La Tela di Carlotta
it en es

Giocattoli ispirati Montessori: i cubi GOULA

set 17, 2016

Molti di voi mi hanno chiesto di giocattoli ispirati Montessori, quindi ho deciso di preparare alcuni post con una selezione dei preferiti di Oliver ed Emily fin dalla nascita.

Come puoi vedere dalle nostre mensole, non abbiamo mai comprato molti giocattoli e i pochi che abbiamo comprato sono di ispirazione Montessori, in legno e senza luci o suoni: penso che sia importante per i bambini sviluppare il proprio modo di giocare con i giocattoli, invece di giocarci nel modo in cui i produttori hanno deciso.

Tutti i giocattoli che trovi su La Tela sono così: promuovono l’immaginazione, la concentrazione, la soluzione di problemi, sono versatili, non cantano e non hanno luci. E prometto, ai vostri bambini piaceranno tanto!


I cubi GOULA impilabili con immagini del bosco

Oggi voglio iniziare con uno dei preferiti di sempre di Oliver: i cubi Goula impilabili con immagini del bosco. Li ha ricevuti come regalo per il suo primo compleanno e li sta ancora utilizzano oggi che ha 18 mesi.

Sono una versione divertente della torre rosa di Montessori, ma a mio parere sono molto più versatili: si possono impilare per fare una torre e poi distruggerla, si possono mettere uno dentro l’altro e fare una scatola che può essere facilmente riposta (a Oliver piace mettere a posto) o li si può disporre in orizzontale sul pavimento e e formare il treno degli animali.

Questi cubi sono fatti di cartone molto forte, resistente a morsi, tiri e calpestamenti!

E sono un ottimo strumento di apprendimento: sviluppano capacità di problem solving, promuovono il riconoscimento di dimensione e forme e migliorano le competenze motorie di coordinamento minore.

Nei primi mesi, Oliver giocava solo a distruggere tutte le torri che gli costruivo (possibilmente prima che finissi di costruirle), ma col tempo, attraverso tentativi ed errori, ha imparato come bilanciarli uno sull’altro, come non si possa mettere un cubo più grande sopra o dentro uno più piccolo. Quando è riuscito finalmente a costruire la torre intera da solo senza aiuto, stando in punta di piedi per mettere il cubo più piccolo in cima, il suo sorriso soddisfatto e sorpreso non ha avuto prezzo (e, naturalmente, sono riuscita a fotografarlo :-)

Penso che sia un ottimo regalo per un primo compleanno: anche se l’età consigliata sulla confezione è 2+, ho visto Oliver e tutti i suoi amici giocarci già dall’anno per lungo tempo, sviluppando e il migliorando nuove ed entusiasmanti competenze.

Commenti

amelie • set 20, 2016

Ciao Carlotta,
due commenti:
1) Wow! A un anno e mezzo e' difficilissimo riuscire a gestire impilare e mettere dentro! E riuscirli a mettere dal più grande al più piccolo! Veramente notevole. La torre rosa - che e' una versione "semplificata" di questi cubi - e' un materiale 3-6 anni!
2) Volendo essere formali, questo gioco e' l'esatto opposto di un gioco ad ispirazione montessoriana.
I materiali montessori smembrano il mondo, permettono al bambino di concentrarsi su una caratteristica singola.
La torre rosa ha cubi solidi e monocolore. Qui ci sono i cubi da impilare dal più grande al più piccolo ma anche da incastrare uno dentro l'altro. E ci sono le immagini.
E' un gioco molto bello, anche noi ce l'abbiamo. Ma non lo chiamerei d'ispirazione montessoriana.

🌸 Carlotta • set 20, 2016

Ciao Amelie, grazie per il tuo commento.

Per quanto riguarda la prima osservazione, credo che dipenda da ogni bambino, ma forse il fatto che io abbia esposto Oliver a questa attività a partire dall'anno e lui mostrasse interesse e la cercasse per giocare (io ho giocato con lui con questo gioco ogni giorno da quando gliel'hanno regalato, facendolo io stessa quando lui aveva solo voglia di guardare) lo ha aiutato a raggiungere il risultato prima.

Così Oliver due mesi fa, a 16 mesi, sapeva fare la torre (completata da solo per la prima volta fino in cima a luglio) e metterla a posto con tutti i cubi incastratati (spesso andando a tentativi—per esempio cercando di mettere il cubo 5 dentro il 3 e poi ritirandolo fuori e cambiando cubo—ma molto più spesso guardando attentamente i cubi e prendendo coscientemente "il numero" giusto, che mi fa capire che capisce le dimensioni :-).

