Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Il modo migliore per rimanere incinta (o no)

Lasciami un commento
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Foto: heatherelizabethstudios.com

Questo è un post un po’ insolito e straordinariamente lungo, ma mooolto informativo se stai cercando un figlio!

L’altro giorno parlavo con un’amica che mi diceva di voler iniziare a cercare un figlio l’estate prossima. Se c’è una cosa che ho imparato dalla mia esperienza, è che questa è una di quelle cose non si possono programmare. Chi rimane incinta al primo colpo è l’eccezione. Chi programma di rimanere incinta in estate e ci riesce è l’eccezione.

Le ho detto che se fossi in lei inizierei a studiare il proprio corpo con un semplicissimo strumento: la temperatura basale, che a me ha aiutato moltissimo. E visto che lei non ne aveva mai sentito parlare, ho pensato che forse non era l’unica. Ma iniziamo dall’inizio.  


 Quando io e Alex abbiamo finalmente deciso di cercare un figlio, il mio orologio biologico ticchettava ormai da un buon anno e mezzo (se non di più). Ogni cellula del mio corpo voleva essere mamma

Ad aprile del 2013 smisi la pillola. Nonostante la voglia sempre crescente di rimanere finalmente incinta, avevamo deciso di prenderla easy-going e alla romantica: sapevamo che poteva esserci un tempo di adattamento del corpo e per questo all’inizio rimanere incinta era solo qualcosa che “può succedere”. Ma comunque emozionante!

Dopo otto mesi di silenziosa speranza, al mio compleanno a novembre il ciclo arrivò puntuale come sempre. Fu allora che decisi di cominciare a leggiucchiare su “come” rimanere incinta, le migliori posizioni (credo che tutte passiamo di qui) e i giorni più fertili (che le mie applicazioni per iPhone mi dicevano essere circa a metà tra una mestruazione e l’altra).

Ciò che scoprii era ben diverso da ciò che sapevo e da quello che mi dicevano le mie applicazioni (a riprova del fatto che il nostro corpo è lo strumento migliore!).  

Abbiamo solo 24 ore al mese per rimanere incinta!

Ok, non è proprio così, ma quasi. 

Ogni mese, noi donne siamo fertili per poco meno di una settimana, il giorno dell’ovulazione e qualche giorno prima: lo sperma sopravvive nel corpo femminile per circa 5 giorni e se è ancora vivo e attivo quando l’ovulo viene prodotto, è possibile che lo fecondi. Solo 5 giorni al mese. 

In realtà, però, in un mese c’è un solo giorno (uno solo!) in cui la probabilità di rimanere incinta è alta. È il giorno dell’ovulazione, quando un solo ovulo (uno solo! due in rari casi) viene prodotto e sopravvive per 24 ore.

Insomma, se la matematica non è un’opinione, a me sembra che (con tutto il rispetto per gli spermatozoi — o the swimmers, come li chiama Alex — e la loro capacità di sopravvivere per 5 giorni) abbiamo davvero una minuscola finestra di 24 ore al mese per rimanere incinta. 

Fu allora che capì che il romanticismo non ci avrebbe portati lontani. Era ora di dare il benvenuto alla scienza.

La temperatura basale (BBT, Body Basal Temperature)

Dopo un’estesa ricerca, ho deciso di non usare nessun test d’ovulazione né alcun prodotto farmaceutico. Ho deciso, invece, di usare lo strumento più affidabile: il mio corpo, o più precisamente la sua temperatura basale, senza dubbio il metodo migliore per rimanere incinta.

Che cos’è la temperatura basale? 

La temperatura basale è la temperatura corporea più bassa in un periodo di 24 ore. Ovvero è la prima temperatura del mattino, quando siamo completamente a riposo.

L’unica cosa che è raccomandabile comprare è un termometro basale, che non è altro che un termometro più preciso che mostra due cifre dopo la virgola. Io ho comprato questo e mi sono trovata benissimo (include un grafico cartaceo da compilare).

Termometro basale BabyMad.

Come si prende la temperatura basale?

Il metodo più efficace è quello vaginale, ma per me prenderla via bocca (sotto la lingua) ha funzionato perfettamente. L’importante è prenderla ogni mattina appena svegli — ancora prima di alzarsi o anche solo di parlare — sempre più o meno alla stessa ora e dopo almeno 5 ore continuative di sonno. Tutto qui!   

E come ricordo tutte le temperature?

Certamente non a memoria, ma appuntandole su un grafico (questo è importantissimo e tra poco vedremo perché). Io usavo un’applicazione per iPhone che si chiama Glow: è fatta apposta per il concepimento, ha un bel design ed è funzionale ed intuitiva (che compensa il problema di essere solo in inglese).

