We, mums, are all in the same boat — Team Mama

6 comments
Help spread the word
ItalianoEnglishEspañol

A few months ago, Isabella, a lovely reader who’s grown fond of La Tela (and I of her), wrote me something that made me smile. Her words are so honest, sweet and familiar that they made me think, once again, “No matter how different and unique we all are as individuals, mums are all in the same boat. We all have the same problems and worries, feel guilty in the same way. And we’re all striving to be better mothers and people in this amazingly crazy journey of parenthood”.

So today, with her permission, I want to share with you what she wrote to me for the Team Mama column. And if you can relate to her words the same way I do, let us know, share it with us. Because alone we’re smart, together we’re brilliant—wow, did I just invent the Team Mama’s motto? 💪🏻


 

Letter by Isabella, mum of Enea (14 months)

Dear Carlotta,

My name is Isabella, mum of Enea who was born on March 18th 2015. I found your blog ten days ago, while looking for some tutorials on how to make the Montessori mobiles for the kids’ Open Day in the company I work for.

What did I find, in addition to the tutorials? A stranger, so familiar that I already feel fond of her. In every one of your posts, I find something I’m looking for, a confrontation I need, a point of view I hadn’t discovered yet or found the strength and the determination to follow (I’m learning it’s really not about “the right time” or “the perfect moment”, it’s all about determination).

You write in three languages that I feel connected with, one because it’s my mother tongue and the other two because they’re dreams of mine that never came true (and today I can say it’s all my “fault”).

I admire you for what you do, for what you write, maybe even just for the way you write it, which makes a big difference. The difference between “doing something” and “wanting to do something”, a difference that often in the past had the best of me.

Lots of similarities, lots of differences. Similarities that bring us closer, differences that make us richer.

I spent the last year of my life trying to be a better mother, not just a good mother. Montessori, extended breastfeeding, unconditional love, education to independence, baby-led weaning, and knowing that every moment, no matter how difficult it is, is a phase and it’ll pass (sometimes even too quickly). This morning I found the motivation to write to you, reading your post about letting your baby cry. It’s been a difficult morning at work, after a very difficult night, more than others.

Enea is good, he’s very good. At the nursery, they call him “Felicetto” because he always smiles. He’s also good at night, he wakes up every 4-5 hours, but he rarely takes a long time to fall back asleep. Unlike last night. I had come back from the company party, I was exhausted, but every time I was about to fall asleep he’d start crying, in the bed next to mine (I’m trying to move him to his room, but I keep postponing it with the excuse of creating the perfect environment, but really because I don’t want to let him go :). He wouldn’t fall back asleep, he was looking for the breast, but not even that worked. And then there’s this really annoying habit of his of pinching my skin with his nails. Constantly. My chest and neck are like a mine field, I don’t know how to make him stop: I remove his hands, kindly, I kiss them, but nothing, he always goes back there so I spend all the time pushing away his hands, instead of kissing and hugging him.

And when, like yesterday, I lose my patience, I’m not the loving mother I want to be, I don’t let his father calm him down (it would have taken him just a few minutes and then he’d have slept well), I spend the next day being eaten alive by guilt and looking for solutions.

I’m terrified by the idea of letting Enea cry. Even more so because I know that it might not work. I already tried, in the first months, when all I heard was “if you hold him, you spoil him”: I knew that all a baby needs is love and milk, but my always questioning myself made me try letting him cry, overwhelmed by criticism and tiredness. But it didn’t work. And who knows if it’d work now. Yesterday I was thinking, “How does one stop breastfeeding at night? Is it ok to do it?”.

I try to listen to Enea. When it’s time to sleep and I’m around, he usually looks for me to calm down. Then, in the last few weeks, something happened: when he’s calm and almost asleep, he wants me to put him in his bed. So something IS changing, even if I just follow his instinct, without forcing him, but it’s not alway easy. And when I don’t feel up for it (or I’ve got a patience debt) this is what happens: I write down what I feel in the attempt to process and rationalise the situation. This time I chose you to be that friend that I’d like to have close to me in these moments, somebody who’s so in line with my understanding of motherhood and breastfeeding. Somebody that I can’t find in my group of friends.

Thanks Carlotta, to walk down your path with braveness, to anticipate your life instead of simply seeing it happen. I’m starting now, and I’m aware of my own limits, I want to get as close as possible to them in order to realise that I can even overcome them, like Enea already has, making me find my strength, which is more than I thought. People like you make me feel that “I can do it”: like that time during labour when my mother-in-law, mother of six, showed up unexpectedly… I didn’t want to see anybody, but in that difficult time it was good to have her there: “If she survived six births, I can definitely survive this one!” 😉


Help spread the word

The woman behind the words

My name is Carlotta, I’m 33 years old, I’m Italian, married to a Finnish guy, and together we raise Oliver (4) and Emily (2) Montessori and multilingual. We’re selling everything to travel the world.

More about me →

Did you like it? Agree? Disagree? Let me know.

If you prefer, you can also tweet to me or write me privately.

