La mujer detrás de las palabras

Me llamo Carlotta, tengo 33 años, soy italiana, estoy casada con un finlandés, y juntos criamos a Oliver (4) y Emily (2) Montessori e multilingües. Estamos vendiendo todo para viajar por el mundo.

Más sobre mí →

Te ha gustado? Estás de acuerdo? No? Dímelo en un comentario :-)

Si prefieres, puedes también enviarme un tweet o escribirme en privado.

  1. Quel, “E vissero felici e contenti” delle favole con le quali, più o meno tutti, siamo stati cresciuti, è una voragine che consuma le nostre fantasie a discapito della realtà. Forse la vera essenza dell’amore risiede in quella frase, “Ti risposerei ancora e ancora…anche sapendo che sarebbe finita così”. Perché è questo l’amore più puro: non rinnegare ciò che è stato con una persona, anche se la fine, scelta o subita, ha fatto soffrire tutti, non solo entrambi i componenti della coppia (di solito il dolore non è appannaggio soltanto di chi subisce), ma soprattutto gli eventuali figli. E su questo mi piace fare una postilla, si divorzia unicamente come coppia, mai come genitore.
    L’amore vero, comunque, è salvifico perché se è stato tale, sopravvive per sempre, a dispetto delle scelte che paiono portare i due in opposte, o altre, direzioni. Quindi, sì. Se si è amato davvero, soprattutto se si è condivisa una mezza esistenza insieme, il legame con quella persona con la quale tutto pare finito, esiste, ed esisterà a vita. E, a volte, in casi straordinari, porterà quelle stesse due persone, che si erano allontanate per sempre, a ritrovarsi per sempre, e a ripartire da dove erano rimaste, forti di una propria evoluzione personale compiuta separati. Perché allontanarsi, a volte, è necessario al procedere delle due individualità, o, anche ad una sola, magari a quella più sognatrice, quella che non si capacitava del pensiero, “Ma la vita è tutta qui?”. Chi prende e va, spesso lo fa perchee cerca se stesso e non tutti ce la fanno a trovarsi avendo a fianco la stessa identica persona, magari quella che ai propri occhi pare essere già risolta nelle diatribe interiori.
    Per trovarsi, si ha bisogno di un incontro che ci aiuti a guardare in faccia i traumi più intimi e profondi (chessò, un lutto, l’abbandono dell’amato, un rapporto conflittuale con un familiare, cose che non ci piacciono di noi), quelli che la vita ci ha dedicato al fine di farci apprendere chi si vuole diventare, come si vuole procedere di fronte a se stessi. E questo percorso, sovente, non transita per un solo grande amore, ma per diversi amori, ed in questi, includerei anche l’amore filiale, quello che più di altri, ci può mettere a dura prova, perché la propria costola più ribelle fa più male delle altre, soprattutto quando si attraversano le cicliche fasi di burrasca.
    Ci va tempo, persone e condizioni diverse per evolvere. E non sempre, colui o colei, o meglio, non sempre coloro che si amano hanno le peculiarità ideali per farci entrare in connessione con il proprio buio più profondo. Dolori che, per sciogliersi, devono necessariamente essere portati in superficie, disperazioni che se pungolati vengono a galla solo grazie a chi ha dolori simili, da chi cioè parla la stessa lingua emotiva e psicologica.
    Ma l’amore, in qualsiasi direzione sia andato, è e resta, l’avventura più straordinaria che si possa vivere. E vale sempre la pena di crederci per tutta la vita.
    E magari, vale la pena di provare ad amare a briglie sciolte, affinché i corsi e ricorsi storici che l’amore spesso propone, muoiano per sempre (per capirci, varrebbe la pena provare a non scegliere sempre lo stesso cliché di se stessi, oppure lo stesso tipo di persona da amare, anche se non è facile affrontare il proprio buio andando a braccia aperte verso chi ce lo farà vedere). Comunque sarà, io tifo perché i corsi e ricorsi storici dell’amore non muoiano insieme all’amore, bensì solo e soltanto insieme alla doppia incapacità di amare con la A maiuscola. E cioè.
    Amare se stessi negli altri.
    Amare se stessi senza sottostare all’idea di essere degli egoisti.
    Provare dunque ad amare senza il peso di quei condizionamenti sociali, orpelli di un’esistenza vera e compiuta, che tanto ci creano problemi a tu per tu.
    Perché l’Arte di Amare non è sempre una capacità che si ha in dotazione quando si nasce, spesso la si deve acquisire vivendo pienamente, tenendo il proprio cuore aperto alle emozioni, imparando dagli errori degli altri, oppure, sbagliando in prima persona e pagandone gli interessi. Per poi ripartire daccapo, in un processo senza requie e senza soluzione di continuità. Che ci porterà, magari, ad Amare con la A maiuscola nel moto perpetuo che è la vita.


Vas de prisa?

Regístrate a mi newsletter para recibir los últimos artículos directamente en tu correo electrónico. Sólo un mail al mes. No spam (lo prometo!) 🙂


Post populares…

Estos artículos han tenido mucho éxito! Quizás te gusten a ti también.


Últimos artículos…

Directamente de las imprentas para que puedas leerlos todo seguidos.

Imprint  ·  Privacy Policy