Un’altra app molto in voga in Italia, mi dice la mia amica Michela, è Fertility Friend (anche questa solo in inglese), da cui ho preso il grafico che vedete sotto. In alternativa, i meno tecnologici, possono anche usare un semplice grafico cartaceo come questo.

Dopo un paio di mesi comparando i grafici della temperatura basale, sapevo esattamente quanti giorni passavano dal ciclo all’ovulazione e dall’ovulazione al ciclo successivo, in quale giorno del mese ovulavo e quando era ora di mettersi all’opera (del tipo “dai che è ora!” ;-).  

D’accordo, ma come so che l’ovulazione è avvenuta?

L’ovulazione avviene il giorno prima dell’aumento a picco della temperatura.

Questa è la parte che richiede un minimo di studio. In brevissimo, dal primo giorno delle mestruazioni fino al giorno dell’ovulazione (fase follicolare), la temperatura è relativamente bassa e oscilla normalmente tra i 36,2 e i 36,5 gradi (ovviamente varia da donna a donna). 

Il giorno prima dell’ovulazione, per alcune donne (compresa la sottoscritta) la temperatura si abbassa ulteriormente, fino a raggiungere il punto più basso del grafico mensile.  

Il giorno dopo l’ovulazione, un cambiamento ormonale (con la produzione di progesterone) causa un aumento della temperatura basale di qualche decimo di grado, chiaramente visibile sul grafico sottostante. La mia temperatura raggiungeva i 36,8 o 36,9 gradi.

Possono esserci altri aumenti di temperatura nella fase follicolare, ma conta solo quello che va al di sopra della “cover line”, ovvero la media delle misurazioni della fase follicolare (visibile nel grafico come linea rossa tratteggiata orizzontale). La mia variazione di temperatura era sempre molto grande ed evidente, quindi non dovevo preoccuparmi della “cover line”.  

In questo grafico, per esempio, si vede chiaramente che, nonostante ci sia stato un aumento della temperatura il giorno 13, l’ovulazione è avvenuta il giorno 14, subito prima del picco del giorno 15 al di sopra della cover line. La temperatura è poi rimasta alta fino al giorno 27 per poi diminuire notevolmente il giorno 28, giorno in cui è arrivato il ciclo.  

Ma allora, quando la temperatura aumenta è già troppo tardi!

Ebbene sì, l’aumento della temperatura significa che avete ovulato il giorno… prima! Per questo è importantissimo compilare il grafico tutte le mattine per un paio di mesi prima di poter conoscere il proprio ciclo e sapere il giorno esatto in cui avviene l’ovulazione. 

Ripeto, l’ovulazione avviene nell’ultimo giorno di temperatura bassa, prima che la temperatura aumenti al di sopra della “cover line”.

Ok, quindi la temperatura si alza dopo l’ovulazione. E poi?

Dopo l’ovulazione, la temperatura rimarrà alta per 10-16 giorni (fase lutea). Il primo giorno di mestruazioni (per me avveniva sempre il giorno stesso, ma è possibile anche un paio di giorni prima), un calo dei livelli di progesterone causerà un notevole abbassamento della temperatura, che durerà fino alla successiva ovulazione. 

Se sei incinta, invece, la temperatura rimarrà elevata… per 9 mesi! 🙂

Un figlio non lo si può programmare!

A meno che tu non sia un’eccezione alla regola, non puoi programmare un figlio.

Io sono rimasta incinta a giugno del 2014 — altri sette mesi dopo gli otto iniziali — e devo ammettere che gli ultimi mesi non sono stati facili a livello di umore. La speranza è l’ultima a morire, ma l’attesa ti esaurisce poco a poco.

Quindi se stai pensando di iniziare presto a cercare un figlio, inizia con il conoscere il tuo corpo e studiarne la temperatura basale. A meno che non ci siano problemi di altra natura, ti risparmierai un sacco di tempo!  

Temperatura basale come contraccettivo 

Tutto questo mi ha insegnato un’altra cosa importante: se il mio corpo sa dirmi esattamente quando avviene l’ovulazione e conosco bene il mio ciclo, la temperatura basale può anche essere un metodo contraccettivo.

Quando nascerà la scimmietta, con Alex abbiamo deciso che continueremo ad usare questo metodo al contrario, ovvero per non avere figli. Basta pillole, anelli, farmaci vari… una schifezza in meno a contaminare il corpo.   


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →



Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.


