Las mamás estamos todas en el mismo barco — Team Mama

6 comentarios
Ayúdame a correr la voz
ItalianoEnglishEspañol

Hace unos meses, Isabella, una lectora aficionada (y yo a ella) con quien he descubierto comparti muchas ideas sobre la maternidad, me ha escrito algo que me ha hecho sonreír. Sus palabras son tan honestas, dulces y familiares que me han hecho pensar, una vez más, “La mamás estamos todas en el mismo barco, con los mismo problema, las misma preocupaciones, el mismo sentirnos culpables. Todas siempre a la búsqueda del secreto para ser madres y personan mejores”.

Así que hoy, con su permiso, quiero compartir contigo sus palabras y si, como yo, encuentra un poco de ti en ella, escríbenos, compártelo con nosotras. Porque la unión hace la fuerza—que tiene que convertirse en el eslogan de Team Mama. 💪🏻


Querida Carlotta,

Me llamo Isabella, mamá de Enea, nacido el 18 marzo 2015. He encontrado tu blog por casualidad hace unos diez días, buscando tutorials de móviles Montessori para el Open Day de los niños en la empresa donde trabajo.

Qué he encontrado, además de los tutorials? Una desconocida tan familiar que siento cariño hasta solo en escribirlo. En tus artículos, cada vez encuentro algo que estaba buscando, una confrontación que me hacía falta, un punto de vista que todavía no había descubierto o que no había tenido suficiente valor o motivación para seguir (porque estoy aprendiendo que casi nunca es cuestión de “tiempo” o “momento justo”, sino solo de motivación).

Tre idiomas que siento míos, uno por nacimiento, dos por sueños nunca realizados (y hoy puedo decir que la “culpa” es mía).

Admiración por lo que haces y escribes, incluso por como lo cuentas, que siempre hace la diferencia. Entre el “hacer” y el “decir de querer hacer”: diferencia en la que a menudo he caído.

Muchas afinidades, muchas diferencias. Afinidades que nos acercan, diferencias que enriquecen.

He pasado el último año de mi vida buscando información para ser una madre mejor, no solo una buena madre. Método Montessori, lactancia prolongada, amor incondicional, educación a la autonomía, alimentación complementaria, el saber que cada momento, por cuanto difícil, es una etapa y pasará (a veces incluso demasiado rápido). Esta mañana he encontrado la motivación para escribirte, leyendo tu post sobre el dejar llorar a tu hijo. Una mañana en la oficina con la lágrima fácil por una noche más difícil de lo normal.

Enea es muy bueno, buenísimo. En la guardería le llaman Felicetto porque sonríe siempre. Incluso por la noche es bueno, aunque se despierte cada 4 o 5 horas. Es raro que tarde mucho en volver a dormirse. Pero anoche sí que pasó. Había vuelto de la fiesta de empresa, estaba muerta, pero cada vez que estaba a punto de dormirme, él empezaba a llorar, en la cama junta a la mía (estamos intentando pasarlo a su habitación, pero estoy posponiendo con la excusa de crear el ambiente perfecto, cuando en realidad me cuesta “dejarlo ir”). En fin, no quería volver a dormir, buscaba la teta, pero eso tampoco funcionaba, y además ese vicio molesto de darme pellizcos con las uñas. De continuo. Tengo el cuello y el pecho como un campo minado, no sé como hacer que pare: le quito las manos, con cariño, las beso, pero nada, él vuelve a ponerlas allí, así que paso todo el tiempo quitándole las manos en lugar de besarlo y abrazarlo.

Y cuando, como anoche, pierdo la paciencia, no soy la madre cariñosa que quiero ser, no dejo que le calme el padre (que lo consigue en pocos minutos y después duerme bien), me tiro el día siguiente sintiéndome culpable y buscando soluciones.

Me aterroriza la idea de dejarlo llorar. Más todavía porque sé que es posible que no funcione. Ya lo intenté, en los primeros meses, víctima de todas esas sentencias como “si lo tienes siempre en brazos, lo mimas”. Aunque supiese que un bebé de pocos meses solo necesita amor y leche, mi continuo dudar de mi misma me hizo intentar, agobiada por tantas criticas y cansancio. Pero no funcionaba. Y quien sabe si funcionará ahora. Justo ayer me preguntaba: ¿Cómo se quita el pecho por la noche? Está bien hacerlo?”.

