Lifestyle blog di Carlotta Cerri
ItalianoEnglishEspañol

Il nostro primo giorno di autosvezzamento (e il primo spavento)

2 commenti
Aiutami a crescere
ItalianoEnglishEspañol

Oggi voglio raccontarti del nostro primo giorno di autosvezzamento, perché una cosa è leggerlo nei libri, un’altra è iniziare a metterlo in pratica con un bebè di sei mesi. Fa un po’ paura, lo ammetto, ma è anche emozionante allo stesso tempo pensare che fin da piccolo Oliver imparerà a riconoscere il cibo nella sua forma vera, non solo passato.

Noi abbiamo deciso di fare tutto alla lettere—avevamo letto questo libro meraviglioso (in inglese) prima di iniziare—e così abbiamo iniziato a proporre cibi solidi ad Oliver solo a sei mesi, prima ha mangiato solo ed esclusivamente latte materno.

Il nostro primo giorno, il menù offriva carote cotte e crude, broccoli, zucchini e pollo. Presto siamo diventati più avventurosi e abbiamo iniziato a dargli tutto ciò che mangiavamo noi (incluso passati con il cucchiaino, perché io li adoro in inverno), ma per i primi giorni abbiamo optato per cibi semplici per vedere come Oliver avrebbe reagito a questa nuova esperienza.

Devo ammettere che non è stato tutto rose e fiori, come pensavamo. Oliver non voleva stare seduto a lungo sul seggiolone, non mangiava quasi niente nei primi mesi, portava il cibo alla bocca, faceva delle facce disgustate e lo buttava per terra. In poche parole, tutto finiva per terra (per la gioia di Colbie)!

Eccetto un pezzo di broccoli che… gli è quasi andato di traverso! Proprio così, il primo giorno! L’abbiamo su video, fino al momento in cui abbiamo deciso di smettere di registrare e prepararci ad aiutarlo. Ma non ce n’è stato bisogno, non l’abbiamo nemmeno toccato e Oliver ha risolto il problema da solo!

Ecco il video; quando vedete tutto nero è quando abbiamo iniziato a preoccuparci un po’ 😉

Ci tengo a raccontartelo perché so bene che il primo istinto è quello di aiutare tuo figlio, ma bisogna resistere alla tentazione.

Anche quando sembra che stiano soffocando, è molto probabile che vada tutto bene: come dice la “bibbia” dell’autosvezzamento, i bimbi hanno il riflesso di rigurgito sulla parte anteriore sulla lingua, per questo danno segni di soffocamento quando il cibo è ancora sulla punta della lingua (come nel video). È importante lasciare loro sufficiente tempo per risolvere la situazione da sé e capire che non c’è rischio: siediti sulle tue mani, mettiti un sorriso in bocca e lascialo risolvere il problema da solo. È così che imparano e lo fanno davvero in fretta!

Un’ultima cosa: se stai per iniziare questa avventura con il tuo bebè, ti consiglio un corso di primo soccorso. Io l’ho trovato estremamente utile e, tra le altre cose interessanti, ho scoperto qualcosa di inaspettato: quando il bimbo sembra stare soffocando, non bisogna dargli i classici colpetti sulla schiena; bisogna prenderlo in braccio e metterlo in posizione parallela al pavimento, con la bocca rivolta verso il basso. A noi è successo solo due volte, ma questa manovra è stata sufficiente a risolvere il problema senza ulteriore assistenza.

L’autosvezzamento è un metodo bellissimo per introdurre i cibi solidi nella dieta del tuo bimbo ed è meravigliosamente incredibile come imparino a mangiare e ad apprezzare qualsiasi cibo. E anche quando ci mettono un po’ di più a sviluppare un’abitudine alimentare consistente (come Oliver, che per vari mesi dopo aver iniziato continuava a mangiare più latte che cibo), funziona, il tuo bimbo si abituerà a stare seduto per periodi di tempo sempre più lunghi e presto si godrà (e ti farà godere) un pasto completo. Quindi non demoralizzarti e vedrai che sarai ripagata!

