La Tela di Carlotta

La breve ma efficace guida per trovare la tua vera passione

nov 12, 2009
“La realizzazione suprema è confondere la linea di confine tra lavoro e gioco.”— ARNOLD TOYNBEE

Seguire la propria passione può essere difficile. Ma capire quale sia questa passione può essere ancora più difficile.

Io sono fortunato — ho trovato la mia passione e la sto vivendo. Posso testimoniare che essere in grado di guadagnarsi da vivere facendo ciò che si ama è una sensazione meravigliosa.

Per questo, in questa breve guida, mi piacerebbe aiutarvi a iniziare a capire quello che vi piace fare. Questo è uno dei problemi più comuni tra i lettori di Zen Habits — compresi molti che mi hanno recentemente risposto su Twitter.

Questa guida vi spronerà ad alzarvi dal letto al mattino e gridare: «Sono vivo! Lo sento dentro di me!». E nel farlo, spaventare magari i vostri familiari o chiunque capiti a distanza di urlo.

Questa guida non è completa e non troverà la vostra passione per voi. Ma vi aiuterà nel vostro viaggio per trovarla.

Ecco come.

1. Che cosa sei bravo a fare?

A meno che non abbiate appena iniziato, avete sicuramente qualche abilità o talento o avete dimostrato un qualche tipo di predisposizione naturale. E anche se siete solo agli inizi, un qualche talento potrebbe essersi già manifestato quando eravate più giovani, perfino nella scuole elementari.

Siete sempre stata bravi scrittori, oratori, disegnatori, organizzatori, costruttori, insegnanti, amici? Siete sempre stati bravi a trovare idee, riunire le persone, fare giardinaggio o a vendere?

Pensateci. Prendetevi almeno 30 mezz'ora per rispondere a questa domanda — spesso ci dimentichiamo delle cose che in passato abbiamo fatto bene. Ripensate al passato, il più indietro possibile, ai posti di lavoro, ai progetti, agli hobby. Questa potrebbe essere la vostra passione. Oppure più di una. Scrivete una lista di possibili candidati.

2. Che cosa ti entusiasma?

Potrebbe essere qualcosa a lavoro — una piccola parte del vostro lavoro che vi piace particolarmente. Potrebbe essere qualcosa che fate al di fuori del lavoro — un hobby, un secondo lavoro, qualcosa che fate da volontari o genitori o coniugi o amici. Potrebbe essere qualcosa che non fate da un bel po’ di tempo. Di nuovo, pensate a questo per mezz’ora o almeno un quarto d’ora. Se non lo fate, vi state probabilmente prendendo in giro. Aggiungete qualsiasi risposta alla vostra lista.

3. Che cosa leggi?

Che cosa leggi per ore online? Quali riviste non vedi l’ora di leggere? Quali blog segui? In quale sezione della libreria tendi a fermarti? Qui potrete trovare molti interessi — aggiungeteli alla lista.

4. Qual è il tuo sogno nascosto?

Potrebbe esserci qualche lavoro che avete sempre sognato di fare — essere uno scrittore, un artista, un designer, un architetto, un medico, un imprenditore, un programmatore. Ma qualche paura, qualche dubbio, vi ha sempre fermati e convinti a respingere questa idea. Magari ce ne sono più di una. Aggiungetele alla lista — non importa quanto irrealistiche siano.

5. Impara, chiedi, prendi appunti.

OK, avete una lista. Scegliete una cosa sulla lista che vi stimola particolarmente. Questo è il vostro primo candidato. Ora leggete di questo, parlatene con le persone che hanno avuto successo in questo campo (attraverso i loro blog, se ne hanno, o scrivendo una e-mail). Fate una lista di appunti di cose che dovete imparare, migliorare, di competenze che volete padroneggiare, di persone con cui parlare. Studiatela, ma non aspettate troppo a lungo prima di tuffarsi nella fase successiva.

