the bath. About not making rice with that chicken curry that the kids won’t like. And so on. 

I could rationally appreciate all his contribution, but I could’t help but seeing all the faults. All the time.

My husband is the most optimistic, positive and patient person I know, but little by little, complaint after complaint, I broke him. His positivity started fading. He started snapping at me, being impatient and intolerant when dealing with my complaints and my moods. He had zero empathy towards me—the one thing I desperately needed. 

It affected everything in our relationship—our caring for each other, our complicity, our friendship, our communication, our showing affection, our already flailing sex life. The more we tried to fix it, to talk it out, the more we grew apart. We didn’t speak the same language anymore. Every argument ended in one or both of us agreeing to disagree, walking away or going to bed angry: we always patched it up in the morning, another apology and we were all good to go. 

Except I wasn’t. I was just suppressing more, swallowing more sadness.

Several nights I found myself googling “postpartum depression symptoms”—could my mood really be caused just by not sleeping? I started scanning forums to find answers to questions like “how do you know when your marriage is over?”, “why am I not happy with my perfect life?”. I was drowning inside, it was the darkest stretch of the tunnel. 

Then one night… 

several months ago, after yet another argument in which we jumped from one subject to another, pointing fingers and verbally hurting each other, he told me—tears in his eyes—four words that I’ll never forget. 

I miss my wife.

As I sat there, tears just started pouring down my cheeks and all I could genuinely say was, I miss me too. In that moment I realised how much I had changed, and how much I missed the old (real?) me—and our team even more. I sobbed on his shoulder for what felt like an eternity, and we held each other tight like we hadn’t done in a long time.

That night I realised two things: 

  1. I wasn’t the only one hurting. Alex was also struggling. For different reasons and showing it in different ways, but he was also sad. Seeing each other vulnerable made us feel close again after a long time. Too often, we want to hide our being vulnerable, but we forget that vulnerability is not weakness. It’s strength. It shows that you’re in tune with yourself, and it’s a powerful tool to connect with others.
  2. Sleep deprivation is out of my control, but my reaction to it is my own choice. I could either keep complaining and feeling sad for myself, blaming Emily’s not sleeping, Oliver’s acting up, my not having time for myself or my job, Alex’s not being empathetic. Or I could call up the warrior in me, and beat the shit out of sleep deprivation (pardon my French).
    We often blame our sadness, rage, frustration on external factors, and for a reason: often what happens in life is not under our control. But the way we react to it is our own choice—and we always do have a choice.

That night didn’t change much in our situation. Despite some recent progress, Emily’s still not sleeping well. Alex and I worked hard and made some major improvements in our relationship, but we still get sidetracked often—sometimes even just a sentence can send us back into the dark woods for days. As for me, not sleeping still affects my mood enormously, I still complain (but less, and more consciously) and I’m still in precarious balance between sanity and madness (but after all, isn’t that the natural state of motherhood?). 

But that night did change something. Somehow, Alex’s words spoke straight to the warrior in me, and released that anchor that was holding me down.

Since then, I stopped finding excuses, feeling sorry for myself, and started living fully again—writing, working, being productive, dancing, eating healthier, giving myself challenges to become a better person. Today I’m stronger, more focused, more confident. I feel vulnerable at all time, but invincible at the same time. I feel I’ve become my own woman in a way I’ve never been before.

And above all, I’m not suppressing anymore—if anything, I’m letting it all out the way it comes, good or bad, and guilt-free: one day I yelled to the top of my lungs “aaaaahhhhhhhh” in the car in front of the kids because I just couldn’t stand arguing with my mom anymore; another day I cried like a baby because my friend had really good news; a few days ago I sobbed for half an hour listening to “Lost Stars” over and over again. The list goes on, so many emotions. 

Ironically though, I feel more in control of my emotions now than I’ve ever felt before: it’s almost as if by knowing that I can allow myself to let my emotions run wild I feel more mentally stable and emotionally  (a bit like when you decide not to eat sweets and all you think of is cake and cookies, but if you decide that you can have sweets whenever you want, you actually don’t mind turning them down. Has it ever happened to you?). 

