La Tela di Carlotta

Il semplice segreto per rendere il 2009 il migliore della tua vita

feb 5, 2009

Ero seduto qui davanti al computer, decidendo se scrivere o meno un post su come rendere il 2009 l’anno migliore della vostra vita. Molti di questi consigli li avete già letti su Zen Habits.

Ho fatto una lista di cose che ho suggerito a tutti coloro che vogliono rendere il 2009 l’anno migliore della loro vita… trovare un unico obiettivo per cambiare la loro vita, creare un mantra per quell’obiettivo per rimanere sulla via giusta, semplificare le loro vite, trovare tempo per le persone amate, imparare a vivere il presente… tutti questi sono consigli meravigliosi e potrei scriverne molti di più per tutti colore che vogliono fare cambiamenti positivi.

Ma poi ho realizzato che c’è solo un consiglio che davvero conta. Non è un tipo di consiglio che leggerete in molti libri o blog di crescita ed iniziativa personale o di produttività. Questo perché se lavoraste su questo unico consiglio, non avreste bisogno di altri. Ci manderebbe tutti in rovina.

Quindi, visto che mi piace scrivere blog e libri di crescita personale, spero che NON mettiate in pratica questo consiglio e che continuiate a leggere i miei in futuro.

Sto scherzando, ovviamente! Fatelo, mandateci tutti in rovina. Preferisco vedervi felici e soddisfatti e andare a cercarmi un altro lavoro con la certezza che ho fatto qualcosa di buono.

Allora, qual è questo unico segreto che non solo renderà il 2009 il vostro migliore anno, ma manderà in rovina tutti gli autori di libri di crescita personale? Siete sicuri che siete pronti per saperlo? Ok, siete pronti.

Eccolo: Smettete di cercare la felicità. La felicità è qui e ora.

Suona troppo semplice, ma se capite questo e lo mettete in pratica, può cambiarvi la vita. A partire da oggi. Ora.

La mia vita ad aspettare

Quando ero piccolo, non vedevo l’ora di diventare adulto. Ah, la libertà! Diventare adulto mi avrebbe dato la felicità. Non vedevo l’ora. Quando sono diventato grande, non vedevo l’ora di avere un lavoro. Quello mi avrebbe reso sicuramente felice. Non vedevo l’ora. Quando ho trovato un lavoro, non vedevo l’ora di avere un aumento. Quando ho ottenuto l’aumento, non vedevo l’ora di sposarmi. Quando mi sono sposato, non vedevo l’ora di comprare una bella macchina. Dopo la macchina, non vedevo l’ora di poter comprare casa. Quando ho comprato casa, non vedevo l’ora di… estinguere i debiti.

Potrei andare avanti all’infinito, ma ho reso l’idea. Nessuno dei miei desideri mi dava felicità, perché ero intrappolato nella modalità “voglio di più”. Quando ottenevo quello che volevo, volevo qualcos’altro. La mia felicità era sempre in sospeso, perché aspettavo di raggiungere un obiettivo. Aspettavo la felicità.

Obiettivi e desideri

Fa bene avere degli obiettivi. Io li ho – sono parte della vita e del lavoro. Ma quanto state investendo nei vostri obiettivi? Quanto della vostra felicità si basa sui vostri obiettivi? È naturale avere desideri, ma se la vostra vita è una serie di desideri, uno dopo l’altro, e tutto è basato sulla realizzazione di quei desideri, sarete sempre alla ricerca della felicità.

Invece, ricordatevi: Smette di cercare la felicità. La felicità è qui ed ora.

Potete avere obiettivi e desideri… ma non permettete che la vostra felicità dipenda da loro. Non pensate alla felicità come qualcosa che avrete quando X accadrà (qualunque cosa sia X per voi).

La vita è un viaggio - Godetevelo!

Allora, come potete avere degli obiettivi e allo stesso tempo credere che la felicità è qui ed ora? Ricordando che la cosa più importante non è la destinazione, ma il viaggio! Ricordatelo, sempre: il viaggio è la cosa più importante. Non l’obiettivo. Non la meta. Pensateci: se siete felici solo quando raggiungete un obiettivo, cos’è il tempo che spendete nel raggiungerlo? C’è molto di più nella vostra vita che aver raggiunto un obiettivo. Se siete felici solo quando arrivate alla meta, sarete infelici per la più parte del tempo della vostra vita. In più, se siete intrappolati in quello stato d’animo, quando arriverete alla meta, non sarete felici – vi dirigerete subito verso una nuova destinazione.