Oggi Oliver (15 mesi) mangia benissimo e ha appena iniziato a mangiare con la forchetta cibi semplici come verdura, uova strapazzate e pasta. Ti lascio con una foto di questa mattina mentre si mangiava le uova strapazzate seduto a tavola come un bimbo grande 🙂

Qui sotto troverai più post sull’autosvezzamento. Spero ti piacciano!

Oliver eating eggs with fork at 15 months


Aiutami a crescere

Starter kit block

Vuoi portare Montessori a casa tua?

Io l'ho fatto e posso aiutarti! Questo è il corso pratico che avrei voluto trovare io stessa due anni fa, quando ho dato i primi passi nella filosofia Montessori. Il corso è tutto online, 100% flessibile e ti dà accesso ad una sezione FAQ privata e personalizzata in cui risponderò personalmente a qualsiasi domanda!

E in più costa come un libro!

Voglio sapere di più →


La donna dietro le parole

Sono una trentenne, trilingue, mamma montessori e 88% paleo. Insegnante di lingue per lavoro, blogger e ballerina per passione.

Leggi di più su di me →

Ti è piaciuto? Sei d'accordo? No? Dimmelo in un commento.

Se preferisci, puoi anche mandarmi un tweet o scrivermi in privato.

  1. Sto leggendo il libro di Piermarini e sto valutando se intraprendere la strada dell’autosvezzamento col mio Alex di 3 mesi e mezzo. Vorrei davvero farlo, ma ho timore che, quando avrà 8 mesi e dovrà andare al nido, non ci sarà più la tetta di mamma tutto il giorno. Non so quanto l’as sia compatibile col nido…
    Ciao Carlotta e buona continuazione di gravidanza!
    Silvia

    • Ciao Silvia e grazie per il tuo commento. Guarda, su questo ti posso solo dire di seguire il tuo istinto. Io, personalmente, anche sapendo di dover mandare Oliver al nido (cosa che io non ho fatto) avrei scelto lo stesso l’autosvezzamento perché credo che abbia un valore aggiunto oltre all’indipendenza che dà al bambino: aiuta a conoscere il vero gusto dei cibi e sviluppare anche il proprio gusto personale.

      Hai intenzione di tirarti il latte o vuoi smettere di allattare? Forse questa è la domanda più importante nella tua decisione.

      Inoltre, leggerai forse che o fai l’autosvezzamento o imbocchi con il cucchiaio (e so che ci sono tante persone che dicono che uno esclude l’altro). Io non la penso così: noi adoriamo i passati di verdura e quando mangiavamo tutti il passato, visto che le capacità motorie di Oliver a 6/7/8 mesi non erano ancora sufficientemente sviluppate per mangiare con il cucchiaio, lo imboccavo. Questo non ha mai interferito con la sua curiosità di mettersi in bocca un cibo per esplorarlo o con la sua voglia di giocare con il cibo (che è la cosa più importante all’inizio).

      Fossi in te ci proverei. Quanto tempo starà al nido? Potresti iniziare a casa puntuale ai sei mesi, e poi quando andrà al nido e suppongo che lo imboccheranno, potresti spiegare loro che può darsi che cercherà di prendere il cibo con le mani e di lasciarglielo fare (o di dargli un cucchiaio in modo che possa “giocare” e sentirsi autonomo mentre lo imboccano). E a colazione e cena continui con l’autosvezzamento e con la tetta.

      Mi spiace non poterti essere molto d’aiuto, ma credo sia una scelta molto personale. Un abbraccio 🌸


Vai di fretta?

Iscriviti alla mia newsletter settimanale e riceverai gli ultimi post direttamente in mail. Una mail ogni mercoledì. No spam 🙂


Ti potrebbe anche piacere…

Ho personalmente selezionato questi articoli per te così puoi continuare a leggere.


Articoli famosi…

Questi articoli hanno avuto un sacco di successo. Magari piacciono anche a te.


Ultimi articoli…

Appena pubblicati e pronti per essere letti tutti d'un fiato.