So maybe this is the end of a tunnel, not the sleep deprivation tunnel, but a different, unexpected one of personal growth and resilience. And maybe it’s true what they say, that at the end of any tunnel there’s always a stronger, more resilient version of yourself, you just need to grow some balls and make it out.


Help spread the word

The woman behind the words

My name is Carlotta, I’m 33 years old, I’m Italian, married to a Finnish guy, and together we raise Oliver (4) and Emily (2) Montessori and multilingual. We’re selling everything to travel the world.

More about me →

Did you like it? Agree? Disagree? Let me know.

If you prefer, you can also tweet to me or write me privately.

  1. Mi verrebbe di scrivere tante cose sotto un post toccante e aperto come questo. Prima di tutto che mi immedesimo, perché anche il mio cucciolo è stato uno che di dormire non se ne parlava proprio. Ma ti mando solo un abbraccio virtuale, e mi complimento per l’onestà, la caparbietà, il saper mettere le cose in prospettiva.

    • Grazie per il tuo commento, Luana! Devo ammettere che ora che siamo fuori dal tunnel (verso i 21 mesi Emily ha finalmente iniziato a svegliarsi solo una o due volte a notte) non mi capacito di come si sopravviva, ma a quanto pare ce la si fa :-). Ricambio l’abbraccio virtuale.

  2. I brividi. Perché per i primi 10 mesi del mio piccolo Alex ho vissuto lo stesso. Avoglia che è depressione post partum, ma l’ho capito solo dopo! Adesso il mio bimbo ha due anni, dorme tutta la notte e ogni problema è sparito da tempo. Ci si esce da questo stato, ci vuole solo del tempo, tanta pazienza, cercare di farsi aiutare il più possibile, e soprattutto avere consapevolezza che esiste una fine del tunner, in modo da riuscire a aggrapparcisi.
    Ho solo paura che ricapiti con il secondogenito che stiamo programmando… ma speriamo di no!

    • Ciao Silvia, e grazie per il tuo commento! Emily ha 21 mesi e finalmente dorme meglio, si sveglia solo un paio di volte a notte per bere e poi rimette giù la testa da sola e dorme (a volte viene nel nostro letto, ma non mi lamento). Quasi non mi sembra vero… Hai proprio ragione, si esce da quello stato!

      Noooo, pensa positivo, con il secondo andrà meglio! Incrocio le dita per te! Un abbraccio

  3. Gracias Carlota por compartir tu experiencia aquí. Me siento muy identificada con lo que acabo de leer. Tengo un hijo de 3 años y medio y otro hizo ayer 14 meses. Sigo en esa montaña rusa de emociones, como dice Laura Gutman es el encuentro con nuestra propia sombra, con el parto se abre un canal lleno de emociones y el puerperio para ella dura dos años.
    Yo tb me planteo si lo mío es depresión, muchos días pienso que no soy feliz con todo lo que tengo…y es verdad si no descanso o duermo bien estoy de muuuuuy mal humor y al final es con mi marido y con mis hijos con quien lo pago.
    He estado de excedencia laboral desde que nació mi hijo mayor y de momento hasta que mi pequeño no vaya al colegio no llevo ide de trabajar, cosa que también me planteo no sé si es sano para mi o no.
    Gracias de nuevo, cuando sigues a alguien en Instagram parece que su vida es todo perfección y luego leyéndote me doy cuenta de que no es así.
    Un abrazo desde el corazón 💓

  4. Gracias Carlota! Me sentí muy muy identificada y comprendida. Mi hijito tiene un año y la cosa que más me ha desafiado en su cuidado es la privación de sueño. Sabes que? Tu relato me ayudó a darme cuenta que me estaba autocompadeciendo, y a resignificar la privación como una oportunidad de crecer personalmente. De nuevo, muchas gracias! Un gran abrazo para ti!