6. Sperimenta, prova.

Questa è la parte in cui si svolge realmente l’apprendimento. Se non l’avete ancora fatto, iniziate a fare la cosa che avete scelto. Magari la state già facendo, nel qual caso potete passare alla fase successiva o scegliere un secondo candidato da provare. Ma se non lo avete ancora fatto, iniziate ora — fatelo senza pensarci più su. Potete farlo tra le quattro mura di casa, ma rendetelo pubblico come potete il prima possibile. Questo motiva a migliorare, vi dà dei feedback e la vostra reputazione migliorerà. Fate attenzione a come vi sentite — è qualcosa che non vedete l’ora di fare, che vi emoziona, che vi piace condividere?

7. Riduci.

Vi consiglio di scegliere 3-5 cose sulla vostra lista (sempre che ne contenga di più) e ripetete le fasi 5 e 6 per ognuna di esse. Questo potrebbe richiedere mesi o magari, invece, le avete già studiate e sperimentate. Ora, questo è ciò che dovete chiedervi: che cosa vi entusiasma di più? Quale di queste cose può produrre qualcosa che la gente ama ed è disposta a comprare? Quale di queste cose vi vedete fare per anni (anche se non è una carriera tradizionale)?

Sceglietene una, o due al massimo, e concentratevi su quella. Con questa cosa passerete alle fasi successive in questa guida: eliminare le vostre paure, trovare il tempo e creare una carriera, se possibile. Se non dovesse funzionare, potete provare con la prossima scelta sulla vostra lista — non dobbiamo vergognarsi a provare e fallire, perché ci tutto ci dà insegnamenti preziosi che ci aiutano ad avere successo al prossimo tentativo.

8. Elimina le tue paure.

Questo è il più grande ostacolo per la maggior parte delle persone — il dubbio e la paura del fallimento. Ora lo affronterete e lo metterete a tacere. In primo luogo, prendetene atto invece di ignorarlo o negarlo. In secondo luogo, scrivetelo, esternatelo. Terzo, percepitelo e decidete che va bene avere dubbi e paure. Quarto, chiedetevi: «Qual è la cosa peggiore che può succedere?». Di solito non è nulla di catastrofico. Quinto, preparatevi per provarci comunque e provateci. Fate piccoli passi, più piccoli possibili, e dimenticatevi di quello che potrebbe succedere — concentratevi su ciò che realmente sta accadendo, in questo momento. E infine celebrate il vostro successo, non importa quanto piccolo sia.

9. Trova il tempo.

Non avete tempo per seguire questa passione? Trovate tempo, maledizione! Se questa è una priorità, troverete il tempo — riorganizzate la vostra vita fino a quando avete il tempo. Questo potrebbe significare svegliarsi prima al mattino o farlo dopo il lavoro o nella pausa pranzo o durante il fine settimana. Significherà probabilmente annullare qualche impegno, semplificare il tran tran lavorativo o fare molto del lavoro in anticipo (come quando dovete andare in vacanza). Fate tutto quello che serve per seguire una passione.

10. Come guadagnarsi da vivere con la propria passione.

Ciò non succede in una notte. Dovete fare qualcosa, essere bravi a farlo e appassionarvici. Ciò potrebbe richiedere mesi o anni, ma la cosa più importante è che vi divertiate. Quando arrivate al punto in cui qualcuno è disposto a pagare per la vostra passione, allora ce l’avete fatta — ci sono molti modi per guadagnarsi da vivere a quel punto, lavorare come freelance o fare un lavoro di consulenza, realizzare prodotti di informazione, come ebooks, scrivere un blog e vendere la pubblicità. In realtà, vi consiglio di creare un blog se lo avete già — vi aiuterà a consolidare il vostro pensiero, costruirvi una reputazione, trovare persone interessate in quello che fate, dimostrare la vostra conoscenza e passione.

Ve l’ho detto che non sarebbe stato facile. Richiederà molta riflessione e analisi di coscienza, all’inizio, e poi molto coraggio, apprendimento, sperimentazione e, infine, molto impegno.

Ma ne varrà la pena — ogni secondo, ogni grammo di coraggio e di impegno. Perché alla fine, avrete qualcosa che trasformerà la vostra vita in molti modi, vi darà un motivo per saltare giù dal letto, vi renderà felici, indipendentemente da quanto guadagnate.

