La Tela di Carlotta

Perché "IL fine settimana" e non "LA fine settimana"?

set 21, 2009

È vero che nessun madrelingua italiano direbbe mai “LA fine settimana”, giustamente abituati fin da piccini ad un corretto – o quasi – uso della lingua. Ma vi siete mai chiesti perché si dice “IL fine settimana” al maschile? La domanda sale spontanea se si considera la regola generale per l’utilizzo di questo sostantivo ambigenere: “fine”, infatti, si usa al femminile nel senso di “parte terminale” e al maschile nel senso di “scopo”. In accordo con questa regola, dunque, “fine settimana”, nel senso di parte terminale della settimana, dovrebbe richiedere l’articolo femminile.

Eppure, come spesso accade nella nostra capricciosa lingua, questa non è regola assoluta. “Fine” usato al maschile in espressioni che a livello semantico richiederebbero, invece, un femminile, si trova in altrettanto comuni espressioni nel nostro parlare quotidiano, come ne il lieto fine di ogni buona storia.

Ma se consideriamo entrambe queste due espressioni, non può non accendersi una lampadina: sono entrambi prestiti italianizzati dall’inglese – weekend e happy ending. E i prestiti stranieri, in italiano, sono quasi tutti maschili: lo yogurt, il computer, il business, il green del campo da golf… insomma, chi più ne ha, più ne metta.

Chi vuole essere italiano al 100%, potrà utilizzare l’espressione “la fine della settimana” – grammaticalmente e semanticamente corretta – con il rischio, però, di suonare più straniero che altro. A voi la scelta.

Ricapitoliamo:

Perché si dice “IL fine settimana” e non “LA fine settimana”?

Perché l’espressione “fine settimana” deriva dall’inglese “weekend” e nella lingua italiana si tende ad utilizzare i prestiti stranieri al maschile.

Commenti

Doriana • feb 1, 2010

ho usato e continuerò ad usare imperterrita "la fine settimana" perchè semanticamente corretta.

Maria • set 15, 2010

io penso che questo articolo sia utile e anche molto interesante per gli stranieri, ma anche per gli iteliani! Ma la frase e molto interessante, perche c'e la frase in italiane come "all fine dell'anno" e si uso - la fine... Ma la gente straniere vorrebbe usare la lingua come gli italiani:-)

Marco Giralucci • set 15, 2010

Non sono timido e lascio il mio commento. Trovo molto interessante la tua spiegazione, accattivante lo stile, fidelizzante (brrrrrrr che brutta parola) il metodo. Grazie!Ciao

Alessandro Marchini • mar 27, 2011

Ho fatto ricerche su alcuni vocabolari e tramite internet e ho trovato risposte ambigue. Anche il vocabolario della crusca inclina all'uso dell'accezione maschile ma solo perchè di largo uso.In definitiva aderisco a Doriana o per lo meno alla sua interpretazione ;)
Ciao, Alessandro

fulvia • lug 8, 2011

Per me è irrilevante usare il fine o la fine settimana...è molto + importante non usare buon week end che trovo irritante quasi come tutti gli "inglesismi" che vengono usati spesso senza neanche capire a cosa vengono sostituiti .....

dani • lug 28, 2011

Mi spiace ma son perplessa circa la sua per cosi dire giustificazione piu che linguistica spiegazione di fine settimana. Un prestito da una lingua straniera come l inglese - e lei nel rafforzare la sua teoria pone esempi che piuttosto la indeboliscono - prevede correntemente l uso del vocabolo straniero mantenuto nrlla sua dizione d origine, quindi green, week end,ecc. Mentre rendere la concordanza al maschile nel sintagma fine settimana e' puramente un errore nonostante la inconscia ASSOCIAZIONE non prestito che il parlante effettua nell uso di tale espressione.Cordiita
daniela sorrentino

Carlotta • lug 28, 2011

Gentile Dani,
Mi piacerebbe capire il suo punto di vista, cosa che non mi è stata possibile in queste righe che ha scritto (se utilizzasse gli accenti, gli apostrofi e la punteggiatura corretta, sarebbe molto più facile comprenderla).


