Respeta tus límites naturales (o sea, cuando estás casi lista para dejar el pecho)

14 comentarios
Ayúdame a correr la voz
ItalianoEnglishEspañol

Actualmente Emily está obsesionada con Titty, que no es su muñeca favorita o una manta para bebés. Es MI teta. Ella la llama “my titty”, y cuando trato de hacerle entender que titty es mía porque está pegada a mi cuerpo—y que ella tiene su propia titty, por cierto—ella la toca y dice con firmeza: “No. My titty”.

No solo. En los últimos meses, justo para comenzar la guardería—los niños siempre eligen el momento mejor—hemos alcanzado el siguiente nivel de obsesión: le gustaría amamantar 24 horas al día, y cuando digo que NO, se tira al suelo en verdadero estilo “viuda siciliana” (como decimos en Italia) y llora dando patadas al aire.

Sé que este es un momento y vínculo único que desaparecerán para siempre una vez que pare. Sé que dentro de diez años (o mucho menos) miraré atrás al día de hoy y daré cualquier cosa por tener un día más con mis hijos de bebés—y me emociona porque sé que ese día llegará antes de lo que pienso.

PERO.

Una madre conoce sus límites naturales

Siempre dije que me gustaría dejar que Emily decida cuándo dejar el pecho (y preferiblemente no antes de los dos años), pero también sé que una madre sabe cuándo está llegando a sus límites naturales: con respeto a la lactancia, creo que es siempre una buena idea escuchar a nuestro cuerpo e, incluso si no es exactamente lo mejor para nuestros hijo, respetar a nuestro límite natural.

En cuanto a mí, creo que estoy cruzando el mío.

He dado el pecho a mis hijos sin parar durante tres años y siete meses. Amamanté a Oliver durante todo el embarazo de Emily, y amamanté a los dos juntos durante meses después que Emily nació.

Con Oliver, dejar el pecho fue fácil. Un día, cuando se lo ofrecí, él miró a bebé Emily dormida en mis brazos, empujó ligeramente con la mano su cabeza hacia mi pecho, y me hizo entender que ahora titty era para Emily. Lo “hablamos” y lo acordamos. Unos días más tarde me volvió a pedir, pero le expliqué que habíamos acordado que Titty era para Emily: lloró un poco, pero  al rato lo aceptó a la ligera.

Oliver siempre ha sido así: hasta ahora, siempre ha llegado puntual (y por su cuenta) a grandes logros como dormir toda la noche, quitar el pañal y dejar el pecho, y en caso de duda, por lo general ha aceptado nuestra guía.

Emily no es así. Es una niña apasionada, decidida, llena de energía y muy determinada, y generalmente se hace como lo quiere ella o no se hace. Encima, ella “no tendrá que” renunciar al pecho para otro bebé (a menos que tome prestado uno? ¿Hay voluntarios por allí? 😉 y si titty sigue siempre disponible cuando quiera, nunca entenderá que no le pertenece.

Así que lo tengo muy claro ahora: si quiero (y sí, quiero) seguir dando el pecho, reducirlo lentamente y parar de una manera que sea respetuosa para ambas, Emily tendrá  que empezar a respetar mis condiciones.

¡Tengo un plan!

En teoría, sé lo que tengo que hacer. Pero también sé que la práctica puede ser muy diferente de la teoría, y lo que funciona para mí podría no funcionar para ti. Pero este es mi plan (mi hermana se va a reir, porque tengo un plan para todo 😉

Dejar el pecho por la noche

Creo que el primer paso está hecho. Dejé de darle el pecho por la noche (lo cual también coincidió con que ella durmiera un poco mejor).

“Simplemente” (¡ah, memoria olvidadiza, eres una bendición disfrazada!) cambié titty por agua. Hubo un poco de llantos y quejas, pero ahora ella sabe que por la noche no hay titty hasta las 6-7 de la mañana. Aún así, ella todavía se va a dormir con la teta cuando estoy en casa, lo que no parece afectar nuestra política “no teta por la noche”.

Establecer una rutina diaria

Mi próximo paso será establecer una rutina de teta diaria. Me doy un límite de dos o tres veces diarias y decido yo cuándo amamantar (por ejemplo, por la mañana, a media tarde y para acostarla). Y cuando Emily lo pida fuera de esos momentos, trataré de distraerla con comida y juegos. Seré estricta, pero también flexible, ya que la flexibilidad desde siempre me ha parecido una de las mejores herramientas en la maternidad.

