La Tela di Carlotta

"Il mio diritto di morire a 29 anni"

ott 24, 2014

Questo Venerdì dal Mondo è un po' triste, perché certe giornate vanno così. Incappo in storie di vita vissuta che mi lasciano un segno perché le persone sono lo spettacolo più disarmante che la vita ci possa offrire. A volte la marca è di felicità e a volte, come oggi, di lieve tristezza. E avevo voglia di condividerle.

La storia di Brittany Maynard mi ha commossa fino alle lacrime. Ma non tanto perché a 29 anni (la mia età), appena sposata, le è stato diagnosticato un gioblastoma, la più aggressiva e letale forma di tumore cerebrale, che le lascia sei mesi di vita.

Nemmeno perché ha scelto di trasferirsi in Oregon, uno dei cinque stati americani che permettono ai pazienti di morire con dignità, ovvero decidere quando e come. Il suo dottore le ha prescritto una pastiglia che porrà fine alla sua vita senza dolore né lotta.

"Nel mio corpo, non c'è un sola cellula suicida o che voglia morire. Voglio vivere. Magari esistesse una cura per questa malattia, ma non esiste" dice in un'intervista. "Ho parlato con molti esperti su come morirei di questo tumore ed è una maniera di morire orribile, davvero orribile. Poter decidere di morire con dignità mi spaventa meno… Per mia madre è difficile e anche per mio marito, ma mi sostengono perché c'erano loro in quelle stanze d'ospedale quando mi spiegavano che cosa mi succederà".

Ma più perché il suo tempo sta scadendo. Le hanno dato sei mesi di vita, sei mesi fa.

Brittany ha programmato di morire questo 1º di novembre nella sua stanza, con sua madre, il suo patrigno, suo marito e la sua migliore amica. Tra 8 giorni.

Questo sì, mi smuove. Si leggono spesso storie di questo tipo, il mondo ne è pieno purtroppo, ma normalmente si leggono a posteriori.

Il pensiero che proprio ora, dall'altra parte del mondo, questa ragazza della mia età, che sei mesi fa si è sposata sognando di avere presto un figlio, stia aspettando di morire tra 8 giorni…

Il pensiero, da futura madre, che mia figlia un giorno possa sedersi con me e aspettare di morire…

Non so esattamente come finire queste frasi né questo post.

Vi lascio con il suo video.


{:}

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

La missione de La Tela è accompagnare papà e mamme nel viaggio della genitorialità e dare opportunità a genitori di talento di condividerlo nello Shop.

Nella mia newsletter ti racconto (circa una volta al mese, ma soprattutto quando mi sento ispirata) aneddoti e progetti personali e pensieri a random – nelle precedenti ho parlato del dolore due bambini, del mascherare le nostre emozioni di adulti, di come continueremo a viaggiare questa estate…

Ciao! Ti va di conoscere i miei progetti futuri e la mia ragnatela di pensieri?
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!