Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

La storia del mio parto express

7 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Da prima a dopo in quattro ore. Sì, la foto della pancia l’abbiamo fatta già a contrazioni iniziate.

Avete presente i parti dei film, la corsa in ospedale e immediatamente la mamma stringe suo figlio tra le braccia? Il mio parto è stato più o meno così — e a prova del fatto che non tutti i parti sono esperienze terribili— ve lo racconto.

La mia data prevista era mercoledì 18 marzo, ma io ho sempre sentito che Oliver sarebbe arrivato prima. Anche perché dalla settimana 37 non facevo altro che ripetergli quanto amore, luce e molto più spazio ci fosse qui fuori… e lui è un bimbo intelligente 😉

Il martedì della settimana prima sembrava stesse iniziando. Avevo ormai le contrazioni di Braxton Hicks da mesi, ma queste erano diverse e accompagnate da quello che descriverei come un bruciore forte all’inguine che mi faceva sobbalzare dal divano. Dopo un paio d’ore, però, era chiaro che se qualcosa stava per iniziare, era solo un’altra notte scomoda e semi insonne.

Eppure continuavo a sentire che la scimmietta sarebbe arrivata prima. Avevo ragione.

È domenica 15 marzo

Sono le 4:30 del mattino.

Puntuale come un orologio svizzero, mi sveglio per andare in bagno e iniziare la parte insonne della notte. Ma questa volta non si tratta solo di pipì — hurray! — bensì di quello che all’inglese chiamiamo “Number 2” e che mi tiene sulla tavoletta fino alle 5:30! È allora che inizio a sentire un dolore simile a martedì sera, ma leggermente più intenso. Voglio rimettermi a dormire, ma il dolore non mi lascia in pace e decido di svegliare Alex. Visto che nessuno dei due riesce a dormire — fantasticando sul fatto che potrebbe finalmente essere arrivato il momento — decidiamo di fare la nostra solita colazione, omelette con prosciutto e formaggio. Pessima decisione, visto che l’avrei rivista poche ore dopo nel lavandino 😉

Sono le 6:15.

Improvisamente, il dolore si acuisce. Questa volta sembra diverso, ma visto che non ho idea di che tipo di dolore aspettarmi e so che possono passare ore prima di avere una contrazione di un minuto ogni tre minuti (che è quando “possiamo” andare in ospedale), mi rilasso e faccio finta di niente.

Sono quasi le 7:00.

Alex, studente provetto del corso di preparazione al parto, cronometra tutto con l’attenzione di un giudice di gara. Le contrazioni sono ancora irregolari, ogni 15 minuti, ogni 10… Ma sono ormai convinta che non si tratti di un falso allarme e decido di chiamare mia madre — che avrebbe poi fatto la pazzia di prendere un last minute in prima classe (!) per arrivare il giorno stesso.

Sono le 7:30 su per giù.

Le contrazioni iniziano a stabilizzarsi, sono ogni 8-10 minuti e durano esattamente un minuto — incredibile il corpo umano, Alex mi faceva il conto alla rovescia e a zero la contrazione finiva. Ma ora qualcosa di strano inizia ad accadere, qualcosa che al corso non ci avevano detto. La pausa tra una contrazione e l’altra diventa sempre più breve in breve tempo. Nel giro di tre quarti d’ora, ho una contrazione ogni 6 minuti e poi ogni 5 e poi ogni 4.

Sono le 8:30.

Un allarmato, ma sempre contenuto Alex mi dice che non gli sembra normale che le contrazioni siano già così vicine. Ovviamente, il dolore era forte, ma la paura di arrivare in ospedale ancora non dilatata e dover aspettare ore e ore e ore con altre sconosciute dolenti era ancora più forte. Gli ripeto che voglio aspettare che le contrazioni siano ogni tre minuti, ma alla contrazione successiva, Alex si impunta e mi “ordina” di vestirmi per andare all’ospedale.

Sono le 8:50.

Dopo un viaggio in macchina tra i più dolorosi della storia dell’universo, arriviamo in ospedale.

Sono le 9:05.

Un’ostetrica dolcissima e carinissima mi porta a braccetto al monitor, dove mi lascia per due minuti prima di dirmi con un sorriso che passiamo alla sala parto per visitarmi. E qui arriva la sorpresa. Sono già di 9cm e l’ostetrica si congratula per l’enorme controllo mentale e fisico — tra una contrazione e l’altra riesco a dare ad Alex uno sguardo di sorpresa misto a soddisfazione. E in men che non si dica — sono le 9:30 — arriva il momento, posso iniziare a spingere!

Sono le 10:00 in punto.

Ok, ciò che va detto va detto, a questo dolore non ero affatto preparata! Dai racconti delle mie amiche, pensavo che le contrazioni fossero il momento più doloroso… ahah, magari! Spingerlo fuori è la parte terrificante! Ma anche qui sono stata fortunata perché dopo solo mezz’ora di grida disumane — Alex non smette di farmi aria con il ventaglio cercando di trattenere le lacrime — 10 minuti dopo che si rompessero le acque e 5 minuti dopo aver gridato ad Alex “I can’t, I can’t, I can’t” con occhi pieni di terrore, vedo volare fuori da me un esserino tutto bianco che fa un gridino e poi si addormenta su di me ancora tutto sporco e con addosso il buffo cappellino dell’ospedale (che dall’Italia hanno detto sembrare della Lega ;-).