Reducir el pecho de forma gradual y respetuosa

Una vez establecida la rutina, intentaré reducirla de manera respetuosa. Por ejemplo, si noto que a media tarde consigo distraerla de la teta sin que se tire al suelo llorando, intentaré llegar hasta la hora de la cama, tal vez mover la cena un poco antes (porque a veces el desencadenante es el hambre). Paso a paso. Poquito a poco.

Las expectativas de la maternidad

A partir de ahí, será fácil: Emily estará en la guardería por la mañana (🤞🏻), estaremos ocupados por la tarde y poco a poco madre e hija trabajarán juntas para hacer la magia de la maternidad respetuosa y Emily dejará el pecho con naturaleza, felizmente y por su cuenta. Todo el mundo gana.

La brusca realidad (más probable 😉

Tendré que poner tiritas/pimentón picante/limón en los pezones para convencerla de que la teta ya no es buena, así que se la quitaré abruptamente y será un trauma que de alguna manera le afectará negativamente y permanentemente en algún momento de su vida adulta.

Porque al fin y al cabo, esa es la maternidad resumida, ¿no?


Ayúdame a correr la voz

La mujer detrás de las palabras

Soy una treintañera, trilingüe, mamá Montessori y 88% paleo. Profesora de idiomas por trabajo, bloguera y bailarina por pasión.

Más sobre mí →

Te ha gustado? Estás de acuerdo? No? Dímelo en un comentario :-)

Si prefieres, puedes también enviarme un tweet o escribirme en privado.

  1. Ciao Carlotta,

    come ti capisco anche per me è così, Mattia ha 18 mesi e la vuole ancora. Sono rientrata al lavoro che ne aveva 10 e da quel momento le poppate sono diminuite ma da allora nulla è cambiato e spesso nel we e durante le vacanze facciamo alcuni passi indietro.
    Sono curiosa di leggere cosa succederà ma sono d’accordo con te che sia importante avere sempre un piano 😊

    In bocca al lupo!
    Federica

    • Ti racconterò come proseguirà, ma negli ultimi giorni siamo riuscite ad avere una routine più rigida e al mattino Emily ha smesso di chiedere ogni tre per due (che per me è importante per l’asilo). Dita incrociate! 🌸

  2. Ciao Carlotta!io mi sento di consigliarti di essere molto fiduciosa e positiva!!io con la mia bambina per smettere le poppate a metà mattina e metà pomeriggio (naturalmente prima una e poi l’altra) le proponevo in alternativa qualcosa che le piaceva molto e se mi rendevo conto che la mia strategia non stava funzionando cercavo un diversivo, che di solito era cambiarsi per uscire (senza dimenticare acqua e merenda).dopo un po si è abituata e ora siamo rimaste con: poppate mattutine riavvicinate (che possono essere 2 o 8 dalle 6 alle 9),poppata digestiva dopo pranzo, poppata serale prima della nanna e poppata nel cuore della notte. Cerrto ci è voluto un po’ ,il percorso non è filato sempre
    liscio come l’olio ma ora le mia sise hanno riacquistare un posto nel reggiseno!!!
    Ah…bisogna sempre avere un piano…anche se…due sarebbe meglio 😊😊

    • Grazie per avermi raccontato la tua esperienza, Vittoria! Hai proprio ragione, bisogna essere fiduciose e positive! Ce la faremo, dopo solo una settimana di una routine un po’ più rigida, sta già andando molto meglio la maggior parte dei giorni 🙋🏼‍♀️ Un abbraccio 🌸

  3. Chantelle - octubre 6, 2018

    Just what I needed to read, definitely needed to remind myself I have limits to. Taking it step by step but will get there! Thank you

    • You’ll get there! In just two weeks Emily went from feeding pretty much whenever she wanted (or crying a lot if I said no) to feeding three times a day and most days not even asking about it outside of those times! She sometimes actually comes to me and says, “Titty no” (it sounds more like a question, but I take it as a statement haha). And all it took was to have a stricter routine, so she knows what to expect: she moaned and cried a bit the first few days, but then it was as if she understood that this way made everybody happier. I’m sure you’ll get there sooner than you think! Thanks for your message!