Intento escucharle a Enea. Cuando tiene que dormirse y estoy cerca, me busca, para calmarse. Pero hace unas semanas algo está cambiando: cuando está relajado y casi dormido me pide que le ponga en su cama.

Así que algo cambia, siguiendo solo su instinto, sin forzarle, pero no es siempre fácil. Y cuando pasa que no tengo ganas (o tengo deudas de paciencia) esto es lo que pasa: escribo para procesar y racionalizar mi desánimo. Perdón, esta vez te ha tocado a ti vestirte de esa amiga que me gustaría tener cerca en momentos así y que en mi grupo de amistades no consigo encontrar, que comparte mi visión de la maternidad y de la lactancia.

Gracias, Carlotta, por recurrir tu camino con el valor que hace falta, por anticipar tu vida en lugar de verla suceder. Yo estoy empezando ahora, conociendo bien mis limites, que quiero llegar casi a tocar para darme cuenta de que puedo superarlos, como ya ha hecho Enea, que me ha hecho descubrir mi valor, que es más de lo que pensaba.

Personas como tú me hacen entender que “sí, se puede conseguir, yo puedo con ello”. Como cuando durante el trabajo de parto ha llegado inesperada la madre de mi compañero, madre de seis hijos. Yo no quería ver a nadie, pero su presencia en ese momento difícil ha sido genial, me ha hecho pensar “Si ella ha hecho seis, yo seguro que puedo hacer por lo menos uno”. 😂


Ayúdame a correr la voz

La mujer detrás de las palabras

Me llamo Carlotta, tengo 33 años, soy italiana, estoy casada con un finlandés, y juntos criamos a Oliver (4) y Emily (2) Montessori e multilingües. Estamos vendiendo todo para viajar por el mundo.

Más sobre mí →

Te ha gustado? Estás de acuerdo? No? Dímelo en un comentario :-)

Si prefieres, puedes también enviarme un tweet o escribirme en privado.

  1. Stefania - mayo 17, 2016

    Ma che bella bellissima lettera!! condivido ogni riga!
    Anch’io sono approdata a “la tela” per cercare info sull’educazione Montessori, anzi, è stato mio marito a trovarti, Carlotta! (cercava tutorial per costruire le giostrine, e una sera mi dice “ho trovato il blog di una ragazza che ti piacerà”. mi conosce bene!).
    Quando mamme leggono di altre mamme ci si ritrova in affinità di pensieri e azioni, ma è proprio vero che le differenze arricchiscono, fanno pensare, ci si mette un po’ in discussione (in senso buono). E’ difficile trovare persone con cui parlare di certe cose, non sempre ci si sente allineate, spesso arrivano voci e consigli quando non ne hai bisogno, e creano confusione e condizionamenti.
    Il mio bimbo ha solo 5 mesi e il mio percorso da mamma si può dire sia appena cominciato, ma in questo spazio di lettura trovo risposte a tante domande che mi faccio, consigli e metodi che vi ringrazio perchè li condividete con estrema facilità. Qui si parla di “problemi” della vita quotidiana di una mamma, dei pensieri che ciascuna può avere e che non sempre si ammette a se stesse di avere. Personalmente, non ho ancora affrontato il momento “lo lascio piangere”, sono ferma a “come si fa l’autosvezzamento??”, ma sono convinta che le vostre parole mi torneranno in mente quando sarà il mio turno di affrontare certi pensieri.
    un abbraccio

    • Carlotta - mayo 17, 2016

      Stefania, esatto, quello è il nocciolo del problema: non sempre ci si sente allineate con le persone che ci circondano. È anche per questo che ho iniziato La Tela, perché sapevo che sparse un po’ in giro per il mondo, ci sono mamme come voi che fanno le mie stesse scelte e io le loro… ed è bello riunirsi, seppur lontane e dietro ad uno schermo!