Invece, ricordatevi: Smette di cercare la felicità. La felicità è qui ed ora.

Come vi godete il viaggio? Apprezzando la vita nella sua interezza, nel suo splendore. Non guardando troppo al futuro, ma focalizzandovi sul presente, sul qui ed ora. Guardandovi intorno e realizzando che avete già tutto ciò che può rendervi felici.

Tutto ciò di cui avete bisogno per essere felici.

Di cosa avete bisogno per essere felici? Avete bisogno di una bella macchina, una villa e milioni di euro? Se poteste vedere realizzati tutti i vostri desideri, sareste felici? O riuscite ad essere felici anche ora, con quello che avete? Se guardate il cielo, vi rendete conto che è un miracolo? Se guardate un tramonto, una foresta, un fiore, vi rendete conto della loro meraviglia? Forse sì, se vi fermate a guardarli. E allo stesso modo potreste rendervi conto che i vostri occhi sono un miracolo, perché vi permettono di guardare tutti i miracoli intorno a voi. Se avete i vostri occhi, avete tutto ciò di cui avete bisogno per essere felici.

E se siete ciechi? Se assaggiate il cioccolato, le fragole, la cannella, le lacrime, realizzate che anche queste cose sono un miracolo? Se sentite Mozart, o John Lennon, o Jack Johnson, vi sentite felici? Allora avete tutto quello di cui avete bisogno per esserlo. Tutto ciò di cui avete bisogno è questo momento del presente: passate del tempo con chi amate, parlate con un amico, guardate un film divertente, nuotate in acqua rinfrescante, annusate il pane appena sfornato, fate una passeggiata, leggete un buon libro, fatevi le coccole in un giorno di pioggia, date e ricevete un abbraccio.

È vero – questa è l’unica cosa che dovete sapere: Smette di cercare la felicità. La felicità è qui ed ora.

Allora.. che ne è dei miei obiettivi?

Ora che avete deciso di essere felici nel presente, non rinunciate ai vostri obiettivi. Raggiungeteli, ma ricordatevi di godervi il viaggio!

  • Perdere peso: Siete felici solo se perdete peso e diventate magri e snelli? Solo se avete il corpo perfetto? Al diavolo! Fate in modo che diventi un viaggio piacevole – fare esercizio fisico può essere molto bello! Mangiare cibo sano e leggero può cambiarvi la vita se imparate ad apprezzarlo. Godetevi il viaggio verso la salute e il corpo perfetto sarà solo un effetto collaterale.
  • Essere produttivi: Volete terminare la vostra lista di cose da fare, smetter di procrastinare e sviluppare i vostri progetti, uno dopo l'altro? Bene, ma sappiate che la lista di cose da fare non finirà mai ed è normale che sia così. Quindi non raggiungerete un metà in questo modo, tutto ciò che avete è il viaggio! Imparate ad apprezzare il vostro lavoro – e vi verrà naturale essere produttivi.
  • Imparare qualcosa di nuovo. Sia che vogliate imparare il francese, a suonare la tromba, sarete felici solo quando ce l'avrete fatta? No! Imparate ad amare il processo di apprendimento. È un'esplorazione, non solo di un nuovo territorio, ma di voi stessi. È meraviglioso.
  • Semplificare. Volete eliminare il superfluo? Sarete felici solo quando avrete finito? No! Divertitevi – questo è uno dei miei passatempi preferiti. Immaginate che io sia lì con voi e vi dica "Buttalo!" con voce divertita!

Traduzione del post di Leo Babauta The Single Secret to Making 2009 Your Best Year Ever

Commenti

Baby • feb 5, 2009

Quando desideri tanto una cosa e la ottieni, questa perde di significato. Lo si impara fin da bambini, quando i genitori ti comprano la bambola che desideravi, dopo una settimana il gioco diventava noioso...L'aspettativa è più bella della cosa in sè? Forse non vale per tutto, sicuramente non vale per l'amore, a patto che questo ti sorprenda e che sia importante.
Bella questa sezione! A volte è bene ricordarsi che non bisogna essere Superman per vivere bene :)