  4. Ciao! anche io sono in fase di riduzione tetta. Bianca ha solo otto mesi ma sta iniziando a mangiare qualcosa di solido, inoltre io mi sono accorta che avevo bisogno di darci un minimo di regola per sentirmi tranquilla… e così ho provato a fissare degli orari (flessibili) mentre finora ero sempre andata a richiesta. Per ora sembra funzionare. Poco a poco, più si abituerà a mangiare altro, più cercherò di ridurre. Penso che sia importante per noi mamme rispettarci quando sentiamo di essere arrivate al limite… e secondo me quando siamo davvero convinte e tranquille della nostra decisione, lo sentono anche loro e si abituano più facilmente. Andrà benone per voi! In bocca al lupo 😉

    • Ciao Giulia, grazie per il tuo commento! Mi fa piacere sapere che fissare degli orari, seppur flessibili, stia portando buoni risultati per voi! Effettivamente, devo ammettere che pensavo ci avrebbe messo di più, ma in solo due settimane ha iniziato ad allattare solo più al mattino, metà pomeriggio e per dormire (quando sono in casa) e la maggior parte dei giorni non me lo chiede nemmeno fuori dai quegli orari. Mi sento molto meglio e anche molto più disponibile nei suoi confronti, ha davvero fatto una grande differenza! I bimbi si adattano incredibilmente facilmente: lo so bene, ma ogni volta mi stupiscono! Un abbraccio

    • Volevo dire a Giulia, la tua bimba però è piccolissima, a quell’età il latte materno dovrebbe ancora essere l’alimento dominante. E’ vero che è in fase di svezzamento, ma fino ai 12 mesi le linee guida OMS e del Ministero della Salute raccomandano che l’alimentazione complementare non dovrebbe sostituire le poppate. Io ti consiglierei, se proprio senti l’esigenza di darle degli orari, di farlo dopo l’anno.

      • Sono d’accordo sull’allattare fino all’anno, anzi, io per i miei bimbi ho da sempre voluto allattare almeno fino ai due anni! Ma sono anche sempre più convinta che una mamma debba ascoltare il proprio corpo in primis, anche se dice di ridurre l’allattamento a richiesta prima di quanto consiglino le linee guida (che io, personalmente, ho sempre seguito proprio poco, ops!).

        Credo che una mamma tranquilla e serena, a lungo andare, sia molto più importante di un paio di mesi di allattamento in più o in meno, specialmente se si ha allattato a richiesta per otto mesi (diverso, personalmente, penso sia la decisione di allattare o non allattare, ma questa è un’altra storia).

        Non mi stancherò mai di dirlo, la flessibilità è la migliore alleata della maternità! 🙂

  5. Ciao Carlotta, la mia Emily si chiama Federica e adesso ha 16 mesi. Lei è diventata super attaccata alla tetta da quando ha compiuto 1 anno, e io devo dire che ne sono felicissima (al momento 😉 ), perchè quando era più piccola era più allattamento ad offerta che a richiesta, e fuori casa non potevo mai allattarla perchè lei si distraeva tantissimo e le ciucciate duravano 5 secondi netti. Dopo l’anno si è rovesciata la situazione, ancora non parla, dunque letteralmente mi spoglia quando la vuole, e la vuole spesso!
    Io al momento sto benissimo così, forse perchè ho il rimpianto amarissimo (per vari problemi) di non essere riuscita ad allattare il mio primo bimbo, che adesso ha 4 anni, e quindi con lei è una sorta di rivincita. Ma c’è anche da dire che non mi pesa anche perchè l’allattamento per me è stato, ed è ancora, un validissimo alleato la notte: Gabriele si svegliava mille volte a notte i primi 2 anni, pur non essendo allattato (e la leggenda metropolitana che i bambini non allattati al seno dormono tutta la notte), e io mi dovevo alzare di continuo per preparare biberon, cullarlo, raccogliere il ciuccio da terra…per 2 anni ho dormito al massimo 4 ore spezzettate di notte, e la mattina come uno zombie mi dovevo alzare per andare a lavoro…una vitaccia!
    Con Federica, grazie all’allattamento, ho fatto nottate solo quando stava male…da quando era appena nata, appena la sento muoversi le do il seno nel dormiveglia e non si sveglia mai del tutto. Soprattutto io, anche se mi sveglio diverse volte, continuo a riposare e non devo alzarmi dal letto…cosa da non sottovalutare!
    Il mio piano al momento è continuare così…certo, poi chi può sapere cosa ci riserva il futuro 🙂
    Buona attuazione di piano a te…effettivamente dicono tutti che intorno ai 2 anni spesso i bambini diventano “ossessionati” dalla tetta…vedremo se anche per la mia Fede sarà così (e anche lei ha un bel caratterino dominante, per cui immagino il tuo stress).