      A proposito di autosvezzamento, presto pubblicherò un post sul nostro primo giorno e su come abbiamo iniziato noi. Tu stai leggendo qualche libro in particolare o ti stai documentando con il pediatra? In ogni caso, ci tengo a rassicurarti: ci sono stati momenti e ci sono momenti difficili, ma è sicuramente il metodo più facile per introdurre cibi solidi ed è bello perché basta seguire il bambino, il resto vien da sé 🌸

      • Stefania - mayo 18, 2016

        E’ vero, molte mamme non seguono il “verbo” dei pediatri/parenti/amici in merito ad allattamento e svezzamento e, prese nella singolarità, ci sentiamo come mosche bianche. ma nel tuo blog non lo siamo!!
        Nel mio caso, ho amiche che hanno accolto con entusiasmo l’idea di proseguire con l’autosvezzamento, ma poi al momento di iniziare hanno preferito seguire le tappe proposte dal pediatra. Per carità, nulla da dire, credo che questa sia una scelta talmente personale che nessuno dovrebbe dirti che è giusto o sbagliato un metodo piuttosto che un altro, ciascuna famiglia sceglie il metodo che trova più “fittante” con il proprio essere.
        Per quanto mi riguarda, la cosa che trovo difficile (e che mi scoccia anche un po’) è dover giustificare le proprie scelte ai parenti/amici che, carichi di buoni consigli, storcono il naso appena ti discosti dalla linea guida. Con pazienza ho spiegato ai nonni di mio figlio cosa volesse dire “fare autosvezzamento” e mi hanno guardata come una pazza scriteriata; persino mia madre non capisce, lei che quando ero piccola mi dava carote crude fredde di frigo per lenire il male da dentizione e mi ha allattato fino ad un anno, sconvolgendo i criteri del tempo che prevedevano latte artificiale e svezzamento già a tre mesi. Ecco, come si gestisce questo continuo giudizio? fino ad ora ho gestito le critiche con il sorriso ma so già che avrò da spendere parecchie energie per difendere le mie idee e capiterà di non essere così sorridente. A te è successo? forse la distanza fisica permette di sfumare questi effetti?
        Per la preparazione a questa fase, mi hanno consigliato un sito molto interessante (autosvezzamento.it) e poi ho letto il libro di Piermarini, che credo sia l’unico in italiano; mi hanno consigliato di guardare tra la letteratura americana e inglese, lì c’è parecchio, ma non so orientarmi.
        La pediatra di mio figlio mi ha proposto il classico svezzamento, quando le ho detto quale fosse la mia idea, ha risposto di fare come preferivo senza darmi indicazioni in merito, ma per me è già una buona cosa (ho sentito racconti assurde di altre mamme).
        Tu hai qualche consiglio in merito a letture? i tuoi racconti sulla vostra esperienza sono tutti utilissimi e lo sarà anche leggere del primo approccio del vostro bimbo con il cibo! a chi è ancora profano, come me, sembra tutto chiarissimo nella teoria, ma poi pensi alla pratica e dici ” e mo come si fa??”.
        grazie Carlotta!!
        un abbraccio

      • Carlotta - mayo 18, 2016

        Stefania, io ti consiglierei senza dubbio il libro che ho letto io (l’unico, tra l’altro, perché l’ho trovato talmente completo ed esauriente che non ho avuto bisogno d’altro). Si chiama proprio Baby Led Weaning (che è il nome inglese di questo tipo di svezzamento). Ti piacerà, ha anche tantissime testimonianze di mamme che l’hanno fatto con tutti i figli, solo con il secondo ecc.

        Per rispondere alle tue domande. Devo ammettere che non avere famiglia vicina, ci ha aiutati nel prendere le nostre decisioni senza interferenze. Non che non apprezzi l’esperienza e i consigli dei miei genitori, ma per farti capire come la penso ti cito una frase che ho letto proprio l’altro giorno in un articolo (e su cui sto scrivendo un post): i consigli sono come la frutta, meglio se fresca.