Carlotta • feb 10, 2009

Grazie Barbara! Trovo anche io che questa sia una sezione molto carina... e tradurre tutti questi consigli di vita "zen" in un certo senso mi aiuta ad assimilarli o anche solo a ricordarmi che c'è sempre la possibilità di vedere le cose in modo positivo, anche nei giorni peggiori. Lezione che a me, tendenzialmente negativa, serve sempre e quotidianamente. :-)

Francesca • mar 7, 2009

Che bel post Carlotta! :)Ok voglio pormi l'obiettivo di mettere in pratica almeno l'80% di quello che hai scritto. Siamo già al terzo mese di questo 2009, sono ancora in tempo? ;)
Rileggendoti, mi è venuto in mente un libro che mi ha prestato Savina qualche mese fa. Definirlo stupendo è quasi riduttivo. Si chiama I quattro accordi di Don Miguel Ruiz. Mai sentito?


Bacione!
Francesca

Dimmi che cosa ne pensi

Ti è piaciuto? Sei d’accordo? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.

Corsi online

Aiuto mamme e papà ad essere genitori più consapevoli e ad affiancare la scuola (o scegliere l’homeschooling) nell’educazione dei figli.

Co-schooling: educare a casa

La scuola non basta. Siamo i primi e i migliori educatori dei nostri figli.
1
Quando siamo partiti per un'avventura di due anni intorno al mondo, non pensavamo di fare homeschooling. Pensavamo che il viaggio avrebbe insegnato abbastanza a tutti e così è stato. Ma, applicando la filosofia Montessori, ci è venuto spontaneo seguire gli interessi di Oliver ed Emily mano a mano che sorgevano: scrivere, leggere, matematica, geografia, scienze… senza rendercene conto e con pochissime risorse, abbiamo educato i nostri figli a casa. Noi genitori possiamo fare molto con molto poco per mantenere vivo il naturale desiderio di imparare dei nostri figli. Con questo corso voglio cambiare il concetto di homeschooling.

Educare a lungo termine

Filosofia Montessori, disciplina positiva ed educazione gentile: linee guida per genitori.
2
La genitorialità è più semplice quando si ha una guida da seguire. Con questo corso inizierai la tua personale trasformazione interiore per diventare un genitore che educa con rispetto (per se stesso e per i figli), imparerai a usare empatia, comprensione e pazienza nelle crisi e troverai alternative ai metodi classici dell’educazione tradizionale, come minacce, castighi e punizioni. I bambini sono il futuro del nostro pianeta e il cambiamento può solo iniziare in casa.

Il blog

Scrivo soprattutto di genitorialità consapevole, Montessori e multilinguismo. Dai un’occhiata agli ultimi post.

Mamme, papà & bimbi
Non sappiamo come fare i genitori, lo impariamo ogni giorno. Questo è il mio essere madre, le mie piccole vittorie e le amare sconfitte, le mie verità scomode e le infinite lezioni di vita Montessori. E anche tutti i prodotti per bambini e i giocattoli che amiamo di più.
Non proiettiamo le nostre insicurezze sui nostri figli
Metti in dubbio le autorità
Nella genitorialità ci va egoismo costruttivo
Un passo in più verso l'auto accettazione
E se si vuole divorziare dopo i figli?
Alex
Ci siamo dimenticati del nostro 10° anniversario di nozze!
Yoga non è solo la perfezione che vedi online
Educhiamo i nostri figli alla diversità
Appuntamenti romantici dopo i figli? Si fanno in casa!
Montessori
Un giorno, io incinta di Oliver, mio marito mi disse: "Perché non mettiamo un materasso a terra nella camera del bimbo?". "Mai e poi mai" fu la mia risposta. È proprio così, con un rifiuto, che iniziò il mio viaggio Montessori e da allora respiro, vivo e applico la filosofia in casa ogni giorno, iniziando da me. Educare i bambini inizia da noi genitori. Per questo ho creato corsi apposta per i genitori che vogliono intraprendere un'educazione alternativa.
I terribili 2 anni
Gli organi del corpo umano: attività per bambini
I bambini capiscono se spieghi con sincerità
Bambini in cucina: semplice ricetta disegnata
Burattini di verdure
Mosaico di fagioli e semi
Non sono perfetta. Sono consapevole
Carte dello yoga
Bambini al ristorante: ricalibriamo le aspettative
Non chiedere a tuo figlio di condividere i giocattoli
Vita sostenibile
Vivere in modo sostenibile per me non significa solo avere uno stile di vita più ecologico. Significa prendere decisioni sostenibili per il nostro pianeta, le persone che lo abitano, ma anche per la nostra vita, il nostro stile di vita e la nostra felicità. Significa cogliere ogni occasione quotidiana per evolvere come esseri umani, per essere più felici, più sani, più gentili, più responsabili e più premurosi — l'unico modo sostenibile per un futuro significativo.
Face yoga, lo yoga per il viso
La coppetta mestruale
Perché dovresti indossare lo stesso vestito due volte su Instagram
Il potere di creare abitudini (e perché dovresti farlo anche se poi le rompi)
Mangiare in maniera responsabile è la dieta del futuro (ti va di insegnarlo ai tuoi figli?)
Il potere di NON lamentarsi: puoi farlo per un mese intero?
Pulisci il tuo pianeta, per favore!
Infografia: 8 passi per passare ai pannolini lavabili
Una nota personale sulla felicità
Una nota personale sui social media
Prima volta su La Tela?
Ho preparato alcune collezioni di articoli che ho scritto nel corso degli anni. Magari trovi qualcosa che ti interessa.