Mi sembra di capire che siamo d'accordo su una cosa, però: parole straniere come green, week end, ecc. sono ormai entrate a far parte della lingua italiana a tutti gli effetti.


Per favore, mi spieghi la seconda parte del suo messaggio. Tenga presente, però, che dire IL fine settimana al maschile NON è un errore. L'errore è LA fine settimana al femminile, che, per quanto semanticamente corretto, non si utilizza più nel parlato (e nemmeno nello scritto).


Saluti.

🌸 mussa • set 28, 2020

sono straniero e preferisco dire; un weekend,
cosa ne pensate?

🌸 Carlotta • ott 5, 2020

Anche io dico spesso weekend… credo sia perfetto! 🙌🏻

michele • nov 24, 2011

A mio modesto parere si usa il maschile perchè fine è inteso come "finale". a maggior ragione "lieto fine" = "lieto finale"ciao a tutti

Giuseppe • nov 3, 2012

Ottima discussione, grazie a tutti. Devo confessare che 'ad orecchio' mi suona piu' giusto dire 'buon fine settimana' piuttosto che 'buona fine settimana' ma trovo che questo modo di parlare sia scorretto, anche se spiegato come fa l'Accademia della Crusca con una presunta 'attrazione' nei confronti dell'inglese 'weekend'. Attrazione che peraltro non capisco visto che in inglese l'articolo sia determinativo che indeterminativo non cambiano con il genere della parola. In ogni modo, temo che gli sforzi di Doriana e miei non sortiranno altro effetto che farci passare per bislacchi visto che alla fine dei conti una lingua vive del suo parlato e non dell'applicazione corretta delle regole. L'italiano poi sembra costruito piu' sulle eccezioni che sulle regole! In ogni modo, adesso potro' sbagliare a modo mio in piena consapevolezza. Grazie a tutti.

Maurilio • mag 11, 2013

Non penso che dopo aver scritto in un' italiano eccellente si possa pensare d'uno che sia straniero solo perché ti augura una buona fine settimana. Tutto é normale ció che é collettivo. Dobbiamo a parer mio distinguerci un pó dal " si fà cosí " e vivere di piú queste piccole trasgrezioni. Sono per la buona fine settimana
Ciao

Giuseppe • mar 3, 2019

Mi sembra l'ennesima prova della stupidità italiana che scimmiotta le lingue straniere con palese ignoranza: end significa "la" fine e non "il" fine che in inglese si dice goal, cioè scopo, obiettivo; allora auguro a tutti coloro che usano "il fine settimana" buon obiettivo settimana

🌸 Carlotta • mar 3, 2019

Ciao Giuseppe, sono Carlotta, autrice dell’articolo. Come avrai notato, non ho mai risposto ai commenti a questo articolo perché credo sia già spiegato benissimo.

La tua sgarbatezza però, richiede una piccola spiegazione. Prima di tutto, sono trilingue, inglese. Italiano, spagnolo (e parlo anche francese con fluidità e capisco un bel po’ di finlandese): credimi che non sciommiotto nessuna delle tre lingue con ignoranza. Semmai le padroneggio tutte con estrema attenzione ai dettagli, da amante delle lingue quali sono.

Secondo, carissimo, la scelta di dire buona fine settimana (perché IL fine significa goal) è tua: ma allora magari vorrai dire anche LA computer perché computer in italiano è macchina. E comunque non ti biasimerei: in fondo io sono partidiaria del rendere le lingue il più versatile possibile e di mettirci un po’ di nostra personalità in ognuna.

Ciao!

Federica • mar 20, 2019

Ciao Carlotta,
Sai che da italiana madrelingua non avevo mai notato nè tanto meno riflettuto sul perché si dica ‘il fine settimana!’.
Grazie per questa riflessione .
Io insegno italiano in Australia e spesso i miei studenti mi fanno riflettere su alcune irregolarità della nostra lingua!
Più insegno e più mi rendo conto di quanto sia complessa la nostra lingua!!!
Ciao,
Federica

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!