  1. Stefania - May 17, 2016

    Ma che bella bellissima lettera!! condivido ogni riga!
    Anch’io sono approdata a “la tela” per cercare info sull’educazione Montessori, anzi, è stato mio marito a trovarti, Carlotta! (cercava tutorial per costruire le giostrine, e una sera mi dice “ho trovato il blog di una ragazza che ti piacerà”. mi conosce bene!).
    Quando mamme leggono di altre mamme ci si ritrova in affinità di pensieri e azioni, ma è proprio vero che le differenze arricchiscono, fanno pensare, ci si mette un po’ in discussione (in senso buono). E’ difficile trovare persone con cui parlare di certe cose, non sempre ci si sente allineate, spesso arrivano voci e consigli quando non ne hai bisogno, e creano confusione e condizionamenti.
    Il mio bimbo ha solo 5 mesi e il mio percorso da mamma si può dire sia appena cominciato, ma in questo spazio di lettura trovo risposte a tante domande che mi faccio, consigli e metodi che vi ringrazio perchè li condividete con estrema facilità. Qui si parla di “problemi” della vita quotidiana di una mamma, dei pensieri che ciascuna può avere e che non sempre si ammette a se stesse di avere. Personalmente, non ho ancora affrontato il momento “lo lascio piangere”, sono ferma a “come si fa l’autosvezzamento??”, ma sono convinta che le vostre parole mi torneranno in mente quando sarà il mio turno di affrontare certi pensieri.
    un abbraccio

    • Carlotta - May 17, 2016

      Stefania, esatto, quello è il nocciolo del problema: non sempre ci si sente allineate con le persone che ci circondano. È anche per questo che ho iniziato La Tela, perché sapevo che sparse un po’ in giro per il mondo, ci sono mamme come voi che fanno le mie stesse scelte e io le loro… ed è bello riunirsi, seppur lontane e dietro ad uno schermo!

      A proposito di autosvezzamento, presto pubblicherò un post sul nostro primo giorno e su come abbiamo iniziato noi. Tu stai leggendo qualche libro in particolare o ti stai documentando con il pediatra? In ogni caso, ci tengo a rassicurarti: ci sono stati momenti e ci sono momenti difficili, ma è sicuramente il metodo più facile per introdurre cibi solidi ed è bello perché basta seguire il bambino, il resto vien da sé 🌸

      • Stefania - May 18, 2016

        E’ vero, molte mamme non seguono il “verbo” dei pediatri/parenti/amici in merito ad allattamento e svezzamento e, prese nella singolarità, ci sentiamo come mosche bianche. ma nel tuo blog non lo siamo!!
        Nel mio caso, ho amiche che hanno accolto con entusiasmo l’idea di proseguire con l’autosvezzamento, ma poi al momento di iniziare hanno preferito seguire le tappe proposte dal pediatra. Per carità, nulla da dire, credo che questa sia una scelta talmente personale che nessuno dovrebbe dirti che è giusto o sbagliato un metodo piuttosto che un altro, ciascuna famiglia sceglie il metodo che trova più “fittante” con il proprio essere.
        Per quanto mi riguarda, la cosa che trovo difficile (e che mi scoccia anche un po’) è dover giustificare le proprie scelte ai parenti/amici che, carichi di buoni consigli, storcono il naso appena ti discosti dalla linea guida. Con pazienza ho spiegato ai nonni di mio figlio cosa volesse dire “fare autosvezzamento” e mi hanno guardata come una pazza scriteriata; persino mia madre non capisce, lei che quando ero piccola mi dava carote crude fredde di frigo per lenire il male da dentizione e mi ha allattato fino ad un anno, sconvolgendo i criteri del tempo che prevedevano latte artificiale e svezzamento già a tre mesi. Ecco, come si gestisce questo continuo giudizio? fino ad ora ho gestito le critiche con il sorriso ma so già che avrò da spendere parecchie energie per difendere le mie idee e capiterà di non essere così sorridente. A te è successo? forse la distanza fisica permette di sfumare questi effetti?
        Per la preparazione a questa fase, mi hanno consigliato un sito molto interessante (autosvezzamento.it) e poi ho letto il libro di Piermarini, che credo sia l’unico in italiano; mi hanno consigliato di guardare tra la letteratura americana e inglese, lì c’è parecchio, ma non so orientarmi.
        La pediatra di mio figlio mi ha proposto il classico svezzamento, quando le ho detto quale fosse la mia idea, ha risposto di fare come preferivo senza darmi indicazioni in merito, ma per me è già una buona cosa (ho sentito racconti assurde di altre mamme).
        Tu hai qualche consiglio in merito a letture? i tuoi racconti sulla vostra esperienza sono tutti utilissimi e lo sarà anche leggere del primo approccio del vostro bimbo con il cibo! a chi è ancora profano, come me, sembra tutto chiarissimo nella teoria, ma poi pensi alla pratica e dici ” e mo come si fa??”.
        grazie Carlotta!!
        un abbraccio

      • Carlotta - May 18, 2016

        Stefania, io ti consiglierei senza dubbio il libro che ho letto io (l’unico, tra l’altro, perché l’ho trovato talmente completo ed esauriente che non ho avuto bisogno d’altro). Si chiama proprio Baby Led Weaning (che è il nome inglese di questo tipo di svezzamento). Ti piacerà, ha anche tantissime testimonianze di mamme che l’hanno fatto con tutti i figli, solo con il secondo ecc.