Viaggi

Abbiamo venduto tutto per viaggiare il mondo per due anni. Ora siamo in Nuova Zelanda.

Libri

Nel 2020 ho scritto 4 libri per la collezione “Gioca e Impara con il metodo Montessori” a cura di Grazia Honegger Fresco. La collezione è un progetto del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport.

Abbiamo anche implementato con Oliver ed Emily i laboratori degli ultimi 15 volumi della collezione.

Podcast

Ti faccio compagnia per un tè o una passeggiata ogni venerdì con il mio podcast Educare con Calma.

nov 19, 2020 • 25m
Pene e vulva: normalizziamo le parole
Con questo episodio inizio una serie di conversazioni a tema sessuale, perché credo che in Italia se ne debba parlare di più, soprattutto tra famiglie con bambini. L'educazione sessuale è un aspetto importante dell'educazione dei bambini e deve iniziare da piccoli. Un ottimo primo passo è proprio quello di normalizzare parole "imbarazzanti" come pene e vulva e sostituirle alle più comuni pisellino e patatina. Nell'episodio dico che non avevo trovato la storia originale in spagnolo della "gall...
16
nov 13, 2020 • 13m
"Non sono cresciuto Montessori e sono venuto su bene lo stesso!"
In questo breve episodio rifletto su una frase che ho sentito/mi è stata detta spesso per difendere l'educazione tradizionale (da genitori che crescono i propri figli con metodi più tradizionali come le minacce, i castighi, le punizioni ecc). Ti suggerisco anche come risponderei io. La citazione che menziono nell'episodio è una frase che disse la madre di Jane Goodall, antropologa inglese che ha dedicato la sua vita allo studio degli scimpanzé: "Se le persone non sono d’accordo con te, la cos...
15
nov 6, 2020 • 16m
La rabbia, le urla dei genitori e una storia tibetana
In questo episodio sono stata ispirata da una storia tibetana a parlare di rabbia e del perché urliamo quando siamo arrabbiati. Riconoscere i perché e analizzare le mie reazioni quando urlo è stato per me il primo passo per imparare a gestire la rabbia. Nell'episodio menziono questo articolo: Spiegare come funziona il cervello aiuta i bambini a controllare le loro emozioni. Mi trovi anche su www.lateladicarlotta.com e su Facebook e Instagram come @lateladicarlottablog.
14

Instagram

Aggiorno instagram quasi ogni giorno per stare “vicina” alla mia famiglia lontana.

Perché la Tela di Carlotta?
La Tela di Carlotta l’ho sognato. Una mattina mi sono svegliata e nei miei sogni avevo creato un blog chiamato proprio come il romanzo. E niente, l’ho fatto! Molti anni e infiniti alti e bassi dopo, questa ragnatela di pensieri e storie è il mio lavoro. Ci ho messo molto tempo a capire che tipo di presenza online volevo essere e oggi lo so: sono trasparente, mostro vita vera, non pubblicizzo, consiglio solo marchi sostenibili (e non perché mi pagano) e credo nel valore del mio blog e dei miei corsi — perché se non crediamo noi nel valore del nostro lavoro, nessuno ci crederà per noi.
Carlotta
Carlotta dreaming of La Tela
Lo so! Anche io sono triste che sia già finito!