La Tela di Carlotta
it en es

Il nostro primo giorno di autosvezzamento (e uno spavento)

giu 23, 2016

Oggi voglio raccontarti del nostro primo giorno di autosvezzamento, perché una cosa è leggerlo nei libri, un’altra è iniziare a metterlo in pratica con un bebè di sei mesi. Fa un po’ paura, lo ammetto, ma è anche emozionante allo stesso tempo pensare che fin da piccolo Oliver imparerà a riconoscere il cibo nella sua forma vera, non solo passato.

Noi abbiamo deciso di fare tutto alla lettere—avevamo letto questo libro meraviglioso (in inglese) prima di iniziare—e così abbiamo iniziato a proporre cibi solidi ad Oliver solo a sei mesi, prima ha mangiato solo ed esclusivamente latte materno.

Il nostro primo giorno, il menù offriva carote cotte e crude, broccoli, zucchini e pollo. Presto siamo diventati più avventurosi, ma per i primi giorni abbiamo optato per cibi semplici per vedere come Oliver avrebbe reagito a questa nuova esperienza.

Devo ammettere che non è stato tutto rose e fiori, come pensavamo. Oliver non voleva stare seduto a lungo sul seggiolone, non mangiava quasi niente nei primi mesi, portava il cibo alla bocca, faceva delle facce disgustate e lo buttava per terra. In poche parole, tutto finiva per terra (per la gioia di Colbie)!

Eccetto un pezzo di broccoli che… gli è “quasi” andato di traverso (non è vero, ma a me sembrava fosse così)! Ce l’ho addirittura su video, fino al momento in cui ho deciso di smettere di registrare e prepararmi ad aiutarlo… Ma non ce n’è stato bisogno, non l’ho nemmeno toccato e Oliver ha risolto il problema da solo, in maniera molto naturale: l’ha sputato e poi ne ha preso un altro pezzo e ha cominciato a ciucciare anche quello per poi buttarlo via! 😅

Ci tengo a raccontartelo, perché so bene che il primo istinto è quello di aiutare, ma credo sia importante dare al bambino l’opportunità di fare da solo, in modo che l’esperienza sia positiva, non rovinata dalla nostra apprensione.

A me ha sempre aiutato ricordare che i bambini hanno il riflesso di rigurgito sulla parte anteriore della lingua, per questo danno segni di rigurgito quando il cibo è ancora sulla punta della lingua (ma in realtà non c’è pericolo di soffocamento). È importante lasciare loro sufficiente tempo per risolvere la situazione da sé e vedere con i nostri occhi che non c’è rischio: mettiti un sorriso sulle labbra e sforzati a lasciarlo risolvere il problema da solo. È così che imparano e lo fanno davvero in fretta!

Un’ultima cosa: se stai per iniziare questa avventura con il tuo bebè, ti consiglio un corso di primo soccorso. Io l’ho trovato estremamente utile e, tra le altre cose interessanti, ho scoperto qualcosa di inaspettato: quando il bimbo sembra stare soffocando, non bisogna dargli i classici colpetti sulla schiena; bisogna prenderlo in braccio e metterlo in posizione parallela al pavimento, con la bocca rivolta verso il basso. A noi è successo solo due volte e questa manovra è stata sufficiente a risolvere il problema senza ulteriore assistenza.

L’autosvezzamento è un metodo bellissimo per introdurre i cibi solidi nella dieta del tuo bimbo ed è meravigliosamente incredibile come imparino a mangiare e ad apprezzare qualsiasi cibo. E anche quando ci mettono un po’ di più a sviluppare un’abitudine alimentare consistente (come Oliver, che per vari mesi dopo aver iniziato continuava a mangiare più latte che cibo), funziona, il tuo bimbo si abituerà a stare seduto per periodi di tempo sempre più lunghi e presto si godrà (e ti farà godere) un pasto completo. Quindi non demoralizzarti e vedrai che sarai ripagata!

Oggi Oliver (15 mesi) mangia benissimo e ha appena iniziato a mangiare con la forchetta cibi semplici come verdura, uova strapazzate e pasta. Ti lascio con una foto di questa mattina mentre si mangiava le uova strapazzate seduto a tavola come un bimbo grande :-)

Qui sotto troverai più post sull’autosvezzamento. Spero ti siano utili!

