Lifestyle blog de Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Criar hijos poliglotas — la importancia de los primeros tres años de vida

16 comentarios
Ayúdame a correr la voz
ItalianoEnglishEspañol

Como probablemente sabes, estamos criando a Oliver y Emily multilingüe. Excepto raras excepciones, yo les hablo exclusivamente en italiano, Alex exclusivamente en finlandés, y Oliver va a una escuela bilingüe donde una maestra le habla en inglés y la otra en español.

Insistí firmemente en configurar así nuestra vida lingüistica, porque gracias a mi experiencia personal en la enseñanza de idiomas en los últimos 10 años, esta es simplemente la única manera en que creo que los niños puedan llegar a ser verdaderamente bi(tri, cuadri)lingüe. Había leído mucho sobre este tema, pero nunca lo había encontrado todo resumido en un solo libro.

Hasta hoy.

Literalmente devoré el último libro que leí, Comprender el ser humano: La importancia de los primeros tres años de vida por la italiana Silvana Quattrocchi Montanaro. A pesar de ser viejo y en algunas partes anticuado, creo que es un libro que todos los padres deberían leer. Me encantó cada palabra—¡de hecho lo leí tres veces!—y me dolía la cabeza por asentir durante todas las 168 páginas (por 3).

Y cuando pensé que no podría mejorar, llegué al capítulo de Aprendizaje de Idiomas, y en particular sobre la enseñanza de más de un idioma. Quiero compartirlo con ustedes porque criar a niños verdaderamente poliglotas no es fácil—requiere dedicación, disciplina y consistencia—y creo que muchos padres realmente no saben lo importantes que son los tres primeros años de vida.

Como escribe la Dr.a Montanaro (y no creo que se pueda decir mejor):

En los primeros tres años de su vida, un niño es un genio en el aprendizaje de idiomas.

Así que aquí está todo lo demás que definitivamente deberías saber si quieres criar a hijos multilingües (yo lo leí en inglés y esta es mi traducción libre que hice para ti). Espero que lo disfrutes tanto como yo.

El segundo (o tercero o cuarto) idioma debe ser usado en el ambiente del niño en los primeros años de vida, en el sentido de que una o más personas deben hablar los otros idiomas al niño en su presencia.

Si pudiéramos tener dos, tres, cuatro o cinco personas diferentes que hablen diferentes idiomas alrededor de los niños, ellos podrían fácilmente absorberlos todos sin ningún esfuerzo, siempre y cuando cada persona les hable siempre y sólo en su idioma. No hay dificultades de aprendizaje, porque los niños tienen mentes que trabajan de una manera muy especial y tienen un mecanismo de cambio que les permite pasar de un idioma a otro sin confusión, sin necesidad de traducir y sin el acento de su lengua materna. Pero esto es posible sólo en los primeros años de vida, “durante los años en que el niño es un genio en el aprendizaje de idiomas”.

Cuanto antes empieces, mejor. En Japón, se hizo recientemente un estudio que consistió en reproducir casetes en inglés tres veces al día a bebés desde el nacimiento hasta la edad de seis meses. Cuando, a la edad de 3, 4 ó 5 años, estos niños entren en contacto con un profesor de inglés, aprenderán el idioma extranjero mucho más fácilmente que otros niños. Este fenómeno tiene una explicación fisiológica. Su centro lingüístico ha absorbido las características de pronunciación y estilo de la lengua inglesa durante los primeros meses de vida.

Antes de los tres años es absolutamente esencial que cada idioma diferente sea siempre hablado por la misma persona. Si una madre, padre o abuela habla perfectamente dos o tres idiomas, debe decidir cuál de ellos usar con el niño y hablar siempre ese. El idioma es una parte integral de una persona, como todas las características somáticas, y no puede ser cambiado sin producir gran inseguridad en el niño, con consiguiente dificultad en la comunicación.

María Montessori fue una pionera en esta área y afirmó claramente que sólo haciendo uso del desarrollo natural de los niños—los períodos sensibles—es posible educarlos hasta el nivel de su potencial humano. Este potencial es enorme para el aprendizaje de los idiomas.

[…] Una solución inmediata sería reunir a un grupo de niños menores de tres años varias veces a la semana, con una persona [una madre, una maestras, una amiga] que les hablara en un idioma extranjero”.

Si te ha gustado, difunde el conocimiento (compártelo en Facebook, envíalo a tus amigos padres…): los niños tienen un potencial increíble en el aprendizaje de idiomas, pero somos nosotros los padres que necesitamos hacer un esfuerzo y encontrar soluciones creativas para darles el regalo de los idiomas.


Ayúdame a correr la voz

La mujer detrás de las palabras

Soy una treintañera, trilingüe, mamá Montessori y 88% paleo. Profesora de idiomas por trabajo, bloguera y bailarina por pasión.