    • Ciao Rosalba, grazie per il tuo commento e per avermi racontato la tua esperienza!

      Prima di tutto, sono con te sulle leggende metropolitane dei bambini non allattati che dormono tutta la notte (e su tutte le leggende metropolitane dell’allattamento, in primis quella di mia nonna del “non avevo latte”): ho sempre allattato Oliver di notte e ha sempre dormito decentemente, svegliandosi massimo tre volte a notte. Ma è anche vero che con Emily togliere il seno di notte ha aiutato molto e ora dorme tutta la notte (anche se spesso nel nostro letto)… quindi, insomma, sono sempre più convinta che con i bambini sia vero tutto e il contrario di tutto.

      Il mio piano sta funzionando, yay! Emily chiede solo più al mattino, per il pisolino pomeridiano (a volte, e se no glielo offro io, perché preferisco offrirlo che sentirmelo esigere) e alla sera! Il mattino è ancora un po’ work in progress perché la vorrebbe prima di quando voglio dargliela io e ora con il cambio dell’ora ci sarà da divertirsi 😉 Ma in generale mi sento molto meglio, lei è molto meno ossessionata e così potrei allattarla anche fino ai 18 anni! (No, scherzo, piano piano stiamo arrivando ad un termine).

      Un abbraccio stretto stretto e in bocca al lupo con Federica <3

  6. Hi there Carlotta (love your name!!),

    Just found your site while doing research on learning towers! I’m just getting started on reading your posts. I’m intrigued by your montissori way of live and your trilingual (so am I)
    This post is very interesting, thanks for sharing. When (age) and how did you get Emily to drink water at night… I’ve got an one year old booby addict here 😉
    And I love that you have plans for everything too 😉👍🏻👌🏻

    Kind wishes,
    Stacey

    • Hi Stacey! Thanks for your comment and lovely words! Haha I do love plans, is it that evident? 😉 But I’m trying to make more flexible ones as, let’s be honest, kids and plans are highly incompatible!

      Unfortunately, I really don’t remember when I decided to switch to water at night, but it was surely between 12 and 16 months, in a desperate attempt to improve our nights (you might have read that Emily was a terrible sleeper!). And we went back and forth for a while because she got sicka a couple of time, during which I decided to switch back to booby, and then it took a while to switch back to water again. I wish I remembered the time frame better (it’d make a good post ;-), but my memory is terrible!

      And the “how”, oh well, with a bit (sometimes a lot) of crying! I first introduced the concept of “last one”/“last time” with other things, and then when I put her to sleep on the booby I always talked to her first and reminded her that it was the last time of the day, that we drink water at night, that titty sleeps, too. I got her a big girl bottle of water (this one: http://geni.us/VpqP3) and we filled it together every night before going to bed.

      When she cried, I held her and told her I was there with and for her, and if she asked for titty, I simply said no and repeated that mummy was there for her, though. And little by little, she started asking for water, which also coincided with us sleeping slightly better (she was still waking up a million times a night, but she’d drink and put her head straight down).

      Hope this helps! Good luck and I hope to see more of you in the comments 🌸


Vas de prisa?

Regístrate a mi newsletter para recibir los últimos artículos directamente en tu correo electrónico. Sólo un mail al mes. No spam (lo prometo!) 🙂


Podría gustarte también…

He personalmente seleccionado estos artículos para ti para que puedas seguir leyendo…


Post populares…

Estos artículos han tenido mucho éxito! Quizás te gusten a ti también.


Últimos artículos…

Directamente de las imprentas para que puedas leerlos todo seguidos.

Imprint  ·  Privacy Policy