  5. Ti capisco benissimo!!!! Tieni duro, tenete duro e piano piano vedrai che tutto andrà meglio…un abbraccio…

  6. Ti capisco tantissimo. Ho vissuto questo incubo (e in parte lo vivo ancora dopo quasi 4 anni) quando tu avevi Oliver piccolo, che mi sembrava un bimbo perfetto.
    Noi abbiamo il vostro stesso letto montessoriano, ma non ci ha mai dormito, perché quel poco che dorme e che dormiva lo faceva con me attaccata, quindi pur di dormire mezz’ora andava bene anche che fosse sul divano o nel lettone.
    Non so se finirà mai.
    Ma sapere di non essere la sola aiuta. Anche se non ci sono soluzioni.
    La vita di coppia, la salute, il lavoro, tutto si è deteriorato da li in poi…e ricostruire le cose è sempre più difficile che iniziarle da zero.
    Speriamo di uscirne.
    A presto

  7. Carlotta…. vorrei scriverti una lettera a cuore aperto.
    Ti ho già espresso la mia personale ammirazione per le manifestazioni di ‘debolezza’, le grida di aiuto… perché ci sono passata ben due volte attraverso le braci (prima da mamma con gli sconvolgimenti naturali ma che sembrano così insormontabili, poi da paziente oncologica in cui la prospettiva della vita cambia di nuovo radicalmente).
    C’è un gran bisogno di non sentirsi sole, ho scoperto che la ‘sorellanza’ fa miracoli, ti tira su quando tutto sembra irrecuperabile. E’ preziosissima.
    E tu con questo post hai attivato una sorellanza tra mamme (e non solo, perché quello che tu scrivi è universale, vale per tutte le difficoltà della vita) e per questo te ne sono grata.
    Ti abbraccio forte

    • Carlotta - July 16, 2018

      Milly, grazie per queste tue parole, mi emozionano. Sono sempre stata una sostenitrice accanita del condividere anche i momenti di difficoltà, e da quando scrivo questo blog, capisco ancora di più quanto sia importante la sorellanza di cui parli.

      Io e te siamo forse due guerriere ed esempi di forza per tutte le mamme e donne, ma come hai scritto tu in un altro commento, la forza passa sempre attraverso la debolezza e solo la condivisione di entrambe può promuovere empatia, solidarietà e anche una crescita personale.

      Ti rigiro l’abbraccio!

  8. Questo scritto mi ha toccata molto Carlotta perché sono mamma di un bimbo di quattro mesi e solo da poco mi sto adattando davvero ai nuovi ritmi. Tu ti sei autorizzata a non reprimere le tue emozioni e ora ti senti meglio.
    💛

    • Carlotta - July 16, 2018

      Grazie per il tuo commento, Marta! È proprio così, e credo sia importante condividerlo, perché a volte ci fa sentire meno sole. Un abbraccio!

  9. Complimenti!!! Grazie mi immedesimo molto anche io e leggere queste parole da te mi ha fatto stare meglio 🙏🏻☺️

  10. Elisa G. - July 20, 2018

    Cara Carlotta, in questo tuo articolo mi ci ritrovo parecchio.. purtroppo o per fortuna;-) Anche io con il secondo bimbo sono circa 22 mesi di deprivazione del sonno, di cui gli ultimi 16 di lavoro. con il mio compagno Luca, attraversiamo alti e bassi. Per fortuna, quando ci sono i bassi, penso che poi arriverà di certo un alto e ci ritroveremo, sempre più uniti e innamorati. E’ dura, ma ciò che non uccide fortifica! la luce infondo al tunnel forse è proprio questa una nuova forza e consapevolezza interiore. Grazie anche alle tue parole! Buona vita, Elisa