Más sobre mí →

Te ha gustado? Estás de acuerdo? No? Dímelo en un comentario :-)

Si prefieres, puedes también enviarme un tweet o escribirme en privado.

  1. Ciao, leggo sempre con interesse i tuoi post e questo mi interessa tantissimo perché anch’io credo nel potenziale dei bambini…Io ho Simone di 20 mesi e cerco di parlargli in inglese, ma come dici tu bisogna essere costanti…Proverò magari a far parlare mia mamma con lui sempre in inglese…
    A tal proposito sono anche diventata Usborne Organiser per avere a disposizione magnifici libri in inglese scontati e farlo diventare anche un lavoretto…se vuoi informazioni in merito, fammi sapere…
    Ps Posso condividere questo tuo post proprio sulla mia pagina Facebook Usborne?
    Grazie! Anna

    • Carlotta - abril 24, 2017

      Ciao Anna, grazie per il tuo commento. Io ti consiglierei di cercare qualcuno la cui prima interazione con Simone sia in inglese. Come scrivevo nel post, una lingua è parte integrante della persona e se tua madre ha iniziato a parlare con lui in italiano, non è l’ideale che cambi adesso (anche per lei, perché ha instaurato una relazione in una lingua ed è in quella lingua che si conoscono). Se hai un’amica inglese, indipendentemente dalla lingua che parla con te, potresti chiedere a lei 🙂 Certo, per piacere, condividi sulla tua pagina (aiuti anche me “diffondendo” i miei post). Ho una cara amica che è Usborne Organiser e adoro tutti i libri di questa casa! 🙂

      • Grazie mille sia per i consigli che per il fatto di poter condividere 😉

  2. Quanta creatività in questo post!!!
    Insightful girl!!! ❤️ ❤️ ❤️

  3. Cavolo avere genitori che insegnano più lingue ai propri figli è una fortuna… purtroppo non è il nostro caso 😄😄 ma abbiamo trovato un asilo dove Matilda imparerà giocando anche l’inglese e di questo sono moolto felice… vedremo come sarà quando inizierà a settembre!

    • Carlotta - abril 24, 2017

      Vedrai che sarai contentissima! Sì, sono d’accordo con te, è una fortuna, ma non credo sia impossibile regalare le lingue ai propri figli se i genitori non le parlano. Ho in mente un post con consigli pratici che ti piacerà 🙂

  4. Gabriele - abril 20, 2017

    Ciao Carlotta,
    post interessantissimo e che mi riguarda molto da vicino. Con Stefano abbiamo iniziato con questo metodo, io gli parlo solo Italiano, mamma solo in Inglese e i nonni solo in Greco.
    Come ti comporti quando ad esempio stai parlando con Alex (in Inglese) e vuoi coinvolgere i bimbi nel discorso? Passi all’Italiano tutte le volte? Io spesso mi trovo in difficolta’ quando mi rivolgo a Stefano pero’ con l’intento di farmi capire dalla mamma. Ti faccio un esempio:
    – Stefano, guarda cosa sta facendo la mamma!
    In questo caso molto spesso mi trovo a dirlo in Inglese:
    – Stefano, look what mummy is doing!
    Proprio perche’ voglio che la mamma capisca che sto parlando di lei.

    Non so… forse e’ un dettaglio pero’ mi piacerebbe sapere se capita anche a te.

    Grazie per il riferimento del libro, lo vado a cercare subito!

    Un abbraccio

    • Carlotta - abril 24, 2017

      Ciao Gabriele! Ottima impostazione linguistica per il tuo bimbo, che fortunello! Sì, io personalmente credo sia importante fare sempre uno sforzo per passare alle relative lingue quando ci relazioniamo con Oliver… e pensa che è così che io sto imparando il finlandese! Quando Alex gli dice qualcosa che non capisco, gli chiedo (in inglese) che cosa significhi e così imparo. Una volta che tua moglie sa che “mamma” è lei, è sufficiente per chiamarla in causa. 🙂 Credo fortemente in quello che scrive il libro, che sia importante mantenere essere costanti e non mischiare le lingue (non è facile… se ricordi, ho scritto un post sulle difficoltà del crescere i figli multilingue e valgono ancora oggi, anche se diventano meno difficili). Un abbraccio anche a voi tre

  5. Niamh Tonge - abril 24, 2017

    Great advice here, what lucky kids you have with such an opportunity to be multilingual – what a gift to give them!