E così, 4 ore dalla prima contrazione, dopo almeno 1 e mezza di dolore insopportabile (dicono che i parti express, o precipitati, siano molto più dolorosi), questo piccolino che ora dorme nell’altra stanza era finalmente con noi.

Come è stato il tuo parto? Me lo racconti in un commento? 


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Veronica “veramenteveronica” Alberti - febbraio 23, 2016

    il mio primo parto è stato abbastanza veloce ma lunga la preparazione prima…… ricovero per diabete e parto indotto a 37 settimane….però il suo primo sguardo non potrò mai scordarlo..( dopo di lui ho detto a mio marito che non ne avrei fatti altri!!!!!sono 5)
    il secondo è stato veloce più del tuo… in un’ora e mezza la mia pargoletta era con me rotte le acque appena arrivata in ospedale e eccoci genitori per la seconda volta.
    la terza …. avevo una gamba ingessata e dopo che mi hanno rotto le acque in mezz’ora è nata( in medicheria e non in sala parto).
    la quarta …. velocissima …dalla macchina alla sala parto….. in mezz’ora…….. fantastico..
    la quinta era legata con il cordone ombellicale e ho faticato un po a farla nascere ma come parto è stato veloce un po faticoso perchè ho dovuto spingere molto ma per il resto è stato fantastico.
    come hai detto tu la parte più dolorosa del parto ma anche bellissima ….è l’espulsione..che per me ha un fascino e un significato splendido ma è dolorosa .
    cioa veronica

    • Ciao Veronica, grazie per il tuo commento e per condividere le tue bellissime esperienze con me 🙂 Non ci credo che dopo il primo hai detto che non ne avresti fatti altri… ultime parole famose!

      Con cinque bimbi posso solo immaginare quante altre avventure hai da raccontare! Se ti va di condividere un pezzetto di questa tua meravigliosa pazzia, potresti partecipare a Team Mama, una rubrica qui sul blog dove parlano le mamme!

      Un abbraccio 🙂

      • Veronica “veramenteveronica” Alberti - febbraio 27, 2016

        grazie Carlotta , eh si sono state le ultime parole famose…!!!!! ildolore lapaura fa dire cose senza senso !!!!!
        comunque ti ringrazio per l’opportunità di partecipare allatua rubrica fammi sapere
        buona serata

  2. Amche io in 4 ore velocissimo e l’ultima ora e mezzo “da paura” per contrazioni fortissime!e che dolore a spingere!ma poi passa tutto!un abbraccio forte.

    • Carlotta - maggio 9, 2016

      Giulia, il dolore immenso dell’ultima mezz’ora non lo scorderò mai (non è vero che si dimentica!!!). Ma d’altronde è il prezzo che noi fortunelle che partoriamo in quattro ore dobbiamo pagare… non possiamo lamentarci 😉 Grazie per il tutto commento 🌸

  3. Il mio parto non è stato per niente espresso…. indotto perché fuori di due settimane (il secondo ci penserò mooolto bene se fare un’altra evt induZione) a partire dal 1 step fettuccia (male cane a metterla e un giorno e mezzo di contrazione dolorose e per me del tutto inefficaci) il lunedi di pasquetta di due.anni fa, e proseguito con il gel per un altra giornata quasi, arrivato ad un passo dal cesareo perché mi dilatavo moolto lentamente e poi la notte tra martedi e mercoledì rompo le acque e dopo tre dosi di epidurali per poter riposare un po’ (dopo due notti insonni) Francesco è nato il mercoledì alle 17.15! Le.contrazioni di due gg e mezzo sono state seguite da 1h mezzo di spinte, credevo di morire, e come chissà quante madri ho implorato che me lo tirassero fuori perché io non ce la facevo più… e così è nato, mentre io arsa dalla sete (nonostante mio marito mi abbeverasse in continuazione) ho spinto come una dannata nella.posizione ginecologica in cui mai avrei giurato di partorire! Un parto veramente faticoso ma, nonostante tutto, evitato il cesareo d urgenza in cui diverse amiche sono dovute incorrere, ho vissuto un’esperienza che mi ha reso forte, fiduciosa e pronta a tutto per il frutto di tanto impegno!! Evviva la forza incredibile che ha in dote ogni donna!

    • Oh mamma mia, Sara, che parto difficile! È proprio vero che ogni donna è un mondo! Io sono stata super fortunata sia con Oliver che con Emily (anzi, con Emily è stato ancora più veloce e meno doloroso!). Ma è bello che tu riesca, nonostante tutto, a ricordare il lato positivo, ovvero che riuscita ad evitare il cesareo d’urgenza, tante donne dovrebbero imparare da te! Un abbraccio


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.