        Per rispondere alle tue domande. Devo ammettere che non avere famiglia vicina, ci ha aiutati nel prendere le nostre decisioni senza interferenze. Non che non apprezzi l’esperienza e i consigli dei miei genitori, ma per farti capire come la penso ti cito una frase che ho letto proprio l’altro giorno in un articolo (e su cui sto scrivendo un post): i consigli sono come la frutta, meglio se fresca.

        Insomma, quando è successo che mi abbiano dato consigli con i quali non ero d’accordo, mi sono difesa dicendo che noi preferiamo seguire questo o quel metodo, più recente, più attuale, perché in fondo 30 anni da quando loro ci sono passati non sono pochi e le cose, che piaccia o no, sono cambiate. E certo, è capitato anche a me di arrabbiarmi o rispondere con sufficienza, specialmente nelle giornate di stanchezza e ovviamente mi dispiace, ma devo anche ammettere che finora mai mi sono pentita di aver seguito il mio istinto e non i loro consigli (anche su piccole cose come la crema per il cubetto, gli antibiotici, dare o meno medicine per la febbre a 40…). Può suonare presuntuoso, ma è la vera verità. E prima o poi anche loro se ne sono fatti una ragione.

        Il pediatra? Io ne ho cambiati quattro prima di trovarne uno che accettasse le nostre scelte e comunque ha continuato a consigliarmi, inutilmente, il metodo tradizionale. Insomma, andare contro corrente non è mai facile, ma se ne siamo convinti e sappiamo il fatto nostro, è tutto più facile! Dopo che avrai letto quel libro, ti sentirai un guru dell’autosvezzamento! A proposito, ho in programma più post sull’autosvezzamento, oltre a quello del primo giorno, che risponderanno a più domande… ora devo solo trovare il tempo per scriverli 😉

        Un abbraccio 🌸

  2. Pasquina - May 19, 2016

    Cerco affannosamente conforto nelle parole ed esperienze di altre mamme che come me vivono la crescita del proprio figlio con gioia infinita alternata a momenti di sconforto, paura, inadeguatezza, stanchezza. Ho bisogno di sapere che non sono sola. Pensavo che la spalla di mio marito mi bastasse, in fondo lui vive con me e come me questi sbalzi e invece…è un continuo scontro anche con lui, discutiamo come non abbiamo mai fatto prima (Carlotta il tuo post sul rapporto di coppia dopo un figlio è stato illuminante, pensavo parlassi di me!) e anche questo contribuisce a rendere tutto così difficile a volte. Abbiamo aspettato 10 anni un figlio che non arrivava, abbiamo fatto di tutto, sofferto e pianto insieme e quando ormai non ci speravamo più è arrivato il nostro tesoro e immaginavamo che tutto sarebbe stato perfetto. Per lui, per noi. Non è stato così ovviamente. Spesso mi sento in colpa ma quando mi confronto con altre mamme mi consolo perchè capisco che le difficoltà sono comuni e non sempre il frutto di mie mancanze! Un abbraccio compagne di viaggio!

    • Carlotta - May 24, 2016

      Pasquina, se c’è una cosa che ho imparato in questo anno da mamma (che devo ammettere che prima facevo molta più fatica) è a chiedere aiuto, che può anche essere solo un semplice confronto, ascoltare un’altra mamma che mi racconta delle sue notti insonni, raccontare le piccole conquiste e le sconfitte. Non sei sola, a volte sembra davvero di inciampare tutte negli stessi problemi, ma così deve essere: se non si vivono sulla propria pelle, le lezioni non si imparano.

      Spero che, come me, anche tu possa usare questo momento più difficile con tuo marito per imparare la vostra forza di coppia e dimostrare (a te e a lui) che siete fatti di ben altra pasta! In queste ultime settimane dopo aver scritto quel post, io e Alex ci siamo ritagliati un paio di sere sfruttando il fatto che mia madre fosse qui, mi sono ritagliata anche io un po’ di tempo solo mio e ho notato che alla fine è solo questione di fare uno sforzo e di lasciare andare un po’ di più (entrambi, non solo uno). In bocca al lupo!


In a hurry?

Subscribe to my newsletter and get all the latest posts directly to your inbox. Only one email per month. No spam (pinky promise!) 🙂


You might also like…

I’ve handpicked these articles for you so you can keep reading.


Popular articles…

These articles proved quite popular. Perhaps you’ll like them too.


Latest articles…

Hot off the presses for your reading enjoyment.

Imprint  ·  Privacy Policy