        Insomma, quando è successo che mi abbiano dato consigli con i quali non ero d’accordo, mi sono difesa dicendo che noi preferiamo seguire questo o quel metodo, più recente, più attuale, perché in fondo 30 anni da quando loro ci sono passati non sono pochi e le cose, che piaccia o no, sono cambiate. E certo, è capitato anche a me di arrabbiarmi o rispondere con sufficienza, specialmente nelle giornate di stanchezza e ovviamente mi dispiace, ma devo anche ammettere che finora mai mi sono pentita di aver seguito il mio istinto e non i loro consigli (anche su piccole cose come la crema per il cubetto, gli antibiotici, dare o meno medicine per la febbre a 40…). Può suonare presuntuoso, ma è la vera verità. E prima o poi anche loro se ne sono fatti una ragione.

        Il pediatra? Io ne ho cambiati quattro prima di trovarne uno che accettasse le nostre scelte e comunque ha continuato a consigliarmi, inutilmente, il metodo tradizionale. Insomma, andare contro corrente non è mai facile, ma se ne siamo convinti e sappiamo il fatto nostro, è tutto più facile! Dopo che avrai letto quel libro, ti sentirai un guru dell’autosvezzamento! A proposito, ho in programma più post sull’autosvezzamento, oltre a quello del primo giorno, che risponderanno a più domande… ora devo solo trovare il tempo per scriverli 😉

        Un abbraccio 🌸

  2. Pasquina - mayo 19, 2016

    Cerco affannosamente conforto nelle parole ed esperienze di altre mamme che come me vivono la crescita del proprio figlio con gioia infinita alternata a momenti di sconforto, paura, inadeguatezza, stanchezza. Ho bisogno di sapere che non sono sola. Pensavo che la spalla di mio marito mi bastasse, in fondo lui vive con me e come me questi sbalzi e invece…è un continuo scontro anche con lui, discutiamo come non abbiamo mai fatto prima (Carlotta il tuo post sul rapporto di coppia dopo un figlio è stato illuminante, pensavo parlassi di me!) e anche questo contribuisce a rendere tutto così difficile a volte. Abbiamo aspettato 10 anni un figlio che non arrivava, abbiamo fatto di tutto, sofferto e pianto insieme e quando ormai non ci speravamo più è arrivato il nostro tesoro e immaginavamo che tutto sarebbe stato perfetto. Per lui, per noi. Non è stato così ovviamente. Spesso mi sento in colpa ma quando mi confronto con altre mamme mi consolo perchè capisco che le difficoltà sono comuni e non sempre il frutto di mie mancanze! Un abbraccio compagne di viaggio!

    • Carlotta - mayo 24, 2016

      Pasquina, se c’è una cosa che ho imparato in questo anno da mamma (che devo ammettere che prima facevo molta più fatica) è a chiedere aiuto, che può anche essere solo un semplice confronto, ascoltare un’altra mamma che mi racconta delle sue notti insonni, raccontare le piccole conquiste e le sconfitte. Non sei sola, a volte sembra davvero di inciampare tutte negli stessi problemi, ma così deve essere: se non si vivono sulla propria pelle, le lezioni non si imparano.

      Spero che, come me, anche tu possa usare questo momento più difficile con tuo marito per imparare la vostra forza di coppia e dimostrare (a te e a lui) che siete fatti di ben altra pasta! In queste ultime settimane dopo aver scritto quel post, io e Alex ci siamo ritagliati un paio di sere sfruttando il fatto che mia madre fosse qui, mi sono ritagliata anche io un po’ di tempo solo mio e ho notato che alla fine è solo questione di fare uno sforzo e di lasciare andare un po’ di più (entrambi, non solo uno). In bocca al lupo!


Vas de prisa?

Regístrate a mi newsletter para recibir los últimos artículos directamente en tu correo electrónico. Sólo un mail al mes. No spam (lo prometo!) 🙂


Podría gustarte también…

He personalmente seleccionado estos artículos para ti para que puedas seguir leyendo…


Post populares…

Estos artículos han tenido mucho éxito! Quizás te gusten a ti también.


Últimos artículos…

Directamente de las imprentas para que puedas leerlos todo seguidos.

Imprint  ·  Privacy Policy