  11. Ciao Carlotta,
    seguo da tempo il tuo blog e mai come ora mi sento vicina a te. Sono mamma di tre bambini sotto i tre anni (due gemelli di pochi mesi e una bimba di due anni) e mi immedesimo pienamente nelle tue parole. Nelle difficoltà quotidiane, nella tristezza apparentemente immotivata e nel rapporto con il proprio compagno. Voglio veramente ringraziarti per la tua sincerità, in un periodo in cui sembra di essere circondati da super mamme con super bambini. Poi vorrei chiederti una curiosità: la cosa “peggiore” di questo periodo per me è la sensazione di aver privato la mia primogenita di qualcosa, delle esperienze esclusive che facevamo e ora invece, per un po’, saremo costretti a rallentare i ritmi. Mi sento costantemente in colpa nei suoi confronti, vorrei sapere se anche tu hai provato una cosa simile con l’arrivo di Emily…e se nel tempo il fatto di avere due bimbi così vicini come età ti ha ripagata in termini di relazioni tra loro.
    Scusa per il poema 🙂 e…continua così!

  12. Complimenti per il coraggio. Sia quello di mettersi in discussione e rimettersi in gioco nonostante le circostanze esterne siano avverse, sia quello di raccontarti in maniera così trasparente.

    In tutta onestà, penso che se io fossi nella tua situazione odierei il mondo che va avanti senza di me, mia figlia che ha deciso di mandarmi al manicomio, mio marito che non mi capisce e me stessa per aver deciso di fare figli. Ecco, l’ho detto. Altro che tirare fuori la guerriera che è in me! 🤣🤣🤣🤣
    Quindi ancora una volta, chapeau.

    Un abbraccio e ti auguro che la tua Emily capisca presto che dormire può essere bellissimo 😉
    G.

  13. Margherita - July 30, 2018

    Grazie Carlotta, leggere queste parole mi ha fatto venire i brividi per come hai saputo dare voce a un vissuto che mi appartiene. La meraviglia e la fatica di essere sposi e genitori, senza che questo secondo compito soffochi il primo… hai una profondità di riflessione speciale, e sei ancora in deprivazione di sonno… mica male =P
    Un grande abbraccio a te e Alex, rispecchiate così tanto questi ultimi anni con mio marito!

    Margherita (stessa età, stesso anno di matrimonio, stesso numero di figli 😊)

  14. Hola Carlotta, te estaba leyendo desde el trabajo y he tenido que parar porque me he emocionado. Me siento tan identificada con lo que cuentas…con la búsqueda en internet de la depresión post parto, con las quejas y las culpas a lo demás, con el cansancio extremo por la falta de sueño…Mi hija tiene 15 meses y no duerme nada nada bien. Lo que hacemos ultimamente, desde que le dejé de dar el pecho por las noches, es turnarnos para dormir con ella, porque hay días que no soy yo y no me gusta lo que veo ni como me siento.
    Gracias por compartirlo. Me ayuda mucho.
    https://lohalumom.wordpress.com

  15. Ciao Carlotta il mio secondo bimbo ha sei mesi ormai e….nel sonno e anarchico e…si sveglia di continuo…con certe notti passate sul divano in marsupio…. è dura…anche perché anche il mio primo bimbo (ora 4anni)mi aveva dato filo da torcere….ma almeno era nel suo dormire regolare…e verso i sei ha iniziato a migliorare!la privazione di sonno è veramente pesante…ma ancora più pesante le persone che hanno la fortuna di aver avuto bimbi che dormivano e ti dispensano consigli e critiche non richieste!!!!io mi rimbocco le maniche e cerco di pensare che passerà….buon tutto!

    • Passerà Chiara! Guarda, se Emily (che ora ha 2 anni e per i primi 18 mesi non ha mai dormito più di 45 minuti/1 ora di fila) sta dormendo meglio, credo che qualsiasi bimbo può farlo! 🤣 Ma so quanto sia difficile, quindi ti auguro che il tuo bimbo sia quasi pronto per iniziare a dormire di più! Incrocio le dita per te! Un abbraccio


In a hurry?

Subscribe to my newsletter and get all the latest posts directly to your inbox. Only one email per month. No spam (pinky promise!) 🙂


You might also like…

I’ve handpicked these articles for you so you can keep reading.


Popular articles…

These articles proved quite popular. Perhaps you’ll like them too.


Latest articles…

Hot off the presses for your reading enjoyment.

Imprint  ·  Privacy Policy