  6. Ciao! Articolo molto interessante in quanto mi ci ritrovo anche io. Noi viviamo in Italia e Io parlo in italiano con mia figlia di 2 mesi, mio marito in inglese perché è scozzese e mia madre in spagnolo perché è cilena. Non so come comportarmi quando sono con mio marito perché tra di noi abbiamo sempre parlato in inglese e di conseguenza mi viene naturale rivolgermi a mia figlia in inglese in presenza di mio marito. È giusto o è meglio parlare inglese con mio marito ma quando mi rivolgo a lei passare all’italiano? Grazie

    • Carlotta - mayo 31, 2017

      Ciao Zayda, io ti consiglierei vivamente di passare sempre alla tua lingua madre quando ti rivolgi a tua figlia, perché la lingua è una parte intrinseca della persona e cambiarla può generare confusione. È uno sforzo non indifferente all’inizio, ma con il tempo diventa più semplice. Pensa che io è così che sto imparando il finlandese, per il desiderio di capire cosa dice mio marito a Oliver 😉

  7. Ciao 🙂
    Ti leggo spesso ma non avevo mai scritto 🙂

    Sono sposata con un fiammingo e viviamo nelle Fiabdre. Abbiamo un bimbo di quasi 10 mesi, Vincent, ed usiamo l’approccio “una persona, una lingua”. Però la lingua che parliamo tra di noi è l’inglese. Quindi parliamo a lui solo nelle rispettive lingue madri, ma tra di noi in inglese (anche se mio marito capisce benissimo l’italiano). Ci abbiamo riflettuto a lungo, ed abbiamo considerato di non usare più l’inglese, ma il mio olandese è veramente troppo scarso, e poi vorremmo che Vincent sviluppasse una conoscenza anche solo passiva dell’inglese, che è la lingua di casa (e anche della TV, perché il tg, per esempio, lo ascoliamo sulla BBC).
    Ho fatto anche io qualche lettura, ma ho trovato molto sui bimbi bilingue e pochissimo sui bimbi triingue… cosa consigliano le tue fonti (e tu) su questa situazione?

    • Carlotta - junio 20, 2017

      Ciao Luana, grazie per il mio commento! Per mia esperienza e secondo i libri che ho letto finora, io ti consiglierei di continuare a parlare inglese con tuo marito, ma quando vi rivolgete a Vincent utilizzate le vostri lingue madri: per lui, perché una lingua fa parte di una persona e lui vi conosce in quelle lingue, e per voi perché la lingua con cui si conosce una persona rimane quella più spontaneo con quella persona. Secondo me state facendo benissimo. Oliver ora capisce perfettamente l’inglese (a volte io e Alex parliamo tra di noi e lui risponde o entra nella conversazione, lasciandoci senza parole!), mischia ancora tutto, ma comincia anche a parlare con me più italiano e con Alex più finlandese. È un viaggio bellissimo!

  8. Ciao Carlotta, aspettavo da un po’ un articolo come questo. Sono contenta! Questo inverno scriverò Gabri (20 mesi) ad un corso di inglese (non accettano bimbi più piccoli di 18 mesi e quindi ho dovuto aspettare). Il corso solitamente è 1 volta alla settimana, un po’ poco ma meglio di niente. Infatti per questo volevo chiederti cosa ne pensi se facessi vedere dei cartoni in inglese? Hai altri consigli?
    Grazie mille, ti seguo molto!

  9. Ciao Carlotta,

    faccio un piccolo riepilogo: Antonella ed io stiamo crescendo Arianna (4 anni) e Marica – aka Makie – (2 anni tra pochi giorni) bilingue italiano-inglese utilizzando il metodo OPOL (io parlo solo inglese ed Antonella solo italiano). Bene, di recente sono e’ venuta a farci visita una coppia di amici inglese e, Arianna riusciva a capire senza sforzo tutto cio’ che dicevano! Leggendo un po’ i commenti,
    l’unico consiglio che mi sento di dire e’ avere tanta pazienza, parlare sempre e comunque la lingua prescelta, anche quando magari ci si sveglia alle 3 di notte perche’ magari sta piangendo. Anche quando magari sono ancora piccolissimi e si pensa che non ci stanno ascoltando,
    inconsciamente ascoltano eccome!

    Un caro saluto a tutti i lettori del tuo bellissimo blog!

  10. Ciao Carlotta! Nn so se ti ricordi di me, ero al classico govone come te ma un anno in più, sono Chiara Papurello, ero in classe con Luigi, Federico, Alberto, per intenderci. Leggo con molto piacere i tuoi articoli e li trovo davvero accattivanti!!! Anke perché ho un bimbo Samuele che è nato poco prima del tuo e una bimba Eleonora che ha 5 mesi quindi poco meno della tua! 1 abbraccio e grazie perché è molto interessante e utile leggere articoli di altre mamme che stanno vivendo la mia stessa quotidianità, e soprattutto di mamme attive come te!


Vas de prisa?

Apúntate a mi newsletter semanal y recibirás los últimos post directamente en tu correo. Un mail cada miércoles. No spam 🙂


Podría gustarte también…

He personalmente seleccionado estos artículos para ti para que puedas seguir leyendo…


Post populares…

Estos artículos han tenido mucho éxito! Quizás te gusten a ti también.


Últimos artículos…

Directamente de las imprentas para que puedas leerlos todo seguidos.