Commenti

Silvia • ott 21, 2016

Sto leggendo il libro di Piermarini e sto valutando se intraprendere la strada dell'autosvezzamento col mio Alex di 3 mesi e mezzo. Vorrei davvero farlo, ma ho timore che, quando avrà 8 mesi e dovrà andare al nido, non ci sarà più la tetta di mamma tutto il giorno. Non so quanto l'as sia compatibile col nido...
Ciao Carlotta e buona continuazione di gravidanza!
Silvia

🌸 Carlotta • ott 25, 2016

Ciao Silvia e grazie per il tuo commento. Guarda, su questo ti posso solo dire di seguire il tuo istinto. Io, personalmente, anche sapendo di dover mandare Oliver al nido (cosa che io non ho fatto) avrei scelto lo stesso l'autosvezzamento perché credo che abbia un valore aggiunto oltre all'indipendenza che dà al bambino: aiuta a conoscere il vero gusto dei cibi e sviluppare anche il proprio gusto personale.

Hai intenzione di tirarti il latte o vuoi smettere di allattare? Forse questa è la domanda più importante nella tua decisione.

Inoltre, leggerai forse che o fai l'autosvezzamento o imbocchi con il cucchiaio (e so che ci sono tante persone che dicono che uno esclude l'altro). Io non la penso così: noi adoriamo i passati di verdura e quando mangiavamo tutti il passato, visto che le capacità motorie di Oliver a 6/7/8 mesi non erano ancora sufficientemente sviluppate per mangiare con il cucchiaio, lo imboccavo. Questo non ha mai interferito con la sua curiosità di mettersi in bocca un cibo per esplorarlo o con la sua voglia di giocare con il cibo (che è la cosa più importante all'inizio).

Fossi in te ci proverei. Quanto tempo starà al nido? Potresti iniziare a casa puntuale ai sei mesi, e poi quando andrà al nido e suppongo che lo imboccheranno, potresti spiegare loro che può darsi che cercherà di prendere il cibo con le mani e di lasciarglielo fare (o di dargli un cucchiaio in modo che possa "giocare" e sentirsi autonomo mentre lo imboccano). E a colazione e cena continui con l'autosvezzamento e con la tetta.

Mi spiace non poterti essere molto d'aiuto, ma credo sia una scelta molto personale. Un abbraccio 🌸

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Penso che questi ti piaceranno

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
1
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
2
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.
Arriva a breve!

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
I "bravo" che intaccano l'autostima dei nostri figli
Il nostro compleanno Montessori
Come rendere una camera più Montessori (la cameretta creata da Deborah)
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

ott 16, 2020 • 19m
La nostra routine con i bimbi
Mi chiedete spessissimo quale sia la nostra routine a casa con i bimbi e in questo episodio vi svelo che noi, una routine vera e propria, non ce l'abbiamo. Abbiamo una routine minima e indispensabile, che è un concetto che mi sono totalmente inventata su due piedi mentre parlavo a briglia sciolta in questo episodio, ma che credo funzioni davvero. Almeno per noi. La routine minima e indispensabile, secondo me, risponde anche a un altro "problema": trovo che ci bombardino spesso con l'idea del...
11
ott 9, 2020 • 24m
Sostenibilità: come sensibilizzare i bambini e i giovani adulti | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
10
ott 2, 2020 • 24m
Intraprendere un viaggio nella sostenibilità | Con Cristiana Cerri Gambarelli
In questa puntata a due voci di Educare con Calma – divisa a metà perché amo gli episodi corti - parliamo di sostenibilità e per farlo ho invitato mia sorella, Cristiana Cerri Gambarelli, project manager della Federazione dei Giovani Verdi Europei e un esempio per chiunque voglia intraprendere un viaggio nella sostenibilità: negli ultimi ha cambiato tutta la sua vita per ridurre la sua impronta di carbonio e per prendere ogni giorno decisioni più sostenibili per il nostro pianeta e in questa ...
9

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!