La Tela di Carlotta
it en es

I bambini non hanno bisogno di (molti?) giocattoli

apr 11, 2019

Ho sempre desiderato una cucina giocattolo per i miei bambini. Amano le cucine giocattolo ovunque andiamo. Così un giorno, lo scorso dicembre, nonostante stessimo vendendo tutto ciò che possedevamo, ho ceduto alla tentazione e comprato loro una cucina giocattolo.

L’hanno usata—non tanto quanto nei caffè per famiglia o nei luoghi per bambini, ma l’hanno usata. Mettevano i Duplo nella dispensa, usavano il forno come una casa per la bambola, i fornelli come un vassoio per i puzzle; a volte cucinavano anche, ma il più delle volte usavano il cibo come parte delle loro costruzioni con i Duplo.

Mentre li osservavo giocare, pensavo che non avevano bisogno di una cucina giocattolo per fare quello che stavano facendo. Ho iniziato a mettere in discussione la mia decisione.

Quando ci siamo trasferiti in questo AirBnb, avevo deciso di portare con noi la loro cucina, dato che avremmo avuto pochissimi giocattoli, ma l’abbiamo lasciata in ufficio per un paio di giorni mentre ci organizzavamo nell’appartamento.

Un giorno, poco dopo esserci trasferiti, vidi Emily prendere un vassoio fatto con i Duplo, posarlo sullo scaffale basso del tavolo del divano e dire: “Ecco, Oli, ti cucino una pizza”.

La cucina giocattolo è rimasta in ufficio e mi sono pentita di averla comprata. Vivi e impara, vero?

Questo è solo un breve (auto) promemoria per dire:

I bambini non hanno bisogno di molti giocattoli. Non hanno bisogno di molti vestiti. Non hanno bisogno di molte cose. Mi ci sono voluti circa quattro anni per realizzarlo, ma ora mi è chiarissimo: specialmente quando hanno fratelli, tutto ciò di cui hanno bisogno è l’un l’altro, libri (sempre libri!) e pochi giocattoli e strumenti selezionati per il gioco libero e le attività.

La loro immaginazione farà tutto il resto (e avrà effettivamente più possibilità di svilupparsi).

Noi adulti pensiamo che i bambini siano più intrattenuti se hanno più giocattoli con cui giocare, ma anche se proviamo a fornire loro giocattoli di legno che non hanno luci e suoni per incoraggiare l’immaginazione e il gioco creativo, la semplice verità è che i bambini non hanno bisogno di molti giocattoli. Sono felici di usare pezzi di un puzzle come olive su una pizza di Duplo; di cavalcare un orsacchiotto come se fosse una moto; di creare una casa con i cuscini del divano; di usare libri come piatti e Duplo come cibo.

Adoro i giocattoli—specialmente quelli in legno di marche sostenibili—mi piace giocarci con i miei figli e amo quando le marche mi inviano giocattoli da recensire. Ma dopo l’episodio della cucina giocattolo, ho deciso di cambiare le mie abitudini e di evitare (di comprare o accettare) giocattoli.

Resisto all’impulso di soddisfare un nuovo interesse acquistando qualcosa di nuovo: spesso le cose che trovi in ​​casa sono altrettanto valide. Più economico e più ecologico!

Mi concentro di più su attività come colorare, art-attack o costruzioni, che possono essere fatte letteralmente con qualsiasi cosa, un sughero trovato per terra, il rotolo finito di carta igienica, la cintura della mia vestaglia… e tutto ciò che la natura ha da offrire, naturalmente!

Lascio che i miei figli si annoino in modo da poter davvero scatenare la loro immaginazione.

Oliver ed Emily non solo sono apette felici con i pochi giocattoli che hanno ora, ma giocano anche molto meglio tra loro e in un modo molto più cooperativo. Non è una coincidenza. Certo, potrebbe anche essere dovuto al fatto che sono un po’ più grandi ora, che capiscono meglio il rispetto e i limiti, che sono più disposti a condividere e giocare insieme con i giocattoli, che apprezzano di più la compagnia dell’altro, ma credo che avere meno giocattoli abbia aiutato molto nel processo.