Spero che seguiate questa guida e troviate successo, perché ad ognuno di voi non auguro nient'altro che trovare la vostra vera passione.


Traduzione del post di Leo Babauta The Short but Powerful Guide to Finding Your Passion.

Commenti

Paola • apr 3, 2010

Per continuare l'argomento, ' grazie a ZenHabits che ho scoperto ScottHYoung, e una miniera di idee per vivere appassionatamente le attività quotidiane.
Mi piace molto il tuo lavoro Carlotta!

Carlotta • apr 7, 2010

Grazie Paola, anche per il link. Spero di poter caricare nuove traduzioni dei bei consigli di Leo Babauta molto presto. Un sorriso :-)

Fabrizio stoca • set 6, 2010

co tutte ste cazzate che hai scritto, ho torvato la mia passione:
INSULTARE I FALLITI COME TE

Carlotta • set 6, 2010

Carissimo Fabrizio,
innanzitutto ti ringrazio per la tua gentilezza, è più unico che raro incontrare persone gentili come te.


In secondo luogo, sono contenta che tu abbia trovato la tua vera passione: ora trasformala in un business e usala per diventare meno fallito di me (o dell'autore dell'articolo, visto che è indicato chiaramente che non l'ho scritto io).


Un caro saluto,
—Carlotta

Sarah • lug 7, 2011

E' passato del tempo dall'ultimo commento..Detto questo...chissà, forse si può davvero tutto...ma...l'entusiasmo è una cosa che mi sfiora appena, per poco. Speriamo.

Carlotta • set 10, 2015

Ciao Sarah, è passato del tempo dal tuo commento. Avevo lasciato il blog, ma ora l'ho ripreso. Spero che nel frattempo tante cose siano cambiate anche per te e che l'entusiasmo riesca a toccarti e non solo a sfiorarti. 🌸

danilo • feb 14, 2012

Io non riesco a scrivere nella mia lista cosa sono bravo a fare non riesco a mettere passione in nulla di quel che faccio e anzi leggere questi passi mi ha aiutato a capire ancora di piú che non troverò tanto facilmente la mia passione....se mai la troveró......comunque hai la mia mail se mi vuoi rispondere li te ne saró grato.

Carlotta • set 10, 2015

Danilo, tanto tempo fa ti riposi sulla tua mail, ma non ricevetti mai risposta da te. Sono passati tanti anni e da allora, dopo vita vissuta, la mia visione sul trovare la propria passione è cambiata completamente. Qui il sequel, se ti interessa: http://www.lateladicarlotta.com/come-trovare-la-tua-vera-passione-4-anni-dopo 🌸

giuliana • apr 16, 2012

ho appena fatto la lista delle cose che vorrei fare , sono tante ma devo concentrarmi solo su di una , spero di farcela, sono un’insicura nata!!!

Carlotta • set 10, 2015

Giuliana, lo so che è passato del tempo, ma… ce l'hai fatta? Raccontami!

valentina • giu 5, 2012

ciao carlotta...ho 27 anni ed ancora non sono sicura di poter affermareQUESTA è LA MIA PROFESSIONE,ho sempre lavorato nella ristorazione mettendo amore e passione...ma ho sempre amato tante cose,non so quale scegliere..so che dovrei scegliere seguendo il mio cuore..non la mia mente..ma ho paura..di non essere sicura che sia la cosa giusta..capisci??è un vero e proprio dilemma...grazie x le tue parole valentina

Carlotta • set 10, 2015

Ciao Valentina! Sono passarti anni, ma capisco solo ora, dopo un mio percorso personale, che il tuo commento aveva già la risposta in sé. Continuare a lavorare in qualcosa con amore e passione… solo così si CREA la propria vera passione. Ti lascio il sequel a questo articolo, ovvero la mia visione 4 anni dopo. Chissà se ti ci ritrovi… http://www.lateladicarlotta.com/come-trovare-la-tua-vera-passione-4-anni-dopo 🌸

Nicola • ago 22, 2012

Le strategie di marketing mi incuriosiscono molto. Leggo libri su questo. Ma se queste strategie sono al servizio di servizi o prodotti dannosi (non riuscirei a pensare ad una strategia per fidelizzare dei fumatori ad una marca di sigarette, o a consumare cose solo per un lucro aziendale fine a se stesso), questa passione vacilla...