The latest from Instagram

  • I've been wanting to publish this post for a while, because practising mindfulness has helped me soooo much in my relationship with Oliver and Emily. And it's never too late to start! Link in bio
🙏🏻
Llevo tiempo queriendo publicar este post, porque practicar el mindfulness me ha ayudado muchísimo en mi relación con Oliver y Emily. Y nunca es demasiado tarde para empezar! Link en bio
🙏🏻
È da un po' che volevo pubblicare questo post, perché praticare il mindfulness mi ha aiutato molto nella mia relazione con Oliver ed Emily. E non è mai troppo tardi per iniziare! Link in bio
#mindfulness #beingmindful #motherhood #mindfulmum #mindfulparenting
  • This one ❤️
  • Felt good last night to dress up and spend a night or with friends at the opening of the Festival Cine Marbella in Puerto Banus. It had been way too long since I last put makeup on! Thanks @mebebrown for the invite
💄💅🏼
Qué bien anoche arreglarse y salir con amigos a la inauguración del primer Festival del cine de Marbella en Puerto Banus. Hacía siglos que no me maquillaba! 👗👠
Che bello ieri sera preparasi e uscire con amici all'inaugurazione del primo Festival del cinema di Marbella a Puerto Banus. Erano secoli che non mi truccavo! 
#festivalcinemarbella #directorphilippemartinez #viktor #gerarddepardieu #elizabethhurley
  • The baby in the mirror is a bit mean 😂 El bebé en el espejo es un poco travieso 😂 Il bebè nello specchio è un po' birichino ❤️
  • Sometimes it's hard to admit (even to yourself) that the way you're living is not good for you. When you do, though, that's when you're ready for a change! On the blog, a personal note on priorities.
💪🏻
A veces es difícil admitir (incluso a ti mismo) que como estás viviendo no es bueno para ti. Cuando lo hagas, significa que estás listo para un cambio! En el blog, una nota personal sobre las prioridades. 👏🏻
A volte è difficile ammettere (anche a te stesso) che quello che come stai vivendo non ti fa bene. Quando lo fai, significa che sei pronto per un cambiamento! Sul blog, una nota personale sulle priorità.
  • SO on Sunday Emily decided that at 5 months she was ready to sit up. She tried until she could, and now she masters it. Somebody is stubborn like mummy.
💪🏻
El domingo Emily decidió que con 5 meses estaba lista para sentarse. Así que lo intentó hasta que lo consiguió y ahora lo hace perfecto. Alguien es tan cabezona como mamá.
💪🏻
Domenica Emily ha deciso che a 5 mesi era pronta per sedersi. Quindi ci ha provato finché non ci è riuscita e ora lo fa alla perfezione. Qualcuno qui è testona come mamma.
  • I usually don't regram but this video is just TOO CUTE! ❤️ Thanks @brappies and @mebebrown for a fun experience and a great memory ⚽️☀️👶🏼
  • Lately Oliver hasn't been very cuddly (especially with me because he's in "daddy" mode!), and although it makes me very emotional, it also makes me appreciate a lot more rare moments of love like this. ❤️
Ultimamente Oliver no ha sido muy cariñoso (especialmente conmigo porque está en fase "papá"), y aunque me haga sentir muy triste, por otro lado me hace valorar mucho más raros momentos de amor come este. ❤️
Ultimamente Oliver non è stato molto coccolone (specialmente con me perché è in piena fase "papà"), e nonostante mi faccia sentire triste, mi fa anche apprezzare molto di più rari momenti di amore come questo. 
#babiesgrowingup #motherhood #howdoistoptime
  • This morning, for some reason, Oliver really wanted to go see horses. He even had already jumped into his pram and was waiting (to go where, no idea!). And then, miraculously, the horses came to us! 😂 The Féria is close... 🐴🐴🐴🐴
Esta mañana, no sé porque, Oliver quería ir a ver caballos. Hasta se había subido en su carrito y esta a esperando (de ir donde, no sé!). Y luego, por milagro, los caballos llegaron a nosotros! 😂 La Feria se acerca...
🐴🐴🐴🐴
Questa mattina, non so perché, Oliver voleva vedere cavalli. Era perfino già salito sul suo passeggino e stava aspettando (di andare dove, non so!). E poi, come per miracolo, i cavalli sono venuti da noi! 😂 La Feria si avvicina...
#romeria #sanbernabe #feria #marbella #patron #notlookingforwardtoit
Seguimi su Instagram

Questo è tutto, amici!

Grazie per il tuo tempo.

Stay hungry, stay foolish.

Felice .

Carlotta