La lezione che ho imparato? Meno è meglio (sembra essere una costante nella mia vita ultimamente). Meno giocattoli = più creatività, più fantasia, più letture, più tempo all’aria aperta, più giochi liberi, più collaborazione per combattere la noia.

Ps. Oliver ed Emily in questo nuovo appartamento hanno:

  • Duplos e Lego (stiamo passando ai Lego per il nostro viaggio. E sì, è plastica, ma è plastica a lungo termine, piena di divertimento, che innesca la creatività e quindi sono felice di fare un'eccezione)
  • Puzzle (4 o 5)
  • Libri (molti! Non so come faremo quando viaggeremo! Suppongo che useremo le biblioteche)
  • Magnetic World Map di Janod (ci piace e l'abbiamo usata molto, ma anche questa non l’abbiamo usata quando avrei voluto)
  • Grimm's Wooden Square (che abbiamo avuto per tre anni e i bimbi usano ancora tantissimo, penso che lo porteremo in giro per il mondo con noi!)

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Commenti

Stefania • apr 17, 2019

Mio figlio, 9 anni, adottato dalla Federazione Russa, gioca pochissimo con i giochi "istituzionali". Io all'inizio mi arrabbiavo di questa cosa. Tanti bei giochi e tu non ci giochi??? Poi l'ho visto giocare nella e con la natura, creare con le sue mani, inventare giochi dal niente e ho capito che la "sbagliata" ero io!

Flavia • set 22, 2019

Buongiorno, noi compravamo i giochi che mio figlio chiedeva perché non abbiamo i parenti che gli regalano però ad un tratto sono diventati troppi e vorrei provare il tuo metodo però purtroppo il bambino già abituato chiede spessissimo il permesso di comprarsi un gioco, come risolvo, cosa e come mi devo comportare e dire per cambiarli la prospettiva? Grazie

🌸 Carlotta • set 24, 2019

Ciao Flavia e grazie per il tuo commento. Quanti anni ha il tuo bimbo? Senza sapere l'età, in questo caso faccio fatica a rispondere. Ma in generale, per i bimbi piccoli, dire che basta indirizzare l'attenzione verso altro (preferiscono sempre un pomeriggio di presenza con mamma al parco giochi piuttosto di un regalo: "non possiamo comprare quello, ma possiamo andare a giocare insieme a…"); per i bimbi più grandi, credo che creare consapevolezza sulla crisi climatica aiuta davvero molto a ridurre il consumismo. Un abbraccio 🌸

Francesca • apr 12, 2019

Ciao Carlotta,
ti leggo sempre ma non ho mai scritto prima.
Sono d'accordo con te ed infatti ho vietato a parenti e amici di portare giochi ai miei bimbi ogni volta che vengono a trovarci (vivendo lontani gli sembra naturale) e anche io, seguendo un po' i consigli Montessori, cerco di offrire loro pochi giochi e di qualità.
Per la cooperazione penso di dover aspettare ancora un po'...sono 2 gemelli di 15 mesi e per ora la loro interazione si riduce a rubarsi i giochi a vicenda 😅
La tua esperienza diretta è significativa ed in effetti porta a riflettere.
Grazie

🌸 Carlotta • apr 12, 2019

Cara Francesca, grazie per il tuo commento, mi fa molto piacere. Guarda, hai ragione e capisco benissimo il “ho vietato”: il tema di parenti e amici e di come coinvolgerli nel nostro stile di educazione è complicato, ho un post mezzo scritto da tempo che presto voglio finire.