Carlotta • set 10, 2015

Nicola, hai continuato a lavorare nel marketing? Spero di sì, perché non sempre la pubblicità è negativa e dannosa…

Lorenzo • nov 15, 2012

E' un errore grave pensare di scartare tra i vari interessi quelli meno rilevanti per sceglierne solo uno, da esaltare fino a farne un business: vuol dire solo privarci di unaparte di noi. Il lavoro da fare per inventarsi un lavoro di soddisfazione è quello di capire come far convergere tutti i nostri più scombinati interessi in una sola unica attività. E' una cosa difficile che si ottiene piano piano, in anni... ma poi è come un vestito su misura, apposta per noi e assolutamente originale, unica. Nessun altro sarà in grado di offrire le nostre stesse cose. Il mercato viene da sè, naturalmente. Ma per onestà va detto che non è una cosa per tutti: solo chi ha molte passioni diverse può trovare qualcosa di nuovo e unico, chi ha una passione sola o poche da poter rimescolare rimane nella mischia della mediocrità... purtroppo...

Carlotta • set 10, 2015

Lorenzo, dopo anni di esperienza sulla mia pelle, oggi mi trovi forse più d'accordo con te di quanto non lo fossi allora. Questo ciò che penso oggi: http://www.lateladicarlotta.com/come-trovare-la-tua-vera-passione-4-anni-dopo 🌸

Chiara • mar 22, 2013

Grazie Carlotta per questo articolo....

Carlotta • set 10, 2015

Grazie a te, Chiara, per leggermi!

troll • apr 2, 2013

LA MIA PASSIONE E' PRENDERE IN GIRO.. DEVO ANDARE AD UNA SCUOLA DI CIRCENSI?

Carlotta • set 10, 2015

Come va la tua scuola di circensi? ;-) O magari sei diventato comico (che sarebbe perfetto se ti piace prendere in giro)?

carmine • giu 17, 2013

Sono ancora indeciso , forse è per il mio carattere un po chiuso , un po troppo prudente .. ho fatto la lista ma non c'è qualcosa a l'interno di essa che mi fa entusiasmare che mi da la forza per andare avanti... non mi fa sognare .... Ci ho pensato parecchio alle cose da scrivere sulla lista pero mi sono negato subito dopo ... devo dare retta al mio istinto( cioè quello che mi ha fatto scrivere alla lista ) O ALLE MIE SENSAZIONI CHE MI DICONO CHE NON è QUESTO CHE VOGLIO REALMENTE ? si sono un po complessato xD

carmine • giu 17, 2013

Come faccio ? ç_ç come faccio a trovare realmente qualcosa che mi appassioni e che mi da l'essenza di vivere ........e non di sopravvivere ?

Carlotta • set 10, 2015

Carmine, so che è passato del tempo e ti chiedo scusa per non aver risposto prima. Ma tutto questo tempo lontana dal blog mi ha fatto capire una cosa importante che contraddice tanto di ciò che ho scritto qui. La passione non si trova, si crea! Se ti interessa, leggi questo: http://www.lateladicarlotta.com/come-trovare-la-tua-vera-passione-4-anni-dopo 🌸

dani • ott 5, 2013

per me,è difficile capire cosa mi piace,anzi,dire che non mi piace nulla in particolare,avevo pensato alla scrittura,ma sono pigra,quindi,penso che mi annoierei facilmente,non penso di essere portata in nulla,invidio chi dice di avere delle passioni...

Carlotta • set 10, 2015

Dani, chi dice di avere delle passioni è perché se l'è create! Da allora, la mia visione sul trovare la propria passione è cambiata parecchio. Se ti interessa, questo è ciò che penso oggi, dopo anni di esperienza: http://www.lateladicarlotta.com/come-trovare-la-tua-vera-passione-4-anni-dopo 🌸

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!