Sono d'accordo con te sul fatto che questo gioco non sia assolutamente Montessori, ma io penso che si possa definire senza dubbio "ad ispirazione Montessori" (nel senso che il tipo di attività è ispirato alla Torre Rosa, materiale montessori con cui avevo familiarità prima attraverso altri blog montessori e che ho da poco finalmente potuto provare a scuola :-) Certo, io preferirei che i cubi fossero di legno e monocolore (a Oliver non interessano affatto i disegni per ora e in più io preferisco immagini più reali), ma purtroppo non ne ho trovati così e in più mi piace il fatto che si possano mettere uno dentro l'altro, credo che completi e complementi l'attività. Magari devo farlo e produrlo io stessa ;-)

amelie • set 20, 2016

Forse e' perche' io soffro molto di come la montessori venga commercializzata ora.
C'e' un rigore scientifico, un pensiero accurato e specifico dietro il materiale montessoriano.
Sono d'accordo - la torre rosa , e tutto il resto in realta', e' un materiale "didattico", non e' un gioco da avere a casa, non esisteva "montessori a casa".
Ma un gioco che si ispira solo all'immagine della torre rosa, e perde totalmente il principio su il quale la torre rosa si basa, per me non e' di ispirazione montessoriana. E' un gioco. Sull'impilare, incastrare, riconoscere i numeri e imparare grande e piccolo.

I disegni non li vedo, forse sono belli. Forse stimolano la fantasia più di una foto, abbiamo bisogno di realta' e di disegni, noi grandi come loro piccoli.
Ma nell'ideale, nella filosofia, nel materiale montessori c'e' qualcosa dietro, c'e' dentro. Ma così spesso sembra che basti apparire "fuori" per essere "montessoriani".

🌸 Carlotta • set 21, 2016

Amelie, ti capisco ed ero la prima a soffrire di questo. Se hai letto qualche altro mio post, saprai che ho "litigato" con quasi tutte le scuole qui a Marbella perché usano Montessori come un'etichetta per vendere, perché non solo non sono Montessori, ma "mal-educano" i genitori che non sanno cosa Montessori sia davvero. Sono poi stata fortunata che abbiano aperto una scuola Montessori tradizionale qui vicino e possiamo finalmente vivere l'ambiente Montessori vero.

Ma mi sono anche fermata a pensare e credo che alla fine la commercializzazione del nome Montessori non sia un male, se porta sempre più famiglie (specialmente in Italia, dove sfortunatamente—e stranamente—si conosce meno il metodo Montessori che nel resto del mondo) ad avvicinarsi a questa meravigliosa filosofia in casa e metodo educativo nelle scuole.

E allo stesso modo, non mi dispiace che le aziende di prodotti per bambini si ispirino ai materiali didattici Montessori per creare giochi alla portata di tutti in casa. Sono giochi, sì, sono commercializzati, sí, ma a differenza di quelli con mille lucine, suoni e canzoni, hanno il potere di divertire un bambino, insegnargli importanti abilità e farlo crescere solo con la forza della sua propria mente e del suo proprio corpo. E per me, anche questo è Montessori. Quindi anche se questi giocattoli possano sembrare Montessori solo "fuori", sono convinta (a differenza tua, ma il mondo è bello perché è vario!) che, proprio come me, siano un po' "montessoriani" dentro :-)

Un abbraccio e, se ti va, spero di leggerti di nuovo tra queste pagine 🌸

amelie • set 22, 2016

Sorrido :-) E' il tuo blog, la disturbatrice sono io :-)
Adoro la marca grimm! Colori brillanti e qualita' eccezionale. Odio che facciano due prezzi diversi in Svizzera e in Europa ma il mercato e' mercato.
Qui sono 100% sicura che i cubi di siano (prossima vacanza? :-) ).

amelie • set 21, 2016

Un'ultima precisazione. Non ho niente in contrario al gioco. Ce l'abbiamo. Ci piace. Lo valuto molto. Se Oliver lo usa con piacere, e' un motivo buono per averlo. Fosse anche un mausoleo di plastica e lucine, perche' alla fine, "follow the child".
Credo invece che le scuole e i blog abbiano una responsabilità più ampia.
Non ci credo che "anything is better than nothing". Ma forse no, forse hai ragione. Maybe nothing is worse.

🌸 Carlotta • set 21, 2016

Amelie, scusa se torno a disturbare, ma non potevo non scrivertelo: sai che ti dicevo di non trovare i cubi impilabili di legno e monocolore? Be', destino vuole che oggi, cercando un materiale Montessori, abbia trovato esattamente quello che avrei voluto (dei Grimm's)… peccato che si trovino solo in America a quanto pare :-(

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!