Esprimersi in maniera positiva per migliorare la comunicazione

2 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Il nostro modo di esprimerci influenza notevolmente il modo in cui ci relazioniamo con gli altri, siano essi bambini, adolescenti o adulti, in particolare nelle seguenti situazioni:

  • Quando vogliamo chiedere a qualcuno di fare qualcosa.
  • Quando vogliamo ricordare a qualcuno una norma o un limite.
  • Quando vogliamo indicare a qualcuno che ciò che stanno facendo non ci piace.

Queste situazioni si verificano molte volte al giorno, soprattutto quando si tratta di bambini. E il nostro modo di esprimerci influenza notevolmente la risposta che riceviamo dall’altra persona.

Questo ha a che fare con la comunicazione assertiva. L’assertività è l’atteggiamento che una persona ha quando esprime il suo punto di vista in modo chiaro e totalmente rispettoso di fronte all’interlocutore. Ad esempio: il mio bambino di 4 anni vuole andare al parco, ma tutti i suoi giocattoli sono sparsi sul pavimento della sua stanza. Posso parlargli in diversi modi:

“Visto che non metti in ordine i giocattoli, non andiamo al parco”

“Fino a quando non metti in ordine i giocattoli, non andiamo al parco”

“Andremo al parco non appena avrai finito di metter in ordine i giocattoli”

Quale di queste frasi ti suona meglio? Se la dicessero a te, quale frase ti incoraggerebbe a mettere in ordine i tuoi giocattoli volontariamente? La semplice scelta di una frase piuttosto che un’altra può fare la differenza tra una comunicazione efficace e una lotta di potere (e come probabilmente hai già notato nella vostra esperienza, le lotte di potere non portano a nulla di buono… alla fine nessuno vince).

Non è un segreto, siamo più propensi a fare qualcosa che ci venga chiesto se lo percepiamo positivamente, senza aggressività o minacce.

La parte difficile in questo caso è metterlo in pratica nel nostro quotidiano, perché si tratta di “disimparare” frasi e modi di esprimerci che sono profondamente radicati in noi stessi fin dall’infanzia, e sostituirli con espressioni più positive. La chiave è la pratica, all’inizio si fa fatica a cercare il modo di dire una determinata frase in maniera positiva, ma quando ci si abitua arriva un momento in cui viene spontaneo.

Per semplificarti il lavoro, qui sotto ti lascio 10 espressioni comuni e la loro versione più positiva. Non devi per forza usare queste frasi, sono solo esempi per farti un’idea e puoi creare le tue proprie espressioni positive da sola 😉

  1. Metti a posto i tuoi giochi così andiamo al parco → Andiamo al parco non appena metti a posto i tuoi giochi
  2. Dammi la mano per attraversare la strada → Possiamo attraversare la strada quando mi dai la mano
  3. Per favore, non interrompere tua sorella. Non sento se parlate tutti e due allo stesso tempo → Ti ascolto volentieri quando tua sorella finisce di parlare
  4. Se non state zitti non vi leggo il libro → Inizio a leggere il libro quando c’è silenzio
  5. Smetti di dare fastidio a tuo fratello o ti mando in camera tua → Se vogliamo stare qui insieme dobbiamo rispettarci a vicenda
  6. Non gridare per favore → Io ascolto le persone che non gridano
  7. Non ti permetto di parlarmi così → Possiamo continuare questa conversazione quando ci sia rispetto da entrambe le parti
  8. Senza giacca non esci fuori → Puoi uscire fuori non appena ti metti la giacca
  9. Non puoi giocare se non rispetti le regole → Per giocare a questo gioco tutti dobbiamo rispettare le regole
  10. Ascoltami, devo dirti un cosa importante → Devo dirti una cosa importante, quando mi ascolti te la dico

Una cosa che di solito funziona molto bene è pensare in quali situazioni usiamo questo tipo di frasi e praticare la nuova frase che vogliamo iniziare a utilizzare. Se abbiamo già “praticato” a freddo, sarà più facile avere pronta in mente la nuova espressione quando avremo bisogno di usarla a caldo.

La sfida che ti propongo è quella di cambiare quelle espressioni che utilizzi abitualmente con i tuoi bambini e che hai la sensazione che non funzionino o che non ti facciano stare bene, e sostituirle con espressioni tipo quelle qui sopra per esprimere la stessa cosa in maniera più positiva, efficace e rispettosa. Ti incoraggio a provarla non solo con i bambini, ma anche con gli adulti… questo trucco non ha età! 🙂


Questa è una traduzione del post di Cristina di Montessori en Casa Expresar de manera positiva para memorare la comunicación che mi è piaciuto molto. È un compito difficilissimo per un genitore, ma ho notato parecchie volte con Oliver che esprimere le mie richieste in maniera positiva, in modo che non le percepisca come minacce, fa davvero la differenza nel modo in cui reagisce. Spero aiuti anche te.


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. bellissimo articolo! io ci provo sempre ma a volte è difficile trovare le parole giuste.. tipo x convincerla a lavarsi i denti o mettere il pigiama! 😅😅grazie dei tuoi preziosi consigli!

    • Grazie! Non ti nascondo che spesso è difficilissimo anche per me, a volte mi sembra forzato, ma credo davvero che poco a poco, con la pratica, diventi più naturale e aiuti enormemente la comunicazione.

      Per la routine della sera o del mattino, a me ha aiutato tanto avere un ordine prestabilito di cui l’ultimo passo è qualcosa che Oliver adora, tipo leggere un libro o guardare un episodio di Curious George (che abbiamo introdotto da poco). Quindi se non vuole mettersi il pigiama, gli diciamo: “Possiamo leggere il libro non appena ci siamo messi il pigiama e abbiamo lavato i denti”.

      Quando non funziona, a volte aiuta creare dei giochi “Andiamo saltando a metterci il pigiama… pronta, partenza, via!” o offrire un’alternativa “Vuoi che portiamo il libro in bagno con noi mentre ci laviamo i denti?”.

      In passato ha anche aiutato creare una sequenza visiva con foto: abbiamo fatto foto di Oliver mentre faceva le varie attività (si mette il pigiama, si lava i denti ecc) e le abbiamo messe in ordine (puoi attaccarle alla parete con una spago in modo che stiano in fila o su un foglio grande di carta, ma sempre nell’ordine giusto) e Oliver si divertiva ad andare a vedere “cosa viene dopo” e farlo.

      Ho un post semi pronto su questo da mesi, chissà se un giorno riuscirò a pubblicarlo 😉

      Un abbraccio 🌸


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale per ricevere gli ultimi post direttamente in mail. Solo una mail al mese. No spam (giurin giuretto!) 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.

Imprint  ·  Privacy Policy