Gemelli, wow, penso sempre che le mamme di gemelli devono avere dei super poteri (o non mi spiego come facciano ;-)! Eh, 15 mesi è un po’ presto effettivamente, ma vedrai che arriverà. Per ora, se posso permettermi, io eviterei che condividano (o forzarli a condividere) i giochi, inizierei a spiegare loro che quando uno ha un gioco l’altro non può prenderlo e reindirizzare l’attenzione dell’altro a un altro gioco è così via (come fanno negli asili Montessori). In questo modo a lungo andare possono imparare a coesistere e giocare individualmente nella stessa stanza (non insieme, perché viene ancora dopo, passati i tre anni, quando entrano nella fase dell’io sociale).

Un abbraccio stretto!

Carlotta 🌸

Francesca • apr 13, 2019

Carlotta,
grazie del consiglio...sono sempre ben accetti.
In effetti sono molto diversi tra di loro, una più riflessiva, l'altro più impulsivo e la scelta dei giochi o delle attività da svolgere è sempre diversa. Mi sono sempre chiesta se il metodo Montessori si applicasse diversamente in caso di gemelli (il modo di proporgli un'attività la divisione degli spazi, ecc..).
Da te ho preso tanti spunti...grazie 😉
Mi farebbe molto piacere leggere il post sui parenti, alcuni hanno accettato di buon grado la nostra scelta, altri pensano che siamo degli alieni presuntuosi 🤦‍♀️.
Un abbraccio
Francesca

Laura • apr 11, 2019

Sono veramente d'accordo! La fantasia e l'immaginazione dei bambini è meravigliosa e purtroppo spesso noi adulti ce ne dimentichiamo..
A proposito di libri.. che titoli legge Oliver? Mio figlio ha quasi la sua età..

🌸 Carlotta • apr 12, 2019

Grazie per il tuo commento, Laura. Mi hai dato un’ottima idea per un post nuovo sui libri che legge Oliver al momento.

Ma a dire il vero ne abbiamo talmente tanti che cambiamo spessissimo e ora che abbiamo scoperto la biblioteca, la selezione è ancora più variata. In generale io scelgo più spesso libri con storie e immagini realistiche, animali che non parlano, storie di vita vera etc Ma visto che non è sempre facile, a volte ricado su altri :-) Insomma, bando agli estremi! 😘

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

mar 5, 2021 • 31m
Allattamento: la mia visione, i miei errori, la mia esperienza
In questo episodio di Educare con Calma vi racconto la mia esperienza con l’allattamento, con lo smettere di allattare e anche come la mia visione sull’allattamento sia cambiata (anche grazie a un errore di cui mi sono vergognata a lungo). — Come appoggiare il podcast: Io non faccio pubblicità e non accetto sponsor, perché le pubblicità mi danno fastidio e non voglio sottoporvi a più pubblicità di quelle che già vi sommergono nella vita quotidiana. Se vi piace il mio podcast e volete aiutarmi...
35
feb 26, 2021 • 20m
Etichette: smettiamo di mettere le persone in scatola!
Questa settimana su Educare con Calma parliamo di etichette (parole che usiamo per definirci), del perché penso che siano nocive per conversazioni e relazioni e come sostituirle nel nostro linguaggio.  Vi lascio il link all'episodio sul mio blog, dove potete anche leggere la trascrizione, trovare i post relazionati al tema di cui parlo e anche lasciarmi un commento per avviare una conversazione. Nell'episodio menziono anche questa IG TV "Basta con le etichette!" e questo vecchio post "Il papà...
34

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Come lasciare il parco giochi senza lotte di potere
Così è la vita
Audiolibri di storie reali per bambini
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Montessori express: cambia le frasi in positivo
Montessori express: NON va tutto bene!
Mio figlio piange disperato in macchina (15 mesi)
Prenditi cura della donna dietro la madre
Montessori express: domanda invece di correggere
Montessori express: descrivi invece di criticare
Un esempio di come pratico l'empatia con i miei figli
Come mostro empatia ai miei figli
Buon 4° compleanno, Emily!
Il capodanno Montessori
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!